Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Slipknot
We Are Not Your Kind
Demo

Atlas Entity
Beneath the Cosmic Silence
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

23/08/19
DEADTHRONE
Premonitions

23/08/19
DOMINATION INC.
Memoir 414

23/08/19
LAGERSTEIN
25/7

23/08/19
METH.
Mother of Red Light

23/08/19
ISOLE
Dystopia

23/08/19
DEVIN TOWNSEND
Eras part IV

23/08/19
SACRED REICH
Awakening

23/08/19
ILLDISPOSED
Reveal Your Soul for the Dead

23/08/19
NEMESEA
White Flag

23/08/19
AVIANA
Epicenter

CONCERTI

23/08/19
NECRODEATH + GUESTS
FESTA BIKERS - COLOGNO AL SERIO (BG)

23/08/19
POVOROCK (day 1)
AREA FESTEGGIAMENTI - POVOLETTO (UD)

24/08/19
REZOPHONIC + GUESTS
FESTA BIKERS - COLOGNO AL SERIO (BG)

24/08/19
BREAKING SOUND METAL FEST
SALENTO FUN PARK - MESAGNE (BR)

24/08/19
POVOROCK (day 2)
AREA FESTEGGIAMENTI - POVOLETTO (UD)

24/08/19
METAL REDENTOR FEST
SPAZIO LUPARDINE - PENTIMELE (RC)

25/08/19
BEHEADED + HELION
CIRCOLO SVOLTA - MILANO

30/08/19
DRAKKAROCK (day 1)
VALHALLA PUB - BORGO TICINO (NO)

31/08/19
DRAKKAROCK (day 2)
VALHALLA PUB - BORGO TICINO (NO)

31/08/19
ANGUISH FORCE + GUESTS
ATZWANG METAL FEST - CAMPODAZZO (BZ)

Vader - Tibi et Igni
( 3542 letture )
Avevamo lasciato i Vader con l’ottimo Welcome to the Morbid Reich, un disco che dimostrava come la creatura di Piotr fosse in grandissima forma e di come si fosse ripresa dal passo falso intitolato Necropolis. Dopo i cambi di formazione che han visto l’entrata di Tomasz "Hal" Halicki al basso e James Stewart alla batteria, la storica band polacca si ripresenta al grande pubblico con il nuovo Tibi Et Igni, un disco che parla chiaro già dalla copertina.

Per quanto sia difficile aspettarsi delle novità in casa dei polacchi, questa volta Piotr e soci realizzano un disco meno prevedibile del solito. Non che ci siano dei veri e propri stravolgimenti di sound, sia chiaro, parliamo sempre di un death metal di chiaro stampo Vader, ma con degli accorgimenti che seppur piccoli rendono questo disco "diverso" dai precedenti. Il nuovo album sottolinea la cura maniacale che il gruppo ha dedicato ad ogni singola composizione, scrivendo brani più vari del solito e a tratti meno immediati; non avremo solo ed esclusivamente canzoni cariche di furiosi blast beat e riff serrati, ma andremo incontro a dei momenti più controllati e carichi di pathos. Dopo una tripletta iniziale decisamente brutale infatti, il disco rallenta un po’ i ritmi con la slayerana Triumph of Death, seguita da quella che è sicuramente una delle migliori canzoni del lavoro, e perché no, anche della loro carriera: Hexenkessel. Oltre ad essere introdotta da un riff piuttosto atipico per i loro standard e che suona particolarmente moderno, il brano gode di una varietà di fondo che va sicuramente premiata; oltre ai cambi di riff ed ai vari cambi di tempo, troviamo anche un utilizzo intelligente e riuscito delle piccole orchestrazioni che fanno capolino anche in altri momenti del disco È il caso, ad esempio, dell’ottima The Eye of the Abyss; con quasi sette minuti di durata, il brano convince in modo particolare per il taglio epico che lo caratterizza.

Il merito in questo caso non è solo delle piccole orchestrazioni, ma anche della struttura stessa del pezzo, che alterna passaggi più articolati ad altri più diretti e melodici, specialmente nel ritornello, dove a risaltare è anche il cantato di Piotr. Ma la canzone che più sorprende è senza ombra di dubbio la conclusiva The End, un coraggioso esperimento che nonostante non sia totalmente riuscito a causa di una certa prevedibilità, ci presenta un gruppo diverso dal solito; possiamo infatti parlare di una sorta di "ballad" molto melodica e tranquilla, dove il cantato di Piotr, ritornello a parte, è puntato più sul parlato. Pur non brillando particolarmente, è sicuramente un ottimo modo di chiudere un disco assolutamente riuscito e che mette in mostra la voglia di rischiare del gruppo.

Nonostante sia un classico album dei Vader, Tibi Et Igni è decisamente una prova leggermente diversa dal solito, che prendendo spunto da alcuni passaggi presenti nel precedente lavoro, li utilizza in modo più esteso e ragionato, il tutto senza snaturare il caratteristico sound della band. Non possiamo negare che c’è grande curiosità nel sapere se dei brani come Hexenkessel, The Eye of the Abyss e The End saranno un punto di partenza per un ipotetico "nuovo corso" dei Vader, ma curiosità a parte, è davvero bello sentire come dopo ben trent’anni di carriera ci sia gente che grazie ad una passione viscerale per questa musica abbia ancora voglia di osare.



