Privacy Policy
 
IMMAGINI
Clicca per ingrandire
Celtic Frost
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

14/12/17
HAMKA
Multiversal

15/12/17
AVENGED SEVENFOLD
The Stage - deluxe edition

15/12/17
DIRGE
Alma | Baltica

15/12/17
OBSCURE BURIAL
Obscure Burial

15/12/17
AERODYNE
Breaking Free

15/12/17
NEIGE MORTE
Trinnt

15/12/17
ASKING ALEXANDRIA
Asking Alexandria

15/12/17
MATERDEA
A Rose for Egeria - Deluxe Edition

15/12/17
MISTHERIA
Gemini

15/12/17
DSEASE
Rotten Dreams

CONCERTI

12/12/17
NORTHLANE + ERRA + INVENT ANIMATE + OCEAN GROVE
LEGEND CLUB - MILANO

12/12/17
MICHAEL ANGELO BATIO & BLACK HORNETS
POCOLOCO - PAGANICA (AQ)

12/12/17
INGLORIOUS + DOBERMANN
SALUMERIA DELLA MUSICA - MILANO

14/12/17
GENUS ORDINIS DEI + GIGANTOMACHIA
TRAFFIC CLUB - ROMA

15/12/17
MOLLY HATCHET
BLOOM - MEZZAGO (MB)

15/12/17
SPEED STROKE + GUESTS
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

15/12/17
ELVENKING + ANCESTRAL
CIRCOLO COLONY - BRESCIA

15/12/17
IFMT WINTER FEST (day 1)
CENTRO GIOVANILE CA VAINA - IMOLA

16/12/17
JOHN DALLAS + GUESTS
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

16/12/17
CADAVERIA + GUESTS
CRASH - POZZUOLI (NA)

Celtic Frost - Vanity / Nemesis
( 4257 letture )
Dopo Cold Lake, controverso album del 1988 lungamente discusso e spesso contestato da una nutrita parte degli ascoltatori, i Celtic Frost tornano a far parlare di sé con Vanity/Nemesis, capace senza dubbio di riallinearsi, con ancor maggior forza che in passato, all’alto livello qualitativo da sempre marchio di fabbrica di Tom Warrior e soci. Infatti, dopo l’alterno successo di alcune “fiacche” tracce di Cold Lake, la band svizzera decide di riportare nuovamente in auge la propria energia, brio e groove, dando vita ad una release al passo con i tempi.

Tale scelta risulta intelligente e convincente fin dall’opening The Heart Beneath, dove il già citato Tom Warrior ritorna a dare un’ottima prova delle proprie capacità e dei propri vocals, con una prestazione adeguata all’importanza e al calibro dell’album, con toni volutamente rochi e tipicamente thrash metal, che brillantemente vanno di pari passo con le ritmiche, nuovamente aggressive, rapide e pungenti. Ma a fare decisamente la differenza tra lo scialbo (o incompreso?) Cold Lake e il fresco Vanity/Nemesis sono senz’altro le chitarre: pressanti, frizzanti, taglienti, risultano in breve uno degli elementi principali della produzione, sia nei passaggi più lenti, emozionali, atmosferici (su tutti, nella parte centrale di Vanity e nell’intro della successiva dell’altra titletrack, Nemesis, dove sono libere padrone della scena), che in quelli più incalzanti, come in Phallic Tantrum. Ad rendere ancora più interessante la performance di Curt Victor Bryant (e di Ron Marks, nel ruolo session man) all’interno dei quali fa la sua comparsa anche un calibrato mid tempo (The Restless Seas), che ben si inserisce all’interno di un full-length che si mantiene energetico e trascinante per la sua intera durata, riportando gli ascoltatori più nostalgici ai fasti dei migliori anni Ottanta. Il drumming di Steve Priesly, pur rimanendo in buona parte in secondo piano, non fa che contribuire con la propria marzialità alla buona riuscita della release, diventando particolarmente (e finalmente!) godibile in brani come Wine in My Hand (Third From the Sun).

Efficace risulta infine anche la scelta di inserire nell’album due cover, This Island Earth, tratta dall’album The Bride Stripped Bare di Bryan Ferry (1978) e la certamente più nota Heroes (1977) di David Bowie, come a voler dimostrare che la profonda anima glam dei Celtic Frost, seppur messa da parte in seguito alle tante sperimentazioni che hanno tradizionalmente segnato la discografia del combo elvetico, non è affatto morta.

