Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Long Distance Calling
How Do We Want to Live?
Demo

Mordred
Volition
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

22/09/20
OSSUARY ANEX
Obscurantism Apogee

23/09/20
MYSTHICON
Silva-Oculis-Corvi

25/09/20
SKALMOLD
10 Year Anniversary - Live in Reykjavik

25/09/20
LONEWOLF
Division Hades

25/09/20
VOUS AUTRES
Sel de Pierre

25/09/20
KATAKLYSM
Unconquered

25/09/20
ANNA VON HAUSSWOLFF
All Thoughts Fly

25/09/20
BLOODRED
The Raven/s Shadow

25/09/20
MORTA SKULD
Suffer for Nothing

25/09/20
OBSIDIAN KINGDOM
Meat Machine

CONCERTI

23/09/20
STEVEN WILSON (ANNULLATO)
MEDIOLANUM FORUM - ASSAGO (MI)

26/09/20
STAY STEEL FEST
SKULLS CLUB - SERRAVALLE (SAN MARINO)

27/09/20
VISIONS OF ATLANTIS + YE BANISHED PRIVATEERS + AD INFINITUM
LEGEND CLUB - MILANO

29/09/20
WITHIN TEMPTATION + EVANESCENCE
MEDIOLANUM FORUM - ASSAGO (MI)

03/10/20
PAGAN FEST
LAGHI MARGONARA - GONZAGA (MN)

03/10/20
SKELETOON
LEGEND CLUB - MILANO

08/10/20
HOUR OF PENANCE + GUEST TBA
TRAFFIC CLUB - ROMA

08/10/20
VAN DER GRAAF GENERATOR
TEATRO CELEBRAZIONI - BOLOGNA

09/10/20
VAN DER GRAAF GENERATOR
GRAN TEATRO GEOX - PADOVA

09/10/20
ESOTERIC + NAGA + (ECHO) (ANNULLATO)
TRAFFIC CLUB - ROMA

Marduk - Nightwing
( 5056 letture )
Ah, i Marduk: che mondo black sarebbe senza di loro? Sulle scene dal lontano 1990, i nostri cari svedesi si sono da subito imposti per la violenza, la sofferenza, la velocità e l'odio riversato lungo i vari dischi prodotti negli anni.
Partiti con il lugubre e malefico Dark Endless, i Marduk hanno poi sfornato altri capolavori totalmente devoti alla Nera Fiamma del black metal, fiamma che arde ben sorretta dai tempi incessanti e dall'oscurità di questo formidabile act; basta pensare al pesantissimo e velocissimo -oltre che annichilente ovviamente- Panzer Division Marduk, al suo successivo La Grande Danse Macabre, i quali formano con il qui presente Nightwing la trilogia mardukiana a proposito di... sangue, guerra e morte ovviamente!
Se il primo è riservato alla guerra ed il secondo è l'inno alla Nera Mietritrice, il disco di cui parliamo oggi è il prescelto per colpirci a morte e risucchiarci il sangue tramite i suoi aguzzi canini da vampiro.

L'immagine non è presa a caso, dato che Nightwing si schiude in due entità ben distinte: la prima, dall'intro fino alla titletrack, è un chiaro assalto in pieno stile Marduk, dove la furia cieca dei musicisti svedesi si fa potente ed inarrestabile, mentre dalla traccia seguente i nostri ci trasportano nelle terre del sanguinario Vlad III, figlio di Vlad II Dracul, noto ai posteri per la ferocia e l'ardore con i quali tentò di respingere le truppe ottomane, e per il suo macabro gusto per la tortura: il suo metodo preferito è ben descritto nella traccia Kaziklu Bey (The Lord Impaler), che poco spazio lascia all'immaginazione.

