Privacy Policy
 
IMMAGINI
Clicca per ingrandire
Cover della reissue del 1998
Clicca per ingrandire
L'artwork integrale disegnato da Derek Riggs
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

29/05/16
SUNN O)))
NOLIFE: Alive In Moscow 11 August 2015

31/05/16
ALCHEMY
Never too Late

03/06/16
SLEEP OF MONSTERS
Sleep of Monsters II: Poison Garden

03/06/16
FEARED
Reborn

03/06/16
ZARPA
Dispuestos Para Atacar

03/06/16
IF THESE TREES COULD TALK
The Bones of a Dying World

03/06/16
HARBINGER
Paroxysm

03/06/16
PARADOX
Pangea

03/06/16
WITHEM
The Unforgiving Road

03/06/16
VANEXA
Too Heavy to Fly

CONCERTI

29/05/16
HARDLINE + RUSTLESS + STEVE LAMERA PROJECT
LEGEND CLUB - MILANO

29/05/16
IAN PAICE
TEATRO CAPITOL - BORGONOVO VAL TIDONE (PC)

30/05/16
IAN PAICE
CINEMA GENTILE - CITTANOVA (RC)

02/06/16
GODS OF METAL
AUTODROMO NAZIONALE - MONZA

03/06/16
MEGADETH + GAMMA RAY
ESTRAGON - BOLOGNA

03/06/16
DIFRACTURE + GLORY OF THE SUPERVENIENT + GOT NO EGO + A TOTAL WALL
LEGEND CLUB - MILANO

04/06/16
JASPERS + REPRO + RETROLOVE + WICKED ASYLUM
LEGEND CLUB - MILANO

04/06/16
SPEED STROKE + guests
MIDIAN LIVE - CREMONA

05/06/16
ALCHEMY + GRAVITA + I M LETHE
LEGEND CLUB - MILANO

06/06/16
HAKEN + SPECIAL PROVIDENCE + ARKENTYPE
LEGEND CLUB - MILANO

Iron Maiden - Somewhere In Time
( 38261 letture )
Somewhere In Time arrivò in casa mia un poco dopo Turbo dei Judas Priest e lo posi sul piatto con timore, con la paura addosso di trovarmi fra le mani un altro lavoro da alto tradimento come quello dei Judas. Le notizie che giungevano erano poche e la fonte era la sola rivista Rockerilla, che sinteticamente -e mi pare la parola adatta- riferiva che anche gli Iron avevano ceduto alla moda del nascente guitar synth, e dopo avere ascoltato il lavoro di Halford & C. questa notizia giunse come una mazzata. Dovevamo aspettarci anche dalla Vergine coretti per adolescenti e testi da ascoltare tra un Big Mac e la comparsa di un nuovo brufolo?

La cover decisamente bella, piena zeppa di riferimenti alla storia del gruppo (dalla Acacia Avenue all'occhio di Horus, per passare nel retro con l'Ancient Mariner Seafood Restaurant, la Phantom Opera House, Live After Death al cinema, il Ruskin Arms, l'Aces High Bar, l'Asimov Foudation, il simpatico West Ham 7 - Arsenal 3 ed altri; uno dei più bei lavori di Derek Riggs) faceva pensare per il meglio, ma la foto all'interno con i nostri ritratti assieme ad improbabili veicoli alla Star Wars, ma con le ruote, indicava l'opposto. Esitai prima di mettere la puntina sul vinile, ma quasi subito le mie paure si dissiparono, la differenza con Turbo era profondissima, sia nell'utilizzo del guitar synth molto più curato nel suono e sostanzialmente di riempimento, sia negli arrangiamenti in generale, che nella scelta dei testi. Laddove i Judas Priest avevano inteso commercializzare il sound per arrivare a fasce di pubblico più ampio, i Maiden avevano solo provato a sfruttare quanto di più nuovo la tecnica offriva in quel momento per rinnovare la loro musica senza snaturarne l'impatto, puntando ad aggiungere sfumature nuove, piuttosto che cercare scorciatoie per rimpinguare il conto in banca, che già allora non doveva essere esangue.

Il lavoro effettuato nei vari studi dove il disco è stato prodotto (basso , bass synth e batteria ai famosi Compass di Nassau; chitarre, guitar synth e vocals in Olanda, ai Wisseloord Studios; missaggio a New York) puntava a rendere un suono completamente nuovo per il settore, ma senza togliere potenza ed impatto, e la missione a mio parere riuscì. Del resto Somewhere In Time dovrebbe essere forse più "facile" oggi di quanto non lo fosse allora, in periodo in cui la presenza di tastiere nel mondo HM era gradita come una rettoscopia senza anestesia, mentre oggi i vari sviluppi ed evoluzioni hanno creato -complici i miglioramenti delle tecniche di incisione- settori in cui non solo sono tollerate, ma necessarie. A questo proposito aggiungo che non si tratta -come leggo ogni tanto ancora oggi- di tastiere bensì di guitar e bass synth, che non erano null'altro che i tradizionali strumenti recanti le tecnologia necessaria per suonare all'occorrenza come tastiere -per semplificare- ma conservando nella sostanza il modo di suonare tradizionale, il tutto accompagnato dall'uso di pick-up esafonici ed altri ritrovati tecnici di avanguardia. Va segnalata una più massiccia presenza di Smith come autore il quale firma anche il singolo.

Dopo un breve intro che già presenta il nuovo corso (che comunque non durerà molto) la title-track graffia bene, ed il chorus prende immediatamente. Wasted Years celebra nel testo l'immane fatica sostenuta per portare aventi il World Slavery Tour; singolo piacevole, elegante e di buon successo, recava nel retro la divertente The Sheriff of Huddersfield, presa per i fondelli di Ron Smallwood e della sua epocale taccagneria. Sea of Madness è l'esempio del mood del platter, sia per il suono del basso, che per la prestazione eccellente di Bruce Bruce (anche se poi dichiarerà che in quel periodo non era per niente soddisfatto) che per la classe di Nicko nel lavorare di giustezza, con tocchi di classe, mai sopra le righe, dote non comune nei drummer del giro. Heaven Can Wait è molto "Harrisiana" nel suo incedere potente e veloce. Un po' ovunque i soliti buoni incroci delle due asce e, come detto, un lavoro di guitar e bass synth volto a legare e riempire il tessuto musicale del pezzo. The Loneliness of the Long Distance Runner è ancora a firma Harris e si sente, un basso pieno a scandire i tempi per governare una melodia che sbocca in un efficace chorus, bello il testo imperniato sulla solitudine del corridore. Stranger in a Strange Land parla di una storia vera: quella di una spedizione scientifica persa tra i ghiacci del Polo dalla quale pochi faranno ritorno. I corpi ibernati dei deceduti verranno ritrovati dieci anni dopo. Adrian Smith scrisse il testo in collaborazione con un superstite che, si dice, da allora segue gli Iron come fan; efficace la melodia nel rendere l'atmosfera del testo. Deja-vu non è la punta di diamante di Somewhere in Time, musicalmente passabile, ma con un testo banalotto, niente di che. La chiusura è affidata ad Alexander the Great, dedicata all'imperatore che non perse mai una battaglia, cantato epico ma forse un po' scolastico e lunghe parti strumentali tipicamente Maideniane nel loro sviluppo, ottimo closer.

Mi sarei forse dovuto soffermare di più sulla prova del duo Smith/Murray, ma dire che i due suonano dannatamente bene è scoprire l'acqua calda.
Non è il miglior album degli Iron Maiden ma, inquadrato nel periodo storico in cui uscì e considerate le soluzioni tecniche d'avanguardia proposte e la pulizia del suono, può essere considerato molto, ma molto positivamente.



