Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Eyehategod
A History of Nomadic Behavior
Demo

Sunnata
Burning in Heaven, Melting on Earth
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

13/04/21
ABIGORUM
Vergessene Stille

14/04/21
GRAVEYARD OF SOULS
Infinity Equal Zero

16/04/21
HOLDING ABSENCE
The Greatest Mistake Of My Life

16/04/21
ENDSEEKER
Mount Carcass

16/04/21
ICON OF SIN (BRA)
Icon of Sin

16/04/21
TEMPLE BALLS
Pyromide

16/04/21
SPECTRAL WOUND
A Diabolic Thirst

16/04/21
CANNIBAL CORPSE
Violence Unimagined

16/04/21
THE VINTAGE CARAVAN
Monuments

16/04/21
BLACK ORCHID EMPIRE
Live in the Studio (EP)

CONCERTI

16/04/21
LOUDNESS + GREY ATTACK + THOLA
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

17/04/21
AXEL RUDI PELL
DRUSO - RANICA (BG)

05/05/21
SONS OF APOLLO (ANNULLATO)
LIVE CLUB - TREZZO SULL'ADDA (MI)

07/05/21
TANKARD + GAME OVER + REVERBER
REVOLVER CLUB - SAN DONA' DI PIAVE (VE)

08/05/21
TANKARD + GAME OVER + REVERBER
CAMPUS MUSIC INDUSTRY - PARMA

09/05/21
TANKARD + GAME OVER + REVERBER
TRAFFIC CLUB - ROMA

10/05/21
CORROSION OF CONFORMITY + SPIRIT ADRIFT
LEGEND CLUB - MILANO

11/05/21
DEATHSTARS
LARGO VENUE - ROMA

12/05/21
DEATHSTARS
LEGEND CLUB - MILANO

14/05/21
DISCHARGE + GUESTS TBA
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

Bongzilla - Gateway
( 2212 letture )
Scossa tellurica - Thc - destabilizzante forza primordiale.
Volendo si potrebbe chiudere qui, schiaffando un bel voto a fondo pagina e raccomandandovi di tenere ben alto il volume del vostro stereo: i punti cardine ci sono tutti, con pochissime parole la descrizione dei cinquanta minuti di questo lavoro non potrebbe essere più veritiera.
Sarebbe però una profonda ingiustizia nei vostri confronti - e prima ancora nei miei - privarvi di una degna (nelle intenzioni) disamina su questa piccola perla di sludge bollente e radioattivo.
Gateway è il terzo album dei Bongzilla, band statunitense formatasi nei primi anni '90 a Madison, nel Wisconsin e da sempre dedita al culto del green power, ed è una bomba pronta ad esplodere, come un diamante grezzo ed imperfetto che vi consegnerà le chiavi dell'inferno sorridendovi arcigno.

Gli otto brani contenuti in Gateway sono composti da riff lenti e cupi ripetuti fino alla nausea, intervallati da momentanee esplosioni di ferocia inaudita ed ignorante; la distorsione è marcatissima, il basso e la chitarra creano un vero e proprio muro melmoso di note deflagranti capaci di scuotere le fondamenta dell'universo. Continui cambi di tempo, nevrotici sali-scendi emotivi, sezioni strumentali monolitiche e statuarie, groove essenziali quanto devastanti: se questo è cio che cercate, avete trovato il Nirvana.
Per lasciarsi rapire bastano i primi minuti dell'opener Greenthumb, liturgico preambolo a ciò che verrà: il riff portante è un vero e proprio cazzotto nello stomaco, primitivo e lisergico; Muleboy, voce e chitarra ritmica dell'act a stelle e strisce, entra in scena poco dopo, interpretando con veemenza un testo apocalittico. Qui non c'è traccia di sterile tecnica vocale o di superflui orpelli, un lamento mefistofelico appena sussurrato prende infatti forma, quasi del tutto coperto dalla mole sonora sprigionata dagli strumenti; è giusto così, le parole sono quasi superflue, quello che conta sono gli amplificatori roventi e le titaniche mazzate del batterista sulle pelli, Magma, forse il membro più tecnicamente preparato dei quattro.
Stone a Pig, Sunnshine Green, 666 lb. Bong Session, la titletrack, Hash Dealer, titoli che sono una vera e propria dichiarazione d'intenti senza nessuna volontà di scendere compromessi, è difficile scegliere il pezzo migliore. L'album va ascoltato nella sua interezza, tutto d'un fiato: non farlo pregiudicherebbe il verificarsi del malato stato di follia nel quale ci si deve ritrovare a fine esperienza. I brani dell'opera sono spesso arricchiti da voci registrate non meglio decifrabili, suoni riconducibili a bong e amenità varie, colpi di tosse, imprecazioni e quant'altro, contribuendo a creare quel putridume che zampilla da ogni nota.
Menzione particolare inoltre per la copertina, perfetto ritratto introduttivo ed esemplificativo di ciò di cui ci si appresta a godere, che ricorda, oltretutto, quella dei doomster Electric Wizard con il loro Dopethrone.

