Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Ayreon
Electric Castle Live and Other Tales
Demo

Morningviews
You Are Not the Places You Live In
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

27/05/20
HELIKON
Myth & Legend

29/05/20
PALAYE ROYALE
The Bastards

29/05/20
OUR POND
Paraphernalia

29/05/20
GRAVE DIGGER
Fields Of Blood

29/05/20
VIOLENT HAMMER
Riders of the Wasteland

29/05/20
MORBID ANGELS
Altars of Madness – Ultimate Edition

29/05/20
XIBALBA
Anos En Infierno

29/05/20
SORCERER
Lamenting Of The Innocent

29/05/20
CENTINEX
Death In Pieces

29/05/20
DEF LEPPARD
London to Vegas

CONCERTI

29/05/20
RAIN + GUESTS (ANNULLATO)
BLACK DEVILS SPRING PARTY - S. GIOVANNI IN PERSICETO (BO)

29/05/20
NECRODEATH (ANNULLATO)
LEGEND CLUB - MILANO

30/05/20
MARK LANEGAN BAND (ANNULLATO)
TEATRO MANZONI - BOLOGNA

09/06/20
PERIPHERY (ANNULLATO)
ORION - CIAMPINO (ROMA)

10/06/20
IN.FEST
CIRCOLO MAGNOLIA - MILANO

12/06/20
SYSTEM OF A DOWN + KORN + GUESTS TBA (SOSPESO)
I-DAYS - AREA EXPO - MILANO

12/06/20
GUNS N` ROSES + GUESTS TBA (ANNULLATO)
FIRENZE ROCKS - VISARNO ARENA (FIRENZE)

13/06/20
AEROSMITH + GUESTS (SOSPESO)
I-DAYS - AREA EXPO - MILANO

16/06/20
STEEL PANTHER + THE WILD (SOSPESO)
ALCATRAZ - MILANO

16/06/20
DEATHLESS LEGACY
CRAZY BULL - GENOVA

Cemetery Lust - Orgies of Abomination
( 1273 letture )
Quando, dopo il duro lavoro compiuto in sala prove, negli studi di registrazione ed in post-produzione, si giunge finalmente al momento in cui si può divulgare il proprio materiale, la band in questione dovrebbe porre particolare cura nella stesura di una biografia per presentare il proprio progetto ed accattivarsi una buona frangia di pubblico, instillando curiosità ancor prima che il disco cominci a girare nel lettore cd. Bene, questo dettaglio i Cemetery Lust se lo sono scordati o, più probabilmente, lo hanno condensato in una singola frase con la tipica strafottenza delle band che propongono un ignorantissimo black/thrash stracolmo di elementi gore. Dopo l’esordio discografico sotto Headsplit Rekords, i “cinque pervertiti alcolizzati posseduti da Lucifero per giocare con il thrash più marcio” hanno raggiunto un accordo con la Hells Headbangers per la pubblicazione di questo Orgies of Abomination, dai cui titoli si possono dedurre le malsane influenze di cui si fanno portatori Raypist e compagnia bella. Con tutte queste premesse, non ci si può attendere un disco curato nei minimi dettagli e dal concept introspettivo, quanto un disco portatore del massimo aspetto dissacrante del blackened thrash.

La claudicante Inhumane Indulgence ci circonda con la sua oppressiva minaccia, fungendo da breve intro prima di spararci dentro una Mass Grave Orgy. L’influenza degli Slayer risuona ad ogni battuta, accompagnandoci con un riffing lineare e vocals rabbiose; gli assoli non si discostano dalle scale dirompenti e qualche grido di leva, mentre gli stacchi richiamano più di una volta alcuni passaggi immortali di Reign in Blood. Certo, dopo quasi trent’anni ci si poteva aspettare un minimo di personalizzazione sonora in più, che andasse oltre i blast beat e alcuni isterici riff presi in prestito dal black metal novantiano, malgrado il chiaro intento dei Cemetery Lust di sparare tutta l’ignoranza del loro “snuff metal” in faccia all’ascoltatore. Ride the Beast, Malice in the Morgue, Intent to Molest e un’altra traccia qualunque seguono pedantemente il copione riff brutale - stacco di batteria - riff brutale - assolo gnaulante - riff brutale, diventando piuttosto prevedibili e facendo affogare l’ascoltatore nel tedio già dopo alcuni ascolti. Fortunatamente, l’elemento testuale è in grado di attirare l’attenzione durante il primo ascolto, vista la ricercatezza ignorante di liriche talmente cruente e dissacranti da sconsacrare cristallino, retina e nervo ottico dopo poche righe di lettura. Curiosando tra un testo e l’altro, il disco giunge alla sua prima conclusione, lasciandoci ben pochi ricordi della sezione strumentale: purtroppo, anche dopo svariate riproduzioni, questo si dimostrerà il più invalidante dei difetti di un album black/thrash, il cui intento prioritario era la ricerca d’immediatezza.

Orgies of Abomination è un disco come decine di altri, che paga una derivatività eccessiva dagli immortali Slayer ed è priva di alcuna personalizzazione. Violenza, cattiveria, velocità urticanti e testi talmente raccapriccianti da far ridere scuotendo un po’ la testa, sono condensate in un miscuglio di quasi quaranta minuti che, spesso, rischia di annoiare. Il problema di fondo di un disco come questo è la mancanza di qualche elemento che possa aiutare il disco a farsi ricordare una volta terminato; invece, appena l’ultima traccia si smorza, non ci rimane nulla di palpabile ed è come se non l’avessimo nemmeno ascoltato. Malgrado ciò, vi sono anche alcuni elementi positivi: prima di tutto, la volontà della band di esagerare nelle liriche ci porta a passare qualche minuto nel reperirle e farsi due risate; di sicuro, questa voglia di bruciare ogni minima briciola di politicamente corretto è riuscita nell’intento di creare un po’ di sano umorismo nel metallaro conscio dell’uso di tali tematiche, quanto di far inorridire tutti coloro che sono incapaci di comprenderne l’uso sarcasticamente provocatorio. Un altro elemento positivo riguarda la riproposizione dal vivo: per quanto questi pezzi non risultino sufficienti su disco, quando i Cemetery Lust li spareranno dal vivo in mezzo ad una bolgia infernale, potrebbero guadagnare ben più di qualche punto in termini di resa. In conclusione, Orgies of Abomination non è un disco consigliato, contiene parolacce e potrebbe urtare il metallaro più sensibile; ma, visto che la sensibilità del metallaro è diversa dalla sensibilità della gente comune, sono certo che gli darete un ascolto nonostante il voto e, magari, scoprirete che vi piacciono alla stregua dei film d’exploitation degli anni ottanta.



VOTO RECENSORE
50
VOTO LETTORI
79.33 su 3 voti [ VOTA]
INFORMAZIONI
2014
Hells Headbangers
Thrash/Black
Tracklist
1. Inhuman Indulgence
2. Mass Grave Orgy
3. Bloody Whore Bath
4. Ride the Beast
5. Malice in the Morgue
6. Cyborg Sex Machine
7. Tenement
8. Devils Grave Disturbance
9. Intent to Molest
10. Cum on the Cross
11. S.T.D. (Sexually Transmitted Death)
12. Malefic Masturbation
Line Up
Andrew Angeldust (Voce)
Nasty Nate (Chitarra)
Squid Nasty (Chitarra)
Raypist (Basso, Cori)
Disgustor (Batteria)
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]