VOTO RECENSORE
86
VOTO LETTORI
81.45 su 289 voti [ VOTA]
Roby 71
Venerdì 22 Aprile 2016, 8.56.12
291
Dei primi 7 album é quello che mi piace di meno assieme a killer comunque buon album sicuramente voto 80.
Rob Fleming
Mercoledì 27 Gennaio 2016, 10.49.33
290
Che bel disco. I suoni sintetici non alterano la elevatissima qualità delle canzoni. Wasted years, il trattato di come si suona l'HM di Alexander the Great, Stranger in a strange land e la TT sono le vette insormontabili. Al contrario non mi ha mai convinto del tutto la celeberrima Heaven can wait 80
Alexi Laiho
Giovedì 24 Dicembre 2015, 5.19.35
289
Per me un bel 90, è probabilmente l'anello debole (si fa per dire) dei primi 7 dischi degli Iron, probabilmente per la mancanza di una vera e propria killer song (de gustibus), ottima la prova coi Guitar synth, tutto il disco è ispirato e ancora fresco. Difetti? Alcuni testi (Deja Vu e Alexander the Great), un po' freddezza nella composizione (dovuta all'astio fra i membri della formazione). P.s. Wasted Years a me piace un sacco, nonostante la sua commercialità
lisablack
Lunedì 2 Novembre 2015, 17.58.57
288
Se parliamo dell'anno santo 1986, allora sono usciti anche Pleasure to kill e Reign in blood...comunque ribadiscono il 100, fino all'88 i Maiden sono leggenda..dopo alti e bassi, ma sempre leggenda rimangono!
Diego
Lunedì 2 Novembre 2015, 15.04.42
287
Quotone per Psychosys!
Psychosys
Lunedì 2 Novembre 2015, 14.24.50
286
Per quanto mi riguarda Somewhere In Time vale 100 Master Of Puppets
peppe
Domenica 1 Novembre 2015, 8.55.53
285
purtroppo bisogna anche riconoscere, che in quello stesso anno, uscì master of puppets.
Argo
Domenica 4 Ottobre 2015, 17.12.30
284
La prima strofa si poteva anche adattare diversamente, tradurre l'inglese letteralmente non sempre è la soluzione migliore...
ObscureSolstice
Domenica 4 Ottobre 2015, 16.10.05
283
"..chiudo i miei occhi, e penso a casa mia..Un'altra città passa, nella notte. Non è divertente come accade?Non ti manca finchè non è andato via. E il mio cuore giace lì, e vi rimarrà sino al giorno in cui morirò.."
ObscureSolstice
Domenica 4 Ottobre 2015, 16.07.13
282
"Dalla costa d'oro, attraverso i sette mari, sto viaggiando, lontano e ampiamente, ma adesso sembra che io sia uno straniero per me stesso e tutte le cose che a volte faccio, non sono io ma qualcun'altro.."
Ishgral
Domenica 4 Ottobre 2015, 15.53.34
281
100 tutta la vita! Cazzo ci hanno messo tecnica, fantasia ed epicità..cosa cristo volete di più?
fango
Domenica 4 Ottobre 2015, 14.56.46
280
Album che (per me) inizia la fase di declino di un gruppo che ho amato fino a 'Powerslave'... poi faranno peggio...
lisablack
Domenica 4 Ottobre 2015, 14.36.37
279
Solo 86? 100 per tutti gli album degli Iron fino all'88, una mitragliata di capolavori..
VecchioThrasher
Lunedì 7 Settembre 2015, 10.41.29
278
Ragazzi è il mio secondo album preferito,che dire..wasted years,deja -vu tanta roba!!!
Raven
Martedì 18 Agosto 2015, 7.50.20
277
Grazie, ma anche questa è una recensione alla quale aggiungerei dei punti, se dovessi scriverla oggi. Solita storia della scala dei voti che ho spiegato tante volte
Christian Death Rivinusa
Martedì 18 Agosto 2015, 2.32.24
276
recensione bellissima,per uno dei miei album preferiti dei maiden. l'assolo di Stranger in a Strange Land mi emoziona come pochi… .bellissima Caught Somewhere in Time, Wasted Years e alexander the great… deja-wu… insomma quasi tutte… capolavoro! con la C maiuscola…… Avrebbe meritato a quei tempi che furono un live ufficiale… avrebbe fatto tanto successo… .ma steve harris decise cosi'… pazienza… .ci accontentiamo di qualche canzone live registrata nel tour dell'86… ..l'86 di raven lo accetto… .perché e' un grande esperto e soprattutto perchè conosce bene la vergine di ferro,ancora complimenti bellissima recensione
Frisbee
Sabato 15 Agosto 2015, 16.48.34
275
Il mio album preferito dei Maiden. 100/100!!!
Coppa Cobram
Martedì 7 Luglio 2015, 11.00.06
274
Al giro del metal del 1986 terzo si classificò Rage for order, secondo Master of puppets: e primo? Carnera!
Nosferatu_94
Domenica 14 Giugno 2015, 15.54.01
273
I MAIDEN raggiunsero definitivamente LA LORO perfezione e totale immortalità .. la punta di diamante di una discografia stellare .. la quintessenza di un intero decennio fatto di gioia sudore e passione .. una composizione epica e universale che farà sognare per sempre ! lo stile maiden nella sua piu vasta totalita !..per un fan il voto non può non essere 100 e lode .. e sti cazzi dell'altra musica quando si parla di loro .. UP THE IRON !! SEMPRE !!
Diego
Giovedì 21 Maggio 2015, 18.51.11
272
@SNEITNAM ti correggo...uno dei migliori album della storia
SNEITNAM
Giovedì 21 Maggio 2015, 18.35.45
271
Per il sottoscritto uno tra i migliori album di questa magnifica band. Dal primo a Seventh Son con l'aggiunta di Fear of the Dark gli Iron per me hanno dato il meglio che potevano. Immortali
MetalMark
Mercoledì 21 Gennaio 2015, 10.44.15
270
Disco che apprezzo tantissimo... anche a me piace molto "Deja Vu", pezzo che preferisco di tutto l'album e pi epica "Alexander the great" - non male anche "Stranger..." 86 come voto ci stà tutto!
Psychosys
Domenica 11 Gennaio 2015, 23.21.51
269
@Argo, ho sbagliato a digitare, ho cliccato 1 invece che 2 all'inizio del numero. Mea Culpa.
Argo
Domenica 11 Gennaio 2015, 8.36.46
268
Diciamo pure che Alessandro è vissuto sui 2300 anni fa... pure il testo dice quando è vissuto!
Psychosys
Domenica 11 Gennaio 2015, 1.19.34
267
Concordo con la recensione nella maggior parte dei concetti espressi, se non per il fatto che trovo 'Deja Vu' un vero capolavoro, grazie ad un riff straordinario e delle parti strumentali da brivido scritte da Dave Murray, mentre il testo, pur sembrando banalotto ed inserito, prende molto in seguito a vari ascolti. E' la canzone che riesce ad abbinare meglio testo e musica al concetto di futuro e fantascienza espresso in tutto il disco tramite i guitar synth dopo 'Caught Somewhere In Time'. La opener è una traccia veramente fenomenale ed una fra le migliori 10 degli Iron Maiden, contiene uno dei loro migliori assoli, uno scambio elettrico e molto veloce di soli fra Murray e Smith, che compiono straordinari lavori. Wasted Years è un pezzo easy-listening, non molto complesso e difficile da assimilare, vanta comunque un'ottima sezione strumentale e delle buone lyrics, ottimo l'assolo. Il solo di chitarra è francamente l'unica cosa che salva la successiva 'Sea Of Madness'. Un mid - tempo decisamente monocorde ed un ritornello troppo lungo e privo di picchi. Interessante lo stacco al centro della canzone, ma nulla di ecclatante. Heaven Can Wait è una classica traccia Harrisiana, easy-listening anche questa, dotata di una buona base a sostegno di chorus e ritornello. Non fantastica, però comunque godibile. The Lonliness Of The Long Distance Runner è uno dei pezzi degni di nota che gli Inglesi hanno dimenticato di suonare in sede live: ottimo riff, songwriting di livello ed intermezzo fantastico. Deja Vu, come detto in precedenza, inquadra perfettamente le nuove sonorità ed ha alcune parti strumentali veramente ottime. Grandissimo e sottovalutatissimo pezzo. Alexander The Great è scolastica (la struttura è la stessa del resto del disco e l' intermezzo strumentale già sentito nelle canzoni precedenti), però gradevole. Grande songwriting: comporre un testo quasi completamente in rima sulla vita di un uomo vissuto 1000 anni fa non è assolutamente semplice. Il resto non è da pelle d'oca, però molto interessante. Essendo abbastanza severo nelle valutazioni, il mio voto è fra 85 e 90, grande disco, però non abbastanza da essere definito capolavoro.
HMF LucaR16
Mercoledì 10 Dicembre 2014, 19.24.47
266
@Argo= Alexander The Great non mi prende più di tanto, ma secondo l'opinione di molta gente che ne sa più di me è una canzone molto valida, quindi devo tenere conto dell'oggettività, altrimenti diventa una mia opinione e non una disamina. Tengo comunque conto di quanto pesi la mia opinione e quanto quella degli altri dando il giudizio finale: il mio 9 ad Alexander The Great vale meno del 9 dato a Heaven Can Wait o Stranger In A Steange Land. Il paragone fra Caught Somewhere In Time e Where Eagles Dare mi è venuto in mente perché la struttura delle canzoni non è così diversa: intro strumentale, ritornello breve (una frase per tutte e due), testo coinvolgente, lungo intermezzo strumentale e chiusura in bellezza. Magari non è il paragone più adeguato, però strutturalmente le due canzoni non mi sembravano troppo distanti, e sono due capolavori. Cerco dire la mia in maniera approfondita: secondo me è facile scrivere: 'Somewhere In Time' è un ottimo disco, tutte le canzoni sono belle, ottime parti strumentali e vocali, voto 93\100'. Provo a contestualizzare ogni cd ed a ragionare, perché nemmeno io so che voto voglio dare ad un cd prima di scriverci sopra, quindi me lo ascolto e dopo scrivo ciò che le canzoni mi hanno 'detto'. Non cerco assolutamente di rifare le recensioni, che su questo sito mi sembrano valide, faccio solo commenti approfonditi, nei quali tento di analizzare le tracce. Poi, chiunque può essere in disaccordo o d'accordo con me.
Argo
Martedì 9 Dicembre 2014, 20.16.08
265
@HMF: dici che Alexander the great è bella ma che non ti ha mai entusiasmato più di tanto e dai come voto 9? A me ad una canzone che reputo bella ma non mi entusiasma dò un massimo di 6. Fai poi confronti con Caught SIT e Where eagles dare.... ma dai va, fare dei confronti o rimandi tra 2 canzoni che non hanno nulla a che vedere e soprattutto tra 2 dischi diversissimi e che sono 2 pietre miliari... proprio non va. Poi non capisco in che maniera ti atteggi: c'è già una recensione prima dei commenti, o stai rifacendo anche tu le recensioni?
HMF LucaR16
Lunedì 8 Dicembre 2014, 23.04.31
264
Verso la fine degli anni 80 ed il conseguente inizio dei 90s, le maggiori Heavy Metal bands dell'epoca ebbero un inspiegabile impulso di sperimentare musiche nuove, fallendo la maggior parte delle volte. Gli Iron Maiden non sbagliarono il colpo. Nel 1986, dopo aver pubblicato una sorta di sintesi dei loro primi quattro lavori (Powerslave), i Maiden continuano la loro ricerca della maturità compositiva, aprendo una brevissima era comprendente solo due album. Harris decide che è ora di inserire nuovi elementi per rinnovare il sound dei Maiden. Seguendo la moda del periodo (Turbo in particolare), vengono inseriti in quantità massiccie sintetizzatori. Il suono non risulta essere assolutamente smorzato, anzi, il riff restano duri come al solito. In questo disco spiccano le parti strumentali e la qualità dei testi, molto buona. Il cd si setta su livelli molto alti: Caught Somewhere In Time ci riporta alle atmosfere di Where Eagles Dare, fornendo riff e soli continui che si adagiano sulle perfette vocals di Dickinson. Poi il pezzo forte del platter: Wasted Years. Alternati in modo ottimale momenti salienti di testo e musica, assolo fenomenale, ritornello catchy supportato da un'ottima linea melodica. Scacciate immediatamente via tutte le paure dei più tradizionaliti: i Maiden sono sempre i soliti. Sea of Madness è una gradevole traccia supportata da un ritornello azzeccato e dei buoni scambi di riffing fra Murray e Smith. Heaven Can Wait è un grande pezzo, abbastanza veloce. Anche qui ottimo ritornello e chorus azzeccato. The Lonliness Of The Long Distance Runner è una traccia dalle sonorità quasi oniriche, di caratura superiore, come la successiva Stranger In A Strange Land. Carina Deja - Vu, bella Alexander The Great, anche se non mi ha mai entusiasmato più di tanto. In conclusione, Somewhere in Time è un disco che iniziava a dare una nuova linea al Heavy Metal dell'epoca, introducendo nuove sonorità. A differenza di altri, questo è un ottimo platter che racchiude alcune delle canzoni più sperimenali ed interessanti degli iron Maiden. Superiore al precedente ma inferiore (anche se di poco) al successivo, Somewhere in Time si trova al posto numero 5 nella mia personale classifica dei dischi Maideniani. Caught Somewhere In Time: 10 Wasted Years= 9 Sea Of Madness= 8 Heaven Can Wait= 9 The Lonliness Of The Long Distance Runner= 9,5 Stranger In A Strange Land: 9 Deja - Vu= 8 Alexander The Great= 9 Voto Finale= 93
steelminded
Venerdì 28 Novembre 2014, 21.04.54
263
Oh cielo... 86 ma come si può... 100...
LAMBRUSCORE
Venerdì 28 Novembre 2014, 18.47.26
262
Come ho fatto a non commentare questo disco, visto che la cassetta registrata, all'epoca la portavo quasi a nanna con me, per me un grande album, poi mi sono piaciuti sempre meno...poco alla volta sempre meno....
Sandman
Martedì 25 Novembre 2014, 14.19.35
261
Non concordo con il voto 86, per me è forse i capoavoro della Vergine di Ferro, una svolta importante verso una ricercatezza di sonorità, più elaborate, ma non fine a se stesse o puri esercizi di stile, sempre molto melodiche e sempre potenti Io gli darei come minimo 95
venom
Martedì 28 Ottobre 2014, 0.48.22
260
un capolavoro assoluto 100!!!!uno dei miei album preferiti di tutti i tempi!produzione cristallina e canzoni spettacolari!la miglior band del pianeta
Enomis
Martedì 7 Ottobre 2014, 18.58.15
259
Deja Vu credo che sia uno dei pezzi più sottovalutati degli Irons... Il testo non è particolarmente articolato, è vero, ma musicalmente è una gemma nascosta Bella anche l'interpretazione di Dickinson, che pare in alcuni punti sperimentare uno stile più duro e ruvido, al quale come ben sappiamo si avvicinerà negli anni '90 (e che a me, tra parentesi, non è mai dispiaciuto). E poi Alexander the Great è semplicemente maestosa, un peccato non sentirla live... Tra l'altro rientra nella lista di canzoni degli Iron da far ascoltare a scuola per imparare qualcosa di Storia e Letteratura! (Insieme a una certa ballata di un certo vecchio marinaio)
Steelminded
Venerdì 3 Ottobre 2014, 10.37.23
258
Questo è il mio album preferito dei Maiden: 100. E Déjà Vu è uno dei miei brani preferiti dei Maiden, nonostante sia tra i meno celebrati Evviva!
klostridiumtetani
Martedì 30 Settembre 2014, 23.13.31
257
Si, è vero, ma specificherei che è "it's a sin" a somigliare a "loneliness..."
ancient mariner
Martedì 30 Settembre 2014, 22.11.08
256
È una mia impressione o l intro di the loneliness of the long disrance runner sembra "it s a sin" dei pet shop boys?
Steelminded
Mercoledì 3 Settembre 2014, 20.13.42
255
Sì son d'accordo, anche a me dei Maiden è quello che mi cattura di più, insieme a TNTB e PoM. Tre numeri da ammutolire tutti... Un gradino sotto metto poi IM, SSSS e Powerslave.
SIOUX
Mercoledì 3 Settembre 2014, 17.26.49
254
Album sfortunatamente dimenticato in sede live dai Maiden ma che reputo il loro CAPOLAVORO assoluto,superiore ai più blasonati Powerslave e SSOSS. Le atmosfere create dal guitar synth sono fantastiche e aggiungono magniloquenza e un tocco di futurismo alla già perfetta musica dei Maiden. 100 e più adun album unico ed irripetibile!!!!
klostridiumtetani
Giovedì 28 Agosto 2014, 18.57.40
253
La perfezione in Musica! Voto: Millemilamilionidimiliardi!
spiderman
Giovedì 28 Agosto 2014, 18.34.38
252
Album a cui ho tolto la polvere giorni fa, l'avevo quasi dimenticato, e wooow! che bomba di album! Si ascolta che e' una bellezza senza intoppi dall'inizio alla fine, album che penso era veramente avanti con i tempi allora e che suona fresco e attualissimo ancora oggi, e' tutto bello dai testi alle chitarre e alla voce stupenda di Bruce, in particolare ha i suoni estremamente moderni, dal caratteritico impatto futuristico, riffs e assoli di chitarra, batteria e sezioni ritmiche con strofe, bridge e ritornello veramente effervescenti ed elettrizanti che si sposano alla meraviglia con la genialissima voce di Dickinson.Le mie preferite sono le tracce 1,3,4,5,6,8.un Album in cui tastiere, chitarre,e vicevsi fondono alla perfezione per una voce che si erge di netto su delle superbe songs ricoperte di epicicita' ed energia allo stato puro, grande album veramente. Voto: oscilla tra 97-99.
Metallo duro
Giovedì 14 Agosto 2014, 22.33.59
251
Grande album lo ascolto adesso dopo anni dimenticato e impolverato. Perso in suoni epici e futuristici ( per l epoca...) di stranger in strange land o cavalcando heaven can wait . Mitico album punto di svolta per i maideniani ... Da brivido adesso come allora ...avevo 15 anni
Argo
Domenica 10 Agosto 2014, 17.03.54
250
Per me Kiske e Dickinson hanno due voci e due modi diversissimi di cantare, non li accosto per nessun motivo. Li adoro entrambi, però preferisco Bruce, Kiske infatti secondo me è un "urlatore" di acuti, Bruce invece aveva un voce più profonda da "gorgheggi", più lirica, non so spiegarmi bene, ma il succo è questo.
Enomis
Domenica 10 Agosto 2014, 15.01.14
249
Quoto Metalhammer (e quindi Raven)
hj
Domenica 10 Agosto 2014, 14.58.00
248
Kiske simile a Dickinson ho forti dubbi. Il paragone più calzante, anche all epoca, a kiske è geoff tate
Raven
Domenica 10 Agosto 2014, 14.45.55
247
Con le loro cavalcate i Maiden hanno influenzato il power fin dal disco d'esordio.
metalhammer
Domenica 10 Agosto 2014, 12.52.50
246
