Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Metallica
S&M²
Demo

Black Spirit Crown
Gravity
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

25/09/20
STEVE HACKETT
elling England By The Pound & Spectral Mornings: Live at Hammersmith

25/09/20
SAPIENCY
For Those Who Never Rest

25/09/20
VOUS AUTRES
Sel de Pierre

25/09/20
TRANSCENDENCE
Towards Obscurities Beyond

25/09/20
ATLAS
Parallel Love

25/09/20
KATAKLYSM
Unconquered

25/09/20
SPELLBOOK
Magick & Mischief

25/09/20
ANNA VON HAUSSWOLFF
All Thoughts Fly

25/09/20
MORTA SKULD
Suffer for Nothing

25/09/20
OBSIDIAN KINGDOM
Meat Machine

CONCERTI

26/09/20
STAY STEEL FEST
SKULLS CLUB - SERRAVALLE (SAN MARINO)

27/09/20
VISIONS OF ATLANTIS + YE BANISHED PRIVATEERS + AD INFINITUM
LEGEND CLUB - MILANO

29/09/20
WITHIN TEMPTATION + EVANESCENCE
MEDIOLANUM FORUM - ASSAGO (MI)

03/10/20
PAGAN FEST
LAGHI MARGONARA - GONZAGA (MN)

03/10/20
SKELETOON
LEGEND CLUB - MILANO

08/10/20
HOUR OF PENANCE + GUEST TBA
TRAFFIC CLUB - ROMA

08/10/20
VAN DER GRAAF GENERATOR
TEATRO CELEBRAZIONI - BOLOGNA

09/10/20
VAN DER GRAAF GENERATOR
GRAN TEATRO GEOX - PADOVA

09/10/20
ESOTERIC + NAGA + (ECHO) (ANNULLATO)
TRAFFIC CLUB - ROMA

09/10/20
HOUR OF PENANCE + GUEST TBA
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

Fenix Tales - Confutatis Maledictis
( 2683 letture )
Vengono dalla città di Dante e suonano symphonic gothic metal.
Basterebbero queste parole per introdurvi in maniera sbrigativa i Fenix Tales, interessante band di recente formazione che si sta affacciando lentamente sulla scena metal nazionale.
Dico interessante perché composta da musicisti molto esperti e assolutamente preparati dal punto di vista tecnico/teorico, tra cui non si possono non evidenziare la cantante Lucia “Lucy Liù”, soprano lirico professionista con anni di esperienza o il violinista (e non solo) Federico che vanta un'esperienza internazionale altrettanto vasta sempre in ambito classico.

Tutte queste influenze e competenze tecniche legate proprio al mondo della musica classica emergono chiaramente dalla proposta del sestetto fiorentino, rendendola per certi versi peculiare; non che non si sia mai sentito suonare metal con voce lirica ed archi, anzi, ma semplicemente è raro sentirlo fare da qualcuno che proviene proprio dal mondo della classica (musica da cui sicuramente il metal ha tratto e trae ancora ispirazione).
Si percepisce subito la potenza e il controllo della voce di Lucia, ed è un qualcosa che va oltre le capacità maggior parte delle cantanti pseudo-liriche di cui questo sottogenere abbonda, mentre le parti di violino di Federico -per quanto non preponderanti- dimostrano esattamente la professionalità di cui si parla del curriculum, per buon gusto e tecnica esecutiva. Purtroppo, tuttavia, molte sfumature di queste interpretazioni si sono perse a causa della registrazione casalinga, ma questa è una parentesi che apriremo più avanti.
Insieme a quest'anima classicheggiante troviamo una base gothic metal non troppo aggressiva, in questo portata avanti -in maniera inusuale- dalle linee di basso di Alex, decisamente privilegiato dal mixaggio amatoriale, forse non troppo complicate dal punto di vista tecnico, ma assolutamente trascinanti.
Insieme a lui la chitarra di Niccolo' e la batteria di Simone assolvono il loro compito al servizio della sezione ritmica -se eccettuiamo alcuni brevi passaggi acustici e solisti della sei corde- rimanendo comunque in secondo piano rispetto al basso (soprattutto la batteria in certi momenti scarsamente udibile e chiaramente programmata).
Il quadro viene completato da Marco alle tastiere che si occupa di espandere il lato più “atmosferico” andando a coprire tutta quella gamma di suoni più sinfonici che accompagnano il lavoro agli archi di Federico.

I tre pezzi proposti in questo breve EP, ci forniscono una panoramica abbastanza variegata di ciò che potremo aspettarci in futuro dai Fenix Tales, mostrandoceli nei momenti più concitati (Confutatis Maledictis) e in quelli più soft (LCI); gli arrangiamenti appaiono assolutamente ben curati, ma per poterne cogliere appieno i pregi sarà probabilmente necessario attendere il disco che verrà.

A questo punto potrei spendere qualche decina di righe per parlarvi proprio dei moltissimi difetti della registrazione, ma non mi pare giusto farlo, perché si tratta di un EP (tra l'altro non in vendita) registrato in casa con il solo scopo di fare da apripista al futuro full-length e perché non si può biasimare comunque un musicista perché non è in grado di fare il lavoro di un fonico bene quanto quest'ultimo.
Si può sicuramente fare di meglio anche in ambito casalingo, ma non conoscendo nemmeno la strumentazione a disposizione della band è decisamente più giusto passare oltre e non dare troppo peso a questa componente, che non deve dunque essere considerata un termometro realistico della qualità della proposta.

È comunque molto difficile dare una valutazione complessiva a questo EP, soprattutto per i soli tre pezzi in esso contenuti, più che per la già citata qualità della registrazione.
Ciò che però si può comunque dedurre dall'ascolto di Confutatis Maledictis, oltre che dalla lettura del curriculum dei musicisti coinvolti, è che c'è assolutamente il potenziale per creare un prodotto di alto livello.
Di pochi giorni fa la notizia che a settembre la band entrerà in un vero studio per incidere finalmente in maniera degna la loro creatura, dunque non possiamo fare altro che aspettare con interesse di sentire il risultato finale, ma le prospettive ad oggi sembrano assolutamente buone.



VOTO RECENSORE
s.v.
VOTO LETTORI
0 su 0 voti [ VOTA]
INFORMAZIONI
2014
Autoprodotto
Gothic
Tracklist
1. Confutatis Maledictis
2. Friendly Darkness
3. LCI
Line Up
Lucia “Lucy Liù” (Voce)
Niccolo' (Chitarre)
Federico (Archi)
Marco (Tastiere)
Alex (Basso)
Simone (Batteria)
 
RECENSIONI
s.v.
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]