Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Turilli / Lione Rhapsody
Zero Gravity (Rebirth And Evolution)
Demo

Wraith (USA)
Absolute Power
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

20/09/19
KOBRA AND THE LOTUS
Evolution

20/09/19
TUNGSTEN
We Will Rise

20/09/19
LEE AARON
Power, Soul, Rock N Roll

20/09/19
EXHORDER
Mourn the Southern Skies

20/09/19
URN
Iron Will of Power

20/09/19
SNOW BURIAL
Ostrava

20/09/19
AS I LAY DYING
Shaped by Fire

20/09/19
BRETUS
Aion Tetra

20/09/19
COFFINS
Beyond The Circular Demise

20/09/19
WHITE WARD
Love Exchange Failure

CONCERTI

19/09/19
DER WEG EINER FREIHEIT + DOWNFALL OF GAIA
LEGEND CLUB - MILANO

19/09/19
NILE + HATE ETERNAL + VITRIOL + OMOPHAGIA
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

20/09/19
LIGHT THIS CITY
DAGDA - RETORBIDO (PV)

20/09/19
SOTO + GUEST TBA
LEGEND CLUB - MILANO

20/09/19
RAM + VULTURE + INDIAN NIGHTMARE
DEDOLOR MUSIC HQ - ROVELLASCA (CO)

20/09/19
NILE + HATE ETERNAL + VITRIOL + OMOPHAGIA
LARGO VENUE - ROMA

20/09/19
S.R.L. + VIOLENT INNER PROTEST + ORGANIC ILLUSION
SAXA BEACH - PORTO S. ELPIDIO (FM)

20/09/19
HORRID + STIGE
CENTRALE ROCK PUB - ERBA (CO)

20/09/19
TMA FEST (day 1)
PADIGLIONE 14 - COLLEGNO (TO)

21/09/19
NILE + HATE ETERNAL + VITRIOL + OMOPHAGIA
REVOLVER CLUB - SAN DONA' DI PIAVE (VE)

Overkill - White Devil Armory
( 6706 letture )
Non sono molti i gruppi che possono vantarsi di aver sviluppato circa trent'anni di carriera sempre all'insegna della coerenza e dell'aderenza totale al verbo del thrash senza compromessi. Gli Overkill sono senza dubbio tra i pochi a poterlo fare. La band forse non si è mai segnalata per qualità compositive di livello assolutamente superiore, ma ha sempre interpretato con attitudine estrema l'aderenza allo stile, non riuscendo magari a produrre capolavori in senso stretto e con prove anche altalenanti a curriculum, ma evitando agevolmente di andare sotto la sufficienza, risultato che nel contesto di una carriera che vantava fin qui sedici album in studio non molti possono vantare, big di primissima fascia compresi. Forti di una meritata quanto solida nomina come sopra ottenuta, gli Overkill sfornano durante questa singolare estate dell'anno di grazia 2014 il loro diciassettesimo parto intitolato White Devil Armory, confermando col nuovo lavoro quanto fin qui fatto.

Niente sorprese sgradite con loro, solo massacrante thrash old-school che dichiara fin dalla classica cover in pieno stile Overkill ciò che il disco contiene. Prodotto ovviamente in maniera diversa da come eravamo abituati ai vecchi tempi, specialmente per ciò che attiene al discutibile suono della batteria eccessivamente plasticoso (ma il tempo passa e musicisti che sono anche dei professionisti vanno giustamente avanti, approfittando per quanto possibile della tecnologia che i tempi offrono), il disco mantiene comunque un'impronta nettamente riconoscibile come made in Overkill, restando ben all'interno dei confini che lo stile impone. Quello che White Devil Armory propone è fin dall'inizio esattamente ciò che ci si aspetta, ed a stabilirlo subito senza esitazioni è Armorist, che dopo il breve intro rappresentato da XDM esplode subito nelle orecchie con grande tiro. Nulla di clamoroso, di studiato, di arrangiato in maniera sopraffina, ma solo un pezzo thrash d'assalto concepito per scaldare subito l'ambiente come si conviene testo compreso ("Run, run, run, like ya never did run before"), con il solito Bobby Ellsworth sugli scudi, D.D. Verni a ruota e testa che comincia a muoversi per conto suo; esattamente ciò che la canzone vuole ottenere. Da qui in poi la storia è prevedibilmente sempre la stessa, con spunti un po' più riusciti ed altri meno. Qualche sussulto oltre media con Pig o Where There's Smoke, qualcuno più ragionato come Down to the Bone e In the Name, ma è sostanzialmente inutile scorrere la scaletta track-by-track, dato che tutto è ampiamente intuibile, con le canzoni che scorrono via sicure, professionali, pesanti e pronte a colpire allo stomaco. Come sempre grande prova da parte dei musicisti -di due si è già detto, gli altri non sono da meno- ma su tutti a spiccare è ancora una volta quel vecchio demonio di Ellsworth, per il quale gli anni non sembrano davvero passare.

