Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Living Colour
Shade
Demo

In Vain (SPA)
IV
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

11/12/17
VEXOVOID
Call of The Starforger

14/12/17
HAMKA
Multiversal

15/12/17
DIRGE
Alma | Baltica

15/12/17
ASKING ALEXANDRIA
Asking Alexandria

15/12/17
OBSCURE BURIAL
Obscure Burial

15/12/17
L`ALBA DI NUOVO
L`Alba di Nuovo

15/12/17
NEIGE MORTE
Trinnt

15/12/17
MISTHERIA
Gemini

15/12/17
AVENGED SEVENFOLD
The Stage - deluxe edition

15/12/17
MIDNIGHT
Sweet Death and Ecstasy

CONCERTI

11/12/17
DISGORGE + NECRO + YAOTL MICTLAN
BLUE ROSE CLUB - BRESSO (MI)

11/12/17
MICHAEL ANGELO BATIO & BLACK HORNETS
BAD BULL - CUPRA MARITTIMA (AP)

12/12/17
NORTHLANE + ERRA + INVENT ANIMATE + OCEAN GROVE
LEGEND CLUB - MILANO

12/12/17
MICHAEL ANGELO BATIO & BLACK HORNETS
POCOLOCO - PAGANICA (AQ)

12/12/17
INGLORIOUS + DOBERMANN
SALUMERIA DELLA MUSICA - MILANO

14/12/17
GENUS ORDINIS DEI + GIGANTOMACHIA
TRAFFIC CLUB - ROMA

15/12/17
MOLLY HATCHET
BLOOM - MEZZAGO (MB)

15/12/17
SPEED STROKE + GUESTS
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

15/12/17
ELVENKING + ANCESTRAL
CIRCOLO COLONY - BRESCIA

15/12/17
IFMT WINTER FEST (day 1)
CENTRO GIOVANILE CA VAINA - IMOLA

Rory Gallagher - Calling Card
( 1700 letture )
La chitarra a oggi, specialmente nello sconfinato universo del rock, è probabilmente lo strumento che meglio ritrae un’immagine di musica. Assoli e accordi che si aprono in tutta la loro libertà di melodia, complessità d’intrecci e follia compositiva. Tra le innumerevoli divinità consacratesi nel Gotha delle sei corde, i nomi che si fanno finiscono per essere talmente abusati che appare necessario dedicare qualche parola in più a uno che alla porta di quel maledetto paradiso, almeno a livello di riconoscimento internazionale, sta ancora bussando: signore e signori, Rory Gallagher. Nome spesso oscurato su un muro di effigi splendenti. Chitarrista istrionico, cantante seducente e frequentemente, puntualmente dimenticato dalla lista di quelli bravi. Grave, imperdonabile errore. Animale da palcoscenico di cui spesso si ricordano solo le esibizioni dal vivo, Rory in studio ha in realtà partorito delle vere e proprie perle del blues-rock. Calling Card è tra queste.

Dopo successi come Deuce, Tattoo e Blueprint, Gallagher, ancora affiancato dagli ormai collaudatissimi Gerry McAvoy al basso, Lou Martin alle tastiere e Rod de’Ath alla batteria, la formazione che ha segnato il suo periodo d’oro, nel 1976 porta alle stampe l’ennesimo grande album. Calling Card si lancia immediatamente con il turbo: Do You Read Me propone un hard-blues al limite, con sonorità a volte quasi raggae. Lo stile rimane quello dei classici precedenti come A Million Miles Away, con strofe divertenti e ritornelli più quadrati con bei picchi di insieme. Grande risalto è dato alle tastiere di Lou Martin. In Country Mile la chitarra di Rory tiene un ritmo frenetico e subito il resto della band la segue dando vita a una cavalcata che lascia col fiatone, su cui vengono costruiti assoli di piano e chitarra. Il riff però a lungo andare risulta monotono, non si evolve mai e il pezzo non scoppia. Risultato, un rockabilly più veloce che non sa di molto. Ma il livello si risolleva immediatamente: Moonchild è uno dei pezzi migliori del disco e lo si capisce già dall’intro in puro stile hard rock. Le trame della chitarra fanno volare alto il brano fino a vedere distintamente il bambino della luna. Rory è ispiratissimo e il solo è bellissimo. Con Calling Card i toni tornano a placarsi con un mid-tempo blues che dà un po’ di respiro. Piano e basso sostengono il canto melodico di Rory, inframezzato con pezzi di chitarra letteralmente pizzicata. Bello anche l’intreccio finale di chitarra e piano. Con I'll Admit You're Gone, classica ballata country, le melodie delle corde e voce si fondono morbide, mentre lo slide corre sulle corde. In Secret Agent il nostro guitar hero torna a fare ciò che gli riesce meglio: l’hard blues duro e sporco. Il ritmo incalzante e i bei soli in stile Deep Purple esaltano il pezzo che si esprime con le tipiche sonorità dell’epoca. La sezione finale è una manna per chi porta i capelli lunghi e chi adora l’air guitar ci si può davvero sbizzarrire. In Jack-Knife Beat un plettro che accarezza corde stoppate e atone fa da intro a un atmosfera degna del miglior Santana. La chitarra, insieme a basso e piano, disegna una spiaggia di Copa Cabana su cui balla una donna che si dimena selvaggiamente. Un urlo qua e là rincara la dose di follia del brano. Con il numero 8, Edged in Blue si palesa una chitarra che tocca le corde più profonde del cuore, e poi arriva il cambio che non ti aspetti. Repentinamente il brano si sposta su ritmi freschi e quasi pop, ma poggiati su un song writing da sogno. Lou Martin si sbizzarrisce seguendo solerte il leader della band. Il solo finale è da urlo. Il disco si chiude con Barley & Grape Rag e un sonoro ritorno al country. Ritmi divertenti da feste popolari della Louisiana con la spiga tra i denti accompagnano per tutto il brano con Gallagher che si esibisce anche con la armonica. Chiudendo gli occhi ci si aspetta quasi di vedere ragazze dalla lunga sottana che saltano su grossi palchi in legno assieme a giovanotti con camicia, stivali e bretelle. Più che la chitarra, qui spicca l’armonica di Rory che chiude cantando di ciò che più gli piace: il whiskey.

