Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Falconer
From a Dying Ember
Demo

Chaosaint
In the Name of
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

09/07/20
NUCLEAR WINTER
StormScapes

10/07/20
MICHAEL GRANT & THE ASSASSINS
Always the Villain

10/07/20
DAWN OF A DARK AGE
La Tavola Osca

10/07/20
TOKYO MOTOR FIST
Lions

10/07/20
REBEL WIZARD
Magickal Mystical Indifference

10/07/20
BLOODY HEELS
Ignite the Sky

10/07/20
SHINING BLACK
Shining Black

10/07/20
VISION DIVINE
The 25th Hour (ristampa)

10/07/20
ENSIFERUM
Thalassic

10/07/20
ENUFF Z`NUFF
Brainwashed Generation

CONCERTI

08/07/20
THE DEAD DAISIES (SOSPESO)
LIVE CLUB - TREZZO SULL'ADDA (MI)

08/07/20
GUANO APES + LACUNA COIL (SOSPESO)
PARCO DELLA CERTOSA - COLLEGNO (TO)

13/07/20
KISS (SOSPESO)
ARENA - VERONA

23/07/20
INSUBRIA FESTIVAL
PARCO GHIOTTI - MARCALLO CON CASONE (MI)

24/07/20
INSUBRIA FESTIVAL
PARCO GHIOTTI - MARCALLO CON CASONE (MI)

25/07/20
INSUBRIA FESTIVAL
PARCO GHIOTTI - MARCALLO CON CASONE (MI)

26/07/20
INSUBRIA FESTIVAL
PARCO GHIOTTI - MARCALLO CON CASONE (MI)

29/07/20
DROPKICK MURPHYS
FESTIVAL DI MAJANO - MAJANO (UD)

07/08/20
KORPIKLAANI
MONTELAGO CELTIC FESTIVAL - SERRAVALLE (MC)

07/08/20
SUMMER METAL 2020
LONCA DI CODROIPO (UD)

Bones - Sons of Sleeze
( 797 letture )
Dagli albori ad oggi abbiamo potuto assistere ad una costante evoluzione nel mondo metal, sempre più alla ricerca di trame elaborate, nuovi contenuti e nuove forme, nuovi limiti tecnici e formali da superare. Inoltre al giorno d'oggi si aggiunge la necessità di personalizzare il proprio stile, rimarcare la propria impronta, per non essere mere copie di artisti ben più noti e dotati.
Ecco, molto di tutto ciò manca a questo Sons of Sleeze, seconda fatica discografica di tre ragazzi dell'Illinois, i Bones.

I nostri si allontanano da qualsiasi concetto di virtuosismo, evoluzione, nessuna complicazione, propendendo per un suono marcio, sporco -anche a livello di produzione-, diretto e rabbioso, in barba a qualsiasi concessione melodica.
L'album è infarcito di ritmiche martellanti ed assidue, chitarre taglienti ed oscure, ed un cantato tenebroso e feroce; il tutto si dipana sullo sfondo asfittico, melmoso e lurido di una produzione grezza e compressa. Aggiungiamo a tutto ciò una valanga di metallo neppure tanto originale ed elaborato, e potremo farci da subito un'idea di ciò che ci aspetta.
Detta così, sembra la classica esposizione di un disco che, tra una discreta intuizione ed un buon ritmo, raggiunge senza infamia e senza lode l'agognata sufficienza ed in parte è esattamente così.
Quello che veramente sorprende e salva in toto Sons of Sleeze è la sua vera e corposa attitudine, quella dannata e generosa passione che traspare in ogni singola nota emessa dagli americani.
Se è vero che difficilmente qualcuno si ricorderà il titolo di una qualsiasi delle tracce presenti, nella sua interezza il disco fa non solo da perfetto sottofondo per chi è avvezzo a certe sonorità, ma potrebbe addirittura veicolare una portentosa scarica di adrenalina, qualora ve ne fosse la necessità. La miscela di death e crust qui presente si lega perfettamente alle fibre muscolari dei metallari, portandoli a dimenarsi o quantomeno a divertirli per tutta la durata dell'album.
È difficile quindi trovare degli episodi salienti all'interno dell'ultima fatica dei Bones, ma fra tanto sozzume possiamo individuare alcuni momenti più caratterizzanti, come la devastante seppur semplice batteria di Maggots, l'incedere della opener Poisoned Breed ed il suo stacco di metà canzone, il micidiale rallentamento di 1000 Lies e le bordate di 647 Bastards e della cover di Fear of Napalm.

Insomma, Sons of Sleeze è fatto di sano e buon death metal, come probabilmente possiamo trovare in giro per locali, suonato da band sconosciute, in qualche copia bistrattata ed anonima di un negozio di cd qualsiasi o nella grande ragnatela di internet. Ma è anche vero che qui fuoriesce tutta l'emozione, l'esaltazione e l'energia del trio, cosa non sempre facile né scontata. Un album sicuramente non per tutti, proprio per i suoi limiti tecnici e stilistici; si astengano i palati fini, è consigliato solo a chi cerca pedissequamente la sua dose quotidiana di acciaio fuso.



VOTO RECENSORE
63
VOTO LETTORI
73 su 2 voti [ VOTA]
INFORMAZIONI
2013
Planet Metal
Death
Tracklist
1. Poisoned Breed
2. 13
3. Frozen Vein
4. Sons of Sleeze
5. 1000 Lies
6. Suicide
7. Bad Signs
8. Maggots
9. Cold Knife
10. Mindfucked
11. 647 Bastards
12. Fear of Napalm (cover Terrorizer)
Line Up
Chris Carcass (Voce, Chitarra)
Jon Necromancer (Basso, Voce)
Joe Warlord (Batteria, Voce)
 
RECENSIONI
ARTICOLI
24/06/2020
Articolo
BONES
#2 - Ayyur, Mortal Incarnation, Illuminated Manuscripts, Quilmoloncm, Celestial Conjuration, Larvae, Yoth Iria
03/05/2020
Articolo
BONES
# 1 - Continuum of Xul, Æternum Infinitus, Illuminated Manuscripts, Bacterium, Gadir
14/05/2014
Live Report
H.E.A.T + SUPERCHARGER + BAD BONES
Rock’n’Roll Arena, Romagnano Sesia (NO), 09/05/2014
10/03/2014
Live Report
STEEL PANTHER + BAD BONES
Alcatraz, Milano (MI), 05/03/2013
23/06/2012
Live Report
FATSO JETSON + BONES & COMFORT + MALE DI GRACE
Lo-Fi, Milano, 15/06/2012
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]