È facile prevedere che tutti i brani di White Devil Armory che gli Overkill decideranno portare in sede live troveranno in quel contesto la loro migliore espressione, guadagnando almeno dieci punti in più in una loro ipotetica valutazione da quel punto di vista. Questo perché la band è semplicemente una delle migliori dal vivo, se non la migliore in assoluto, una vera macchina da combattimento capace di esaltare anche una versione thrash di un pezzo di Pupo, ma questo non può nascondere la realtà. White Devil Armory è un album che possiede sulla carta tutte le qualità del mondo, ma manca della scintilla che ad esempio ammantava The Electric Age, un lavoro che teoricamente non avrebbe nulla più di questo, ma che possiede appunto quel quid, quella capacità di proporre alcuni riff magari triti e ritriti, ma ugualmente in grado di assumere immediatamente il controllo del corpo di chi ascolta, possedendolo anche oltre le qualità intrinseche della scrittura. Molti di quelli che cercano solo l'ennesima dimostrazione di professionalità e capacità di colpire duro non esiteranno probabilmente a valutare White Devil Armory in maniera più entusiasta, tuttavia questo disco resta un'altra dimostrazione di coerenza, di forza, di compattezza, un grande esercizio di stile, ma non si colloca al vertice della loro produzione. Eppure, come tutti, aspetterò ancora una volta di riuscire a rivederli dal vivo e poi misurerò con ansia il tempo che mi separa dalla prossima loro realizzazione che prenderò a scatola chiusa, perché gli Overkill non sono una band, sono un'idea di purezza che quasi prescinde dalla musica.