Tirando le somme dei cinquanta minuti di Vanity/Nemesis, i Celtic Frost dimostrano di sapersi reinventare con efficacia, ragionando sulle proprie scelte (e, perché no, chiamiamoli con il vero nome, errori) e rialzarsi, portando sulle scene un album studiato e concreto, che riporta la band molto più vicina che nel 1988 ai fasti dei classici, miliari ed intramontabili Into the Pandemonium e To Mega Therion, anche se il futuro della band li porterà a decidere di concludere (perlomeno temporaneamente) la propria carriera in studio qui. Da conoscere e apprezzare.



VOTO RECENSORE
80
VOTO LETTORI
81.13 su 15 voti [ VOTA]
lisablack
Sabato 1 Ottobre 2016, 18.23.29
22
Grande album pure questo..certo i primi 3 sono da urlo! A tal proposito, quando recensite Into the Pandemonium? Così do' subito 100 senza nemmeno pensarci..dai recensori, quell'album è STORIA.
hermann 60
Sabato 11 Giugno 2016, 16.34.44
21
eno male mi conforti, pensavo di non capire un cazzo, e che l'amore sviscerato per questo gruppo mi condizionasse .
rik bay area thrash
Mercoledì 1 Giugno 2016, 18.58.04
20
HERMANN 60 : cold lake venne presentato nelle recensioni sulle riviste italiane dell ' epoca come un incrocio glam/thrash. Diciamo che di glam non c'è praticamente nulla. Per me è un buon album di thrash forse meno violento, se mi lasciate passare il termine, del loro standard abituale. A me personalmente piace e anche molto. Per quanto concerne invece questo c'è un ritorno alle sonorità thrash tipicamente frost. Ricordo comunque recensioni poco lusinghiere anche per questo vinile e vabbé ....
HERMANN 60
Mercoledì 1 Giugno 2016, 18.05.28
19
tutti hanno criticato sia cold lake che questo disco, il primo nion lo conosco ma questo è senza dubbio all'altezza del resto della produzione dei Frost. Forse i critici vogliono album fotocopia per dire che sono tutti belli ?
CYNIC
Mercoledì 16 Aprile 2014, 22.28.59
18
anche per me cold lake è un grandissimo album.
Galilee
Mercoledì 16 Aprile 2014, 21.21.54
17
Ma difatti l'unica cosa glam, il mio genere preferito tra l'altro, che ha cold lake è la foto del gruppo. Musicalmente parlando è un Thrash abbastanza soft che anticipa l'ondata che arriverà nei primi anni 90 con il Black album dei Metallica. Il problema è che si è costruito questa fama, ma da conoscitore del genere posso dire che glam in cold lake non c'è neanche l'ombra. Anzi al massimo è intriso di sonorità new wave già anticipate da song quali i won't dance.
gianmarco
Martedì 15 Aprile 2014, 13.37.43
16
anche a me Galilee Cold Lake piace , non ai livelli dei primi 4 (Morbid Tales, Emperor's Return , To Mega Therion e Into The Pandemonium) , ma neanche quell'aborto che si vuol far credere ascoltato sul tubo , l'ho trovato un onesto disco di transizione e non un goffo tentativo di seguire il Glam- Hard Glam dell'epoca.
hulk
Lunedì 14 Aprile 2014, 23.36.54
15
Questo album non è un capolavoro,ma un buon disco si ,devo dire che ho fatto fatica ad assimilarlo però dopo un bel po di ascolti è riuscito poi a fare breccia,disco con una discreta identità e dalla personalità oscura che si riscontra nella sua atmosfera dark metal moderna addirittura gotica nella bella traccia Wing of Solitude,per il resto l'all'bum si fa interessante per l'atmosfera fredda,cinica e tagliente che riesce a creare e trasmettere,insomma la musica torna ad essre più dura,e i riff di chitarra ritornano sostanziosi e dinamici.Le mie preferite sono Wings of Solitude per il duetto voce roca e voce femminile ,The Restless Seas dalla line vocale melodica e orecchiabile e Nemesis con bell'arpeggio e assolo di chitarra con un riffing distorto dal sapore "Metallica".Penso che 80 lo meriti tutto.
warrior63
Lunedì 14 Aprile 2014, 21.33.58
14
Galilee non sei solo...)
Diego
Lunedì 14 Aprile 2014, 15.04.17
13
Nella mia edizione (la prima) in CD non c'è Heroes... personale giudizio: discone! Come avevo scritto in altri post, i capolavori sono TMT e ITP, ma questo è il disco dei CF che ho ascoltato di più...