Sottolineo una cosa su questo capolavoro sottovalutato: "Somewhear in Time", ma è una mia personale interpretazione "storiografiaca", per alcune sue tracce velocissime, pulite e fortemente melodiche, al fianco dei precedenti capolavori ("Powerslave" in primis), ha condizionato fortemente il soundo del power metal teutonico. Non a caso è del 1986, e l'anno successivo gli Halloween incidono il primo favoloso della serie dei "Keeper", che archivia il sound priestiano di "Walls of Gericho" sposandone uno fortemente maideniano [esempio? La voce del vocalist, Michael Kiske, simile a quella di Bruce Dickinson!]. Un caso? Io non credo. Ecco l'importanza "storica" di "Somewhere".
Simon
Venerdì 8 Agosto 2014, 23.00.01
245
Personalmente lo considero il mio album preferito in assoluto degli Iron Maiden e mi spiace parecchio che, Wasted Years a parte, sia parecchio trascurato in sede live, pezzi fantastici come Caught Somewhere In Time, Stranger In A Strange Land, Alexander The Great, Sea Of Madness meriterebbero di essere suonati molto più frequentemente.
UpLoad
Giovedì 31 Luglio 2014, 13.20.36
244
In queste ultime due settimane, mi sono ascoltato questo cd e seventh son, visto che tutti dicono che sono i migliori dei maiden ( a parte la carrellata di classici di the number of the beast ) ma questo è leggermente inferiore....beh permettetemi di dire inferiore col cavolo. In seventh son le chitarre sono totalmente assenti o quasi, c'è quella tastierina della casio ( da scuola media ) in tutte le canzoni, il basso è sempre troppo alto nel mix ( come sempre ) e i suoni sono così puliti che gli strumenti si distinguono nitidamente...voi direte: "bene". Poi mi sono letto altre informazioni, e ho scoperto che sevnth son è un concept, che si volevano dare connotati progressive ecc ecc, allora ho pensato che , si, seventh son preso a se è un bell'album....un bell'esperimento.... definito il capolavoro dei maiden....ma come? Se i maiden virano completamente genere e sonorità sono dei miti che fanno il capolavoro se lo fanno altri gruppi son dei traditori?????????? Non vi capirò mai! Detto questo, dato che seventh son è un conceopt progressive, questo somewhere in time va confrontato col predecessore powetrslave e devo dire che come composizionoi, suoni, produzione lo batte alla stragrande...si, siamo di fronte all'apice dell'evoluzione maideniana...sono state scritte altre bellissime canzoni, soprattutto nel successivo ( aridaje ) seventh son, ma mai un cd dei maiden lo metti nel lettore e gfodi dal'inizio alla fine come questo. Per me è un 99 /100.
DarkSide
Mercoledì 25 Giugno 2014, 11.54.06
243
Grandissimo album, ingiustamente sottovalutato. Senza dubbio di meno facile ascolto di un The Number Of The Beast, ma non inferiore in alcun modo, anzi, alcune songs su questo platter fanno sembrare The Number Of The Beast un lavoro adolescenziale, sebbene siano passati solo 4 anni. UP THE IRONS, now and ever
Enomis
Lunedì 16 Giugno 2014, 23.09.56
242
Gran disco, unico nella discografia maideniana grazie al sound futuristico; condivido le affermazioni di commenti ad oggi abbastanza datati In primo luogo, anche secondo me ci vuole più tempo rispetto ad un Iron Maiden o un Number of the Beast perché l'album venga assimilato nella sua complessità. Secondariamente, concordo sul fatto che siano pochi i pezzi-simbolo di questo disco (sul già citato Number, benché a me piaccia tutto, e anzi trovo Gangland molto sottovalutata, spiccavano la titletrack, Run to the hills, Hallowed, Prisoner, suonate spesso in Live), ma che tutte guadagnino qualcosa in più se ascoltate di fila sul platter (la cosa si sente ancora di più su Seventh Son, ma è un concept, quindi è piuttosto normale). Rece e commenti hanno già parlato della prestazione dei singoli membri, eccellente come al solito, ma mi sento di dire una cosa: se questi sono i risultati, per il plausibile prossimo album voglio un Dickinson insoddisfatto! (Ahah scherzo, eh) Stavolta mi tocca concordare anche sul voto!
Robysus2
Domenica 15 Giugno 2014, 14.42.51
241
Oggi lo stavo riascoltando, bella recensione. Album decisamente positivo, i Maiden aggiungono un'ennesima nuova sfaccettatura al loro sound, concordo col voto
matteo
Martedì 3 Giugno 2014, 19.36.04
240
Alexander The Great è la dimostrazione che un testo apparentemente ingenuo da sussidiario delle elementari anni '50 (vedere ultima frase He died of fever in Babylon) può diventare un capolavoro. Alla facci di tutti quelli che si spaccano su parole complesse e ricercatezze stucchevoli
Piece of Mind
Domenica 4 Maggio 2014, 14.53.09
239
Album col "turbo" della vergine di ferro , niente altro da aggiungere tranne concordare con la spettacolare recensione.
Diego
Venerdì 4 Aprile 2014, 19.01.32
238
Per me SIT rappresenta la summa della produzione maideniana, come se avessero preso gli album precedenti e li avessero frullati, distillati e ci avessero fatto assaporare l'essenza decenni dopo. In SIT c'è tutto quello che un maideniano desidera, armonizzazioni, epicità, pathos, velocità e melodia, passato e futuro. Fosse uscito 20 anni dopo suonerebbe ancora attuale. All'epoca fu una scelta coraggiosa, quasi azzardata ma sono convinto che chi non lo ha capito nel 1986 si è ricreduto anni più tardi...
Argo
Domenica 16 Febbraio 2014, 9.06.48
237
Lode all'intero album Seventh Son, però io Can I play with madness la salto sempre, come salto sempre Run to the Hills, Two Minutes to midnight, Wasted Years... certi "classici" dei Maiden ormai faccio fatica ad ascoltarli, non perchè siano brutti ma perchè mi hanno fuso le balle
Matteo
Sabato 15 Febbraio 2014, 23.27.20
236
@Francesco: "commerciale" non esclude "gran pezzo", cosa che comunque CIPWM? NON è, nel modo più assoluto. è un buon pezzo, d'accordo, ma se eleviamo questa a "gran canzone", allora Alexander the Great cos'è? L'idea stessa di musica?
enzo
Mercoledì 12 Febbraio 2014, 11.53.10
235
gran disco e pensare che per tanti anni non mi ha fatto impazzire ma con il tempo lo apprezzato sempre di piu anche se preferisco altri album dei miden comunque grandi pezzi come wasted years loneliness strnger e alexander non si discutono
Francesco
Martedì 24 Dicembre 2013, 0.19.36
234
Matteo: 'Can I play with madness?' sarà anche una canzone commerciale, ma è pur sempre una grande canzone.
stranger in a strange land
Sabato 21 Dicembre 2013, 21.50.40
233
(....ovviamente i - minimi - difetti non riguardano alcuno dei capolavori sino a Seventh son...compreso)
stranger in a strange land
Sabato 21 Dicembre 2013, 21.48.51
232
Awake, Danimanzo e Andrea....avete in modo diverso sintetizzato il mio pensiero. Questo è un disco eccezionale perché all'ascolto eccezionalmente fresco ancora oggi. Ha tutti i tratti distintivi e pregi dei Maiden, senza averne i difetti a volte la prolissità e un eccesso di epicismo barocco). E gli assoli di chitarra sono realmente da capogiro. P.s. Scusami Raven, non avevo badato al diverso recensore...Se non si fosse capito, reputo comunque il voto troppo basso
Steelminded
Mercoledì 18 Dicembre 2013, 18.22.42
231
... E piece of mind dimenticavo
Steelminded
Mercoledì 18 Dicembre 2013, 16.31.11
230
Sono d'accordo com Andrea. Seguito a breve da the number of the beast e iron maiden...
Andrea
Mercoledì 18 Dicembre 2013, 15.01.44
229
Somewhere in time è il mio album preferito dei Maiden, il sound è unico e stupendo. Nonostante si stacchi da quello degli album precedenti il synth non toglie nulla... Anzi da qualcosa in più a parer mio
Ragnarok 79
Sabato 9 Novembre 2013, 12.54.11
228
Un capolavoro assoluto.
Matteo
Mercoledì 2 Ottobre 2013, 20.56.12
227
@Francesco: Can I play with Madness? è forse il brano più commerciale mai scritto dagli Iron dopo la ruffianissima Wildest Dreams. Parliamoci chiaro: è la tipica canzone CONCEPITA per essere un singolo attirapubblico, esattamente come lo sarà, quindici anni dopo, Rainmaker, che però è diverse spanne sopra. CIPWM? è più o meno la Rainmaker di Adrian Smith. Ha tutte le caratteristiche della canzoncina commerciale da dare in pasto alle radio qualche tempo prima di lanciare l'album: coretto super ruffiano, strofe accompagnamenti abbastanza sempliciotti, devo dire, assolo breve e diretto, stacco con tanto di scratch metallaro, ripresa del chorus. Dimmi che non è commerciale questo...
Matteo
Mercoledì 2 Ottobre 2013, 20.41.49
226
D'accordo su tutto tranne che su Deja vu. Questa canzone, a parere mio e non solo, è una delle più trascinanti della coppia Murray-Harris, e forma con le successive Fates Warning, Judas be my guide e, molto più in là, l'immensa Rainmaker un poker di canzoni potenti e efficaci, sicuramente tra le più riuscite del buon Dave. Il fatto che il testo sia un po' sempliciotto va a suo favore, in quanto la distingue da quelli che sono (e saranno) i testi ben studiati e piuttosto ricercati delle altre tracce di Somewhere in Time e dei successivi Seventh son of a Seventh son e No Prayer for the Dying. Va inoltre lodato il fatto che quasi tutte le canzoni del bravo Murray hanno la stessa struttura: intro arpeggiata con assolo, spezzata dal riff portante della canzone, poi strofe, eventuale bridge, chorus, assoli, ripresa. Eppure, non sono mai banali o ripetitive, ma sempre entusiasmanti. Ovviamente, IMHO
davide
Mercoledì 18 Settembre 2013, 23.21.11
225
album bellissimo con grandi assoli come dice awake un bel 95 lo merita tutto
Awake
Sabato 14 Settembre 2013, 2.02.44
224
Album coinvolgente, dall'atmosfera tutta particolare, in cui sono contenuti 3/4 dei più begli assoli del'intera produzione maideniana (senza nulla togliere agli assoli dei lavori precedenti sia chiaro). Riff e songwriting veramente notevoli. Canto del cigno del gruppo britannico, purtroppo.
Francesco
Venerdì 6 Settembre 2013, 14.48.34
223
stranger in a strange land: Can I play with madness è un brano commerciale? Ma non diciamo sciocchezze...
Danimanzo
Sabato 31 Agosto 2013, 16.18.32
222
E' davvero dura, per chi ama gli Iron Maiden, scegliere il proprio album preferito all'interno della loro lunga discografia. A distanza di anni e di ascolti posso dire di averlo trovato. Il qui presente Somewhere in Time è un concentrato di epicità, potenza, groove condito da una forte componente futuristica e progressiva che troverà compimento nel prossimo Seventh Son of a Seventh Son.
Raven
Mercoledì 21 Agosto 2013, 23.11.41
221
Seventh è di un altro recensore.
stranger in a strange land
Mercoledì 21 Agosto 2013, 22.57.10
220
...più ci penso meno me ne faccio una ragione ...86 mi sembra voto davvero troppo basso , specie avuto riguardo all'80 di Dance of death e al 99 di Seventh son, al quale secondo il mio punto di vista Somewhere non è sotto alcun profilo inferiore. Anzi. Ho sempre pensato che il fatto che la band non amasse alla follia questo lavoro fosse più legato al periodo in cui fu creato (fine di in tour estenuante con un Dickinson alla frutta e le inevitabili tensioni) che a reali motivi artistici. Il disco è infatti una "bomba" e regge all'ingiuria del tempo meglio di altri lavori pur ragguardevoli (uno a caso: Piece of mind). Oggi capisco meglio come mai il disco all'epoca fece storcere il naso a non pochi fans dei Maiden: si tratta di un lavoro davvero avanti per l'epoca e per gli stessi Maiden dell'epoca. Pur avendo ancora nelle orecchie l'eco dei fasti di Powerslave, io rimasi stregato. E come ieri, così pure oggi
Andy '71 vecchio
Mercoledì 14 Agosto 2013, 10.30.07
219
Ricordo quando lo comprai appena uscito,andai a casa,presi il vinile,gli misi sopra la puntina, e via........Orgasmo sonoro!Non c'è una canzone brutta,uno dei miei preferiti,"Alexander the Great"grandeur epica,"Wasted years"magnifica,con uno degli assoli più belli del metal,Adrian insuperabile,"Sea of Madness"mazzata,tutte bellissime!E ricordo anche che la maggior parte della gente stava più a pensare e ad incazzarsi per l'utilizzo delle guitar-synth,"orrore e raccapriccio"senza ascoltare per bene questo discone,ahahaha,poveri loro!Salvo poi,anni dopo ricredersi e sbandierare la sua belllezza ai 4 venti,eheheheh!
stranger in a strange land
Mercoledì 14 Agosto 2013, 2.14.55
218
livello medio alto....Beh, mi sembra un po' riduttivo...Heaven can't wait, The loneliness...., Wasted years, Alexander the great...e nemmeno una caduta di tono. P.s. ma se Wasted years è commerciale che dire di Can I play with madness dell'osannatissimo e intoccabile Seventh son?!
Leo
Domenica 11 Agosto 2013, 21.07.47
217
A parte Seventh Son of a Seventh Son che è il top degli Iron per me
Leo
Domenica 11 Agosto 2013, 20.13.35
216
A mio parerfe il peggiore degli Iron Maiden fino a quel momento, poi verrà di peggio. Permane su un livello medio alto, ma i precedenti dischi erano migliori
stranger in a strange land
Domenica 11 Agosto 2013, 16.03.42
215
...l'ho riascoltato l'altro giorno due volte di fila. E non mi stanca mai. Parti strumentali eccezionalmente belle e nuove rispetto a quanto sino allora fatto sentire dai Maiden. Confermo massima votazione possibile, almeno secondo me. Disco non facile, certo, ma che trovo abbia un'ispirazione vera (cioè non di mestiere), una coesione interna e una compattezza che non si sentiva dai tempi d'oro (anche se da Iron Maiden fino a Seventh son...a ben vedere è tutto un susseguirsi di capolavori). In parole povere è l'atmosfera di questo disco ad essere pura magia, vuoi per il coraggio nell'intraprendere questa direzione nuova (molto più semplice sarebbe stato riproporre un clone di Powerslave), vuoi per l'incontro-scontro fra le varie anime del gruppo, che ha portato alla luce uno dei lavori - credo - meno esclusivamente harrisiani dell'intera saga. La mano di Smith in fase di scrittura c'è e si sente. Potrei continuare per ore, meglio che mi fermi qui
Diego
Venerdì 5 Luglio 2013, 17.21.23
214
Sarò breve...100
Sambalzalzal
Domenica 30 Giugno 2013, 19.40.08
213
dario@ e deedeesonic@ grazie! l'avevo cmq trovata su youtube e si rivedendola è chiaro che Dickinson fosse ubriaco !!!
dario
Domenica 30 Giugno 2013, 19.22.05
212
@deedesonic : ...meno male grazie
deedeesonic
Domenica 30 Giugno 2013, 19.17.05
211
@dario, sempre su behind the iron curtain, si vedono gli iron invitati ad un matrimonio polacco, dove appunto suonano smoke on the water, quindi non te lo sei sognato!
dario
Domenica 30 Giugno 2013, 17.44.37
210
@samba : nel dvd Live after death, disc two, (edizione 2008) vengono svelati un pò i retroscena del wordl slavery tour, tra i quali , nella sezione Behind the Iron curtain capitolo 2, gli Iron sono ospiti al " the remont student club " (Polonia), una specie di disco-pub dove si balla e si beve (anche gli iron alzano le pinte ! ) Ad un certo punto un ragazzo dice a Bruce che lui vorrebbe fare metal con i synt, e ti confermo che lui risponde "che non si può fare metal con i synt". Smoke on the water o me la sono sognata, o magari si tratta di altro materiale che ho visionato. ciao
dario
Domenica 30 Giugno 2013, 17.25.15
209
@samba: sempre a memoria, mi pare che gli iron erano ad una festa dove, tra l'altro , avevano suonato smoke on the water. Adesso cerco tra il mio materiale e provo a scovare sta intervista.
Sambalzalzal
Domenica 30 Giugno 2013, 16.56.51
208
Dario@ su youtube... "I wanna play heavy metal with a synthesizer" ed effettivamente Bruce "sembra" rispondere di no ma mi pare sia visibilmente ubriaco!!! l'epoca poi mi sembra dai capelli quella di questo album, quindi boh!!!
Sambalzalzal
Domenica 30 Giugno 2013, 16.53.48
207
Dario@ ah ma quindi il video era precedente a SWIT!? Cristo, pensavo fosse una cosa successa proprio durante quel tour e che lui avesse risposto affermativamente! Adesso devo assolutamente ricordarmi che video era! Cmq, esatto, qualora avesse detto di no poi i fatti lo hanno smentito!!!
dario
Domenica 30 Giugno 2013, 16.46.13
206
@sambalzalzal : ricordo anch'io quel video ma, se la memoria non m'inganna, Bruce rispose di no. Meno male che cambiò idea, visto i risultati in questo capolavoro !
Raven
Domenica 30 Giugno 2013, 16.16.17
205
No. E' il lettore che deve avere la curiosità di informarsi, di confrontare, di capire, stimolando confronto e cultura. Basterebbe leggere le recensioni senza dare molto peso al numerino finale. io faccio sempre l'esempio di Beppe Riva, firma storica del metal italiano. Era un grande, ma quando leggevo le sue recensioni dei Manowar sapevo che secondo me il disco avrebbe meritato 10 punti meno di quello che scriveva lui. Era in malafede o impreparato? No, solo usava un metro di valutazione diverso dal mio che io avevo individuato, ed io lo sapevo perchè leggevo, leggevo, leggevo e confrontavo, confrontavo, confrontavo, tenendo sempre conto non solo di cosa era scritto, ma di chi lo aveva scrittoe della sua preparazione.
Vitadathrasher
Domenica 30 Giugno 2013, 15.30.43
204
Ok, è pienamente condivisibile tutto questo ma per completezza ogni album (in questo caso degli iron)dovrebbe avere anche il tuo commento, vedi seven son. Se un recensore interviene su di un album di una band di conseguenza dovrebbe intervenire per il resto della discografia, così che il lettore possa farsi un 'idea del disco e soprattutto del metro di giudizio del recensore.
Raven
Domenica 30 Giugno 2013, 15.06.45
203