VOTO RECENSORE
72
VOTO LETTORI
80.88 su 75 voti [ VOTA]
Aceshigh
Lunedì 8 Ottobre 2018, 11.02.28
52
Finito adesso di riascoltarlo. Un album molto buono, gli Overkill sono una certezza. Tuttavia degli ultimi 4 è quello che mi piace meno, in virtù di una prima metà strepitosa, ma altresì di una seconda un po' anonima e di mestiere. Mettendo tutto sulla bilancia, considerando anche l'impatto sempre devastante e la performance dei musicisti, un 80 pieno però ci sta tutto.
nonchalance
Martedì 21 Febbraio 2017, 23.46.39
51
Con i dovuti criteri, questo quarto album di un nuovo corso inaugurato con "Immortalis" - in cui, in chiusura, è presente proprio un certo pezzo dal titolo "Overkill..." e, in cui rifacevano capolino gli stessi Zazula degli esordi - può esser paragonato allo stesso VERO quarto disco del gruppo. Basterebbe guardare la copertina..oppure sentire l'intro, la traccia posta proprio al centro e l'ultima per ricondurci a quel disco! Torna così anche quel tipo di suono composto da: un basso preponderante, chitarre in pieno spolvero e una batteria pestosa. Mentre, al contrario, il precedente risultava più diretto & introverso come "Under the Influence" e, l'esordio su Nuclear Blast come l'allora su major che corrispondeva ad un certo "Taking Over": stessa esplosività! E, proprio il primo - come i debutti di una volta - anticipava qualcosa ma, allo stesso tempo, risultava incompleto (poi è arrivata la Nuke a sistemare i piccoli particolari e tutto è andato come doveva andare..). Dopo questa "breve" introduzione, ci addentriamo nelle tracce che, dopo l'attacco iniziale di "Armorist" e "Down to the Bone", mostrano quindi: un certo riferimento a quel passato ("Smoke...") così come quel tipo di alternativa ("Rat Bastards") oppure il rifacimento proprio di certi suoni groove ("Pig"), tutti comunque provenienti direttamente dalla fine degli anni '80. Poi, vabbè, ci son le solite che si perdono per strada (tipo "Bitter Pill") oppure quelle che non riescono ad andare a segno del tutto: come "Freedom Rings"! E, altre proprio inqualificabili ("Another Day to Die" e "It's All Yours"). Ed è proprio per colpa di queste che l'intero album non spicca sui precedenti..così come accadde anche con "The Years of Decay"! Per alcuni, addirittura inferiore ad un certo "Horrorscope"..ma, questa è un'altra storia!
Doom
Giovedì 22 Dicembre 2016, 17.16.39
50
Gran bel disco questo...che colpevolmente mi ero perso, dopo la parziale delusione di Electric Age ( che non era male, ma lo trovavo freddino). Questo invece e' Overkill 100%...in più ho notato un paio di tracce con la grossolana sfrontatezza di Taking Over, ovviamente in chiave moderna e con una produzione potente. Inossidabili pure loro. Voto 8
dimebag89
Sabato 24 Gennaio 2015, 23.26.53
49
Qualità e coerenza, come sempre del resto.. Gli anni sembrano non passare per questa band.. Immensi davvero
Galilee
Mercoledì 15 Ottobre 2014, 9.31.58
48
Più lo ascolti è più è fico. Nella recensione c'è scritto inutile scorrere la tracklist, invece sarebbe doveroso farlo, e sottolineare due song particolari come it's all yours che sembra un anthem uscito da una band tharsh tedesca e la bellissima in the Name, un thrash hardrock davvero di classe. E mi fermo qui.
Galilee
Domenica 28 Settembre 2014, 22.59.26
47
Finalmente l'ho preso. Gran bel disco. Due gradini sotto Ironbound e uno sopra the electric age soprattutto perchè la produzione è migliore. Bitter pill e down to the bone sono già dei classici. 80
matteo38
Mercoledì 3 Settembre 2014, 18.21.49
46
i voti miracolosi letti altrove sono stati un po fuorvianti, però il disco merita 75 tutto. pig è un pezzo della madonna e altri 2-3 sono di altissimo livello altrochestorie
AL
Lunedì 1 Settembre 2014, 14.45.48
45
