Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Ayreon
Electric Castle Live and Other Tales
Demo

Morningviews
You Are Not the Places You Live In
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

25/05/20
SINISTER DOWNFALL
A Dark Shining Light

25/05/20
TILL DIE
Ruthless

27/05/20
HELIKON
Myth & Legend

29/05/20
CENTINEX
Death In Pieces

29/05/20
GRAVE DIGGER
Fields Of Blood

29/05/20
PALAYE ROYALE
The Bastards

29/05/20
BEHEMOTH
A Forest (EP)

29/05/20
SORCERER
Lamenting Of The Innocent

29/05/20
PARALYSIS
Mob Justice

29/05/20
XIBALBA
Anos En Infierno

CONCERTI

29/05/20
RAIN + GUESTS (ANNULLATO)
BLACK DEVILS SPRING PARTY - S. GIOVANNI IN PERSICETO (BO)

29/05/20
NECRODEATH (ANNULLATO)
LEGEND CLUB - MILANO

30/05/20
MARK LANEGAN BAND (ANNULLATO)
TEATRO MANZONI - BOLOGNA

09/06/20
PERIPHERY (ANNULLATO)
ORION - CIAMPINO (ROMA)

10/06/20
IN.FEST
CIRCOLO MAGNOLIA - MILANO

12/06/20
SYSTEM OF A DOWN + KORN + GUESTS TBA (SOSPESO)
I-DAYS - AREA EXPO - MILANO

12/06/20
GUNS N` ROSES + GUESTS TBA (ANNULLATO)
FIRENZE ROCKS - VISARNO ARENA (FIRENZE)

13/06/20
AEROSMITH + GUESTS (SOSPESO)
I-DAYS - AREA EXPO - MILANO

16/06/20
STEEL PANTHER + THE WILD (SOSPESO)
ALCATRAZ - MILANO

16/06/20
DEATHLESS LEGACY
CRAZY BULL - GENOVA

Candiria - 300 Percent Density
( 1262 letture )
New York è una città unica, complessa e sorprendente; un tessuto urbano dai mille volti, in continuo mutamento, che accoglie storie ed espressioni di ogni genere. Pilastri di acciaio fendono il cielo, strade fumose, luci ed ombre, successi e ferite serpeggiano tra le migliaia e migliaia di storie che animano questa incredibile città.
E’ l'essenza pura di questa metropoli, così ricca di sfaccettature, che si assapora nell'eclettica proposta musicale dei Candiria, la band di Brooklyn per la quale la semplice definizione di hardcore o mathcore non può essere sufficiente. I Candiria sono molto di più...

Formati nel 1992 i Candiria hanno subito cercato di sviluppare una proposta particolare e insolita, grazie anche al talento di Carley Coma, membro fondatore della band, in grado di dare al gruppo caratteristiche tanto peculiari.
300 Percent Density, anno 2001, sicuramente uno dei migliori della loro discografia, fonde le diverse anime e sfaccettature della band in un mix complicato e sorprendente, una sorta di "urban fusion" come i Candiria stessi amano definirlo, all'interno del quale ci sono le strade di New York e la sua gente, le sue storie, una cultura multietnica e multisfaccettata che si incontra e trova sfogo in una release singolare e unica.
Il primo brano, omonimo, stupisce e travolge con la sua varietà di ritmi e registri: sound cupo, groove acido, continui e assurdi cambi di tempo, le urla disperate di Carley Coma, riff che sono pugni e intermezzi che sono blande carezze. Tutto questo dà significato alle parole "crossover americano", mostrandone anche una delle migliori rappresentazioni.
Ogni brano dell'album ha caratteristiche diverse, tenendo come comune denominatore i riff estremamente pesanti di John Lamacchia, ai quali si uniscono in un caleidoscopio di colori strumenti diversi, ritmi diversi, anzi, generi musicali differenti dalle radici lontanissime e distanti. E’ così che Sign of Discontent, il secondo brano, si snoda attraverso un riff di chitarra torbida e opprimente, imponendo un ritmo al quale solo la batteria disobbedisce e questo disaccordo non poteva che sfociare in una chiusura puramente jazz, una intrusione, uno zapping frenetico che stupisce ed alimenta continua curiosità.

I cambi di direzione nella proposta dei Candiria sono una necessità, non tanto per una volontà di sorprendere o sperimentare. Sembrano piuttosto la risultante di persone che hanno respirato e che si sono nutrite di culture, espressioni, colori diversi. Questa varietà è stata assorbita, assimilata e si esprime musicalmente in tante forme diverse, passando dal jazz fusion all'hip pop, dal rap al metalcore, al progressive, senza mai creare fratture o ferite. Ne è un esempio la quinta traccia, Constant Velocity is as Natural as Being at Rest, in cui di costante c'è solo il mutamento e la follia. E dopo essere stati travolti da questo brano non si può che farsi coinvolgere dal rap oscuro e torvo di Words From the Lexicon che corre sui binari di un treno diretto verso quartieri infimi e degradati.

300 Percent Density va ascoltato per intero, con attenzione e senza pregiudizi, lasciandosi avvolgere dalle sue atmosfere dense e fumose. Perché ascoltare i Candiria è come fare una passeggiata per le strade di New York, in un viaggio affascinante per conoscerne profondamente la sua anima.



VOTO RECENSORE
80
VOTO LETTORI
55.72 su 11 voti [ VOTA]
Silvio Berlusconi
Sabato 28 Marzo 2020, 18.41.48
4
Crossover molto particolare,non facile da assimilare ma senza dubbio affascinante
entropy
Giovedì 24 Luglio 2014, 14.20.21
3
ho riascoltato l'album ieri, spinto dalla recensione. Premetto che non sono un amante del genere (se di genere si può palrare... crossover? new metal? ) , ma devo riconoscere che l'album (cosniderati anche i tempi ) era abbastanza orginale. per me però non vale più di 65/70
Nu Metal Head
Sabato 19 Luglio 2014, 13.34.30
2
ah ah ah, ricordo con piacere che "signs of discontent" faceva parte del sampler della rivista rock sound, il primo numero che comprai, settembre 2001... e fu logicamente una delle canzoni che mi colpirono di più di quel dischetto (tra le altre c'erano prison song dei system of a down e if you still hate me degli ill nino... che tempi!)
Malleus
Sabato 19 Luglio 2014, 10.57.51
1
E' un sacco di tempo che aspettavo la recensione di questo discone, io sarei stato sull'85, ma va bene lo stesso. Davvero un lavoro impressionante.
INFORMAZIONI
2001
Century Media Records
Crossover
Tracklist
1. 300 Percent Density
2. Signs of Discontent
3. Without Water
4. Mass
5. Constant Velocity is as Natural as Being at Rest
6. Words From The Lexicon
7. Channeling Elements
8. Advancing Positions
9. The Obvious Destination
10. Contents Under Pressure
11. Opposing Meter
Line Up
Carley Coma (Voce)
Eric Matthews (Chitarra)
John Lamacchia (Chitarra)
Michael Maclvor (Basso)
Kenneth Schalk (Batteria)
 
RECENSIONI
73
80
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]