Calling Card è un album incredibilmente vario, uno dei più eterogenei di Rory Gallagher. Non solo rock e blues, ma anche tanto country, sfiorando persino note di jazz. Ma è nell’hard rock che il chitarrista trova il suo punto forte. Qualità portata alle stelle anche grazie all’influenza di Roger Glover, bassista dei Deep Purple e coproduttore del disco. Proprio questa diversità di fondo contribuisce a scolpire anche questo lavoro tra le pietre miliari di Rory, angelo pazzo con la passione smodata per la chitarra, il suo paese e il distillato che gli fa da simbolo. E, a proposito di simboli, Rory, continua a bussare che prima o poi, in quel dannato e matto paradiso, qualcuno ti farà entrare.



VOTO RECENSORE
88
VOTO LETTORI
90.6 su 5 voti [ VOTA]
Rob Fleming
Domenica 7 Febbraio 2016, 16.09.43
4
Da qui in poi sino a Stegestruck Gallagher iniziò a pestare autenticamente duro. Una bomba. 83
Weston-super-Mare
Mercoledì 3 Settembre 2014, 15.06.23
3
Fra gli album in studio questo è sicuramente uno dei suoi migliori. Edged in Blue è un gioiello di rara bellezza
spiderman
Mercoledì 6 Agosto 2014, 19.05.22
2
Concordo con la recensione. Rory e' un grande semplicemente un grande,lo conoscono in pochi, e forse non sara' mai famoso come altri cantanti e chitarristi, ma la musica fenaomebale che ha sprigionato dalla sua chitarra e ' immortale.
TheLastBaron
Venerdì 25 Luglio 2014, 15.14.11
1
Ricordo che era quasi l'una di notte quando accesi la televisione e tra la tanta merda che passano a quell'ora notai un documentario sulla vita di Rory Gallagher. Fu amore al primo ascolto. Davvero un musicista atipico , totalmente immerso nel suo universo musicale e capace di spaziare dalla ballata blues più malinconica all'hard rock / blues / jazz più frenetico. Per non parlare poi della sue esibizioni dal vivo. Nonostante il mio preferito sia il suo primo da solista ,Calling Card è davvero un gioiello. Un artista che ho avuto il piacere di scoprire ed apprezzare nonostante il fatto che abbia 16 anni ed il blues non sia il mio genere prediletto. Rimpiango solo il fatto che Rory Gallagher sia morto troppo presto.
INFORMAZIONI
1976
Chrysalis Records
Rock/blues
Tracklist
1. Do You Read Me
2. Country Mile
3. Moonchild
4. Calling Card
5. I’ll Admit You’re Gone
6. Secret Agent
7. Jack-Knife Beat
8. Edged in Blue
9. Barley & Grape Rag
Line Up
Rory Gallagher (Voce, Chitarre, Armonica)
Lou Martin (Tastiere)
Gerry McAvoy (Basso)
Rod de'Ath (Batteria)
 
RECENSIONI
87
83
84
88
77
95
87
84
94
90
84
ARTICOLI
15/11/2017
Articolo
RORY GALLAGHER: IL BLUESMAN BIANCO CON LA CAMICIA A QUADRI
La recensione
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]