Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Premiata Forneria Marconi
Emotional Tattoos
Demo

Rust
Rust
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

22/11/17
HYPERION
Dangerous Days

24/11/17
ALMANAC
Kingslayer

24/11/17
LOCH VOSTOK
Strife

24/11/17
DEGIAL
Predator Reign

24/11/17
STRAY TRAIN
Blues From Hell

24/11/17
STARBLIND
Never Seen Again

24/11/17
AETHERIAN
The Untamed Wilderness

24/11/17
DEEP AS OCEAN
Lost Hopes | Broken Mirrors

24/11/17
SCORPIONS
Born To Touch Your Feelings

24/11/17
TAAKE
Kong Vinter

CONCERTI

22/11/17
MARILYN MANSON + GUEST
PALA ALPITOUR - TORINO

22/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
SANTERIA SOCIAL CLUB - MILANO

23/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
QUIRINETTA - ROMA

24/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
ALMAGIA' TRANSMISSIONS FESTIVAL - RAVENNA

24/11/17
DESPITE EXILE
VECCHIA SCUOLA PUB - PALAZZOLO (BS)

24/11/17
BLACK STAR RIDERS
CIRCOLO COLONY - BRESCIA

24/11/17
6TH COUNTED MURDER + KALIAGE
THE ONE - CASSANO D'ADDA (MI)

24/11/17
UFOMAMMUT + GUESTS
EREMO CLUB - MOLFETTA (BA)

25/11/17
THE MODERN AGE SLAVERY + DESPITE EXILE + AMBER TOWN
LA TENDA - MODENA

25/11/17
COUNCIL OF RATS + NIDO DI VESPE + MALLOY
CASEIFICIO LA ROSA - POVIGLIO (RE)

A Hill to Die Upon - Holy Despair
( 1312 letture )
Gli A Hill to Die Upon, insolita formazione christian black metal americana attiva dal 2004, sono stati vittima fin dall'inizio (per ovvi motivi) di pregiudizi da parte di molti, me compreso.
Pregiudizi che, se erano già stati abbattuti dai primi due dischi del gruppo, vengono frantumati definitivamente da questo Holy Despair.

Le due parole che compongono il titolo parlano da sé e riassumono il contenuto del disco:
"Holy" rappresenta la parte delle liriche, filosofiche e spesso a sfondo religioso, ma più indirizzate verso una religiosità mistica e orrificante, contaminata dalla disperazione, appunto, "Despair".
Anche la musica è specchio di questa duplice personalità: si passa da blast beat violenti e riff black a ritornelli melodici, poi a voci e chitarre pulite fino ad arpe pizzicate e rivisitazioni di canzoni popolari.

Cloven Hoof Hava Nagila è una delle tracce più rapide e dirette, i quasi tre minuti di durata sono sfruttati al meglio per introdurci alla furia del disco ed in men che non si dica ci ritroviamo alla successiva A Jester Arrayed in Burning Gold, sulla scia della precedente ma con l'aggiunta di parti più melodiche, anche sostenute da cori.
Unyielding Anguish si sposta verso lidi più death, ricordando molto i Behemoth, ma vantando comunque di personalità e soprattutto di un ritmica efficacemente catchy.
Veniamo poi riportati sulla strada principale da Let the Ravens Have My Eyes, pezzo dove si possono notare influenze di band come gli Emperor, pur non essendo presenti orchestrazioni e tastiere.
Hæðen si presenta più tranquilla ed ha un tono quasi liturgico, separa inoltre la prima metà del disco, più violenta e ricca di blast beat, dalla seconda, più incentrata sulla linea vocale e i testi.
Ne è dimostrazione la successiva Nekyia, con un ritornello orecchiabilissimo che narra, per lo più indirettamente, degli orrori della guerra, mantenendo sempre una prospettiva religiosa ed inserendo inoltre riferimenti alla mitologia greca.
Somme, a parte per il titolo che fa nuovamente riferimento ad eventi di guerra, è un intermezzo acustico unicamente strumentale che si inserisce alla perfezione nell'atmosfera del disco e ci trasporta fino al riff principale della seguente Rime(Jerub-Ba'al), che con i suoi accordi dissonanti e striscianti ricorda i maestri Immortal.
O Death è la rivisitazione di un popolare canto americano conosciuto anche come Conversations With Death, qui completamente rivista sul piano armonico ma mantenendo intatte le splendide liriche originali, che sono anche l'unica parte pervenuta a noi oggi.

What is this that I can’t see,
with ice cold hands takin’ hold of me?
When God is gone and the Devil takes hold,
Lord have mercy on my soul.
Well, I am Death, none can excel.
I open the door to Heaven or Hell.
“O, Death,” someone might pray,
“could you call me another day?”

Chiudono il disco le note di pianoforte che concludono l'ultima Satan Speaks, ottima traccia dal ritmo più lento ma ben cadenzato, la quale prende nuovamente spunto per il testo da un poema del celebre scrittore dichiaratamente cristiano C.S. Lewis.

Holy Despair è un disco suonato con tecnica e passione, passione che emerge nella musica così come nei testi e individuabile anche da un ascoltatore che non condivida le ideologie del gruppo.
Ogni aspetto è stato curato con attenzione, così come la produzione, forse troppo cristallina e pompata per gli assidui ascoltatori di black metal, ma calzante a pennello per la proposta in fin dei conti melodica degli A Hill to Die Upon.
Non si può parlare di un totale capolavoro, ma sicuramente di un disco simbolo di una maturità ben consolidata e che prende le distanze da molti dei lavori composti oggi a tavolino, pur rimanendo facilmente assimilabile al primo ascolto.



VOTO RECENSORE
80
VOTO LETTORI
74.25 su 8 voti [ VOTA]
ERREstromblad
Sabato 31 Maggio 2014, 9.29.03
3
Sono contento di trovare quslcuno d'accordo con la recensione
spiderman
Mercoledì 28 Maggio 2014, 17.12.51
2
Bravi veramente,piacevolmente sorpreso,sono quasi megio loro(Christian Metal),che tante osannate bands dei loro "colleghi"dell'altro colore(nero).che intensita',che bravura tecnica,ottima ed emozionante voce,e neanche un calo,certo si sentono forti ispirazioni verso gli Emperor,gli Immortal,i 1349 e i loro "avversari" contrapposti Behemoth,pero' si stanno evolvendo e il loro tocco personale si sente sempre in ogni traccia,impreziosita anche dalla originale trovata della rivisitazione di canzoni popolari,la sina dorsale cui si sorregge la struttura del loro sound particolare e' innervata in un mix melodeath e meloblack,con piccoli lementi sinfonici,e tutto cio' e' piuttosto originale,basti pensare al pizzicato dell'arpa nella traccia 8,ora li approfondiro' ancora di piu'.Mi hanno stupito,chaapeau!voto:82.
Unia
Venerdì 23 Maggio 2014, 15.21.44
1
Mmmmh... Mai sentiti nominare, ma la rece mi ispira.
INFORMAZIONI
2014
Bombworks Records
Death / Black
Tracklist
1. Cloven Hoof Hava Nagila
2. A Jester Arrayed in Burning Gold
3. Unyielding Anguish
4. Let the Ravens Have My Eyes
5. Hæðen
6. Nekyia
7. Somme
8. Rime (Jerub-Ba'al)
9. O Death
10. Satan Speaks
Line Up
Adam Cook (Voce, Chitarra, Basso)
Michael Cook (Batteria, Basso)
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]