Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Dark Tranquillity
Moment
Demo

Veritas
Threads of Fatality
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

30/11/20
VEIL OF SECRETS
Dead Poetry

30/11/20
COLOSSUS OF DESTINY
Last Call

30/11/20
GOLGATA
Tempel

04/12/20
GONE IS GONE
If Everything Happens for a Reason… Then Nothing Really Matters at All

04/12/20
SIX FOOT SIX
End of All

04/12/20
AD INFINITUM
Chapter I: Revisited

04/12/20
TAU CROSS
Messengers Of Deception

04/12/20
NIGHTRAGE
Demo 2000

04/12/20
FOREIGN
The Symphony of the Wandering Jew Part II

04/12/20
SERPENTS OATH
Nihil

CONCERTI

28/11/20
RHAPSODY OF FIRE (POSTICIPATO)
LEGEND CLUB - MILANO

28/11/20
BELPHEGOR + GUESTS
BLACK WINTER FEST - MILANO

29/11/20
ORPHANED LAND
REVOLVER CLUB - SAN DONA' DI PIAVE (VE)

29/11/20
MARDUK (RIMANDATO)
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

30/11/20
MARDUK (RIMANDATO)
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

01/12/20
ORPHANED LAND
LEGEND CLUB - MILANO

02/12/20
ORPHANED LAND
TRAFFIC CLUB - ROMA

03/12/20
ROSS THE BOSS + GUESTS (CANCELLATO!)
LEGEND CLUB - MILANO

03/12/20
NAPALM DEATH
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

04/12/20
NAPALM DEATH
TRAFFIC CLUB - ROMA

Decapitated - Nihility
( 3603 letture )
Nihility è il secondo disco dei polacchi Decapitated, uscito nel 2002.
A soli due anni di distanza dall'acclamato Winds of Creation la stessa line-up crea quello che oggi può essere definito il vero manifesto di uno stile tanto complesso quanto personale.
In un periodo come quello di inizio millennio in cui pochi album death metal vengono ricordati, il gruppo di Kronso apre le porte a molti, diventando nell'underground un vero pilastro negli anni a venire.
L'impatto fu notevole sulla scena dell'epoca e ancora oggi molti gruppi prendono spunto da dischi come questo, per intraprendere una carriera anonima, che non sfiorerà mai le vette proposte dal gruppo in questione.
Poco più che ventenni i Decapitated sono tra le nuove leve che maggiormente attirano l'attenzione del pubblico diventando richiesti sia in Europa che oltreoceano, il che è un segno dell'evoluzione del tempo.

La particolarità che salta subito all'orecchio è il costante "stop and go" di ogni brano.
Feroci avanzate combinate con degli stacchi al fulmicotone mettono in luce le coordinazioni dei singoli strumenti, impreziosite da un drumming assurdo e brutale.
La voce cavernicola di Sauron combinata con la glaciale e intransigente chitarra di Vogg sono importantissimi, ma è l'elemento Vitek ad essere il vero protagonista.
Otto canzoni e una bonus track nell'edizione speciale tedesca sono abbastanza per confezionare una pietra miliare dell'underground.
La partenza è affidata a Perfect Dehumanisation (The Answer?), una traccia perfetta per iniziare ad attrarre l'attenzione che questo disco merita; è marziale e brutale al punto giusto.
Sorprende sin da subito la differenza con l'album precedente, con un minor orientamento verso il thrash vecchia scuola e maggiori dosi di death made in USA.
In alcuni momenti sembra di avere di fronte una versione dei Fear Factory più furente, brutale e c'è da rallegrarsene, a conti fatti.
La tracklist è molto omogenea regalando perle di rara bellezza: il trittico che segue è da incorniciare.
Eternity Too Short è la traccia in cui Vitek offre momenti di rara bellezza con il doppio pedale e gli stacchi sono la ciliegina sulla torta, che lo rendono indimenticabile.
Mother War, con il suo stacco jazz centrale paurosamente ispirato e la seconda parte su tempi medi, offre una delle migliori concatenazioni di riff e melodia lungo l'intera tracklist.
La titletrack ha un riff principale che risulta impossibile da dimenticare sin dal primo ascolto; fondamentali sono stati gli insegnamenti di scuola Vader, che prendono vita e si rivoluzionano su vorticose soluzioni.
Procedendo oltre, Names ha un riff di scuola thrash che sorprende perché la tramuta nella traccia più melodica e groove dell'intero disco, lenta e agonizzante in certi passaggi; da brividi.
Anche se le tracce citate come tutte le altre sono di spessore assoluto, una su tutte verrà ricordata negli annali delle loro apparizioni live: Spheres of Madness è glaciale, feroce e mitraglia che è una meraviglia; è un esempio moderno di chirurgica deviazione musicale.
Babylons' Pride parte lenta e finisce in alcuni sprazzi di grind che testimoniano la dinamicità dei musicisti coinvolti. Sicuramente è la meno riuscita del lotto, ma non per questo non merita attenzione.
Symmetry of Zero ha uno spirito a metà strada tra Nile e primi Suffocation; sono splendide le accelerazioni che Vitek armonizza con gli splash, coadiuvato da Vogg. Brusca com'è, chiude il tutto come è giusto che sia.
L'edizione tedesca contiene poi anche Suffer The Children, una cover dei Napalm Death che non toglie e aggiunge nulla, ma fa sempre piacere ascoltare, il brano perfetto per l'edizione bonus, un modo per ricordarci quali sono le radici del sound della band.

