Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Ayreon
Electric Castle Live and Other Tales
Demo

Morningviews
You Are Not the Places You Live In
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

27/05/20
HELIKON
Myth & Legend

29/05/20
DEF LEPPARD
London to Vegas

29/05/20
XIBALBA
Anos En Infierno

29/05/20
SORCERER
Lamenting Of The Innocent

29/05/20
PARALYSIS
Mob Justice

29/05/20
OUR POND
Paraphernalia

29/05/20
BEHEMOTH
A Forest (EP)

29/05/20
MORBID ANGELS
Altars of Madness – Ultimate Edition

29/05/20
VIOLENT HAMMER
Riders of the Wasteland

29/05/20
GRAVE DIGGER
Fields Of Blood

CONCERTI

29/05/20
RAIN + GUESTS (ANNULLATO)
BLACK DEVILS SPRING PARTY - S. GIOVANNI IN PERSICETO (BO)

29/05/20
NECRODEATH (ANNULLATO)
LEGEND CLUB - MILANO

30/05/20
MARK LANEGAN BAND (ANNULLATO)
TEATRO MANZONI - BOLOGNA

09/06/20
PERIPHERY (ANNULLATO)
ORION - CIAMPINO (ROMA)

10/06/20
IN.FEST
CIRCOLO MAGNOLIA - MILANO

12/06/20
SYSTEM OF A DOWN + KORN + GUESTS TBA (SOSPESO)
I-DAYS - AREA EXPO - MILANO

12/06/20
GUNS N` ROSES + GUESTS TBA (ANNULLATO)
FIRENZE ROCKS - VISARNO ARENA (FIRENZE)

13/06/20
AEROSMITH + GUESTS (SOSPESO)
I-DAYS - AREA EXPO - MILANO

16/06/20
STEEL PANTHER + THE WILD (SOSPESO)
ALCATRAZ - MILANO

16/06/20
DEATHLESS LEGACY
CRAZY BULL - GENOVA

Crowdance - New World Order
( 942 letture )
Qui nei bassifondi non arriva mai la luce del sole, è perennemente buio. Si vive fra le macerie e quello che rimane della vecchia città, che oramai è diventata una gigante metropoli. Il gigantesco piatto che la ospita è sopra le nostre teste, sostenuto dai numerosi pilastri e da otto grandi reattori energetici. Le nuove tecnologie stanno lentamente sfuggendo di mano all'uomo che le ha create: non solo la costruzione della nuova città ci ha portato via la luce del sole, ma ora i reattori che alimentano ogni cosa stanno prosciugando la terra della sua linfa vitale, distruggendo tutta l'area circostante, che si è trasformata in una landa povera, secca e sterile. Distruzione, fumo, inquinamento e buio perenne: questo è il costo da pagare per volere andare sempre oltre. Sviluppo energetico e tecnologico in cambio della vita del nostro pianeta.

La città di Midgar, dopo il primo ascolto di New World Order, è la prima cosa che mi viene in mente, perché descrive alla perfezione le sensazioni e le immagini che ho provato in questo breve lasso di tempo. L'ultimo promo dei Crowdance, che preannuncia l'uscita del loro full length verso la fine dell'anno corrente, è un vero fulmine a ciel sereno. Il metal moderno proposto dal gruppo greco contiene numerosissime influenze che rimandano proprio alla grande metropoli che ospita l'inizio degli accadimenti di Final Fantasy VII. Il titolo chiamato in questione è un videogioco (o meglio, un'opera d'arte) prodotto nel 1997 per Playstation, che spiccò per l'ambientazione innovativa, la storia coinvolgente e ricca di personaggi dalla complessa psicologia, e la colonna sonora a dir poco miracolosa. Le atmosfere cupe e pesanti del gothic, il predominante uso di effetti elettronici e i campionamenti elaborati, tipici delle sonorità dell'industrial, plasmano perfettamente nella nostra testa l'idea di un futuro distopico e dalle connotazioni tipicamente steampunk.
La Midgar comandata dal regime militare, e dalla Shinra (compagnia che detiene tutta l'energia della metropoli), rimanda facilmente alla lettura fantascientifica del novecento e, guarda caso, il gruppo per New World Order si è ispirato a un titolo noto: Brave New World di Aldous Huxley.