Voto 77. Un buon album che si perde in qualche pezzo nella parte centrale ma che in generale mi piace. Mi sorprende sempre la voce di Bobby. Bella anche la bonus the fight song. Second me in linea con i vari Killbox 13, Necroshine e From the underground and below.
Masterburner
Lunedì 18 Agosto 2014, 11.19.34
44
Ah dimenticavo, la cosa migliore del CD sono le due bonus tracks, soprattutto The Fight Song, che pensavo fosse una cover di qualche gruppo punk e invece è degli Overkill!
Masterburner
Lunedì 18 Agosto 2014, 10.14.22
43
Concordo al 100% con la recensione e il voto; album di mestiere con qualche bel pezzo. Certo le rullate sul rullante triggerato sono imbarazzanti (Where there's smoke), sembra di sentire quelle ddrum che andavano negli anni 80!
Dany 71
Lunedì 4 Agosto 2014, 10.57.21
42
Se TUTTI i loro album fossero stati composti da 3 o al max 5 brani sarebbero di gran lunga il mio gruppo thrash preferito, quest'ultimo non fa eccezione, voto 7 in media per i lavori in studio, voto 10+ alla loro carriera Live e attitudine.
herr julius
Sabato 2 Agosto 2014, 13.33.51
41
i big 4 del thrash volente o nolente sono sempre i soliti, contano i punti fatti sul campo e il seguito non la qualità percepita...personalmente gli overkill nonostante li abbia sempre ascoltati fino a horrorscope non penso li metterei nei miei top 10
evil never dies
Sabato 2 Agosto 2014, 10.23.02
40
grandi!!!! tra i big 4 del Thrash ci sono loro!!!
jek
Venerdì 1 Agosto 2014, 20.10.52
39
Dopo parecchi ascolti mi sono convinto, meglio l'ultimo dei Tankard.
ObeYM86
Venerdì 1 Agosto 2014, 13.01.10
38
@ObscureSolstice come fa a non entrarti in testa "I'm a pig.I'm a pig,I'm a pig pig pig!!!"???
ObscureSolstice
Venerdì 1 Agosto 2014, 1.33.28
37
Inizialmente ero in fibrillazione per questo ultimo disco degli Overkill, ma a parte 2-3 canzoni il resto non si prospetta su alti livelli. Dopo averlo ascoltato la prima volta posso dire che non c'è una canzone che mi entra in testa.. Forse quando lo ascolterò più volte cambierò idea, vedremo, ma di solito è difficile che mi sbaglio
dario
Martedì 29 Luglio 2014, 19.06.38
36
Un discreto album a mio parere. Voto 70. Parte forte con Armorist (bella bella) e prosegue anche bene fino a Where There's Smoke. Poi si perde parecchio e dal buono scende a discreto. Senza infamia e senza gloria.
Deathrider
Lunedì 28 Luglio 2014, 15.51.22
35
Totalmente d' accordo col recensore, album di mestiere ma rispetto agli ultimi due rimane un pò fiacco.
Alberto Fuser
Sabato 26 Luglio 2014, 21.06.32
34
un primo ascolto e non mi sembra male ... Ci sono anche bei momenti con il solito buon groove overkill... da approfondire
herr julius
Sabato 26 Luglio 2014, 18.58.24
33
i video ufficiali (e le canzoni) spaccano assai. Band veramente in palla.
dario
Sabato 26 Luglio 2014, 17.16.48
32
Sono ai primi ascolti, ma come dice Raven "Niente sorprese sgradite "
Galilee
Venerdì 25 Luglio 2014, 12.27.29
31
Esatto, volevo dire quello.
ObeYM86
Venerdì 25 Luglio 2014, 12.20.03
30
@AL credo che Galilee intendesse che un album come I hear black dimostra come anche loro abbiano sperimentato e non siano così "integralisti"
AL
Venerdì 25 Luglio 2014, 11.04.24
29
@Galilee: concordo con te sui Testament e su Annihilator. non invece su I hear black che ho sempre considerato un episodio debole della loro discografia.
Galilee
Giovedì 24 Luglio 2014, 16.38.37
28
X Freedom, Tornando ai grandissimi, io personalmente non considero i Testament inferiori ai Big 4, ma nemmeno un gruppo come i Suicidal tendencies etc etc, hanno solo venduto di meno, ma qualitativamente non vedo differenze. Un dischi come The legacy o Lights camera revolution sono dischi da dieci e lode. Gli Overkill, li metto un gradino sotto a queste band. E personalmente li preferisco nettamente agli Annihilator che ho smesso di ascoltare dopo Set the world on fire. Gli Overkill mi accompagnano da anni e non mi stufano mai. In poche parole per me sono tra i migliori, sicuramente tra le 10 band migliori del genere. Riguardo alla staticità, direi che gli Overkill sono una via di mezzo. Album come I hear black, Necroshine, RelixIV etc lo dimoastrano
