Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Mayhem
Daemon
Demo

Pinewalker
Migration
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

14/11/19
GREAT MASTER
Skull and Bones ľ Tales from Over the Seas

14/11/19
GREAT MASTER
Skull And Bones - Tales From Over The Sea

15/11/19
THE DEATHTRIP
Demon Sola Totem

15/11/19
TULUS
Evil 1999

15/11/19
LIONHEART
Valley of Death

15/11/19
DIE KRUPPS
Vision 2020 Vision

15/11/19
DESPISED ICON
Purgatory

15/11/19
RAGNAROK
Non Debellicata

15/11/19
RAGNAROK
Non Debellicata

15/11/19
NECROPANTHER
The Doomed City

CONCERTI

12/11/19
GAAHLS WYRD + GUESTS
MAGAZZINI GENERALI - MILANO

12/11/19
DAVID ELLEFSON
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

12/11/19
MAYHEM + GAAHLS WYRD + GOST
MAGAZZINI GENERALI - MILANO

13/11/19
IMMOLATION + RAGNAROK + MONUMENT OF MISANTHROPY + EMBRYO
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

13/11/19
DAVID ELLEFSON
SUPERNOVA - TUORO SUL TRASIMENO (PG)

14/11/19
IMMOLATION + RAGNAROK + MONUMENT OF MISANTHROPY + EMBRYO
TRAFFIC LIVE - ROMA

14/11/19
PROFANATICA + DEMONOMANCY
CENTRALE ROCK PUB - COMO

14/11/19
DAVID ELLEFSON
LET IT BEER - ROMA

15/11/19
CLAUDIO SIMONETTI`S GOBLIN
LEGEND CLUB - MILANO

15/11/19
RIVAL SONS + GUEST TBA
LIVE CLUB - TREZZO SULL'ADDA (MI)

Overkill - The Killing Kind
( 4378 letture )
Dopo l'abbandono nel 1995 dei chitarristi Rob Cannavino e Merritt Gant gli Overkill reclutano tra le proprie fila Joe Comeau -ex Liege Lord e futuro Annihilator- e Sebastian Marino (giÓ membro degli Anvil); partendo da questa nuova line up la band registra l'anno seguente The Killing Kind, il miglior disco tra quelli appartenenti all'era "groove" e il primo dopo la separazione dalla major Atlantic Records.

Molti i punti di forza del platter, dal buonissimo lavoro delle "nuove chitarre" (come in Cold, Hard Fact tanto per fare un esempio) ai chorus accattivanti, pi¨ incisivi e maggiormente in evidenza rispetto al passato (e per questa novitÓ va dato merito ai trascorsi da singer di Comeau): ascoltare l'epica intro di The Cleansing e il suo finale a pi¨ voci per credere. Da parte sua Blitz al solito corrode i timpani dell'ascoltatore con la caratteristica voce acida e velenosa, andando per˛ anche a cercare influenze diverse dai suoi soliti standard per meglio rimarcare il nuovo stile musicale della "sua creatura". Gli elementi moderni tipici del periodo 90's sono qui ben presenti, insieme al tradizionale thrash troviamo infatti venature a tinte groove, hardcore e crossover, oltre ad altre novitÓ quali l'utilizzo di back up vocal e audio sample (come ad esempio alcuni estratti dal film Batman Returns presenti nell'opener del disco). I riff sparsi nei vari brani sono magistrali ed efficaci, il sound -tipico del periodo- Ŕ come accennato sul grooveggiante e cadenzato (vedasi Bold Face Pagan Stomp) ma non si disdegna di intraprendere altre soluzioni come nella variegata Burn You Down/To Ashes, la quale presenta un inizio dal retrogusto doomy -che non guasta mai- e un duello d'asce sul finale da parte delle new entry davvero avvincente; sicuramente uno dei picchi di The Killing Kind che riporta alla mente i primi Black Sabbath. Cosa ancor pi¨ evidente nella strumentale Feeding Frenzy, il cui giro di basso distorto ricorda molto N.I.B.: qui D.D.Verni sembra voler rendere omaggio al famoso riff del maestro Geezer Butler, sbizzarrendosi poi nel prosieguo del brano. Il trittico iniziale composto da Battle, God-Like e Certifiable non lascia scampo all'ascoltatore con la sua rabbia -pura cattiveria al 100% e headbanging assicurato- mentre in Let Me Shut That for You tale furia Ŕ interrotta da un intermezzo melodico -che ha un non so che di ipnotico- e un breve assolo di chitarra a seguire, per poi tornare ai livelli precedenti.
Ci sono anche episodi meno felici: un inusuale piano accompagnato da un raccapricciante synth (?!) apre The Mourning After/Private Bleeding, probabilmente una delle ballad pi¨ deboli di Ellsworth & Co., la quale non raggiunge appieno lo scopo che evidentemente gli Overkill si erano posti in sede di composizione.
L'edizione limitata per il mercato europeo contiene due cover, Cornucopia dei giÓ citati Sabs e Tyrant dei Judas Priest, oltre a un pezzo risalente alle sessions di Horrorscope intitolato Killogy.

