Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Premiata Forneria Marconi
Emotional Tattoos
Demo

Cortex Complex
Memoirs of an Apocalypse
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

24/11/17
ALMANAC
Kingslayer

24/11/17
AETHERIAN
The Untamed Wilderness

24/11/17
DEEP AS OCEAN
Lost Hopes | Broken Mirrors

24/11/17
STRAY TRAIN
Blues From Hell

24/11/17
WILDNESS
Wildness

24/11/17
LOCH VOSTOK
Strife

24/11/17
TAAKE
Kong Vinter

24/11/17
HOUSTON
III

24/11/17
STARBLIND
Never Seen Again

24/11/17
SCORPIONS
Born To Touch Your Feelings

CONCERTI

24/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
ALMAGIA' TRANSMISSIONS FESTIVAL - RAVENNA

24/11/17
DESPITE EXILE
VECCHIA SCUOLA PUB - PALAZZOLO (BS)

24/11/17
BLACK STAR RIDERS ----> ANNULLATO!
CIRCOLO COLONY - BRESCIA

24/11/17
6TH COUNTED MURDER + KALIAGE
THE ONE - CASSANO D'ADDA (MI)

24/11/17
UFOMAMMUT + GUESTS
EREMO CLUB - MOLFETTA (BA)

24/11/17
INDACO + MOUNTAINS OF THE SUN
COMUNITA' GIOVANILE - BUSTO ARSIZIO (VA)

24/11/17
SHAMELESS + TUFF
DEDOLOR - ROVELLASCA (CO)

25/11/17
THE MODERN AGE SLAVERY + DESPITE EXILE + AMBER TOWN
LA TENDA - MODENA

25/11/17
COUNCIL OF RATS + NIDO DI VESPE + MALLOY
CASEIFICIO LA ROSA - POVIGLIO (RE)

25/11/17
PROSPECTIVE + UNDERTHEBED + OBSCURAE DIMENSION
CENTRO GIOVANILE CA' VAINA - IMOLA

Lost Society - Terror Hungry
( 1444 letture )
Nessun significativo passo avanti per i giovanissimi finlandesi Lost Society rispetto al debut-album Fast Loud Dead, uscito soltanto un anno fa. Il sound dei baby scandinavi resta piuttosto piatto, privo di personalità e carente sotto il piano della varietà, tanto che viene da chiedersi il motivo per cui la Nuclear Blast abbia puntato così tanto su di loro. Se l'esordio aveva strappato una lauta sufficienza anche grazie ad alcune considerazioni relative all'età ancora giovane dei quattro, il nuovo Terror Hungry non riesce a bissare tale impresa: esso si rivela un mattone quasi indigeribile, come fosse un'unica lunghissima canzone di quarantanove minuti tutti identici o quasi, tiratissima e priva di momenti elettrizzanti. Davvero troppo, forse, anche per l'appassionato più intransigente e conservatore.

La voce è aspra ma monocorde e spoglia di ogni sorta di inflessione o abbozzo di refrain, i riff a rincorsa sono velenosi ma organizzati in brani troppo statici e simili; cori, assoli al fulmicotone e ritmiche brucianti rievocano un clima da Bay Area, ma con un'insistenza a dir poco irritante. Non c'è un'unica nota, nel disco, nella quale si colga un minimo tentativo di suonare qualcosa di 'proprio', che si discosti dall'emulazione pedissequa di una canzone scritta trent'anni fa da decine di altre band. Siamo al cospetto di una fotocopia in bianco e nero, né più né meno: di dischi simili ne esistono a centinaia e i Nostri dovrebbero darci veramente dentro per creare qualcosa di più incisivo, che si imprima in testa o valga quantomeno il prezzo d'acquisto. Pochissimi appunti da segnalare scorrendo la tracklist: Attaxic ha un discreto feeling in avvio e poi esibisce una furia devastante, la title-track è l'unico pezzo meno forsennato e più groovy ma comunque non sembra essere granché; Tyrant Takeover è passabile grazie alle sue convulse e continue scariche solsite, oltre che per la ferocia ritmica incalzante, ma il lotto conclusivo di canzoni è veramente insostenbibile, un polpettone che soltanto il riffing concitato di Wasted After Midnight ravviva in coda. L'utilizzo di un'unica ritmica (o quasi) nell'intera durata del full-length non è certo un sintomo di longevità, ma l'intera direzione stilistica è a dir poco scontata: rabbia e atmosfere soffocanti sono fini a sé stesse e, nonostante la durata media dei pezzi sia di tre minuti e mezzo, l'album in esame sembra non terminare praticamente mai.