freedom
Giovedì 24 Luglio 2014, 14.23.20
27
Ah e comunque magari ho esagerato parlando di integralisti (in tono scherzoso), però bisogna riconoscere che rispetto a Metallica (black album, Load, Reload, St.Anger), Megadeth (alcuni album post CTE) o Anthrax (sempre in quel periodo là...) gli Overkill si son sempre mantenuti più vicini alle radici puramente thrash.
freedom
Giovedì 24 Luglio 2014, 14.17.23
26
E ci mancherebbe...mica possiamo essere sempre tutti d'accordo. Comunque io parlavo proprio dei grandissimi infatti, visto che si è citato Master of Puppets. Onestamente però li vedo anche inferiori a gruppi diciamo "minori" tipo Testament o Annihilator, ma ovviamente si tratta di una mia opinione.
Galilee
Giovedì 24 Luglio 2014, 14.06.58
25
Non concordo con ciò che ha scritto freedom. Gli Overkill hanno cambiato pelle diverse volte quindi non sono una band per integralisti. Non stiano parlando di Sodom o Tankard.. Appunto la storia ha già decretato che dischi come horrorscope e the years of deacay sono delle pietre miliari dell'heavy Metal. Poi che stiano sotto i migliori capolavori dei BIG four è un'altra cosa, anche perchè il 90 % del Metal sta al di sotto di quello standard qualitativo.
lux chaos
Giovedì 24 Luglio 2014, 13.06.30
24
Quoto anche le virgole di Freedom, gli Overkill sono una grande band ma la storia ha già ampiamente parlato al di là del mi piace/non mi piace
freedom
Giovedì 24 Luglio 2014, 12.59.34
23
Mamma mia, non entriamo in questi discorsi del soggettivo/oggettivo...non ne usciamo più. Diciamo che la Storia ha già ampiamente decretato quali siano i dischi fondamentali degli anni '80, e come dice giustamente @Vitadathrasher, non si può ridurre il tutto ad una semplice questione tecnica o di mi piace/non mi piace. Gli Overkill sono senza dubbio una grande band, ma peccano un pochino in quanto ad idee e coraggio di spingersi oltre (chiamatela coerenza se vi va). Diciamo che sono la classica band thrash per "integralisti".
Vitadathrasher
Giovedì 24 Luglio 2014, 12.44.27
22
La mia domanda infatti verteva in senso assoluto, ovvero un album che entri nel mito discografico di un genere, e qui entrano tutti i fattori, non solo la qualità tecnica oggettiva di un lavoro ma l'appeal e il fascino che crea un disco sia in ambito di collocazione cronologica, sia in ambito di vendite e consenso collettivo che sancisce senza regole scritte che "quello è un capolavoro".
AL
Giovedì 24 Luglio 2014, 12.36.28
21
Non ho ancora preso o ascoltato il cd ma già sottoscrivo "Molti di quelli che cercano solo l'ennesima dimostrazione di professionalità e capacità di colpire duro non esiteranno probabilmente a valutare White Devil Armory in maniera più entusiasta". Per coerenza e prestazioni live per me gli Overkill meritano 90 fisso. Poi analizzando gli ultimi lavori, sicuramente tra produzione plasticosa e uscite troppo ravvicinate, perdono qualcosa ma restano comunque al top.
Painkiller
Giovedì 24 Luglio 2014, 12.31.46
20
