Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Neal Morse
Sola Gratia
Demo

Sun Eater
Light Devoured
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

23/10/20
JAKKO M JAKSZYK
Secrets & Lies

23/10/20
ZEAL & ARDOR
Wake of a Nation

23/10/20
LEAVES` EYES
The Last Viking

23/10/20
OLD MOTHER HELL
Lord of Demise

23/10/20
CEREMONIAL BLOODBATH
The Tides of Blood

23/10/20
MORK GRYNING
Hinsides Vrede

23/10/20
ANTHEA
Illusion

23/10/20
COEXISTENCE
Collateral Dimension

23/10/20
DEHUMAN REIGN
Descending upon the Oblivious

23/10/20
ARMORED SAINT
Punching the Sky

CONCERTI

20/10/20
STEF BURNS LEAGUE
BRAVO CAFFE' - BOLOGNA

22/10/20
STEF BURNS LEAGUE
KILL JOY - ROMA

24/10/20
NERO DI MARTE + GUESTS
CS BOCCIODROMO - VICENZA

24/10/20
OTTONE PESANTE
SECRET SHOW - GENOVA

25/10/20
DEATH THE SUNDAY FEST
CIRCOLO ARCI MU - PARMA

30/10/20
ULVEDHARR + GUESTS
DRUSO - RANICA (BG)

30/10/20
OTTONE PESANTE
INK CLUB - BERGAMO

30/10/20
HELLUCINATION + NEBULAE
TRAFFIC CLUB - ROMA

31/10/20
DEATHLESS LEGACY + DAMNATION GALLERY
CRAZY BULL CAFE' - GENOVA

31/10/20
OTTONE PESANTE
IL CASTELLO - PARMA

Aborted - Engineering the Dead
( 2059 letture )
Il disco "sophomore" nella mai noiosa discografia targata Aborted, pur non svettando, come da tradizione, per durata, dimostra come il combo belga sia stato capace di migliorarsi nettamente in soli due anni, delineando marcatamene il proprio stile in maniera decisamente migliore di quanto fatto in The Purity of Perversion.

In Engineering the Dead, infatti, gli Aborted portano nuovamente in scena un brutal death senza compromessi, ma con un stile tutt'altro che generico, bensì arricchito da una forte componente identitaria, in cui nulla è lasciato al caso. Si inizia con i testi, tutti dedicati al concetto di morte e ai diversi modi con cui infliggerla, tra tremende torture, orrendi supplizi, gore e angeli della morte (con un non troppo velato riferimento al nazista Josef Mengele, nell'opening The Holocaust Incarnate), passando per la solita overdose di aggettivi putridi e marci, capaci di arricchire come pochi i testi, portandoli su un livello certamente più elevato. A ciò si coniuga il sanguinolento artwork a tema, che richiama (in particolare con la stampa sul cd) il film "Zombie" dell'indimenticato Lucio Fulci.
Dal punto di vista maggiormente tecnico e musicale, come detto, il salto di qualità rispetto al debutto è notevole e costante durante l'intera durata della produzione. Lo "storico" frontman Sven de Caluwé dà ottima prova di sé, spostandosi fluentemente tra pressante growling (To Roast and Grind) e tagliente screaming, alternandoli spesso e volentieri all'interno di singoli brani con velocità disarmante, come nel caso della title-track, di Eructations of Carnal Artistry, ma anche di Skullfuck Crescendo. A supporto della voce, come prevedibile, c'è soprattutto il duo di chitarre, capace di destreggiarsi senza problemi tra i frequenti cambi di ritmiche con riffing aggressivi e affilati (Nailed Through Her Cunt), mentre l'apprezzabile lavoro di basso in parte si perde lungo i trentasei minuti, sia a causa della qualità della registrazione, che lo sfoca non poco, sia della scelta musicale di svilupparlo in tanta, forse troppa simbiosi con le chitarre, che finiscono per coprirlo e svalutarlo non poco. Discorso a parte, infine, vale per il drumming, affidato ancora una volta, come in The Purity of Perversion, a Frank Rousseau: esso infatti è martellante e marziale, puntuale negli interventi e mai pago di blast beats micidiali e tecnicismi ma, al contrario di quanto si potrebbe sperare o temere, è sempre in grado mantenersi su un livello tale da supportare al meglio il riffing, senza coprirlo con -in questo caso- una superflua ed inefficace overdose di death/thrash, che avrebbe senz'altro sminuito il valore complessivo del full length, rendendolo terribilmente generico.

Esattamente tredici anni dopo, quindi, Engineering the Dead è un album che ancora lascia il segno negli esordi di una band che certamente ha saputo iniziare la propria carriera con il piede giusto, portando sulla scena europea un death con una propria e profonda personalità, capace di distinguersi tra i tanti, troppi gruppi-fotocopia che affollano questo ampio genere. Da non perdere, o da riascoltare una volta in più, Engineering the Dead sa dunque ancora fare la differenza e preparare chi si avvicinasse per la prima volta agli Aborted a grandi release quali il (non di molto) successivo Goremageddon: The Saw And The Carnage Done.



VOTO RECENSORE
85
VOTO LETTORI
74 su 5 voti [ VOTA]
Numbered Days
Mercoledì 9 Luglio 2014, 20.27.13
3
Molto ispirato al sound dei Carcass, ma l'ho sempre valutato come un ottimo disco, riff mai banali e canzoni killer che fanno ben pochi prigionieri, se amanti degli Aborted o di questo Death Metal brutale è assolutamente da avere! Voto 85
MrFreddy
Sabato 5 Luglio 2014, 12.33.28
2
Un grande disco, marcio ma competentissimo, sicuramente una perla della loro discografia; assieme all'immortale Goremageddon forse il loro migliore. Diciamo che gli Aborted hanno sbagliato ben poco nella loro carriera!
LAMBRUSCORE
Sabato 5 Luglio 2014, 11.51.10
1
Comprato appena uscito, pagato all'epoca ben 20mila lire, comunque mai pentito di quella spesa là, grande album spaccaculi...
INFORMAZIONI
2001
Listenable Records
Death
Tracklist
1. The Holocaust Incarnate
2. Nailed Through Her Cunt
3. To Roast and Grind
4. Engineering the Dead
5. Eructations of Carnal Artistry
6. Sphinctral Enthrallment
7. Skullfuck Crescendo
8. Exhuming the Infested
Line Up
Sven de Caluwé (Voce)
Niek Verstraete (Chitarra)
Thijs De Cloedt (Chitarra)
Koen Verstraete (Basso)
Frank Rousseau (Batteria)
 
RECENSIONI
77
s.v.
82
80
80
100
90
85
76
ARTICOLI
26/02/2017
Live Report
KREATOR + SEPULTURA + SOILWORK + ABORTED
Live Club, Trezzo sull'Adda (MI) - 21/02/2017
01/02/2013
Live Report
VADER + ABORTED + BONDED BY BLOOD + FHOBI + BLOODSHOT DAWN
Colony Club, Brescia, 27/01/2013
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]