Uguale a sé stesso, dall'inizio alla fine, senza uno straccio di refrain coinvolgente: dispiace davvero per questi ragazzini, ma se con Fast Loud Dead eravamo stati comprensivi (e concessivi), questa volta veramente non possiamo sorvolare sui palesi difetti di sostanza che il disco possiede. Le generazioni contemporanee di thrasher si sono volutamente inceppate alla contemplazione della decade ottantiana nel look, nel sound e nel lifestyle. Sono fiere di non aggiungere niente di proprio e credono di poter fingere di vivere nel periodo tanto amato; ma, così facendo, non si accorgono di rappresentare essi stessi la fine del movimento.



VOTO RECENSORE
50
VOTO LETTORI
60.25 su 8 voti [ VOTA]
Hermann 60
Venerdì 5 Agosto 2016, 11.04.18
5
Mi allineo al commento di Lambruscore come d'altronde è successo in altre occasioni. Una sufficienza anche larga se la meritano, non saranno originali ma suonano bene ed hanno grinta.70
el castigamàtt
Mercoledì 25 Giugno 2014, 11.53.57
4
quoto krendur! e comunque dopo aver ascoltato questi nuovi gruppetti, ti viene voglia di ascoltare e riascoltare gli originali (e intramontabili)
krendur
Venerdì 2 Maggio 2014, 14.14.36
3
altro gruppo senza grosse pretese ma piacevolissimo da ascoltare e inseribile nel filone "revival" - thrash di quello più spensierato... così come per GAMA BOMB, VIOLATOR, DR.LIVINDEAD, MUNICIPAL WASTE tutti sulla stessa linea & tutti "volutamente" debitori dei gruppi precursori anni '80 => ( EXODUS/D.R.I/NUCLEAR ASSAULT/ANTHRAX/TANKARD etc...) di cui loro stessi sono i primi grandi fans!
LAMBRUSCORE
Venerdì 2 Maggio 2014, 13.22.13
2
Originalità ZERO, però chi suona così per me merita almeno la sufficienza, credo che questo stile me lo porterò dietro anche quando andrò all'auser a guardare i miei coetanei rincoglioniti -come me- che giocano a carte, -io non so giocare- e sputano in terra, anche se c'è il cartello vietato sputare, chi l'ha visto in certe bettole antiche??? Questo per dire che apprezzo questo stile anche dopo tanti anni, per me loro suonano bene, un 70 per me ci sta tutto...
er colica
Venerdì 2 Maggio 2014, 12.57.33
1
ecco la recensione raggiunge a mio avviso il succo finale nella frase uguale a se stesso, dall'inizio alla fine, vero e io l'avevo detto si bravi tecnicamente ma il primo disco andava dopo basta fuori dalle palle senza rancore ovvio, tutto è palloso dalla musica alla copertina all'ennesima foto dove bevono birra c'è un copione abusato troppe volte negli anni 2000 non mi stancherò mai di dirlo.
INFORMAZIONI
2014
Nuclear Blast
Thrash
Tracklist
1. Spurgatory
2. Game Over
3. Attaxic
4. Lethal Pleasure
5. Terror Hungry
6. Snowroad Blowout
7. Tyrant Takeover
8. Overdosed Brain
9. Thrashed Reality
10. F.F.E.
11. Brewtal Awakening
12. Mosh It Up
13. Wasted After Midnight
Line Up
Samy Elbanna (Voce, Chitarra)
Arttu Lesonen (Chitarra)
Mirko Lehtinen (Basso)
Ossi Paananen (Batteria)
 
RECENSIONI
62
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]