Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Wardruna
Kvitravn
Demo

Profanity (GER)
Fragments Of Solace
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

29/01/21
STEVEN WILSON
The Future Bites

29/01/21
ART OF ILLUSION
X Marks the Spot

29/01/21
OCEANA
The Pattern

29/01/21
WOWOD
Yarost I Proshchenie

29/01/21
EXIMPERITUS
ahrartu

29/01/21
SOULS OF DIOTIMA
Janas

29/01/21
DISEASE
Into the Red

29/01/21
WEREWOLVES
What a Time to be Alive

29/01/21
THE BODY
Ive Seen All I Need To See

29/01/21
ANCIENT VVISDOM
A Godlike Inferno

CONCERTI

06/02/21
MAGNUM + GUEST TBA (CANCELLATA)
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

11/02/21
VENOM INC. + GUESTS
TRAFFIC CLUB - ROMA

12/02/21
VENOM INC. + GUESTS
THE FACTORY - S. MARTINO BUON ALBERGO (VR)

13/02/21
VENOM INC. + GUESTS
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

17/02/21
IMONOLITH + TBA
BARRIO'S CAFE - MILANO

18/02/21
IMONOLITH + LOGICAL TERROR
MK LIVE - CARPI (MO)

19/02/21
THE DEAD DAISIES
LIVE CLUB - TREZZO SULL'ADDA (MI)

20/02/21
ANCIENT + GUESTS
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

21/02/21
TURMION KATILOT
LEGEND CLUB - MILANO

26/02/21
ATHEIST + CADAVER + SVART CROWN + FROM HELL
REVOLVER CLUB - SAN DONA' DI PIAVE (VE)

The Intersphere - Relations in the Unseen
( 1338 letture )
I tedeschi The Intersphere giungono con Relations in the Unseen al quarto disco in carriera, mantenendo indefessamente il songwriting ancorato al loro passato. Anche in questo caso, infatti, i brani si presentano orecchiabili e dalla struttura piuttosto semplice, con influenze sparse di combo quali Muse, Incubus, Von Hertzen Brothers, Biffy Clyro e Dredg. I componenti del gruppo dimostrano una tecnica pregevole che emerge nelle rare parti in cui si cimentano in un sound maggiormente articolato.

Il problema di fondo che lo scopo primario dei The Intersphere palesemente quello di puntare al mainstream e per raggiungere tale ambizioso obiettivo non occorre ricorrere ad astrusit di sorta, ma proporre, come nel caso in specie, tracce eleganti, non eccessivamente lunghe, equilibrate e in grado di interessare unampia fascia dutenza. La melodia la fa da padrone costituendo la colonna portante del full length, mentre le canzoni hanno il pregio di essere furbescamente orientate in varie direzioni abbracciando in un certo qual modo la storia del rock degli ultimi quarantanni. A titolo esemplificativo la title track ha contorni precipuamente hard rock, The Ones We Never Knew ristagna nel pop (da segnalare lottimo intro al pianoforte), Panic Waves deraglia nella dance, mentre Out of Phase e Origin: Unknown hanno una veste dai contorni prog. In questo senso Relations in the Unseen si rivela un prodotto versatile e non del tutto scontato.
Non si riscontrano momenti di stanca, sebbene, a dire il vero, non siano presenti neppure parti esaltanti in grado di elevare le quotazioni del platter. Il pezzo migliore del lotto rappresentato dalla convincente Joker per merito del vocalism, degli azzeccati cambi di tempo e dellapporto delle due chitarre adeguatamente incisive ed in piacevole contrasto con le aperture melodiche. Degna di menzione, infine, il rarefatto andamento della conclusiva Golden Mean.

In definitiva siamo al cospetto di un lavoro ben arrangiato, curato in ogni particolare (lartwork davvero bello) e concepito allinsegna di un raffinato easy listening posto a met strada tra il pop ed il post rock con qualche labile incursione nel progressive. Ci che ne scaturisce un album di discreto livello compositivo, da gustare rilassati e con la mente sgombra dai problemi quotidiani (magari in automobile guidando in un assolato weekend primaverile o disteso su un prato guardando il cielo terso). Se, per, siete inclini a una musica strutturalmente meno immediata, unopera di tale fattura non fa proprio per voi.
Riflessione finale: difficile fare previsioni sulle possibilit di affermazione di questa formazione originaria di Mannheim; tuttavia, nella considerazione che, come predetto, con Relations in the Unseen siamo gi al quarto disco in studio, qualche dubbio in merito comincerei ad averlo. Peccato, perch il quartetto sembra possedere delle potenzialit destinate, tuttavia, a rimanere inespresse fino a quando si proseguir con grande stile e perfezione maniacale a non azzardare praticamente nulla.



VOTO RECENSORE
66
VOTO LETTORI
60.4 su 5 voti [ VOTA]
corazza
Venerd 23 Maggio 2014, 15.50.34
3
Recensione interessante che dimostra competenza e vasta cultura musicale...
Carmine
Gioved 22 Maggio 2014, 14.34.52
2
Un'insipida minestra.
Vultumna
Gioved 22 Maggio 2014, 9.41.19
1
La frase finale da manuale della critica musicale.
INFORMAZIONI
2014
SPV/Steamhammer
Alternative Rock
Tracklist
1. Relations in the Unseen
2. Thanks for Nothing
3. The Ones We Never Knew
4. Out of Phase
5. Panic Waves
6. Joker
7. Tonight
8. Origin: Unknown
9. Walk on Broken Glass
10. The Ghost of a Chance
11. Like It Is
12. Golden Mean
Line Up
Christoph Hessler (Voce, Chitarra)
Thomas Zippnes (Chitarra, Cori)
Sebastian Wagner (Basso, Moog, Piano, Cori)
Moritz Muller (Batteria, Piano, Glockenspiel)
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]