Il senso sta nell'indipendenza del giudizio, che vale anche per i lettori. Si tratta di un valore aggiunto della nostra testata, che non decide prima che voto dare ad un disco perchè un altro redattore la pensa diversamente, ma lascia spazio al libero arbitrio di ognuno e stimola il lettore a formarsi comunque una valutazione propria.
Vitadathrasher
Domenica 30 Giugno 2013, 14.38.41
202
...... mettetevi d'accordo se no che senso ha in una discografia così ampia un divario simile.
Sambalzalzal
Domenica 30 Giugno 2013, 14.18.41
201
Arraya@ mi ricordo che non so in quale video (magari anche Raven@ lo ricorda) c'era proprio sto ragazzo che chiedeva a Bruce se si potevano usare i sintetizzatori nel metal... mi pare che tutto questo album rappresenti una risposta più che ovvia.... il discorso non è snaturare il suono grazie ad innovazioni tecnologiche, il discorso è innovarlo in maniera celebrale e mi pare i Maiden ci siano riusciti molto bene. Certo è che se avessero continuato a puntare sull'innovazione fine a sé stessa oggi magari sarebbero come i Rammstein e non credo nessuno ne sarebbe stato felice... chissà oggi se riuscirebbero mai a rifare una cosa così... probabilmente Dickinson come solista si....
Raven
Domenica 30 Giugno 2013, 14.01.07
200
Semplicemente -come detto mille ed una volta- recensori diversi. Curiosa la tua tombola col 99...
Vitadathrasher
Domenica 30 Giugno 2013, 13.55.23
199
Credo sia l'album più completo dei Maiden riff e assoli a non finire amalgamati alla perfezione, con un uso parsimonioso di synts. 86 a questo e 99 al prossimo. Ma date i voti mentre giocate a tombola?
Le0vince
Sabato 29 Giugno 2013, 20.18.42
198
Apice della maturità compositiva maideniana. Album che si delinea su un prog nwobhm ben impostato per quanta riguarda riffs e lyrics. Album che rimmarrà nella storia. Voto:90
Raven
Domenica 7 Aprile 2013, 17.14.46
197
Di questo ti ringraziamo tutti
Steelminded
Domenica 7 Aprile 2013, 17.10.42
196
Va bene (-; vedo che porti argomenti che sono difficili da confutare (-; forse il giusto sta nel mezzo. Comunque siete bravi, a me sto sito mi ha preso proprio!
Raven
Domenica 7 Aprile 2013, 16.56.55
195
Scusa Steel, ma a questo punto non ha senso il lavoro del recensore, tanto vale fare delle schede con nome band, titolo disco, voto e finita lì. Se un album interessa non capisco come non si possa essere interesati a leggerne i contenuti, posto che si assegni ad un certo sito ed ai suoi recensori la fiducia necessaria. Del resto le recensioni non scappano, puoi leggerle ora come tra 10 anni, ottenendo quelle informazioni che nessun voto può darti, senza contare le differenze di sensibilità tra recensori che possono fuorviare, quindi..
Steelminded
Domenica 7 Aprile 2013, 16.48.31
194
2 raven: mi permetto di porre in dubbio un tuo postulato: il voto è importante almeno quanto la recensione. Per me, è anche più importante visto che non avrò mai il tempo di leggere tutte le recensioni di dischi che mi potrebbero interessare. E credo di non essere il solo a pensarla così, tra fan, band, discografici e addetti ai lavori inclusi. E chiaro che non tutti conoscono i metri di giudizio del recensore, io ad esempio so che 86 è un voto altissimo in base alla tua metrica (e anche in assoluto) ma non tutti possono saperlo. Evviva!
Steelminded
Domenica 7 Aprile 2013, 16.43.30
193
2 anvil: in effetti, anche quelli lì siamo a livelli elevatissimi. IM e PoSve sono lì lì per entrare nel cerchio magico dei miei migliori, ma li trovo leggermente inferiori ai quattro. Killers due gradini sotto. Siamo al gusto personale però (-; Evviva!
BJP
Domenica 7 Aprile 2013, 16.37.28
192
Grazie Raven! Sono molto d'accordo con il commento di Arrraya qua sotto
Arrraya
Domenica 7 Aprile 2013, 15.47.05
191
Con questo album iniziarono le prime critiche verso la band dai fans piu oltranzisti, per via dell' utilizzo dei guitar synth. Chissà cosa pensano gli stessi fans che criticarono SIT all' epoca dell'ultimo decennio della band. Magari i Maiden potessero essere come all'epoca un po sperimentatori. Mi trovo in sintonia con le parole della recensione, per me un bel 8 come voto
Raven
Domenica 7 Aprile 2013, 15.26.14
190
Bene, per te merita il massimo, per chi ha scritto la recensione no, dire che il voto è ridicolo però è altra cosa, ma chiudiamola qui. Il giudizio finale (ma preferisco parlare di valutazione) non è espresso dal voto, ma dalla recensione nel suo insieme, non da due numerini che per forza di cose non possono esprimere nulla oltre ad un freddo valore numerico la cui percezione può variare da individuo ad individuo . Per conto mio è raro che dia da 80 in su ad un disco contemporaneo. 86 è una valutazione molto alta secondo i miei parametri, ma visto che esprime l'86% di un totale, mi pare alta e basta.
FABIO78
Domenica 7 Aprile 2013, 15.17.50
189
..ridicolo..bhe' forse il termine e' forte ma non irrispettoso ne fuori luogo..non per entrare nel merito della recensione che e' ben fatta ma proprio nel giudizio finale che c e' la delusione.ed e' tutto legittimo poterlo giudicare,lavori migliori nella discografia..si certo tutti capolavori che meritamo abbondantemente il 100(almeno i primi 7 poi se ne puo' parlare..) quindi anche SIT.i dati di fatto che vedo io Raven sono che dopo 27 anni dell uscita di questo lp siamo ancora qui che ne discutiamo e questa e' passione oltre il motivo per cui SIT secondo me merita il massimo della valutazione
anvil
Domenica 7 Aprile 2013, 13.14.18
188
Steelminded : No aspetta ma i primi due e Powerslave dove li metti , sono dei capolavori pure quelli . Grandissimi MAIDEN
Steelminded
Domenica 7 Aprile 2013, 13.13.47
187
#dario: Cavolo, non l'avevo notato. Verissimo. Evviva!
dario
Domenica 7 Aprile 2013, 13.10.53
186
A mio avviso almeno un album tra IM . TNOTB , KILLERS; SSOASS e SIT doveva avere il massimo , cioè 100. Faccio notare che nessun album dei maiden l'ha ottenuto......poi certo il voto non è tutto.
dario
Domenica 7 Aprile 2013, 13.10.53
185
A mio avviso almeno un album tra IM . TNOTB , KILLERS; SSOASS e SIT doveva avere il massimo , cioè 100. Faccio notare che nessun album dei maiden l'ha ottenuto......poi certo il voto non è tutto.
Steelminded
Domenica 7 Aprile 2013, 13.09.40
184
Ciao Pablo. Si in effetti è personale, però mi pare innegabile che siano 4 eccellenze, tra cui è ovviamente legittimo fare delle gerarchie. Buona domenica a todos!
Pablo
Domenica 7 Aprile 2013, 13.01.06
183
@Steelminded : Per me questo è inferiore , comunque va a gusti
Steelminded
Domenica 7 Aprile 2013, 12.50.40
182
@anvil: commento legittimo, ma secondo me questo è al livello di quelli che hai citato e di SSSS. Insieme sono tutti e quattro dei 100 e i migliori secondo me del gruppo! Evviva!
anvil
Domenica 7 Aprile 2013, 12.33.56
181
100? E la Madonna e a TNOTB e a Piece of Mind che voto diamo... 200???
Raven
Domenica 7 Aprile 2013, 12.26.58
180
Dimenticavo: benvenuto a BJP
Raven
Domenica 7 Aprile 2013, 12.26.04
179
L'uso del termine "ridicolo" è decisamente fuori luogo ed irrispettoso. Il voto va inquadrato all'interno di una discografia, e comunque riflette parametri basati su dati di fatto e non di cuore come deve sempore fare chi recensisce. Il 100 non ha senso all'interno di una discografia che presenta picchi superiori.
FABIO78
Domenica 7 Aprile 2013, 12.18.37
178
il primo lp che ho comprato dei maiden che dire... l 86 e il 79 sono voti ridicoli per questo disco che merita sicuramente di piu'!ancora oggi e' emozionante e modermo e non c e band heavy moderna che si avvicina lontanamente a scrivere dei pezzi come wasted years o stranger in a strange land...VOTO 100
BJP
Domenica 7 Aprile 2013, 11.51.56
177
Salve, vi seguo da un po' ... Mi piace questo sito. Una delle recensioni che ho letto per prime in questo sito è proprio questa, mi è piaciuto molto il pezzo introduttivo dove il recensore parla di come sia i Judas con Turbo che i Maiden con quest'album avessero utilizzato i synth e di come furono accolti i due album. Io ho la versione originale (CD del 1986) e mi piace. Oltre al singolo Wasted Years, mi piace in maniera particolare la quasi title-track. Voto 86, come l'anno di uscita dell'album
Philosopher3185
Domenica 24 Marzo 2013, 18.51.05
176
Per me è un capolavoro,superiore anche a number of the beast..la title track ha un assolo incredibile(uno dei migliori assoli di tutti i tempi!)Dickinson canta anche meglio che negli album precedenti,la produzione è perfetta,e poi cè un pezzo velocissimo come loninless...
Dan8
Sabato 2 Marzo 2013, 1.39.46
175
Semplicemente geniale. E' stato scritto poco se non nulla di Caught Somewhere in Time, la traccia d'apertura dell'album, che secondo me è nella Top 3 dei brani degli Iron Maiden. Crea un'atmosfera unica, canzone veloce,martellante e gli assoli di Dave e Adrian sono tra i più belli che hanno composto. Ottime le successive Wasted Years e Sea Of Madness, il quale intro è di un'esplosività che mi lascia sempre stupefatto. Ho faticato a farmi piacere Heaven Can Wait, ma col tempo devo dire che l'ho cominciata a gradire (Sono l'unico che nota una sconcertante similitudine con il chorus di Paschendale?) The Loneliness si apre con un arpeggio che Harris col tempo ripeterà fino alla noia e la canzone procede bene. Stranger in a Strange Land è un altro pezzo geniale di questo stupendo album e la successiva Deja-Vù (al momento) è la mia preferita dell'album, peccato per il testo molto semplice e banale. Su Alexander the Great non c'è niente da dire, pietra miliare della Vergine, a cui però preferisco Caught Somewhere in Time. Non il loro miglior album, ma siamo molto, molto molto vicini. Voto 90
Raven
Lunedì 24 Dicembre 2012, 16.37.37
174
A tutti i lettori
dario
Lunedì 24 Dicembre 2012, 16.35.14
173
Merry metal Christmas !!!!!
Federico
Sabato 22 Dicembre 2012, 23.32.35
172
Somewhere in time: Viaggio nel tempo! Non solo nel futuro ma anche nel passato,come nella epica "Alexander the Great"Chi non vorrebbe viaggiare nel tempo? Con la musica di somewhere in time si puo'.L'assolo di Alexander mi fa volare in alto.Piu' in alto delle nuvole,da dove si possono intravedere mille mondi lontani.
dario
Sabato 22 Dicembre 2012, 1.54.25
171
La parola giusta per SIT è Fantastico!!!! quante volte lo ascoltato nelle cuffie stereo, con in mano l'album...iniziavo un viaggio fantastico condizzionato dalla copertina futuristica; ricordo che cercavo di scrutare ogni particolare anche nel disegno: gli uomini davanti alle vetrine, l'aereo sopra l' aces high bar, l'angelo? che precipita, il gatto con l'aureola, l'orologio che segna 23.58, ......batman!! ecc. ciao
The Nightcomer
Giovedì 20 Dicembre 2012, 22.00.01
170
Ricordo ancora come se fosse ieri quando uscì questo album... Se ci penso non riesco nemmeno a realizzare che siano passati tutti questi anni. Mi ero recato al negozio di dischi del paese (defunto da lustri), perché avevo saputo che era uscito il nuovo album degli Irons, i quali allora ascoltavo tantissimo e che non ho mai smesso di amare. Parlavano di ammorbidimenti e guitar sinth, ma a me non me ne poteva importare di meno... Erano i Maiden e questo mi bastava. Ho ascoltato quest'album un'infinità di volte ed ancora oggi lo ritengo il coronamento di un percorso evolutivo iniziato nel 1980. Dopo Killers "Somewhere in time" è il mio preferito, ma tutta la produzione della vergine dal 1980 al 1986 è imprescindibile!
dario
Giovedì 20 Dicembre 2012, 19.10.05
169
Feel like I’ve been here before Feel like I’ve been here before Feel like I’ve been here before Feel like I’ve been here before
The Nightcomer
Lunedì 17 Dicembre 2012, 20.20.57
168
Gli Hawkwind vantano una discografia assai ricca, della quale anch'io possiedo solo alcuni titoli (tra cui quello da te citato), tutti inclusi nel periodo seventies-inizio eighties. il più recente che ho è Choose Your Masques, poi ammetto di non aver più seguito. Restando in tema di prog e space rock, mi viene spontaneo citare i tedeschi Eloy, nei cui lavori sono spesso incluse atmosfere "futuristiche", a mio parere davvero belle! Un saluto pure a te.
dario
Lunedì 17 Dicembre 2012, 20.10.00
167
Grazie a tutti , proverò ad ascoltarli.
Fabio II
Lunedì 17 Dicembre 2012, 20.06.16
166
Guarda quante cose saltano fuori Nightcomer, quello purtroppo non lo mai sentito. Ma visto che sono spacerockers non mi sorprende. L'ultimo che ho e' 'Hall of the mountain...' . Band incredibile. Consigliati anche ai fan dei Kyuss. Un saluto!
The Nightcomer
Lunedì 17 Dicembre 2012, 19.55.58
165
Grande Fabio, un ottimo consiglio il tuo! Quel disco di Frank Marino è davvero bello. Tra gli albums con atmosfere spaziali e/o futuristiche (perdonate la grezza definizione) inserirei pure Levitation degli Hawkwind; periodo, stile e soluzioni non paragonabili a quelle di Somewhere in time, ma gran risultato.
Fabio II
Lunedì 17 Dicembre 2012, 19.42.12
164
Dario, se vuoi prova con Frank Marino di 'Juggernaut', il contesto e' completamente diverso, ma nell' 82 parlando di hard rock, possedeva un'aurea futuristica, ovviamente con il feticcio blues molto più presente. Ti saluto ( anche Federico ). Somewhere In Time!
Federico
Venerdì 14 Dicembre 2012, 23.52.50
163
Propio cosi'...perche gli iron non hanno proseguito su quella strada? forse perche' sono stati criticati da tutti.Infatti le cose migliori vengono apite sempre dopo.Dopo 25 anni non si trova ancora un album fatto in questo modo.Che tristezza!
dario
Venerdì 14 Dicembre 2012, 23.00.43
162
ok....grazie raven , Turbo già lo conosco...intendevo un bel LP con queste tecniche ! ciao
Raven
Venerdì 14 Dicembre 2012, 22.33.13
161
Se ti volessi male ti direi Turbo
dario
Venerdì 14 Dicembre 2012, 22.29.08
160
e poi...non ricordo un'altra band che abbia inciso un album con queste tecniche sinth e con queste senzazioni futuristiche ottenendo un così grande risultato.....ma forse pecco d'ignoranza ...qualcuno sa dirmi qualcosa? ascolterei volentieri album di questo tipo.
dario
Venerdì 14 Dicembre 2012, 21.34.39
159
Il mio preferito !! Grande colonna sonora ad una ambientazione futuristica; copertina degna di una scenografia alla blade runner; le chitarre sintetizzate? forse gli iron potevano tentare di proseguire su questa strada e cercare di bissarlo....o forse è meglio cosi, nel senso che la musica di questo album (e la sua immagine) rimarranno uniche. Ricordo ancora il giorno in cui la puntina del mio stereo solcava per la prima volta il LP, sembrava di essere nel futuro.....ok basta ..troppi ricordi....ciao
ac
Martedì 30 Ottobre 2012, 14.45.37
158
wasted years ti entra in testa grazie al suo superbo rif iniziale di chitarra e stranger in a strange land e' una canzone meravigliosa penso che ogni altro commento cotanto capolavoro sia superfluo....
federico
Lunedì 22 Ottobre 2012, 22.23.40
157
Sinceramente non mi sono mai posto il problema dei sintetizatori ascoltando somewhere in time.La musica nasce dalla testa e dal cuore.La vera differenza di queste canzoni è in partenza,da come sono immaginate.Evidentemente questo disco vuole essere un concept album con un impronta decisamente futuristica.Gli iron svilupperanno meglio questo concetto con l'album successivo anche se alla fine ci riusciranno meglio per quanto riguarda i testi che non la musica.Io mi immagino somewhere in time come la colonna sonora di un film di fantascienza.Forse è propio questo ció che ha immaginato Steve Harrys quando ha composto caught somewhere in time.
matteo36
Lunedì 22 Ottobre 2012, 20.33.27
156
infatti somewhere in time è stato un album registrato "attaccando" gli strumenti ai synth !
federico
Lunedì 22 Ottobre 2012, 20.12.58
155
Volevo dire che queste canzoni inserite nella classica scaletta risultano un pò diverse dalle altre.Io sarei il primo a volerle.Per l'album killers si potrebbe fare lo stesso discorso.Che ne dite di una scaletta tutta somewhere e killers? Penso che caught e killers siano identiche
federico
Lunedì 22 Ottobre 2012, 19.23.13
154
È vero,pero' queste canzoni riescono propio a portarti in un altra dimensione.Forse sono stati ispirati da qualche cosa di veramente forte in senso emotivo.Io non trovo una risposta per un album che sembra concepito da una congiura di computers umanizzati.se lo ascolto mi sembra di volare a mille nella mia astronave personale.
matteo36
Lunedì 22 Ottobre 2012, 18.58.38
153
da questo album dal vivo suonano (o hanno suonato in passato) caught somewhere in time, wasted years, sea of madness , heaven can wait (fino alla noia tra l'altro)e pure stranger in a strange land quindi può essere riproposto dal vivo.
Raven
Lunedì 22 Ottobre 2012, 18.39.34
152
Con Harris in formazione le sostanze stupefacenti non hanno spazio. Chiedere a Di Anno
federico
Lunedì 22 Ottobre 2012, 17.47.21
151
L'album della mia iniziazione metal.Un mondo sonoro fino a quel momento sconosciuto.Ai primi ascolti non ci capivo assolutamente niente.Solo rumore.Poi e' diventato come una droga.Non potevo piu farne a meno.L'ho ascolato centinaia di volte e cantato migliaia dentro di me.Mi sono chiesto se gli Iron fossero ricorsi all'aiuto di sostanze stupefacenti per la composizione di quelle 8 tracce cosi complesse ma nello stesso tempo cosi fluide e perfette che anno poco di umano.quella di somewhere é una musica fredda e spietata.Le 8 tracce tutte scaturite da un unica formula sono come matematica sparata a mille.Lo strumento musicale che prevale è il cervello.Questo album rappresenta un momento unico nella produzione del maiden e per questo non puo essere eseguito dal vivo.Inoltre dal vivo non si potrebbe ripetere la perfezione tecnica con la quale le canzoni sono state registrate.Sonewhere in time è un disco che sa di moderno dopo 25 anni dalla sua uscita.Forse deve ancora essere capito.di sicuro deve ancora essere superato.