Painkiller
Lunedì 14 Aprile 2014, 12.46.50
12
Gran bel disco, non un capolavoro ma un 70/80 glie lo darei. A distanza di anni vorrei ancora ascoltarlo ma ahimè la cassetta si è rotta tempo fa ed il cd è tutto fuorchè facile da trovare. Third of the sun una vera mazzata. Voce malatissima, da avere.
Galilee
Lunedì 14 Aprile 2014, 0.49.04
11
Solo a me credo piaccia anche cold lake, che di orrendo secondo me ha solo la foto glam del gruppo in retro copertina. Comunque questo è un gran bel disco molto sottovalutato. 80/100
Masterburner
Domenica 13 Aprile 2014, 22.09.44
10
Album non leggendario ma dal fascino sottile e trasversale.
Hellion
Domenica 13 Aprile 2014, 14.00.50
9
Discone!!!!!
Reyals
Domenica 13 Aprile 2014, 11.19.19
8
Ottima rcensione. Mi ci ritrovo appieno. Ricordo che per acquistare il cd ho avuto parecchi problemi fin quando lo trovai... al Tower di Pccadilly Circus Voto 85!
GioMasteR
Sabato 12 Aprile 2014, 15.19.07
7
@gianmarco: abbi fede e un po' alla volta arriveranno anche quelli
gianmarco
Sabato 12 Aprile 2014, 15.03.23
6
morbid tales, into the pandemonium ed emperor's return verran recensiti ?
herr julius
Sabato 12 Aprile 2014, 14.13.49
5
disco nè carne nè pesce per una band all'epoca molto confusa. Comunque pezzi buoni e accattivanti, ma niente di trascendentale rispetto all'altissima qualità della band.
Resurrection
Sabato 12 Aprile 2014, 13.34.07
4
A parte qualche pezzo non mi è mai piaciuto. Meglio di Cold Lake (non che ci volesse molto) ma insomma...
Edoom
Sabato 12 Aprile 2014, 13.02.46
3
A breve mi toccherà recensire (ovviamente non qua sopra) "Melana Chasmata" e avevo intenzione di riascoltarmi vari lavori anche dei Celtic Frost tra i quali risultava pure questo. Per quanto mi riguarda considero "Cold Lake" una schifezza. È indubbio che il glam (così come anche la new wave, per esempio) è sempre stato tra le influenze dei Celtic Frost - almeno dei primi. Ma non ci si può aspettare che dopo la freschezza e la particolarità di "To Mega Therion" e l'innovazione e la provocazione di "Into the Pandemonium" si rimanga soddisfatti da una ciofeca come "Cold Lake". A quanto pare qualcuno c'ha voluto vedere anche un intento parodico, ma, per come vedo io la musica, non apprezzo assolutamente queste istanze comiche - l'unico che non me le fa pesare è Devin Townsend, e non ci riesce neanche sempre. Quindi mi viene da considerare "Vanity/Nemesis" come un parziale ritorno alla genialità, all'originalità e alla voglia di sperimentazione dei Celtic Frost. In conclusione penso gli darei 75 ma per ora aspetto a votare.
warrior63
Sabato 12 Aprile 2014, 12.40.49
2
siiiiiiiiiiiiii!!! finalmente si rivaluta un album che ai tempi fu preso a carciofate...e che non lo meritava! sono passati più di 20 anni.. ma giustizia è fatta!! grazie Elena ! parere personale. Cold Lake non era scialbo,ma diverso...e spiazzante come tutto quello uscito dal Genio di Tom. G. Fisher.
CYNIC
Sabato 12 Aprile 2014, 11.53.06
1
Un grandissimo disco Thrash, heavy metal . Spiccano brani quali Wine in My Hand (Third From the Sun) - . ''Wings of Solitude MERAVIGLIOSA È L'UNICO AGGETTIVO'' - . The Name of My Bride .Ma tutte le songs sono dei veri Capolavori, ne cito altre, The Restless Seas - A Kiss or a Whisper. Ron Marks, chitarrista aggiunge un tocco di classe all'album. La produzione è superlativa. "FANTASTICA"! la copertina, VOTO: 97/100.
INFORMAZIONI
1990
Noise Records
Thrash/Black
Tracklist
1. The Heart Beneath
2. Wine in My Hand (Third From the Sun)
3. Wings of Solitude
4. The Name of My Bride
5. This Island Earth
6. The Restless Seas
7. Phallic Tantrum
8. A Kiss or a Whisper
9. Vanity
10. Nemesis
11. Heroes
Line Up
Tom G. Warrior (Voce, chitarra)
Curt Victor Bryant (Chitarra, basso)
Ron Marks (Chitarra)
Martin E. Ain (Basso aggiuntivo, backing vocals)
Steve Priestly (Batteria)
 
RECENSIONI
80
97
89
95
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]