L'album fece molto discutere, dividendo i fan in due fazioni dalle opposte vedute in merito: i pi¨ oltranzisti si sentirono traditi dal radicale cambiamento di sound del combo proveniente dal New Jersey, mentre altri gridarono addirittura al capolavoro foriero di novitÓ, una vera e propria ventata di freschezza nella carriera della band; probabilmente, come quasi sempre in questi casi, la veritÓ sta nel mezzo ma sicuramente possiamo affermare che The Killing Kind Ŕ invecchiato bene, dimostrandosi un lavoro pi¨ che valido e non sfigurando affatto nella discografia dei gloriosi Overkill.



VOTO RECENSORE
77
VOTO LETTORI
77.61 su 13 voti [ VOTA]
David D.
Martedý 15 Ottobre 2019, 22.56.43
11
Album tremendamente bello e sottovalutato come pochi. In molti si fermano ad Horrorscope per poi riprendere con Irobound, saltando tutta la parentesi anni 90' degli Overkill che per me merita molto. In questo disco per me Certifiable, God-Like , e Let Me Shut That For You non hanno assolutamente niente da invidiare ai pezzi pi¨ blasonati del gruppo. Voto 83.
nonchalance
Venerdý 10 Febbraio 2017, 22.16.37
10
Il primo album degli Overkill che comprai "in diretta"..e, che avevo rimosso dai miei ascolti cardine una volta che realizzai che: il meglio lo avevano giÓ dato con i primi quattro! Eppure, a ri-ascoltarlo ora, la cattiveria (credibile, stavolta..) Ŕ ancora insita in questo platter che vive di luce propria. Forse, 'proprio' grazie alla spontaneitÓ ritrovata dalla band in quel momento e, alla voglia di riscatto per esser stati scaricati dalla major di turno che tanto li aveva "coccolati". La prima parte scorre via come niente: non c'Ŕ un pezzo brutto nemmeno a volerlo screditare apposta (chi ha detto "Certifiable"?). Forse, nella seconda perde un p˛ di immediatezza..rallentata com'Ŕ dal classico tributo ai Black Sabbath del nostro D.D. (che je v˛lemo dý?)! Il fatto Ŕ che, ci guadagna 'alla grande' in personalitÓ! Questo, probabilmente, Ŕ dovuto all'innesto delle due nuove asce che, pur non essendo degli assi della sei corde, almeno, a differenza dei precedenti due, si distinguono dal marasma del periodo..pur non facendo faville! In definitiva: un signor-disco. Di quelli che non si vedono pi¨ in giro perchÚ, ormai, bisogna rifarsi alle proprie radici "culturali"..
Painkiller
Venerdý 22 Gennaio 2016, 22.38.24
9
Spesso leggo di quanto gli Overkill siano rimasti fedeli a sÚ stessi, del fatto che abbiano cambiato poco etc....eppure leggendo le recensioni ed i commenti agli album degli ani '90 Ŕ evidente come questa band sia riuscita a creare album tanto diversi l'uno dall'altro (horrorscope, w.f.o., I hear black, the Killing kind, from the underground and below, necroshine) ma in ogni caso senza snaturarsi. Sinceramente trovo che siano spesso sottovalutati, che quel 65 ad Ironbound gridi vendetta, e che siano in grado come nessun'altra band thrash nata negli anni '80 di tenere il palco senza un cedimento, nemmeno lieve. Chi li vede una volta, poi inevitabilmente deve ammettere che sono dei rulli compressori, e che Bobby sia di gran lunga quello che Ŕ invecchiato meglio. Poi ognuno ha i suoi gusti, io ad esempio adoro the Killing kind, mentre ritengo w.f.o. e I hear black i pi¨ deboli della loro carriera, anche se tonfi veri e propri, al contrario degli altri, non ne hanno mai avuti. Da vedere assolutamente dal vivo almeno una volta
Rocky
Domenica 7 Settembre 2014, 12.28.51
8