federico
Lunedì 22 Ottobre 2012, 17.47.20
150
L'album della mia iniziazione metal.Un mondo sonoro fino a quel momento sconosciuto.Ai primi ascolti non ci capivo assolutamente niente.Solo rumore.Poi e' diventato come una droga.Non potevo piu farne a meno.L'ho ascolato centinaia di volte e cantato migliaia dentro di me.Mi sono chiesto se gli Iron fossero ricorsi all'aiuto di sostanze stupefacenti per la composizione di quelle 8 tracce cosi complesse ma nello stesso tempo cosi fluide e perfette che anno poco di umano.quella di somewhere é una musica fredda e spietata.Le 8 tracce tutte scaturite da un unica formula sono come matematica sparata a mille.Lo strumento musicale che prevale è il cervello.Questo album rappresenta un momento unico nella produzione del maiden e per questo non puo essere eseguito dal vivo.Inoltre dal vivo non si potrebbe ripetere la perfezione tecnica con la quale le canzoni sono state registrate.Sonewhere in time è un disco che sa di moderno dopo 25 anni dalla sua uscita.Forse deve ancora essere capito.di sicuro deve ancora essere superato.
Zombie ritual
Martedì 16 Ottobre 2012, 13.57.56
149
insomma Maiden 80-88 se ne intende.....
Painkiller
Venerdì 28 Settembre 2012, 15.04.49
148
Da Priest fan, ma anche da Maiden fan, non posso che RI-scrivere che Turbo (purtroppo) non è all'altezza...è singolare però come, a mio parere, le due band abbiamo avuto storie completamente differenti: gli IRON hanno dato il meglio nei primi sette anni, i Judas nei primi album, poi hanno avuto un andamento altalenante negli anni '80, peoprio nel periodo di maggior splendore degli IRON, poi quando gli IRON hanno fatto uscire No prayer ecco che i Judas pubblicano l'albume di heavy metal definitivo, Painkiller...solo gli anni successivi li hanno visti accomunati dal cambio di singer,con X factor e jugulator ottimi e i successivi non all'altezza, il ritorno poi del lead singer etc...Somewhere in time è un capolavoro, io non riesco a scegliere tra i primi sette album degli IRON, ogni volta cambio opinione...
vitadathrasher
Venerdì 28 Settembre 2012, 14.53.07
147
Stefano, è il prezzo della libertà di questo sito. E' vero il commento che hai citato è delirante e va zittito, non con la censura, ma con un forte attacco, sempre che taluni sappiano recepire la lingua italiana
Raven
Venerdì 28 Settembre 2012, 14.24.16
146
Il lasciare i commenti assolutamente liberi, fa in modo che questi rispecchino la totalità del pubblico esisitente. Le nostre posizioni, il nostro modo di scrivere, gli argomenti trattati negli articoli e tutto il resto, fanno si che la media qualitativa dei letttori e dei loro commenti sia molto alta. Questo però , non può e non vuole impedire a chi ritiene di esprimersi in termini meno raffinati di esprimere la propria opininione, della quale si assumerà onori ed oneri, consistenti anche al sottoporsi alla critica altrui, anche pesante come in occasione del tuo intervento. La lIbertà d'espressione è intangibile, poi l'uso che se ne fa - a prescindere dal commento che stigmatizzi- è un altro discorso.
Stefano
Venerdì 28 Settembre 2012, 14.15.38
145
Raven, certi commenti (Maiden 80-88) vanno eliminati e basta, non solo perchè gli insulti aprioristici non hanno diritto di cittadinanza (ognuno si ascolta quello che vuole), ma perchè se c'è una cosa che apprezzo in questo sito è la gente che scrive cose sensate IN MODO SENSATO e non quei post.. "KAZZOOOO ma ke merda vi sentiteeeee EEEHHH CIOE' CAZZO skifezza impressionante....la meglio è sicuramente la opener: CIOE' contiene 2 tra glia assolI + belli.... che tutte le volte che lo sento lo metto sempre al massivo del volume, dio bono, mi sale una pelle d'oca impressionante, mi vien le lacrime, cazzo è indescrivibile.....CIOE' ma stiamo skerzando! questo è il VERO METAL, non il trash, che scustae ora mi sfogo tutto in una volta, che è fatto solo di riff suriff du coglioni madonna, questa è melodia, passione, tecnica, cazzooooooooooooooooooo! altro che death metal, potesse crepare sto genere del cazzo, e tutte le band di merdaaaaaaaaaa che lo suonano, CIOE' ma come si fa a sentire roba cm slayer,i carcass, tutti sti nomi di mmerdaaaaaaaaaaaaaa che fanno solo rumore, batteria a dumila e basta, cazzo nn c e melodia... lo ascoltano solo xke, cm dicono loro, SPACCA. CIOE' ma vi renbdtee conto che filosofia del cazzo? cioe spakka e allora vero, deve essere x forza bello......e intanto? spacchera pure quanto ti pare, ma intanto le emozioni.... Oh Maiden 80-88 CIOE' ma quanti anni hai, CAZZO? CIOE' CAZZO ma quando Dio ha fatto piovere le lettere dell'alfabeto ti sei raccolto da terra solo C I O E A e Z? Prova almeno a farci un anagramma...
Raven
Mercoledì 12 Settembre 2012, 14.57.20
144
A titolo di cronaca, su questo album non ci sono veri synth, ma guitar synth.
Therocker77
Mercoledì 12 Settembre 2012, 14.49.01
143
Tutti gli album dei Maiden fino a FOTD sono validi, tra questi ci sono capolavori, pietre miliari, ottimi album, album un pò meno significativi...ma comuque i Maiden erano e sono tra le Bands che hanno creato e definito l'Heavy Metal!! Somewhere in Time è un ottimo album per molti...direi anche un capolavoro per alcuni...e un disco sottotono per pochi altri..per me uno dei migliori della band inglese; La sua caratteristica principale è l'arrangiamento dei pezzi e l'uso del Synth, scelta coraggiosa ma anche dettata dai tempi, effettivamente il sound risulta essere nuovo per i fans della vergine di ferro ( i più puritani storceranno il naso ) ma l'album è davvero bello e le canzoni sono molto "maideniane"..fondamentalmente l'anima e la classe della band è rimasta immutata..e dopo un primo ascolto che potrà pure disorientare ( per chi ha sempre ascoltato i maiden ) ci si rende conto che la vergine di ferro è sempre lei! voto : 85
fabio II
Martedì 4 Settembre 2012, 15.49.26
142
heavy sintetizzato, sorry
fabio II
Martedì 4 Settembre 2012, 15.47.18
141
Non lo considero tra i capisaldi dei Maiden, ma all'uscita mi esaltò ( heavy sistetizzato credibile, non come 'Turbo; appuntamento casuale di due mostri sacri?), sicuramente tutto quello venuto dopo, tranne 'Seventh Son', è per me nettamente inferiore. Ottimo il Somewhere in tour visto a Milano con i Wasp di supporto. PS: quasi quasi contatto il clan degli zingari e mi gioco il 3-7 degli Hammers a londra...chissà; somewhere in time
Sambalzalzal
Domenica 19 Agosto 2012, 9.12.16
140
Bellissima, Raven@ l'ascolto sempre molto volentieri!
raven
Sabato 18 Agosto 2012, 15.03.33
139
La ho su nastro.
Sambalzalzal
Sabato 18 Agosto 2012, 14.29.54
138
Bellissimo album e ricordo il singolo di Wated Years in cui compare la bellissima Reach Out con Smith alla voce e bruce ai cori! Inusuale e stupenda!!! Sinceramente io l'avrei messa più che volentieri come "filler" nell'album!!!
Diego
Lunedì 23 Luglio 2012, 18.09.39
137
Da maideniano fino al midollo: 99!!!!
Joker
Giovedì 28 Giugno 2012, 13.05.51
136
Uno tra gli album più criticati dalla band, ed uno dei miei preferiti se proprio vogliamo dirla tutta; a mio parere le sezioni synth che introducono quasi tutti i brani ne rendono il phatos "spaziale" e "viaggi nel tempo" ancora più belli rispetto ai suoni hard degli album precedenti. Un album unico nel suo stile, se vogliamo definirlo, perchè Seventh Son sarà qualcosa di molto diverso. 97
tommy
Giovedì 7 Giugno 2012, 19.03.31
135
chiedo scusa per i toni che ho usato ma purtroppo vado in ebollizione come una macchina quando sento certe cose...e poi il modo in cui sono state scritte...è una questione di cervello io al di là dei Death che oserei definire sublimi e che ho scoperto pochi mesi fa non sono un amante del death metal ma riconosco la validità del genere...sta gente parla senza saper nulla di musica e offende un genere solo perchè cantato in "growl"(e nemmeno sanno che vuol dire)...poi alla base sarebbe anche un dibattito interessante cioè...mettere a confronto i classici più melodici e forse realmente piu emozionnti con un certo tipo di metal magari piu tecnico ma un po freddino ma questa è un altra storia e va analizzata con cautela...in ogni caso certa gente va zittita a volte bruscamente per far si che si renda conto della portata della sua cialtronaggine...scusate ancora anche se non posso promettere di non ripetermi con questi toni...sono fatto così...
Raven
Giovedì 7 Giugno 2012, 11.45.23
134
Fatti un giro nel nostro db, troverai centinaia di titoli che sicuramente ti hanno accompagnato durante quegli anni
MrO
Giovedì 7 Giugno 2012, 11.15.13
133
@Raven: eh già! Però devo ammettere che anche vent'anni fa, quando si discuteva di queste cose, qualche amico si offendeva (e di brutto) se non eri d'accordo con lui. Un po' mi ha sorpreso ritrovare lo questo spirito combattivo per un album che io ho conosciuto qualche decennio addietro. Poi ho apprezzato, e apprezzo, anche altri generi (dal prog al rock, dal power al trash, eccetera), ma la scintilla che per me ha dato inizio alla passione per il metal nasce dagli Iron e da altri gruppi degli anni '80. Chiudo qua il mio intervento, perché dubito che possa essere interessante per chi deve commentare la tua recensione e l'album che ne è oggetto. Un caro saluto e buon heavy metal a tutti!
il vichingo
Giovedì 7 Giugno 2012, 9.35.20
132
@Tommi: non condivido i toni forti del tuo post, ma nell'ultima parte del tuo commento dire che hai ragione da vendere è riduttivo. Non vedo il senso di venire a spalare merda su due generi che, lo vogliano o no i cari detrattori, sono entrati a far parte della storia del metal e ci hanno regalato grandi capolavori, in una webzine che tratta di musica metal. Lo trovo decisamente poco edificante, anzi direi che siamo al limite dell'autolesionismo. E' proprio il caso di dire: puro stile Tafazzi.
Raven
Giovedì 7 Giugno 2012, 8.57.16
131
Anche troppo animatamente
MrO
Mercoledì 6 Giugno 2012, 23.42.09
130
Mi fa piacere che, a distanza di anni, si parli ancora (animatamente, per di più) di album che ascoltavo alle medie e alle superiori e che sono stati, per me, il punto di partenza per entrare nel mondo del metal. Recensione stupenda.
Raven
Mercoledì 6 Giugno 2012, 23.15.48
129
Calmi..... niente insulti, grazie.
tommy
Mercoledì 6 Giugno 2012, 19.43.33
128
@luca e maiden 80-88 perchè non vi date fuoco col cherosene? anzi forse no...tanto il mondo è pieno di idioti due più due meno fa poca differenza...spero per voi che siate due adolescentelli in caso contrario avete bisogno di farvi curare per capire che questo non è proprio il luogo adatto per sputtanare certa gente...è come andare a napoli e parlar male di maradona mi spiego? coglioni
Marco75
Mercoledì 6 Giugno 2012, 19.01.27
127
Volevo aggiungere anch'io solo la mia opinione circa i commenti di Maiden80-88(106) e Luca(119). Non mi dilungherò, dico solo che il death metal è la naturale evoluzione dell'heavy metal, che è un genere di musica che muta continuamente e cerca sempre di abbatterre tutte le barriere. Poi potrà piacere oppure no, ma è musica di alto livello, se fatto bene naturalmente. L'heavy metal è un genere che ama le sperimentazioni e le contaminazioni e non ha pregiudizi, a differenza di voi due cari Luca e Maiden 80-88. E sappiate che i vostri commenti verrebbero di certo criticati anche da tutti i componenti degli Iron Maiden, nonostante non suonino death. Ascoltatevi Tiziano Ferro e la Pausini magari vi piacciono...
Giaxomo
Domenica 3 Giugno 2012, 15.37.17
126
@Vichingo: scritto un pò in maiuscolo e un pò in minuscolo AHHAHAHAH! L'è brusà el toso!
il vichingo
Domenica 3 Giugno 2012, 15.35.58
125
@Giaxomo: Sant'Iddio ho letto appena adesso il commento n. 106. Patetico a dir poco, era da eoni che non leggevo tante cazzate messe insieme e non voglio inferiere ulteriormente perchè non ne vale neanche la pena...
il vichingo
Domenica 3 Giugno 2012, 15.31.20
124
Ovviamente per "commenti come questo qui sotto" intendevo il post n. 119 e non quello del buon Giacomo
Er Trucido
Domenica 3 Giugno 2012, 15.31.10
123
Ma per piacere
il vichingo
Domenica 3 Giugno 2012, 15.30.27
122
AHAHAHAHA certi commenti (come questo qui sotto) sono ridicoli, sembrano usciti dalla bocca di una novantenne bigotta che ha ascoltato per sbaglio una canzone dei Nile e ne è rimasta terrorizzata. Dunque buttiamo nel cesso la discografia di Chuck Schuldiner? The Sound of perseverance è solo rumore? Ne sei veramente sicuro? E comunque congratulazione per il rispetto palesato nei confronti di chi ascolta questo grandissimo genere. Ma poi che cazzo c'entra il death metal con i Maiden e soprattutto coglione io che mi metto a commentare i post dei trolloni.
Giaxomo
Domenica 3 Giugno 2012, 15.29.46
121
@MAIDEN 80-88: era un pezzo che non ridevo così! Sembri l'incazzatore di Colorado
Undercover
Domenica 3 Giugno 2012, 15.29.32
120
@Luca se parli di rumore non sai veramente di che cazzo parli... basta con ste puttanate, ascoltate ciò che vi piace ma non sputate su ciò che non comprendete, è storia vecchia e alquanto ridicola e con essa vi rendete voi stessi ridicoli usando certe motivazioni per denigrare un genere che è ormai parte storica del mondo metal, fatevene una ragione.
Luca
Domenica 3 Giugno 2012, 15.25.05
119
Cazzo Maiden 80-88 hai perfettamente ragione il death metal è una merda!!!! è solo rumore!!! poi volevo dire un altra cosa ottimo album meglio sicuramente delle cagate che tirano fuori adesso gli Iron!!!
Marco75
Giovedì 24 Maggio 2012, 11.20.42
118
Anche per me è il disco migliore degli Iron, senza nulla togliere a tutti i dischi degli anni 80 che sono tutti dei capolavori. Ma Somewhere in time è veramente perfetto.
ecodont
Domenica 6 Maggio 2012, 19.18.33
117
grandissimo disco. per quanto mi riguarda è il quarto migliore dietro solo seventh son of a senventh son, powerslave e the number of the beast. capolavoro e diciamocelo, buona parte delle band di oggi un disco del genere se lo sognano....
Argo
Mercoledì 25 Aprile 2012, 9.48.45
116
Ormai da tutti (o per lo meno la maggiorparte) i fan questo album è considerato il migliore dei Maiden, da parte dei Maiden una riproposizione di qualche brano sarebbe d'obbligo.
Franky1117
Mercoledì 25 Aprile 2012, 3.27.15
115
media voti 81??? certo i gusti sono gusti, ma questo album è tra i più belli di sempre (e tra i più sottovalutati; brani come the loneliness e sea of madness per quanto mi riguarda sono classicissimi al livello di the trooper o hallowed be thy name, eppure non se le caga nessuno, tantomeno i maiden stessi...)
paju
Giovedì 5 Aprile 2012, 0.32.24
114
E' una follia considerarlo uno dei dischi miinori, come molto spesso si legge...è un album eccezionale innovativo sopratutto nel sound dell epoca. a mio giudizio non presenta punti deboli anzi ci consegna i Maiden ina vesta nuova e se vogliamo un po raffinata.Bellisisimi i testi , hanno mostrato che anche a livello lirico nel Metal si poteva andare oltre certi stereotipi. da avere ,ascoltare e riascoltare per comprendere come Steve Harris fose avanti su tutti nel 1986.
AdrianDaveJanick
Giovedì 16 Febbraio 2012, 22.43.41
113
Secondo me il migliore dei Maiden... Adrian Smith e co.(ma soprattutto Adrian) sono stati semplicemente grandiosi...
Golosone 666
Mercoledì 18 Gennaio 2012, 22.22.20
112
Oggettivamente parlando.
Golosone 666
Mercoledì 18 Gennaio 2012, 22.19.59
111
Il migliore.
Golosone 666
Mercoledì 18 Gennaio 2012, 22.19.45
110
Ma andatevene a quel paese.
Nihil
Martedì 17 Gennaio 2012, 23.29.38
109
Per me è uno dei migliori: voto 99
stranger in a strange land
Martedì 3 Gennaio 2012, 11.47.17
108
...Smith è ispiratissimo, of course
stranger in a strange land
Domenica 1 Gennaio 2012, 15.30.26
107
credo sia il miglio disco del periodo Dickinson insieme a The Number of the Beast (e leggermente staccato Powerslave). Grandi sonorità, grandi arrangiamenti, grande voglia di sperimentare e un Adrian Smith ispiritassimo. Serve altro?
MAIDEN80-88
Domenica 16 Ottobre 2011, 11.35.23
106
uno tra i i migliori......senza dubbio sta tranquillamente al passo con i precedenti e cn il successivo (bellissimo anke quello), anzi forse qst ankora di piu visto che queste nuove sonorita mi fanno davvero impazzire......poi cazzo si deve pensare ke lo anno fatto dopo quel tour massacrante, un altra band avrebbe sicuramente tirato fuori una skifezza impressionante....la meglio è sicuramente la opener: cioe contiene 2 tra glia assoli + belli dei maiden, soprattutto quello di adrian smith che tutte le volte che lo sento lo metto sempre al massivo del volume, dio bono, mi sale una pelle d'oca impressionante, mi vien le lacrime, cazzo è indescrivibile,mi sento quasi di esplodere, cioe ma stiamo skerzando! questo è il VERO METAL, non il trash, che scustae ora mi sfogo tutto in una volta, che è fatto solo di riff suriff du coglioni madonna, questa è melodia, passione, tecnica, cazzooooooooooooooooooo! altro che death metal, potesse crepare sto genere del cazzo, insieme al black, e tutte le band di merdaaaaaaaaaa che lo suonano, cioe ma come si fa a sentire roba cm slayer,i carcass, tutti sti nomi di mmerdaaaaaaaaaaaaaa che fanno solo rumore, batteria a dumila e basta, cazzo nn c e melodia li, nn mi trasmettono niente, quei generi li sono solo x quei fogati di mmerda che lo ascoltano solo xke, cm dicono loro, SPACCA. cioe ma vi renbdtee conto che filosofia del cazzo? cioe spakka e allora vero, deve essere x forza bello......e intanto? spacchera pure quanto ti pare, ma intanto le emozioni? la pelle d oca? le lacrime? l'adrenalina? dove le mettete ? queste sono tutte cose che solo l' HEAVY METAL puo regalare, non di certo quegli ABORTI CHIAMATI DEATH, BLACK, BRUTAL, E TUTTE QUELE CACATE ASSURDE......CAZZZOOOOOO, NE AVEVO PROPRIUO BISOGNO DI SFOGARMI! POI OGNUNO GIUSTAMENTE ASCOLTA QUELLO CHE GLI PARE, MA CAZZO QUESTE EMOZIONI, SOLO QUESTI DISCHI RIESCONO A REGALARTELE.......