Bel dilemma, ci starebbe bene un topic. In prima battuta, mi riferisco al post 15 di Vitadathrasher, verrebbe da dire NO. Gli Overkill non hanno un master of puppets nella loro discografia. Siamo in piena epoca di revisionismo però, visto che si contesta tutto e si rivoltano di continuo certi "totem" solo perchè ultimamente grandi band non hanno fatto più album all'altezza del passato...quindi RI-giro la domanda a Vitadathrasher: Io preferisco Ride the lightning e Kill em all a master, chi lo dice che è il miglior disco dei Metallica? . La mia è in parte una provocazione ovviamente. Con questo voglio dire che se cominciamo a dire "per me", oppure "chi dice che quanto considerato un masterpiece per anni lo debba essere per forza, e per tutti?" e poi ci sono le nuove generazioni di fans etc...insomma, prima di infilarmi in un ginepraio, certo di sitetizzarla così: SE si parte dall'assunto che Master sia il capolavoro thrash per eccellenza, sotto tutti i punti di vista, per quello che Master E' (un insieme ben amalgamato di potenza, tecnica e melodia) viene da dire che non solo gli Overkill, ma anche tutte le altre band non hanno mai prodotto un album comparabile con Master of puppets. Leggendo queste e altre pagine, i commenti dei visitatori vecchi e nuovi etc...mi sono fatto l'idea che sarà sempre più difficile parlare degli album storici in senso ASSOLUTO come si faceva una volta (MASTER=CAPOLAVORO, PAINKILLER=CAPOLAVORO etc...) perchè il mondo è cambiato, gli ascoltatori più giovani hanno gusti e conoscenze diverse. Inutile mettersi a disquisire su questo ora...quindi da vecchio metallaro dico NO, gli Overkill non hanno fatto un loro Master. Da ascoltatore sempre meno "ortodosso" ti dico che Feel the fire e The years of decay per me VALGONO un master of puppets, per motivi diversi (e non voglio dilungarmi), così come Show no mercy, reign in blood e seasons in the abyss, rust in piece e peace sells, etc...Una cosa è certa, Blitz è il cantante di gruppo Thrash che preferisco!!!
Steelminded
Giovedì 24 Luglio 2014, 12.31.12
19
Ora lasciate stare che non ci sono orion, sanitarium, master e altre divagazioni ad effetto pseudo progressive, ma feel the fire, taking over etc sono un grandissimo album di grandissimi pezzi thrash... con l'età e svanita la sorpresa dei primi ascolti (in cui obbiettivamente ti colpisce alla grande), io tendo ad apprezzare di più questi ultimi a un Master of Puppets... se parliamo di thrash. Gusti miei... sarà che per quanto mi riguarda MoP ha raggiunto il punto di saturazione, benchè mi piaccia ancora tanto. Ecco MoP è un capolavoro, Feel the Fire magari no, ma l'ultimo lo ascolto ancora il primo no...
Diego
Giovedì 24 Luglio 2014, 12.29.28
18
Quotone per Galllee. Chi ha inciso Master of puppets si è fermato un paio d'anni dopo, Bobby e Verni sono ancora quelli di 20 anni fa (e più)...
Galilee
Giovedì 24 Luglio 2014, 12.14.55
17
Ne han fatti almeno 4/5 di Master of Puppets gli Overkill, almeno per i miei gusti. Anzi sono proprio una delle poche band thrash ad aver sfornato cosi tanti lavori ad altissimo livello, un pò come i Kreator. Questo per rispondere a Vitadathrasher.
mikmar
Giovedì 24 Luglio 2014, 12.03.39
16
Per me Horrorscope è un vero e proprio capolavoro, e per me il loro miglior album. Questi ultimi lavori mi entusiasmano meno, ci vedo un pò troppa ripetitività, pure essendo buoni, ma fino a The Years Of Decay la loro fantasia era arrivata al massimo.
Vitadathrasher
Giovedì 24 Luglio 2014, 11.48.06
15
Ho tutta la loro discografia, questo ancora no e tutti i loro album scorrono via che è una bellezza, a parte I hear black, tecnicamente ineccepibili, e ottimi album nel complesso . Ma c'è un loro "master of puppets"?? da gridare al miracolo? per me no, non c'è. Ottima band senza un VERO masterpiece.
d.r.i.
Giovedì 24 Luglio 2014, 11.25.25
14
Sono pigro e quoto tutto quanto scritto da Raven, voto compreso
davide
Giovedì 24 Luglio 2014, 11.15.09
13
solita trippa
freedom
Giovedì 24 Luglio 2014, 1.21.05
12
L'ho ascoltato e continuerò a farlo con piacere, ma trattasi di un album assolutamente nella media, penalizzato anche da una produzione di plastica. D'accordo con la recensione quindi, ma col voto io mi tengo sul 65.
Steelminded
Mercoledì 23 Luglio 2014, 21.57.07
11