Dopo l'apertura affidata alla rumorosità estraniante di Preludium, si parte a mille con Bloodtide (XXX), colma di blasfemia ed inni a Satana, come da tradizione. La batteria incessante, il basso potente, il riffing acido e sinistro ed il vocione di Legion sono più che un marchio di fabbrica, per la gioia delle nostre orecchie. Of Hells Fire non cambia di una virgola, inizio irrefrenabile, martellante e crudele, e chitarre familiari, tanto che non si può non ascoltare il successivo capolavoro e non sentire dei piccoli echi e rimandi alla “melodia” delle sei corde. Niente pause o rallentamenti, si chiude la traccia e si continua con Slay the Nazarene, inno al dolore, alla morte ed al sangue dei nemici; la velocità è una costante, rabbia e violenza anche, per l'ennesimo attacco sonoro targato Marduk. Così giungiamo allo spartiacque, a Nightwing, titolo da cui prende nome l'album, e forse non a caso: la partenza è stavolta lenta, ma pesante, a creare la giusta atmosfera per il successivo marasma. Ma nemmeno due minuti ed arriva il gelo, un riff che viene proiettato direttamente dalle ghiacciate lande del nord, una semplice ma indomabile valanga travolgente, che contribuisce a rallentare brevemente i ritmi, ma non per questo diminuisce la cruenta sete di sangue dei Marduk, anzi, è proprio da qui, dopo questo incredibile stordimento, che non si può più opporre resistenza. Sì, perché con Dreams of Blood and Iron comincia la nostra discesa verso la fine, e cominciamo a seguire la scia mortifera del principe Vlad: ci trasciniamo lentamente ed esanimi verso un destino annunciato, la velocità lascia il posto a ritmiche più lente, ma sempre più minacciose e stordenti, il basso fa (finalmente) più mostra di sé, e tutti i musicisti creano un unicuum atmosferico dal quale è impossibile sfuggire. Dracole Wayda è un viaggio di sola andata diretto verso la Transilvania, a cospetto del punitore di infedeli, colui che allontana gli Ottomani con la sua spada, al fianco di Satana in persona, il temibile Vlad Tepes. Ancora più che nella canzone precedente, sono le chitarre a donarci il clima di terrore e paura che aleggia in Europa dopo la caduta di Costantinopoli, e dopo la conoscenza dell'impavido Vlad, accompagnate dallo scream mai domo, e dalla sezione ritmica che, come le lasagne della nonna, è pura libidine per ogni adepto dei Marduk, una sicurezza irrinunciabile.
In Kaziklu Bey (The Lord Impaler) è il terrore che prende forma, la salvezza è impensabile davanti ad un uomo che “lascia solo cenere, una foresta di uomini impalati, recanti nomi turchi” e la domanda sorge da sé, “cosa possiamo fare contro un uomo del genere”?. La chitarra è una spada che trafigge, sola e funesta, con ira e furore demoniaci, seguita poi da uno stuolo di lame che non lasciano nulla dei nostri corpi sulla terra: la batteria non conosce sosta, perché come Vlad, è impossibile fermare una cosa del genere.
Ma, se Vlad viene fermato dal tradimento di chi considerava alleati, la mattanza dei
Marduk non conosce sosta, riversando tutta la loro rabbia per l'imbroglio dei cristiani nella riproposizione di Deme Quaden Thyrane, già inclusa in Opus Nocturne: ritmi lenti, colmi di livore e malinconia, che si sprigionano nella solita micidiale violenza mardukiana, fatta di velocità e terrore. La marcia funebre e funesta di Anno Domini 1476 è un inno alla morte del principe Vlad, ed un memento alla sua sete di sangue, e chiude in maniera degna un album dove il sangue è stato celebrato al meglio dalla band svedese.
Menzione particolare per la copertina del disco, orrorifica e ben rappresentante la doppia natura del disco; la produzione crea un sound ancora più oscuro e cinico, gelido e distante, oltre che dannatamente efficace nel tramutare in onde sinusoidali tutte le capacità ed i neri sentimenti dei Marduk.

Che dire di più di un disco forte, violento ed affascinante? I Marduk sanno come si fa black metal e, pur evolvendosi ad ogni album, hanno creato dischi di pura essenza black, tra cui Nightwing non fa eccezione; un lavoro da avere, sia per i fan dei Marduk, che per i fan del black metal, ma fate attenzione: la spada di Vlad Tepes ha ancora sete del vostro sangue!



