Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Ayreon
Electric Castle Live and Other Tales
Demo

Morningviews
You Are Not the Places You Live In
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

27/05/20
HELIKON
Myth & Legend

29/05/20
DEF LEPPARD
London to Vegas

29/05/20
XIBALBA
Anos En Infierno

29/05/20
SORCERER
Lamenting Of The Innocent

29/05/20
PARALYSIS
Mob Justice

29/05/20
OUR POND
Paraphernalia

29/05/20
BEHEMOTH
A Forest (EP)

29/05/20
MORBID ANGELS
Altars of Madness – Ultimate Edition

29/05/20
VIOLENT HAMMER
Riders of the Wasteland

29/05/20
GRAVE DIGGER
Fields Of Blood

CONCERTI

29/05/20
RAIN + GUESTS (ANNULLATO)
BLACK DEVILS SPRING PARTY - S. GIOVANNI IN PERSICETO (BO)

29/05/20
NECRODEATH (ANNULLATO)
LEGEND CLUB - MILANO

30/05/20
MARK LANEGAN BAND (ANNULLATO)
TEATRO MANZONI - BOLOGNA

09/06/20
PERIPHERY (ANNULLATO)
ORION - CIAMPINO (ROMA)

10/06/20
IN.FEST
CIRCOLO MAGNOLIA - MILANO

12/06/20
SYSTEM OF A DOWN + KORN + GUESTS TBA (SOSPESO)
I-DAYS - AREA EXPO - MILANO

12/06/20
GUNS N` ROSES + GUESTS TBA (ANNULLATO)
FIRENZE ROCKS - VISARNO ARENA (FIRENZE)

13/06/20
AEROSMITH + GUESTS (SOSPESO)
I-DAYS - AREA EXPO - MILANO

16/06/20
STEEL PANTHER + THE WILD (SOSPESO)
ALCATRAZ - MILANO

16/06/20
DEATHLESS LEGACY
CRAZY BULL - GENOVA

Leiden - Dualité
( 2006 letture )
Non conoscevo i francesi Leiden fino all’uscita di questo “Dualité”, loro secondo album. La band è di recente formazione: la prima registrazione ufficiale è un EP del 2001 distribuito solo in Francia.
Dobbiamo aspettare il 2003 per il primo album con distribuzione europea e il 2005 per il secondo lavoro. I Leiden suonano gothic metal che io definisco della “seconda generazione”, cioè fanno parte di quei gruppi che hanno contaminato il proprio sound con partiture tipiche del nu metal, vedi ad esempio il riffing chitarristico e la completa assenza di assoli.
Il paragone più diretto nel loro caso è con gli ultimissimi Lacuna Coil ma si scorgono anche echi dei Korn e dei Pantera (il riff di “Beware”), mentre i punti di contatto con la vecchia scuola gothic sono la gutturale voce maschile e l’utilizzo frenetico della doppia cassa. Anche i Leiden sono tra quelli che utilizzano le doppie vocals maschili/femminili: la voce della cantante Berangere è particolarmente versatile, lo dimostrano l’alternanza del cantato in inglese e nella propria lingua madre, nonché canzoni come “Beware” in cui si destreggia egregiamente anche con l’italiano e il refrain “liturgico” di “Sacrifice”.
Ma è in “Chimera” che Berangere raggiungi i picchi più alti di interpretazione, un brano in cui viene accompagnata dal solo piano e dove fa capolino una voce dolce e malinconica al tempo stesso.
“Une autre vie” invece si aggiudica il titolo di migliore traccia dell’album: la band accantona le partiture aggressive e tipicamente metal, le chitarre assumono un andamento ipnotico e le vocals sono recitate e parlate al posto di un cantato vero e proprio. Inoltre le liriche sono interamente in francese, lingua che dona al brano un andamento romantico ma dall’incidere oscuro…sembra quasi che Berangere evochi fantasmi del passato o paure inconsce e che voglia abbandonarsi a loro…
Sicuramente “Une autre vie” rappresenta un brano originale, spoglio da tutti i canoni che un genere impone; peccato che i Leiden non abbiamo intrapreso la stessa strada o comunque cercato una via più personale nelle restanti nove tracce, se escludiamo l’ altrettanto bella song “Chimera”. Alla fine il lavoro è piacevole, le liriche non sono proprio originali ma comunque restano in tema con l’attitudine del gruppo.
Il problema è che quando il gruppo “spinge” sulle partiture metal sa di già sentito ed è un peccato perché invece di cercare di far emergere le proprie qualità si cerca di gettarsi nel mare torbido del gothic in cui oggi è molto difficile emergere, soprattutto quando suoni simile a tantissimi altri gruppi. “Dualité” risulterà godibile ai primi ascolti, ma finirà presto per diventare “un cd dei tanti” e basta.

Contatti
www.leiden-music.com



VOTO RECENSORE
s.v.
VOTO LETTORI
22.96 su 27 voti [ VOTA]
INFORMAZIONI
2005
Jerkov Musiques
Gothic
Tracklist
1.Another skin
2.Sense of love
3.Crazy
4.Beware
5.Sacrifice
6.Chimera
7.Une autre vie
8.Psyché
9.Toi ?
10.Dualité
11.Im jenseits
Line Up
Ludo - guitar
Shadow - bass
Bérangère - vocal
Matt – drums & piano
Wil – vocal & guitar
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]