Sono d'accordo con la recensione di Raven, cosa che non mi capita spesso... Il voto forse potrebbe anche scendere sotto il 70, intorno al 68-69... Io ho dato 66. Per me è un po' sottotono, avaro di sorprese e di passaggi memorabili... Scorre via con regolarità e prevedibilità (leggasi monotonia), dall'inizio alla fine (ecco, fino alla fine proprio no, perché l'ultima traccia è un po' una piccola eccezione)... Dice bene Raven che è inutile fare il track by track... Ogni traccia sentita a sè è buona, magari da 72, ma poi l'insieme su tutla durata del disco non regge proprio per le ragioni che dicevo. Peccato perché (e qui mi distacco da Raven) i primi 5 album se non sono capolavori, ci manca davvero poco. Per me lo sono nel loro genere... Evviva!
mattstb
Mercoledì 23 Luglio 2014, 21.09.18
10
gli Overkill non deludono MAI.
jeffwaters
Mercoledì 23 Luglio 2014, 19.33.20
9
A mio parere questo è un gran disco.come dice ObeYM86,questo è un disco di passione per il thrash metal,e per questo ne siamo grati,Minimo un 85 ci vuole come valutazione
Vecchio Sunko
Mercoledì 23 Luglio 2014, 19.29.29
8
Inferiore al precedente, in ogni caso un buon disco... 75
lux chaos
Mercoledì 23 Luglio 2014, 19.25.59
7
Come immaginavo, inferiore ai due precedenti (soprattutto il per me fantastico Ironbound)....tra l'altro la recensione mi sembra perfetta, sia nella descrizione dell'album sia nel resoconto storico sul gruppo...complimenti Raven . Un album discreto, cmq sia sempre grandi Overkill dopo tanti anni di onorata carriera!
ObeYM86
Mercoledì 23 Luglio 2014, 19.18.46
6
Bah.....parole quali "professionalità" e "professionali" lasciano intendere che si sta parlando di un disco di mestiere,fatto con esperienza ma senz anima...non sono d'accordo,gli ultimi lavori degli Overkill trasudano passione,passione per il THRASH METAL,genere che alcuni forse si sono stancati di ascoltare ma non certo il sottoscritto..VOTO 88 P.Sulla produzione occorre mettersi l'anima in pace,siamo nel 2014 ormai...nostalgia canaglia...
Ditark
Mercoledì 23 Luglio 2014, 19.12.02
5
DISCO DELL'ANNO, minimo minimo da 90! Lo stesso voto dei Grave Digger non regge proprio... Non c'è un pezzo brutto!
Remedy
Mercoledì 23 Luglio 2014, 18.48.21
4
Down to the Bone va gia tra i classici che dal vivo triteranno ossa
Vitadathrasher
Mercoledì 23 Luglio 2014, 18.17.39
3
Si ok, considerando che il voto di Raven va fatto lievitare con il paneangeli, sarà un disco da 80. Forse vale la pena comprarlo.
jek
Mercoledì 23 Luglio 2014, 18.13.17
2
Ho sentito alcuni pezzi, e naturalmente è tutto scritto nella recensione. I soliti Overkill, per chi non ama i cambiamenti sono una certezza.
Galilee
Mercoledì 23 Luglio 2014, 17.40.22
1
L'ho ascoltato un paio di volte. Che dire? Due gradini sotto Ironbound che rimane il loro miglior disco da Horrorscope ad oggi, ma abbastanza in linea con the Electric Age. Per ora comunque nessun voto. devo ascoltarlo ancora qualche volta.
INFORMAZIONI
2014
Nuclear Blast
Thrash
Tracklist
1. XDM
2. Armorist
3. Down to the Bone
4. Pig
5. Bitter Pill
6. Where There's Smoke
7. Freedom Rings
8. Another Day to Die
9. King of the Rat Bastards
10. It's All Yours
11. In the Name
Line Up
Bobby Ellsworth (Voce)
Dave Linsk (Chitarra, Cori)
Derek "The Skull" Tailer (Chitarra, Cori)
D. D. Verni (Basso, Cori)
Ron Lipnicki (Batteria)
 
RECENSIONI
84
72
80
65
68
76
79
77
79
75
90
80
88
90
90
ARTICOLI
16/03/2019
Live Report
OVERKILL + DESTRUCTION + FLOTSAM AND JETSAM + CHRONOSPHERE - KILLFEST TOUR 2019
Phenomenon, Fontaneto D'Agogna (NO), 09/03/2019
16/01/2017
Intervista
OVERKILL
Grazie mille, Italia!
27/10/2012
Articolo
TESTAMENT VS OVERKILL
A colpi di Thrash!!!
06/11/2011
Articolo
OVERKILL
La biografia
13/03/2011
Live Report
OVERKILL + DESTRUCTION + HEATHEN + AFTER ALL - KILLFEST TOUR 2011
Live Club, Trezzo Sull'Adda (MI), 09/03/2011
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]