VOTO RECENSORE
84
VOTO LETTORI
83.55 su 29 voti [ VOTA]
Diego
Venerdì 10 Aprile 2020, 0.55.54
30
Secondo me il loro lavoro migliore...pezzi stilisticamente vari, coinvolgenti e suoni perfetti.
lisablack
Mercoledì 1 Maggio 2019, 21.56.17
29
Ci puoi scommettere😀..a palla!!!
Aceshigh
Mercoledì 1 Maggio 2019, 20.04.38
28
Anche io lo preferisco (di non molto) a Panzer... che però rimane una prova di violenza non indifferente 🤗 Metti a palla Lisa!!!
lisablack
Mercoledì 1 Maggio 2019, 19.25.30
27
Stupendo..per me superiore al seguente( Panzer), comprato appena uscito, ma non l'ascolto da tanto..una ripassata ci vuole ! 😀
Aceshigh
Mercoledì 1 Maggio 2019, 19.17.01
26
Riascoltato oggi. Senz'altro uno dei punti massimi della loro discografia. Poco altro da aggiungere, la seconda parte è fantastica e Of Hells Fire e la title-track sono tra i loro pezzi che mi gasano di più. Voto 92
Ezio
Giovedì 21 Febbraio 2019, 14.28.09
25
Lo sto riascoltando in questi giorni, che mazzata nei denti, bellissimo il mio preferito insieme a panzer, voto 87
Andrea
Giovedì 28 Giugno 2018, 9.56.53
24
Insieme ad Opus Nocturne il loro migliore album
lisablack
Sabato 18 Marzo 2017, 19.03.16
23
Anche questo è una bomba di album! Violentissimo, basta ascoltare Slay the Nazarene, anch'io l'ho preso appena uscito, e ascoltato a non finire. Riguardo Panzer division..mm l'ho apprezzato, ma preferisco i primi dischi, secondo me sono superiori.
Morlock
Sabato 18 Marzo 2017, 18.13.36
22
Mamma mia che disco.....me lo copiò in cassetta all'epoca appena uscito un mio amico....amore al primo ascolto...una violenza disumana dall'inizio alla fine.Per me rimane l'apice della loro carriera...la svolta da Panzerfaust in poi salvo qualche songs non mi è calta...non ne parliamo il cambio di singer...
black
Lunedì 15 Febbraio 2016, 22.03.11
21
al colony a Brescia Mortus era seduto vicino al divanetto dov ero seduto, manco mi ero accorto che era lui! cmq poi gentissimo ha fatto foto con noi, tuttavia preferisco sempre Legion!!grande album uno tra i miei preferiti loro! la title track e Kaziklu Bey (The Lord Impaler) mostruose
kroky78
Venerdì 25 Luglio 2014, 22.44.52
20
Ho visto i Marduk live per la prima volta ad un edizione dell' X-Mass, o come si chiamava, al Palacquatica di Milano, era il 2000 o giù di li. Dopo il live Legion restò almeno mezz' ora nel piazzale di fianco al palco a fare foto e autografi ai fan, diversamente da Mortuus che i fan li scaraventa giù dal palco... Come si dice dalle mie parti Mortuus deve mangiarne di polenta per arrivare ai livelli di Legion!
Northern
Venerdì 25 Luglio 2014, 1.07.00
19
Beh,Legion aveva un comportamento da rockstar (live a parigi del 2003).Con Mortuus secondo me sono diventati una band molto più seria
legion666
Giovedì 24 Luglio 2014, 19.47.38
18
@doomale: scusa , ho letto un po' di fretta i commenti e non avevo visto il riferimento...comunque, secondo me i Marduk senza Legion hanno perso molto...pensa che ad un loro concerto a Bologna , a metà sono uscito ..non potevo più sopportare Mortuus , la sua voce ubriaca ed il continuo bagnarsi i capelli per fare il figo...Legion the original " Mouth of Satan"! (vedi booklet HSBWWAG")...
doomale
Mercoledì 23 Luglio 2014, 23.45.32
17
@Ad astra...sono perfettamente in linea con te....non sono dei cattivi album!!Ma con questi perdono il confronto....mi hai letto nel pensiero...ahhhhh
Ad Astra
Mercoledì 23 Luglio 2014, 21.01.25
16
ci mettiamo la dance macabre, world funeral come due altalenanti... che ne dici doomdale? non cattivi ma solo leggermente inferiori...
doomale
Mercoledì 23 Luglio 2014, 20.40.02
15
Te lo nomino io " Heaven shall burn"...un massacro totale con un lotto di brani assolutamente raggelanti e violenti..tutti dei potenziali classici..Beyond the grace of god, Infernal eternal, the black tormentor of Satan, Dracul va domni.....L'ho gia detto in un mio cpmmentp sotto..i Marduk sono uno dei pochi gruppi che hanno mantenuto un intensita nei loro album come nessun altro! Forse solo in un album di meta carriera hanno un po' toppato.