VOTO RECENSORE
80
VOTO LETTORI
75.76 su 17 voti [ VOTA]
lisablack
Venerdì 1 Marzo 2019, 17.48.28
11
Gran bel disco, massacro puro..80.
DeathPriest
Venerdì 30 Marzo 2018, 22.30.09
10
Secondo me 99 se li merita tutti. Assoli fantastici, cambi di tempo inaspettati, tracce più melodiche ma sempre fortissime, voce assurdamente bella, con tanto di Scream assassini. Insomma, cosa vorreste di più?
spiderman
Sabato 28 Giugno 2014, 19.44.17
9
Sono al secondo ascolto,insieme ai loro confratelli polacchi piu' famosi,i Behemoth,sono uno dei gruppi di metal estremo che preferisco,per il momento devo dire che e' buono,ma per un giudizio piu' completo aspetto Settembre-Ottobre per esprimermi con piu' precisione.
d.r.i.
Martedì 24 Giugno 2014, 11.12.51
8
Bel disco, solita devastazione!!! Voto 82!
Resurrection
Lunedì 23 Giugno 2014, 21.33.05
7
Gran bel disco, per me un filo sopra il precedente.
er colica
Lunedì 23 Giugno 2014, 14.13.25
6
io comunque nella cover parlavo più che altro delle chitarre la voce non l'avevo presa in considerazione e neanche me la ricordavo ho dovuto riascoltarla , quella cover poteva essere un punto di partenza ma sempre di una cover si trattava alla fine sarebbe da sentire loro sul serio come riuscirebbero a scrivere pezzi più crust ibridati col classico sound che hanno, ma sarebbe anche da vedere a livello di "immagine" e testi perché forse con i loro testi potrebbe pure non calzare quello stile, anche se sempre di musica si dovrebbe trattare a prescindere dai testi. non credo lo faranno mai comunque forse formando una altro progetto parallelo ma se lo facessero a nome vader i loro fan metallari fino al midollo la prenderebbero molto male sicuro.
LAMBRUSCORE
Lunedì 23 Giugno 2014, 13.34.01
5
Colica, la cover degli E.N.T. , Raping the earth , per me non era riuscita del tutto, musicalmente sì, vorrei tanti pezzi così anche dai Vader, solo che la voce filtrata, in certi punti, proprio non mi piace, mi ricorda un po' Glen Benton...questo dovrò sentirlo meglio per giudicarlo...
Travis Bickle
Lunedì 23 Giugno 2014, 12.59.08
4
Dopo un primo ascolto posso dire che mi sembra la più ispirata tra le ultime uscite.Concordo con la recensione,niente stravolgimenti eclatanti ma il tanto che basta per "rinfrescare" un pó il loro sound,d'altronde i Vader son sempre stati gli Slayer del death metal,non ci si possono aspettare chissà quali ultra tecnicismi o stacchi prog
enry
Lunedì 23 Giugno 2014, 12.09.27
3
Disco ordinato, ho ascoltato poco perchè non voglio rovinarmi la 'sorpresa', ma quel poco mi è piaciuto. Se siamo sui livelli del precedente è manna dal cielo, ripasso a tempo debito.
er colica
Lunedì 23 Giugno 2014, 11.55.46
2
azzo ora che leggo bene ci sono anche delle piccole variazioni , bene meglio da una parte.
er colica
Lunedì 23 Giugno 2014, 11.54.57
1
e bravi i vader sempre la solita roba alla fine ma fatta bene e con onestà e loro se lo possono pure permettere, da loro comunque mi piacerebbe sentire anche un solo brano che uno in uno stile un poco più crust in una sorta di ibrido col Death , prendete come considerazione la cover che avevano fatto degli extreme noise terror su welcome to the morbid reich. vabè ho capito altro album da prendere anche se dovrò fare il mutuo co tutta la roba che ho in lista!! hahah
INFORMAZIONI
2014
Nuclear Blast Records
Death
Tracklist
1. Go to Hell
2. Where Angels Weep
3. Armada on Fire
4. Triumph of Death
5. Hexenkessel
6. Abandon All Hope
7. Worms of Eden
8. The Eye of the Abyss
9. The Light Reaper
10. The End
Line Up
Piotr "Peter" Wiwczarek(Voce, Chitarra)
Marek "Spider" Pająk (Chitarra)
Tomasz "Hal" Halicki (Basso)
James Stewart (Batteria)
 
RECENSIONI
80
80
50
80
77
87
87
87
ARTICOLI
25/10/2018
Live Report
VADER + ENTOMBED A.D.
Legend Club, Milano, 21/10/18
08/05/2014
Intervista
VADER
Vite in webcam
23/04/2014
Live Report
VADER + BUNKER 66 + GUESTS
Discoteca Blackout, Modica (RG), 19/04/2014
28/04/2013
Live Report
VADER + MELECHESH + STERBHAUS + W.I.L.D
Init Club, Roma (RM), 24/04/2013
01/02/2013
Live Report
VADER + ABORTED + BONDED BY BLOOD + FHOBI + BLOODSHOT DAWN
Colony Club, Brescia, 27/01/2013
15/12/2011
Live Report
GORGOROTH + VADER + altri
Traffic Club, Roma, 09/12/2011
26/01/2009
Live Report
DEICIDE + SAMAEL + VADER
Rolling Stone, Milano, 18/01/2009
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]