Stefano
Sabato 17 Settembre 2011, 23.45.13
105
Eviterò di dire quanto si bello questo disco la recensione dice tutto i commenti sono fantastici..voglio smeplicemente dire che in quuesto disco risiede uno dei brani caduto troppo facilmente nel dimenticetoio che gli iron lo ripropomìngono raramente ...c'è Mai la track è Alexander the great"..ma chechè se ne dica Somewere come Killers e Piece of Mind (nn tanto piece ma le ultime 3track del disco le si sentono raramente) sono "schiacciati de quella pesante mole di album che li antecedono...... quali? bhe "Iron maide", "The number of the beat" "powerslave" rende forse comprensibile di come sia impossibile poter riproporre nei live una quantità così impressionante di classici ....di tali "problemi" solo i Maiden e pochissimi altri possono lamentarsi....
Harris Was God
Giovedì 25 Agosto 2011, 4.24.14
104
Eeeeh Somewhere in time...se dovessero mai riproporre un tour basato su questo album, con tutte le loro canzoni ( ho sentito che alcune non le hanno mai proposte e altre raramente) andrei in capo al mondo per ascoltarlo. Se mi nominano questo album, il primo aggettivo che penso è BELLEZZA, nel vero senso della parola. Un album atipico per i Maiden di quei tempi, criticato dalla stessa band, eppure se questo GIOIELLO fosse stato forgiato oggi dalla Vergine di Ferro, sarebbe sicuramente stato il disco metal dell'anno. Canzoni "da sogno", che spingono a cantare a squarciagola mentre si ascolta. Un Bruce statuario, che allieta le mie orecchie con i pezzi cantati più belli ed emozionanti di sempre. The Loneliness of the long distance Runner DA LACRIME AGLI OCCHI. Negli anni 80 i maiden sono intoccabili, e se in questo album sentiamo brani più orecchiabili, più da radio, commerciali, come direbbe qualcuno, non possiamo che dire che lo hanno fatto a meraviglia! Io lo preferisco a The Number of the Beast, per me un 97 ci sta tutto, poco al di sotto di Powerslave e 7SON, ma ammetto di essere di parte e ne vado fiero, è poco per le emozioni che mi regala ad ogni ascolto T_T
slayer xxx
Domenica 21 Agosto 2011, 12.02.23
103
caught somewhere in time = 8 (bella, trascinante, potente) wasted years = 9-10 (cazzo ma state scherzando c'e un baso all inizio porta via un riff eccezionale un assolo da sogno) sea of madness = 7 (niente di eccezionale ma ascoltabile) heaven can wait = 7 secondo me la peggiore, cioe fatta bene e tuutto però bo il ritornello è troppo pacchiano bruttino... the loneliness = 8 capolavoro con un drum work eccezioneale stranger = 7 buona canzone ma l'inizio sa troppo di hrad rock....x il resto buona deja vu= 7 buona ma niente di che....testo banalucio aklexandere the great= 8 bello tondo, maestosa ftta bene. insomma secondo me uno dei loro migliori lo ascolto sempre volentirei sta al passo cn i precedenti secondo me....poi cazzo fare un album di questo calibro cn sonorita nuove e interessanti sinth dopo il world slavery tour....ci vuole fegato... voto= un bel 90
MAIDEN 65
Martedì 9 Agosto 2011, 15.50.14
102
Buono 84
enry
Lunedì 1 Agosto 2011, 9.53.31
101
Più che altro sono abbastanza curiosi come voti, in pratica gli Iron non hanno mai fatto un disco sopra il 7, e The Final Frontier vale tanto quanto The Number of the Beast, Piece of Mind e tutti gli altri dischi anni 80. Non che sia un problema eh...diciamo che è quantomeno curioso.
BILLOROCK fci
Lunedì 1 Agosto 2011, 7.39.43
100
master of r.: ma schiacci sempre" copia e incolla" sul pc ?? perchè metti sempre gli stessi voti, bah contento tu....
Master of Reality
Sabato 30 Luglio 2011, 0.50.07
99
Caught Somewhere in Time = 7; Wasted Years = 6.5; Sea of Madness = 7; Heaven Can Wait = 6.5; The Loneliness of the Long Distance Runner = 7.5; Stranger in a Strange Land = 7; Deja Vu = 7; Alexander the Great = 7; Voto album = 7
Francesco
Sabato 16 Luglio 2011, 23.58.55
98
Per me Wasted years è un brano che è tranquillamente degno di stare tra i grandi classici degli Iron Maiden, poi se la pensi così non posso farci niente
Raven
Sabato 16 Luglio 2011, 17.08.18
97
Questo è un altro discorso, ma qualitativemente non regge nemmeno lontanamente il passo col resto. E' certamente un atipico brano più commerciale del solito.
Francesco
Sabato 16 Luglio 2011, 16.02.13
96
Sarà anche un brano atipico, radiofonico, ma a me piace moltissimo...
Argo
Sabato 16 Luglio 2011, 8.56.37
95
Premetto dicendo che questo è il mio disco preferito dei Maiden e lo reputo uno dei migliori dischi di sempre, in pratica: adoro questo disco. Però sul discorso Wasted Years, non è nient'altro che una "canzone", è oggettivamente un brano atipico per i Maiden di quegli anni, e se la si ascolta con mente aperta e la si capisce in fondo, non sarebbe difficile ammettere che non sarebbe stato strano sentirla per radio assieme a che so, "Heaven" di Adams o "Girls just wanna have fun" di Lauper, solo che i Maiden per radio non passavano. La melodia della canzone è stupenda, e pure l'assolo e i riff di chitarra, ma se pensiamo che questo è il frutto di un Adrian Smith che in quegli anni era indeciso sul suo futuro coi Maiden e tentato dall'AOR (come lo dimostrerà il suo cd con gli ASAP), direi che è facile ammettere quanto ho scritto sopra.
Francesco
Venerdì 15 Luglio 2011, 23.11.39
94
Master of reality: anche te, come fai a definire "sopravvalutato" un brano eccezionale come Wasted years? Mah
Francesco
Venerdì 15 Luglio 2011, 23.08.36
93
Raven, capisco che i gusti sono gusti, ma dire che Wasted years è una canzone piacevole e basta... mah... E' uno dei migliori brani del repertorio degli Iron Maiden
metalhammer
Sabato 9 Luglio 2011, 20.42.11
92
Disco troppo sottovalutato nella discografia degli Iron Maiden. pressocchè xfetto. Il sound è mlt importante x lo sviluppo del Power Metal teutonico/europeo di matrice epica (cfr. i due "Keeper of the Seven Keys" degli Helloween e "Battalions of Fear" e "Follow the Blind" dei Blind Guardian x sentire gli influssi maideniani). Stupende tutte le traccie, ma eccezionale la parte seconda del disco: The loneliness of the long distance runner (una cavalcata simil-power),Stranger in a strange land (rockeggiante come pochi), Deja-vu (esempio di chitarra veloce "stile" power metal) Alexander the Great (Epica come poche canzoni: capace di far rabbrividire i migliori Manowar, e io sono un fans dei Kings of Metal... ora Joey DeMaio mi rintraccia e mi decapita cn lo spadone di Into Glory Ride).
Ivan
Mercoledì 15 Giugno 2011, 12.18.21
91
Un disco per palati fini, il voto è troppo basso. Yavra
Ivan
Martedì 14 Giugno 2011, 15.15.06
90
Dsco perfetto, credo il migliore merita 100
Maurilio
Sabato 14 Maggio 2011, 15.59.53
89
Concordo: splendido e sottovalutato soprattutto dalla band. Qui tutte le canzoni sono di una grandissima qualitá e ci sono dei suoni eccezionali. Peccato non venga suonato live. Anche io iniziai ad ascoltare i Maiden con questo disco: che figata la versione in vinile, quante volte avró studitato i minimi dettagli dei disegni( altro che le copertine dei cd...) a partire dal 1986....
Argo
Sabato 14 Maggio 2011, 13.35.17
88
Il perchè dal vivo non suonino mai canzoni di questo disco è scritto nel commento 80, idea che è stata presa dal libro sui Maiden "run to the hills".
Echoes
Sabato 14 Maggio 2011, 11.12.44
87
Album splendido 95! Troppo sottovalutato questo album, è sul livello di tutti i primi 8 album dei maiden (nei quali è veramente difficile scegliere il migliore). Tutte le canzoni sono tutte (chi piu, chi meno) bellissime per me le migliori sono TLOTLDR, la titletrack e SIASL (una delle mie preferite della loro discografia).I mi domando perchè dal vivo fanno solo le solite 2, una stranger in stranger land con quell'assolo da pelle d'oca ci potrebbe anche stare
blackie
Martedì 10 Maggio 2011, 15.08.42
86
magnifico!x me i primi 8 album dei maiden non hanno difetti,forse parlo da fan ma cosa si puo dire di un disco come somewhere in time?50 minuti di musica splendita,adrian snmith qui ha dawero fatto un lavoro unico ascoltate stranger in a strange land...stupenda,cosi come heaven can wait,the lonliness ,..distance runner e il capolavoro alexander the greath!disco perfetto uno dei migliori della loro discografia!
PanTheoN
Venerdì 6 Maggio 2011, 18.42.03
85
sono d'accordo con rox68, Somewhere In Time si merita almeno almeno un 95... un disco IMMENSO, senza dubbio il migliore dei Maiden.
rox68
Sabato 9 Aprile 2011, 15.35.04
84
Voto basso, 86 è troppo poco per questo disco.
Maurizio
Mercoledì 30 Marzo 2011, 15.47.05
83
Abissalmente superiore a Turbo non fu comunque accettato granchè bene dai fans della prima ora. Penso che sia tuttora il lavoro più sottovalutato dei Maiden.
jemini
Mercoledì 16 Marzo 2011, 22.16.53
82
io detesto alexander the great....ha un testo ridicolo. Comunque il disco è complessivamente buono: 79
Master of Reality
Domenica 20 Febbraio 2011, 12.33.39
81
Paragonato a Turbo, è il più grande disco mai registrato. La traccia inziale, "pseudo" title-track (quel "caught" c'entra poco col titolo del disco), è ottima, con un ritornello trascinante ed un ottimo assolo e nessuna delle tracce seguenti è da buttare via, anzi, sono tutte molto buone, anche se Wasted Years mi sembra molto sopravvalutata ed Heaven Can Wait non è tutt questa gran canzone, anche per "colpa" di quei cori un po' pacchiani. Per il resto ottimo disco, in cui le chitarre ed i nuovi effetti futuristici si uniscono per un mix perfetto, anche se snaturano un po' la classica natura Heavy dei Maiden. Voto:8
Argo
Domenica 20 Febbraio 2011, 11.42.41
80
Miglior disco dei Maiden, non sono d'accordo col voto, avrei dato + di 100 se possibile. Ho cominciato a seguire i Maiden proprio con questo disco nell'86. Piccolo appunto su "Stranger i.a.s.l.", i corpi vennero ritrovati 100 anni dopo. Riguardo del perchè le canzoni di questo disco non vengono mai suonate dal vivo:me lo sono chiesto sempre per anni pure io, ma dopo aver letto il libro uscito recentemente in Italia dei Maiden, è chiaro che questo disco è stato registrato e prodotto in uno stato di alta tensione da parte dei Maiden, esausti e coi nervi a fior di pelle dopo il World Slavery Tour. La mancanza di canzoni da parte di Bruce (che voleva cambiare di molto il sound della band) e la realtà dei fatti che a parte Deja-vu le canzoni sono state scritte in solitario, ne è la prova. Penso che questo disco voglia essere "dimenticato" dai Maiden, forse per il periodo di "odio" all'interno del gruppo. Dimentichiamoci dunque di sperare di sentire Alexander (che poi si è capito che i Maiden dal vivo non suoneranno mai una canzone che non hanno fatto nemmeno nel tour di promozione, quindi se non l'hanno suonata in quegli anni, figuriamoci ora), e accontentiamoci ogni tando delle solite Wasted e Heaven, che a mio parere sono le uniche 2 canzoni deboli di un album inarrivabile nell'ambito metal e che dovrebbe esserci a casa di ogni amante dell'Heavy Metal. Up the irons, nonostante le porcherie che fanno uscire ora!
zoso82
Giovedì 6 Gennaio 2011, 12.38.53
79
@Albe: non ti preoccupare, anch'io lo considero uno dei migliori, ed è quello a cui io sono più affezionato.
Albe
Giovedì 6 Gennaio 2011, 12.35.03
78
Questo e per me il migliore in assoluto(opinione personale) . Brani come HCW ,SOM e ATG sono bellissimi ma wasted years e qualcosa di immenso : riff assurdo, melodia splendida e ritornello magnifico poi la voce di Bruce che ammalia veramente grazie ad Adrian. Ma non e finita i brani che io amo veramente sono Caught.... e soprattutto the loneliness... e stranger in a strange land : queste 2 sono indescrivibili TLOTLDR inizia calma e pian piano il ritmo diventa frenetico ma poi quel ritornello con l'urlo di Bruce e le parti strumentali che seguono con l'assolo che sembra stregarti e la batteria che continua a battere imperterrita...RUN ON AND ON, RUN ON AND ON....Magnifico SIASL inizialmente non prende molto ma dopo un attimo ci si accorge della melodia che i sinth rendono quasi celeste poi il ritornello ( forse non dei migliori ma affascinante) e poi arriva il bello dopo meta canzone con quella chitarra che fa quasi piangere e il solo ...no comment Peccato per deja vu che non mi ha mai preso ma quello che mi affascina di questo album sono le atmosfere futuristiche forse un po di altri mondi che sono trasmesse benissimo grazia alla musica che sembra anch'essa addirsi alla perfezione con la copertina E questo il fascino enorme dell' album un po' sottovalutato dai Maiden che non propongono spesso dal live canzoni così belle. Tutto questo rappresenta solo la mia idea so che per molti questo album e inferiore ad altri dei Maiden
Raven
Martedì 28 Dicembre 2010, 15.05.40
77
Giovanni, io c'ero, ma ne parleremo in seguito
zoso
Martedì 28 Dicembre 2010, 14.06.43
76
comunque è vero, perchè cazzo non li ho mai sentiti riproporre caught somewhere in time, stranger in a strange land o altri pezzi di questo disco dal vivo?! (fatta eccezione per wasted years e heaven can wait)
zoso
Martedì 28 Dicembre 2010, 14.02.28
75
idiozia, forse?
Giovanni
Lunedì 11 Ottobre 2010, 19.12.55
74
ehi! Chi di voi ha assistito al concerto dell'8 dicembre a Napoli? Era il 1986 e io ero in licenza ordinaria! Raccontatemi. E in special modo ditemi perchè tutti sputavano ai membri della band ogni volta che venivano sulle passerelle davanti alle prime file, grazie!
metal4ever
Lunedì 11 Ottobre 2010, 13.26.22
73
Bellissimo disco anche questo!!! Ma poi ditemi chi riuscirebbe a fare un disco del genere dopo un tour massacrante come il World Slavery tour????? é un pò al di sotto della magnifici 3 precedenti, ma le prime 5 valgono l'acquisto di sicuro unica nota stonata forse deja-vu che perde un pò in confronto alle altre ma poi si finisce alla Grande con Alexander The Great che è la mia preferita dell'album il voto lo trovo azzecatissimo. Per il resto complimentissimi a Raven anche se l'hai scritta millenni fa
leonardo
Martedì 14 Settembre 2010, 19.46.03
72
nostalgia per gli anni sprecati ? eh?
Maurilio
Lunedì 13 Settembre 2010, 14.00.59
71
Disco bellissimo a cui sono particolarmente affezionato perché é il primo dei Maiden che ho comprato, nel lontano novembre 1986. Rimasi folgorato e poi ho comprato in rapida successione tutti gli altri album,live compresi. Concordo con gli altri: qui ci sono pezzi bellissimi ingiustamente trascurati in sede live.The loneliness of.. e Sea of madness! Che belli. Che tempi,che nostalgia.....
Krok
Lunedì 13 Settembre 2010, 11.29.37
70
D'accordissimo!!!
Painikiller
Lunedì 13 Settembre 2010, 10.14.45
69
e non sarebbe nemmeno difficile trasferirli in mp3 ma non è quello che voglio. Voglio un cd originale, con un suono completo e con un booklet esaustivo......speriamo!!!
krok
Lunedì 13 Settembre 2010, 9.50.59
68
@Painkiller...mi unisco alla tua "speranza"...la scaletta del somewhwere on tour era davvero bella!!Sul tubo ci sono dei video davvero belli di quel tour,tra cui caught somewhwere in time e stranger...wow!!
Painkiller
Lunedì 13 Settembre 2010, 9.20.25
67
beh, Maiden England ce l'ho in edizione speciale vhs+cd ed anche in DVD, che si trova con una certa facilità. Questo album è semplicemente fantastico.....pensare che dal vivo hanno quasi sempre suonato wasted years ed heaven can wait, e che non ho mai sentito somewhere, Alexander the great, loneliness o stranger i.a.s.l.. Speriamo davevro in dvd ricco di questi pezzi!
Matocc
Lunedì 13 Settembre 2010, 7.12.14
66
@ hellvis: in teoria il prossimo DVD sulla storia degli Iron Maiden dovrebbe riguardare il periodo di SIT e 7SOA7S quindi dovrebbero includere dei live di quei tour (compreso Maiden England)... almeno spero
hellvis
Sabato 11 Settembre 2010, 10.30.44
65
Ma gli Iron Maiden non sono sempre uguali? A parte la frase che per dirla bisogna prima connettere il cervello alla bocca sennò si rischia di fare figure ridicole, SIT è veramente un gran lavoro e il segno di un gruppo maturo e all'apice delle sue capacità. Anche qui i classici si sprecano. Non c'è che dire, negli anni 80 i Maiden ci avevano abituati veramente troppo bene. P.S. Anche in questo caso, visti per 2 volte. A Londra e a Milano e anche in questo caso concerti assolutamente devastanti. Faranno mai uscire un live da questo tour? Sognare non è vietato.
leonardo
Sabato 4 Settembre 2010, 15.45.19
64
grazie sarà mio
Matocc
Venerdì 3 Settembre 2010, 21.00.47