legion666
Mercoledì 23 Luglio 2014, 20.10.13
14
beh, nessuno nomina "Heaven shall burn when...."??!!in accoppiata con questo Nightwing è l'inno per sentirsi il "Devil Inside"....95/100!
kroky78
Martedì 22 Luglio 2014, 21.25.18
13
Album assolutamente eccezionale, con i due capitoli, il primo e più ferale ed il secondo, più ragionato, solenne, ma non meno devastante, che si completano a vicenda. Cosa dire di più di questo disco? Che 84 gli sta decisamente stretto, almeno 10/100 di più!
Ad astra
Martedì 22 Luglio 2014, 13.39.39
12
Mi ricordo. Che lo comprai anni anni fa... annichilito dalle tracce. La sola slay the nazarene vale il prezzo del biglietto... Ora che l'ho rivenduto me ne pento... Spero di tornare in possesso a breve anche se devo ammettere che per il sottoscritto...mortuus vale dieci legion come cantante...bravo enry!!!!!
Northern
Domenica 20 Luglio 2014, 19.52.09
11
Anche se Kaziklu Bey mi sembra un po' la copia di De Mysteriis Dom. Sathanas
Northern
Domenica 20 Luglio 2014, 1.31.48
10
Era un periodo in cui ero moooolto arrabbiato col mondo. Il massimo (estremamente parlando) furono i Darkthrone. Comprai questo CD: fu amore a primo ascolto.Davvero,qui Legion e Morgan sfornano canzoni nere.
herr julius
Sabato 19 Luglio 2014, 22.18.36
9
Disco feroce e distruttivo, assolutamente spettacolare specie per l'alternanza fra parti tiratissime e parti lente e ossessive ma diversamente violente e estreme. Non per tutti
tino84
Sabato 19 Luglio 2014, 16.35.50
8
ehilà glen, grazie ecco cosa succede a dormire 5 ore al giorno io in realtà adoro panzer division, ma questo da dei brividi assurdi, mie preferite nightwing e la chitarra di kaziklu bey. per La Grande Danse Macabre (del quale ho il picture disc..), chissà...
Akira
Sabato 19 Luglio 2014, 16.25.06
7
Tino! sono glen del Tribe ^^ Bella rece! gran bel disco, niente da dire. I Marduk hanno fatto scuola, c'è poco da fare! Ora aspetto la recensione di La Grande Danse Macabre! PS: piccolo errore, hai scritto "furia ceca" lol
luca
Sabato 19 Luglio 2014, 14.18.18
6
Grande disco, anche se il meglio lo stanno dando ora grazie a mortus
lux chaos
Sabato 19 Luglio 2014, 12.04.22
5
Carino, per i miei gusti il meglio l'avevano già dato con quei capolavori di Those e Opus, ma questo comunque ha buoni pezzi, meglio del precedente e dei successivi
enry
Sabato 19 Luglio 2014, 11.59.43
4
Uno dei loro migliori, dei 12 pubblicati lo metterei fra i primi 5 senza esitazioni...80
tino84
Sabato 19 Luglio 2014, 10.35.57
3
hai ragione, ho corretto, grazie
manaroth85
Sabato 19 Luglio 2014, 10.34.59
2
disco capolavoro, voto 9 non un attimo di pausa!!grandi marduk ora attendiamo recensione di la grande danse macabre!!
doomale
Sabato 19 Luglio 2014, 10.29.06
1
E con questo i Marduk calano la cinquina! Penso che pochi altri gruppi abbiano mantenuto la loro intensita per 6 album di fila. Comunque tornando a questo e` veramente un ottimo album ...drems of blood and iron e` fantastica al pari di Dracul va di domni in transilvania del precedente heaven shall burns...Condivido pienamente la tua frase che mondo black sarebbe senza loro. Pero la partenza e` stata col mitico e grezzo Dark Endless! 85/100
INFORMAZIONI
1998
Osmose Productions
Black
Tracklist
1. Preludium
2. Bloodtide (XXX)
3. Of Hells Fire
4. Slay the Nazarene
5. Nightwing
6. Dreams of Blood and Iron
7. Dracole Wayda
8. Kaziklu Bey (The Lord Impaler)
9. Deme Quaden Thyrane
10. Anno Domini 1476
Line Up
Legion (Voce)
Morgan Steinmeyer Håkansson (Chitarra)
B. War (Basso)
Fredrik Andersson (Batteria)
 
RECENSIONI
85
78
75
80
80
68
85
84
83
90
90
79
ARTICOLI
14/05/2018
Live Report
MARDUK + RAGNAROK + INFERNAL WAR
Traffic Club, Roma, 09/05/2018
20/05/2016
Live Report
MARDUK + IMMOLATION + ORIGIN
Circolo Colony, Brescia, 17/05/2016
12/03/2015
Live Report
MARDUK + BELPHEGOR + ALTRI
Circolo Colony, Brescia, 07/03/15
19/12/2013
Live Report
MARDUK + GRAVE
Circolo Colony, Brescia, 14/12/2013
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]