Le doti espresse dai Decapitated su Nihilty sono palesi: se l'album precedente era ancora acerbo, questo è il primo tassello di una discografia che ha regalato emozioni e che culmina nell'intoccabile Organic Hallinosis.
Si tratta di una chiara espressione di quella nuova corrente polacca che nel decennio intercorso ha conquistato un'ampia audience, imponendosi come una delle migliori scene musicali.
Al di là di qualsiasi commento futile o che rischia di apparire inappropriato, Nihilty ha mostrato definitivamente al mondo le doti di un batterista unico, scomparso troppo presto: Vitek (R.I.P.).



VOTO RECENSORE
83
VOTO LETTORI
69.6 su 15 voti [ VOTA]
Bloody Karma
Mercoledì 18 Giugno 2014, 22.25.11
8
tra questo e il precedente non faccio distinzioni...due capolavori assoluti...
Morganne91
Martedì 17 Giugno 2014, 14.52.27
7
E infine eccolo qua...... Stratosferico! Spheres of Madness si ascolta anche a ripetizione
Resurrection
Sabato 14 Giugno 2014, 19.42.59
6
E' il disco che meno preferisco dei Decapitated (non contando Carnival is Forever) ma rimane comunque un ottimo disco. In numeri direi 80.
Numbered Days
Sabato 14 Giugno 2014, 14.08.06
5
Ottimo, anche io come gli altri preferisco il primo, inarrivabile, ''Winds of Creation'', ma quest'album è grandioso, tecnica e violenza sonora al punto giusto, forse poco sotto anche ad Organic Hallinosis, comunque voto 86
Pilix
Sabato 14 Giugno 2014, 13.20.22
4
Non uccidetemi ma Nihility lo preferisco a Winds. Poi, cavolo, c'è spheres of madness
Theo
Sabato 14 Giugno 2014, 13.03.04
3
Concordo con LAMBRU e Sorath qui sotto, gran bel disco anche questo, ma "Winds Of Creation" è davvero un disco quasi irraggiungibile anche per me nel genere. Da lodare, come scritto giustamente nella recensione, il lavoro dietro alle pelli di Vitek, ineccepibile.
LAMBRUSCORE
Sabato 14 Giugno 2014, 11.01.39
2
Per me Winds... è non solo il miglior album del gruppo, ma un vero classico di tutto il Death mondiale, anche questo non scherza comunque.
Sorath
Sabato 14 Giugno 2014, 10.48.08
1
Preferisco il precedente ma anche questo album è una bomba di death metal.
INFORMAZIONI
2002
Earache Records
Death
Tracklist
1. Perfect Dehumanisation (The Answer?)
2. Eternity Too Short
3. Mother War
4. Nihility (Anti-Human Manifesto)
5. Names
6. Spheres of Madness
7. Babylon's Pride
8. Symmetry of Zero
Line Up
Wojciech "Sauron" Wasowicz (Voce)
Waclaw "Vogg" Kieltyka (Chitarra)
Marcin "Martin" Rygiel (Basso)
Witold "Vitek" Kieltyka (Batteria)
 
RECENSIONI
57
70
75
74
83
88
ARTICOLI
05/07/2015
Live Report
GRAVEYARD (SPA) + BLACK OATH + DECAPITATED CHRIST
Circolo Colony, Brescia, 30/06/2015
12/11/2013
Live Report
CHILDREN OF BODOM + DECAPITATED + MEDEIA
Live Club, Trezzo Sull'Adda (MI), 08/11/2013
10/12/2012
Live Report
MESHUGGAH + DECAPITATED + C.B MURDOC
Alcatraz, Milano, 05/12/2012
10/09/2011
Intervista
DECAPITATED
Ritorno col botto
26/05/2010
Live Report
DECAPITATED
Olden Live Club, Lonato Del Garda, 17/05/2010
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]