Il viaggio nel mondo totalitarista inizia con Awakening, brano dalla complessa struttura e dalle sonorità decisamente elettroniche e vicine all'industrial. L'utilizzo degli effetti digitali è ineccepibile, curato nel dettaglio e non stona mai, arricchendo meravigliosamente tutta la canzone. L'utilizzo della doppia voce e del doppio registro rende le linee vocali originali e molto scorrevoli, incitandoci a riascoltare il brano numerose volte per cogliere ogni sfumatura. Dopo questo pezzo, che può essere tranquillamente definito il manifesto del gruppo, l'aria rimane pesante e oscura con New World Order, title track del disco. La voce disperata di Alex Seretis domina sopra una sezione ritmica molto pesante. Le atmosfere affini al gothic nella seconda parte della canzone sfociano in delle ritmiche più rabbiose e serrate, che rimandano a un incrocio tra il thrash dei Megadeth di United Abomination ed il core dei Protest the Hero di Kezia. Il mix che ne viene fuori risulta in un guitar work superbo. Finita l'enorme spinta della precedente traccia, il promo viene chiuso da Cemetery of Souls, che lascia spazio a un mid tempo decisamente più maligno ed emotivo. Il brano è un completo alternarsi di elementi contrastanti: voce pulita e growl, arpeggi prima cristallini e poi distorti, momenti che provocano una sensazione di tristezza e successivamente trasmettono una forte rabbia. Il tutto si chiude perfettamente con un melodico assolo di chitarra, che tocca il cuore in un momento, e funge da sfogo del pathos che la canzone crea nel corso dei lunghi e mai stancanti otto minuti.

Nonostante la mescolanza di generi, che potrebbe rischiare di portare al caos, la produzione del disco è di ottimo livello e non si ha mai quella sensazione di disordine nella quale a volte ci si imbatte ascoltando un disco dalle influenze industrial. Il grande dramma dell'album risiede nella sua longevità: 20 minuti di musica son veramente pochissimi, tuttavia è noto che i promo servano a stuzzicare l'appetito degli ascoltatori in attesa di ulteriore materiale. New World Order è come una succulenta bistecca lanciata in una gabbia di leoni affamati e non fa altro che aumentare la curiosità e l'attesa per il full length. Se amate le atmosfere cupe e fantascientifiche, che siano tratte dalle pagine di Huxley e Orwell o dalle trame videoludiche di Final Fantasy VII, ascoltate questo magnifico promo alla svelta. Nonostante la scarsa longevità del disco, che dovrebbe comportare una sospensione del giudizio, questi ragazzi ci hanno dato un assaggio di qualcosa che non può non essere premiato e incoraggiato. Breve sì, ma molto intenso.



VOTO RECENSORE
82
VOTO LETTORI
78.5 su 2 voti [ VOTA]
Michele "Axoras"
Domenica 24 Maggio 2020, 12.46.23
4
@McCallon: Anche a me era piaciuto tuttavia niente più notizie
McCallon
Sabato 23 Maggio 2020, 23.20.10
3
Di questi ragazzi non si è più saputo nulla? Il disco a me era piaciuto molto.
Michele "Axoras"
Sabato 12 Luglio 2014, 9.39.40
2
Ciao Enomis ! Credo che non ci possa essere un gruppo migliore per decidere di fare un EP, o anche un full length, su FF VII. Felice che la recensione ti abbia incuriosito, ci ho messo molto del mio ! Quando avrai sentito "New Wolrd Order" ti invito a farmi sapere (se ti va ovviamente) che ne pensi qui nei commenti, mi farebbe piacere ! A presto !
Enomis
Sabato 12 Luglio 2014, 8.50.17
1
Quando ho letto "piatto" seguito a breve da "reattori energetici" pensavo fosse proprio un EP basato su FFVII! Poi ho letto anche dell'influenza del Brave New World (non dei Maiden ) e ho subito deciso di recuperare questo disco!
INFORMAZIONI
2014
Autoprodotto
Inclassificabile
Tracklist
1. Awakening
2. New World Order
3. Cemetery of Souls
Line Up
Alex Seretis (Voce)
Vasilis Pappas (Chitarra)
Marios Giotakis (Tastiera, Synth)
Panos Lagdas (Effetti Elettronci)
Nick Vonifatios Armenopoulos (Basso)
Alex Fyraridis (Batteria)
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]