63
@ leonardo : ovviamente sì! interviste non ce ne sono, ma tra gli extra ci sono alcuni video "camp chaos" dove il video originale si mischia a un cartone animato (ad es. nel video TNOTB c'è un' ambientazione tipo film L'Esorcista con Bruce prete ed Eddie Indemoniato che vomita verde, oppure in Aces High c'è un duello aereo alla fine del quale si vede Lars Ulrich nei panni di un pilota nazista che viene abbattuto!!!!) oppure c'è il video Futureal Football dove i Nostri si sfidano in giro per il mondo-addirittura si riconoscono Biagio Antonacci, Niccolò Fabi e Bruno Gentile della nazionale cantanti. ho poi scoperto che guardando 3 volte The Trooper, la 6° traccia (quindi 666) appare un video alternativo di Man On The Edge composto da comiche di film muti vecchissimi con -tra gli altri- Charlie Chaplin!
leonardo
Giovedì 2 Settembre 2010, 22.04.48
62
hai mica visions of the beast? prk mi piacerebbe sapere quali sono i suoi contenuti extra ,come interviste etc..
Matocc
Mercoledì 1 Settembre 2010, 22.16.41
61
@ leonardo : vero, tanto più se uno si fa un pomeriggio full immersion di video dei Maiden... ero abbastanza fuso
leonardo
Mercoledì 1 Settembre 2010, 20.58.36
60
non ti crucciare è facile confondersi
Matocc
Mercoledì 1 Settembre 2010, 18.25.12
59
@ leonardo : 'azz è vero, nel mio commento ho scritto erroneamente The Early Days, ma Behind The Iron Curtain si trova nel 2° disco del DVD Live After Death... sto invecchiando
leonardo
Mercoledì 1 Settembre 2010, 13.25.01
58
ahaha nn lo ricordavo di behind the iron courtain (che è incluso nel live after death ). ci risi un sacco anche un anno fa heaven can wait non mi piace e ho letto un sito dove gli danno del patetico e scontato con poca originalità e stile(all' album) , beh se questo è scontato .......
Bollinger
Domenica 29 Agosto 2010, 17.13.33
57
...o forse no!?!!?!!!
Bollinger
Domenica 29 Agosto 2010, 17.11.11
56
Lo misi e ....dalle stalle....alle stelle. Prima botta e dici: oh Dio no, e' stato bello ma e' finita! Finisci il primo ascolto e dici: oh Dio siiiiiiiii, famolo ancora, strano, ma famolo famolo famolo Un' opera d'arte dove la penna e l'ascia di Smith libera l'apice del suo talento, con soli da lucciconi agli occhi che quando entrava in camera la mamma ti chiedeva se ti aveva lasciato la fidanzata e tu riuscivi appena a fare cenno con la testa che eri in un altro posto in quel momento. Ah a proposito ( non scherzo) : la fidanzatina del tempo si ruppe le scatole ai tempi pecche' dopo la scuola , dopo pranzo, dopo i compiti etc, inventavo merende, febbri e quant'altro......ragazzi non riuscivo più a staccarmi da Somewhere in Time e. Le mie cuffie LOL. Non sa cosa si e' persa
Fabraxas
Sabato 28 Agosto 2010, 0.47.25
55
Indubbiamente il mio preferito. Su questo, ne possiamo anche discutere, ma sul fatto che i Maiden qui sono all'apice delle loro singole abilità musicali, assolutamente no. Strepitoso come i suoi predecessori e l'immenso Seventh Son.
Matocc
Mercoledì 25 Agosto 2010, 18.48.45
54
Una chicca che arriva dal 1984... nel video Behind The Iron Curtain -che si trova nel DVD The Early Days- dopo un concerto a Varsavia Bruce, Nicko e Steve si recano in un locale... Dickinson parla con un ragazzo polacco che gli dice di apprezzare molto il metal e che gli piacerebbe suonarlo con i sintetizzatori... Bruce lo guarda e gli risponde "Non puoi fare heavy metal coi sintetizzatori" e l'altro "Ma io voglio farlo!"... 2 anni dopo esce Somewhere In Time!!! uno scoop che ha 1/4 di secolo!!!
leonardo
Martedì 24 Agosto 2010, 20.50.23
53
questo disco lo amo alexander the great è un capolavoro pari alle precedenti closer quei ragazzacci nn vogliono saperne di suonarla live ...maledetti( benedetti) voto 90 portato bene
Franky1117
Venerdì 20 Agosto 2010, 12.57.22
52
Davvero un disco favoloso con un Dickinson a livelli stellari,Caught somewhere in time,The Loneliness... Sea of Madness e Alexander non hanno davvero nulla da invidiare ai classici dei Maiden, eppure saranno state suonate pochissimo (se non mai)dal vivo immagino
Raven
Martedì 10 Agosto 2010, 17.33.00
51
Accostamenti singolari per album poco paragonabili tra loro.
arkanoid
Martedì 10 Agosto 2010, 15.37.02
50
Album mediocre secondo me troppo banale rispetto ad esempio SSOSN, TNOTB, POWERSLAVE
GLAUCO BOLOGNA
Martedì 10 Agosto 2010, 6.53.01
49
A mio giudizio si tratta di album davvero speciale che regala l'impronta di quel tempo , con qugli effetti delle chitarre che adesso non si sentono piu' . Anche quest' album è una perla di prima classe --- MITICI MAIDEN !!!
Gemini
Sabato 17 Luglio 2010, 16.52.26
48
Ah, 3a copertina-capolavoro di fila: questo sì che era un'Eddie versione futuristica... Derek, torna!!!
Gemini
Sabato 17 Luglio 2010, 14.35.11
47
Album sperimentale, forse un po' più difficile da metabolizzare rispetto ai precedenti, ma in tracce come l'opener, "Wasted...", "The Loneliness..." e "Alexander..." tutte le caratteristiche degli Iron (energia, melodia, potenza ed epicità) ci sono e son tutte al loro posto. Peccato per la prestazione di Bruce, che in alcuni punti mi sembra un po' troppo forzata... 85
Frank93
Venerdì 21 Maggio 2010, 23.06.28
46
Un bellissimo disco! La presenza delle chitarre synth (che a molti non piacciono) si amalgamano bene col tutto. Non concordo con Raven: per me Wasted years è una delle canzoni più belle ed emozionanti del gruppo, ma rispetto comunque il suo punto di vista. Incurante delle critiche, il gruppo prosegue su questa scia con il successivo album Seventh son of a seventh son.
Raven
Venerdì 20 Novembre 2009, 19.02.48
45
Thanx
Screamforme77
Venerdì 20 Novembre 2009, 17.32.17
44
Innanzitutto complimenti per la recensione,nn poteva essere più azzeccata. Secondo me,se estrapoliamo ogni singola canzone di questo disco nn brillano come capolavori rispetto a tante altre;per cui SIT è il tipico album da ascoltare tutto insieme nella sua interezza se si vuole apprezzarlo maggiormente.A renderlo infatti speciale nn sono tanto la qualità delle 8 canzoni,ma qusto nuovo sound che tramanda questa suggestiva atmosfera spaziale-futuristica che le impreziosisce e gli da una sorta di valore aggiunto.Proprio questa novità delle chitarre sintetizate e basi di tastiera più corposi e in piena simbiosi con la splendida copertina(del resto si trattava di un epoca che il tema del futurismo era molto in voga,basta pensare a Blade Runner,Mad Max,i sequel di Star Wars,Terminetor,il VideoClip di Wid Boys ect ect),fa in modo che ogni volta che ascolto quest'album mi da l'effetto di viaggiare chissa dove o catapultarmi in un altra realtà,nonostante le Tracks(e ribadisco)nn sono pezzi monumentali come altri classici.Gli episodi migliori li trovo in Heaven can wait,dove il suo coro degli angeli rappresenta uno dei passaggi più belli della loro carriera ed in Wasted years che è un ottimo singolo nnostante sia poco Heavy.Altri punti di forza stanno nelle rispettive canzoni di apertura e chiusura, in Stranger in a Str....e la sognante Sea of madness.Ma tutte e 8 sono rese magiche dall'atmosfera del sound presente dall inizio alla fine dell album.La loro è stata una scelta coraggiosa ma a mio avviso premiata!
Raven
Lunedì 21 Settembre 2009, 12.16.15
43
Capisco.....allora è un singolo spiacevole, contento? Se poi volevi sostenere che il pezzo sia da collocare tra i più rappresentativi degli IM.......bè, abbiamo punti di vista notevolmente differenti. PS- Noi recensori ci crediamo di essere....recensori, ossia gente qualificata che esprime le proprie idee -non necessariamente condivisibili- su una ancor più qualificato sito come questo. superbi, eh?
Khaine
Venerdì 18 Settembre 2009, 19.02.06
42
E tu chicazzo ti credi di essere, dio in terra?
tornado
Venerdì 18 Settembre 2009, 16.48.42
41
wasted years sarebbe "un singolo piacevole"? ma chiccazzo credete di essere voi recensori? bob rock?
ironsun
Lunedì 14 Settembre 2009, 15.32.43
40
volevo solo dare ragione a maiden 1976. non bisogna infatti dimenticare che per questo ottimo album per la copertina si son ispirati al capolavoro blade runner.
harris is the best
Martedì 28 Luglio 2009, 14.17.41
39
non è l abum piu bello dei maiden,ma secondo me è al terzo posto,dopo powerslave e seventh son... ho piena comprensione nei confronti del recensore raven,in quanto anch io quando ho comprato l album SOMEWHERE... ho titubato prima di ascoltarlo,non per il fatto che era uscito turbo dei judas priest ma per il fatto che di 8 tracce l unica che compariva in qualche live era heaven can wait e l unica che compariva in qualche raccolta era wasted years....e li mi è venuta la domanda "e gli altri pezzi come sono?" ho messo il cd,l ho ascoltato tutto e poi ho detto" gli altri pezzi sono dei capolavori,cazzo" elogio particolare a caught somewhere in time,che non capisco perchè non viene suonata praticamente mai nei concerti
maiden1976
Martedì 21 Luglio 2009, 16.22.22
38
Gli "improbabili veicoli alla Star Wars" che citi nella rece sono in verità i mezzi originali che sono stati usati per le riprese di un certo filmetto dal titolo "Blade Runner". Ossequi.
Khaine
Venerdì 10 Luglio 2009, 8.37.50
37
Ehhh non lo so
Raven
Venerdì 10 Luglio 2009, 8.22.37
36
Posizione in classifica?
Khaine
Giovedì 9 Luglio 2009, 22.40.02
35
"Solo gli imbecilli non cambiano mai idea". E' vero, ma è anche vero che solo chi ha le palle ammette di aver cambiato idea, soprattutto quando questa idea prima la difendeva con ardore... + 10 punti stima per Matocc!
Matocc
Giovedì 9 Luglio 2009, 22.22.53
34
"Solo gli imbecilli non cambiano mai idea". Quante volte ho constatato nella mia vita la veridicità di questo detto. Lo ammetto, Somewhere In Time non mi piaceva granchè e non capivo perchè piacesse a così tanta gente, compresi 2 amici che lo comprarono appena uscì e mi facevano una testa tanta su quanto fosse bello questo disco. "Ma lo hai ascoltato BENE?" mi chiesero; già, lo avevo ascoltato davvero BENE? Evidentemente lo avevo sentito con un po' troppa sufficienza, e decisi che avrei provato a capirlo meglio. Capii allora di non avere tra le mani semplicemente "un altro album degli Iron Maiden" ma un vero e proprio capolavoro. Caught Somewhere In Time mi stupì, infatti l'intro della prima traccia segnalava l'attesa per ciò che si sarebbe scatenato di lì a poco, vale a dire un drumming di Nicko da paura, con una cassa velocissima e pulita. Wasted Years è ancora oggi uno dei miei pezzi preferiti, cantata e suonata magnificamente e Sea Of Madness mi ipnotizza ogni volta. Su questo album troviamo degli assoli tra i più belli del duo Murray-Smith e la voce di Bruce è straordinaria! Ebbene sì, mi ero sbagliato a sottovalutare questo disco... del resto "solo gli imbecilli non cambiano mai idea"...
INNAVOIG
Mercoledì 17 Giugno 2009, 21.08.21
33
Prima di questo album non conoscevo la Vergine di Ferro, e tramite SIT mi ci sono avvicinato ed ho imparato ad apprezzarli ponendoli in cima alle mie preferenze. Benchè in seguito ho scoperto album molto superiori in confronto a questo (magnifico) album, ogni volta che lo ascolto mi sembra ancora il migliore. Up the Irons!!!!!
NickRock
Martedì 12 Maggio 2009, 15.45.26
32
Ho sempre ritenuto SIT uno dei loro lavori migliori. Grande perizia tecnica, riff e assoli tra i più coinvolgenti della loro produzione ed un Bruce Dickinson in stato di grazia. L'approccio più sperimentale non snatura affatto l'identità della band, anzi, a mio parere ne esalta il sound.
Johnny
Domenica 29 Marzo 2009, 14.04.35
31
in questo album adrian smith sfoga appieno la sua vena melodica, un' assolo più bello dell' altro, adoro quelli di cought, the loneliness e di stranger, è uno dei miei album preferiti, complimenti a smmith
hm is the law
Lunedì 16 Marzo 2009, 11.39.59
30
A ma non è mai piaciuto
slide
Mercoledì 11 Febbraio 2009, 15.53.35
29
Do 85 a questo disco perchè ci sono 2 canzoni che non mi convincono appieno: heaven can wait, dal ritornello poco sopportabile, e the lonliness...che se mettevano un titolo più lungo non ci stava nel retro-copertina, e inoltre sembra che anche Bruce fatichi a cantarlo.
Raven
Lunedì 29 Dicembre 2008, 11.14.48
28
O forse siamo trooooppo putenti.
Thomas
Lunedì 29 Dicembre 2008, 9.54.37
27
Io direi... 12.000 letture in due o tre ore... c'è stato un super mega affollamento di visite dovute a non so cosa . Forse è un bot, una famiglia di bot... o sono i crawler dei motori di ricerca... ma è stranissimo un botto del genere
Nikolas
Domenica 28 Dicembre 2008, 19.47.35
26
Certo, anche se oltre 3000 letture in un giorno sono un po' sospette.. comunque è un bene, se Metallized ha tante visite io sono sempre contento
Raven
Domenica 28 Dicembre 2008, 16.44.39
25
Buon per i Metallica
Raven
Domenica 28 Dicembre 2008, 0.08.38
24
, un pò più lentamente, però.....
Nikolas
Sabato 27 Dicembre 2008, 18.06.08
23
Francè, stavolta ti anticipo... 15000!!!
Uno qualsiasi
Lunedì 17 Novembre 2008, 23.43.06
22
Sto sabato mi stavo a rivedere una cover band dei Maiden... e ho detto tutto! Mille volte meglio come sono finiti i Maiden che i Metallica. Album grandioso, anche se per me non il migliore. E comunque si becca 100 perché è comunque un capolavoro!!!
Nikolas
Giovedì 13 Novembre 2008, 20.05.17
21
Io in effetti ho dato 99, ma perchè sono particolarmente legato a questo album
Raven
Giovedì 13 Novembre 2008, 8.19.43
20
Lo dicevo io, tutti 100 eh? Up the Irons
sokiNikos
Giovedì 13 Novembre 2008, 3.12.28
19
100...solo perchè è il limite massimo.
Adimiron
Giovedì 17 Luglio 2008, 1.30.38
18
entusiasmante. orgasmo sonor. grandissimi.
Adimiron
Giovedì 17 Luglio 2008, 1.30.23
17
entusiasmante. orgasmo sonor. grandissimi.
Raven
Sabato 21 Giugno 2008, 17.36.55
16
14.000 |-/
raven
Martedì 18 Marzo 2008, 13.39.50
15
13.000 aaaaaaaa!!!!
airraidsiren
Martedì 12 Febbraio 2008, 23.29.54
14
beh io ribadisco che da iron maiden a sevent son sn tutti capolavori...e aggiungo pure ke le prime volte ke ho sentito questo disco lo mettevo addirittura al primo posto,,poi l ho eguagliato agli altri sopra citati...ottima recensione pero 86 è poco cm voto a mio giudizio
Raven
Giovedì 24 Gennaio 2008, 13.33.34
13
12.000!!!!!!!!!!
Francesco gallina
Mercoledì 19 Dicembre 2007, 16.46.52
12
11.000 !!!
francesco gallina
Sabato 17 Novembre 2007, 16.57.28
11
10.000 lettureeeeeee
francesco gallina
Lunedì 23 Ottobre 2006, 18.26.08
10
Le due recensioni recano due firme diverse, ed evidentemente io la penso diversamente dal mio collega, può capitare. Sta al lettore valutare anche i gusti personali dei recensori che, talvolta, possono influire sui voti.
ludwig
Giovedì 7 Settembre 2006, 16.03.15
9
Il mio preferito, decisamente superiore al successivo 7th son...(inspiegabile x me la differenza di 13 punti in favore di quest'ultimo)
Donzia
Venerdì 2 Giugno 2006, 16.07.53
8
wow!!! ALEXANDER THE GREAT è la mia canzone preferita di sempre...
francesco gallina
Venerdì 26 Maggio 2006, 19.51.20
7
Egregi e solerti impiegati dell'ENTE, a parte le solite riserve sull'uso dei mezzi ad alto contenuto tecnologico a vostra disposizione e sul tanto tempo libero che avete, un ringraziamento a Valentino per la sviolinata che comunque, forse , gli frutterà qualcosa. Non si tratta di errori ortografici, ma di battitura: del resto l'età e la miopia possono forse scusarmi.
L'ENTE
Venerdì 26 Maggio 2006, 17.22.02
6
unica pecca della recensione sta forse nella presenza di qualche piccolissimo errore ortografico, ma nulla di notabile se confrontato con le spiegazioni impagabili della storia dei vari pezzi che solo un' intenditore , poteva cosi bene spiegare. Cordiali saluti l'"ENTE"
valentino
Venerdì 26 Maggio 2006, 17.15.20
5
per me si tratta di un' ottimo disco con unica riserva riguardante il numero delle tracce, apparte questo il solito grande successo della fantomatica vergine metallica. e poi volevo spendere un paio di parole sulla recensione davvero esaudiente che inquadra l' album sia dal punto di vista tecnico che dal punto di vista dell' anno in cui è euscito dando delle nozioni alle quali rifarsi per introdurre meglio qualche profano come me. crdiali saluti dall' "ENTE"
RonnieJamesDaddo
Giovedì 25 Maggio 2006, 20.34.53
4
Beppe Riva sparò diverse cazzate nella recensione apparsa su Rockerilla; si tratta probabilmente di una delle sue rarissime cadute di stile.
RonnieJamesDaddo
Giovedì 25 Maggio 2006, 20.33.28
3
Ovviamente il discorso è valido anche per quella band chiamata Judas Priest...anche se, in realtà, loro di dischi ne hanno incisi ben due: "Turbo" e "Ram It Down".
RonnieJamesDaddo
Giovedì 25 Maggio 2006, 20.31.22
2
E' un vero peccato che gli Iron Maiden abbiano inciso solo questo disco...mi sarebbe tanto piaciuto poter ascoltare un eventuale suo seguito! voto: 190
Zagor76
Giovedì 25 Maggio 2006, 16.47.51
1
D'accordo!! che canzoni però Wasted Years e Alexander The Great, le mie preferite di quest'album.
INFORMAZIONI
1986
EMI
Heavy
Tracklist
1. Caught Somewhere in Time
2. Wasted Years
3. Sea of Madness
4. Heaven Can Wait
5. The Loneliness of the Long Distance Runner
6. Stranger in a Strange Land
7. Deja-vu
8. Alexander the Great
Line Up
Bruce Dickinson (Vocals)
Dave Murray (Guitars, Guitar Synth)
Adrian Smith (Guitars, Guitar Synth, Backing vocals)
Steve Harris (Bass, Bass Synth)
Nicko McBrain (Drums)
 