Purtroppo quest'album mi stanca presto... Apprezzo la volonta di Blitz e soci di rinnovarsi, ma proprio non ci siamo. W.F.O Ŕ di tutt'altra caratura. voto=5/10
Elluis
Venerdý 14 Marzo 2014, 16.28.32
7
Non ascolto questo disco da tempo immemore, leggendo la recensione l'ho rimesso nel lettore dopo non so pi¨ quanti anni........ Fa piacere ogni tanto riscoprire i vecchi album che si possiedono: tra l'altro il cd in mio possesso Ŕ un'edizione limitata con 3 bonus track, che comprende la cover di Tyrant dei Judas, un pezzo inedito e un ultimo pezzo presente solo nell'edizione giapponese.
AL
Martedý 11 Marzo 2014, 15.38.17
6
bell'album veramente! concordo su quanto scritto da Matocc. God-Like la mia preferita e una delle pi¨ belle nella carriera degli Overkill. mi ricordo che li vidi a Livorno durante le ferie nel 97 per la prima volta e mi ero comprato il cd poco prima del concerto.. grandi Overkill !
S.V.
Domenica 9 Marzo 2014, 12.10.47
5
Ottimo album, me lo ricordo perfettamente quando uscý. L'ho ascoltato moltissimo ed Ŕ pieno di ottime canzoni oltre che di una produzione super! Il voto Ŕ calzante, forse arriva a un 80/100 pieno!
Masterburner
Domenica 9 Marzo 2014, 0.35.20
4
Gran disco, spendo una parola in pi¨ per The Mourning After che secondo me Ŕ un gran pezzo. Un periodo in cui gli Overkill cercavano di reinventarsi senza pisciare fuori dal vaso. Ricordo di averli visti in questo tour in un vecchio cinema in provincia di Brescia!
CYNIC
Sabato 8 Marzo 2014, 13.52.25
3
The Killing Kind'' mio voto personale ╚ 90 su 100. Uno dei miei album preferiti
Galilee
Sabato 8 Marzo 2014, 13.31.27
2
Buon disco, ma non Ŕ tra i miei preferiti della band. Rileggendo la recensione viene voglia di riascoltarlo.
Master Killer
Sabato 8 Marzo 2014, 12.56.29
1
ha qualcosa di straordinario (vero e veritÓ che tutti i lavori degli overkill mi piacciono tranne alcune traccie di Killbox 13 e Immortalis) ma in questo lavoro valido sia grazie alla collaborazione di Joe Comeau (che ritengo oltre un grande chitarrista anche un grande cantante vedesi carnival diablos o waking the fury dei Annihilator) Battle rimane per me il milgiore di questo album, ma anche GodLike e Bold Face Pagan Stomp che sopratutto nell'ultimo ripropongono qualcosa di azzardato, per˛ Ŕ sempre un buon album, anzi un album validissimo le altre traccie invece sono tutte sul 7/8 e questo lavoro vale oro al giorno d'oggi: 85/100
INFORMAZIONI
1996
Concrete
Thrash
Tracklist
1. Battle
2. God-Like
3. Certifiable
4. Burn You Down/To Ashes
5. Let Me Shut That for You
6. Bold Face Pagan Stomp
7. Feeding Frenzy
8. The Cleansing
9. The Mourning After/Private Bleeding
10. Cold, Hard Fact
Line Up
Bobby "Blitz" Ellsworth (Voce)
Joe Comeau (Chitarra, Voce)
Sebastian Marino (Chitarra)
D.D.Verni (Basso, Cori)
Tim Mallare (Batteria)

Musicista Ospite
Angelo Natalie (Tastiera su traccia 9)
 
RECENSIONI
84
72
80
65
68
76
79
77
79
75
90
80
88
90
90
ARTICOLI
16/03/2019
Live Report
OVERKILL + DESTRUCTION + FLOTSAM AND JETSAM + CHRONOSPHERE - KILLFEST TOUR 2019
Phenomenon, Fontaneto D'Agogna (NO), 09/03/2019
16/01/2017
Intervista
OVERKILL
Grazie mille, Italia!
27/10/2012
Articolo
TESTAMENT VS OVERKILL
A colpi di Thrash!!!
06/11/2011
Articolo
OVERKILL
La biografia
13/03/2011
Live Report
OVERKILL + DESTRUCTION + HEATHEN + AFTER ALLá- KILLFEST TOUR 2011
Live Club, Trezzo Sull'Adda (MI), 09/03/2011
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]