Mi sono già dilungato abbastanza, le parole perdono consistenza dinnanzi alla fumosa atmosfera sprigionata dal disco: Gateway è infatti un lavoro da avere a tutti i costi, così come i Bongzilla rappresentano un nome imprescindibile per ogni cultore di queste particolari sonorità.



VOTO RECENSORE
83
VOTO LETTORI
74 su 4 voti [ VOTA]
d.r.i.
Giovedì 24 Luglio 2014, 10.47.02
15
Sarà ma sul loro bandcamp sludge è messo prima di stoner e i tag non sono in ordine alfabetico. Non era una polemica ma una precisazione
Ad astra
Giovedì 24 Luglio 2014, 10.44.14
14
Ovvio che delle etichette ci sono. Ma nei sotto generi spesso si amalgamano.. Uno sludge non sarà mai Black e power mai thrash ... Ma differenze tra un techical desth e un Death classico sono a volte troppo forzate...spesso e volentieri tenere dei macrogeneri é una cosa giusta...poi Tiziano piuttosto che andar sempre controcorrente per proponi le tue idee...sarebbero gradite nessuno ha la verità come sempre...
Greatest_tiz
Giovedì 24 Luglio 2014, 10.27.54
13
*neppure voi sapere...
Greatest_tiz
Giovedì 24 Luglio 2014, 10.26.38
12
Qui come un po' ovunque spopola questa filosofia del "non voler etichettare" come dimostrazione di grande apertura mentale e tutto finisce per sprofondare in un grande minestrone dal quale neppure io sapete come uscire. Per me mettere dei paletti tra i generi è un bene.
Ad astra
Giovedì 24 Luglio 2014, 10.12.18
11
@steeleminded sludge é una derivazione dell'hardcore con tratti doom ma non necessariamente lento(crowbar di solito han il tipico suono sludge) lo Stoner deriva dal doom..dunque più metal che hardcore e ha testi di norma più psichedelici (kyuss mi vien da dire) ... Poi ci sono gruppi che fondono il tutto... Il volerli unire come,grande macrosettore é un errore dovuto a chi non sa trovare le,differenze,in musica. Stupido poi é classificare giornalisticamete tutto ma lo si fa più che altro per aiutare chi non sa attribuire suoni...non é un male sia chiaro....
Er Trucido
Giovedì 24 Luglio 2014, 9.57.46
10
se tu questo lo chiami discutere di un disco...
Greatest_tiz
Giovedì 24 Luglio 2014, 9.39.57
9
Doom/Stoner con voce scream, lo Sludge lasciamolo ad altri gruppi. Che sia scritto sulla Bibbia o su Encyclopaedia Metallum non vuol dire che sia vero perché anche là ci sono parecchi errori. Comunque siete la dimostrazione che qui per discutere di un disco bisogna per forza offendere.
Steelminded
Giovedì 24 Luglio 2014, 8.52.07
8
si io non mai capito cosa sia lo sludge, cos'è uno stoner più pesante?
d.r.i.
Giovedì 24 Luglio 2014, 8.47.36
7
Dalla 'bibbia' Genre: Sludge/Doom/Stoner Metal
Lizard
Giovedì 24 Luglio 2014, 8.35.35
6
"Se possibile". Più che una volontà è un limite tecnico. D'altra parte se ritieni che questa piccolezza (alla fine ovunque sono definiti stoner/sludge) giustifichi il ricorso ad offese così gravi, forse dovresti valutare la tua di condizione umana.
Greatest_tiz
Giovedì 24 Luglio 2014, 7.23.24
5
Alla fine avete tenuto "Sludge". Che miserabili...
Greatest_tiz
Sabato 19 Luglio 2014, 15.18.17
4
@Oh none is Moe: Se questo è Sludge io sono Napoleone. Lo Stoner ha varie sfaccettature mica suonano tutti uguali.
Oh none is Moe
Sabato 19 Luglio 2014, 15.00.57
3
Beh se non è sludge questo... O negli anni è cambiata la definizione di sludge e stoner? Se questo è stoner, i kyuss, unida, monster magnet, orange goblin, naevus ecc... cosa sono? Non avete niente da correggere. Questo è SLUDGE. Un capolavoro sludge. Punto.
Lizard
Sabato 19 Luglio 2014, 10.58.29
2
Hai ragione Tiziano, l'errore è stato mio in fase di inserimento, chiedo scusa a Manuel che aveva in realtà indicato stoner. Correggeremo al più presto, se possibile.
Greatest_tiz
Sabato 19 Luglio 2014, 10.17.44
1
SLUDGE?! Ma per carità....
INFORMAZIONI
2002
Relapse Records
Sludge
Tracklist
1. Greenthumb
2. Stone a Pig
3. Sunnshine Green
4. 666lb. Bongsession
5. Trinity [Gigglebush]
6. Gateway
7. Keefmaster
8. Hashdealer
Line Up
Muleboy (Voce, Chitarra)
Spanky (Chitarra)
Cooter Brown (Basso)
Magma (Batteria)
 
RECENSIONI
90
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]