RECENSIONI
72
80
81
81
s.v.
90
69
53
69
90
81
75
71
99
85
99
80
90
95
85
83
92
96
ARTICOLI
24/01/2015
Articolo
IRON MAIDEN
757 Stranger in the... Maiden - La logistica della Bestia
14/03/2013
Articolo
IRON MAIDEN
Run to the Hills: In Memory of Clive Burr
11/05/2012
Articolo
IRON MAIDEN
Paul Di'Anno, la biografia
13/04/2012
Articolo
IRON MAIDEN
Nicko McBrain, la biografia
19/03/2012
Articolo
IRON MAIDEN
Janick Gers, la biografia
18/02/2012
Articolo
IRON MAIDEN
The Voice Of The Beast, # 4
11/02/2012
Articolo
IRON MAIDEN
Dave Murray, la biografia
01/02/2012
Articolo
IRON MAIDEN
The Voice Of The Beast, # 3
24/01/2012
Articolo
IRON MAIDEN
Adrian Smith, la biografia
14/01/2012
Articolo
IRON MAIDEN
The Voice Of The Beast, # 2
08/01/2012
Articolo
IRON MAIDEN
Steve Harris, la biografia
04/01/2012
Articolo
IRON MAIDEN
The Voice Of The Beast, # 1
23/10/2011
Articolo
IRON MAIDEN DALLA A ALLA Z
La recensione
06/10/2011
Articolo
IRON MAIDEN
Bruce Dickinson, la biografia
20/04/2011
Articolo
IRON MAIDEN
Nel nome di Eddie
07/01/2011
Articolo
IRON MAIDEN
Le Origini Del Mito - Lettura, analisi e critica
20/08/2010
Articolo
IRON MAIDEN
Sia santificato il loro nome
14/02/2008
Editoriale
IRON MAIDEN!
Vinci 2 t-shirt esclusive
03/07/2007
Live Report
IRON MAIDEN + MOTORHEAD + MACHINE HEAD
Stadio Olimpico, Roma, 20/06/2007
22/03/2003
Articolo
IRON MAIDEN
La biografia
10/10/2002
Articolo
IRON MAIDEN
Le interviste del Rock in Rio
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]