Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Kansas
The Absence of Presence
Demo

Northern Crown
In a Pallid Shadow
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

11/08/20
SEASON OF DREAMS
My Shelter

12/08/20
WITHIN DESTRUCTION
Yōkai

14/08/20
HAVUKRUUNU
Uinuos Syömein Sota

14/08/20
NUG
Alter Ego

14/08/20
CHASTAIN
For Those Who Dare – 30th Anniversary Edition

14/08/20
KAMELOT
I Am The Empire - Live From The 013

14/08/20
PRIMITIVE MAN
Immersion

14/08/20
TERRA ATLANTICA
Age Of Steam

14/08/20
ROBBY KRIEGER
The Ritual Begins at Sundown

14/08/20
INGESTED
Where Only Gods May Tread

CONCERTI

11/08/20
BAD RELIGION
FESTIVAL DI RADIO ONDA D'URTO - BRESCIA

12/08/20
BAD RELIGION (SOSPESO)
FESTIVAL DI MAJANO - MAJANO (UD)

19/08/20
PALAYE ROYALE
CIRCOLO MAGNOLIA - SEGRATE (MI)

26/08/20
GRAHAM BONNET & ALCATRAZZ + GIRLSCHOOL + ASOMVEL
FESTA BIKERS - COLOGNO AL SERIO (BG)

27/08/20
WOLFMOTHER + HARDCORE SUPERSTAR (SOSPESO)
PIAZZA DUOMO - PRATO

04/09/20
VAN DER GRAAF GENERATOR
AUDITORIUM PARCO DELLA MUSICA (SALA SINOPOLI) - ROMA

05/09/20
VAN DER GRAAF GENERATOR
2DAYS PROG - VERUNO (NO)

06/09/20
VAN DER GRAAF GENERATOR
POLITEAMA GENOVESE - GENOVA

10/09/20
THE HOLLYWOOD VAMPIRES
MEDIOLANUM FORUM - ASSAGO (MI)

11/09/20
ATHEIST + CADAVER + SVART CROWN + FROM HELL
REVOLVER CLUB - SAN DONA' DI PIAVE (VE)

Bruce Springsteen - Lucky Town
( 2496 letture )
1992: tempo di cambiamenti.
Tutta la musica, specialmente quella americana, sta cambiando nel profondo: nuovi generi emergono (basti pensare al grunge, su tutti), nuove sonorità iniziano ad essere proposte, nuovi nomi escono dall’anonimato e scalzano con violenza dal trono le star del decennio precedente.
Una colonna della musica americana e mondiale, come il Boss, al secolo Bruce Springsteen, non poteva non accorgersi di questo cambiamento, già in preparazione da alcuni anni ed ora in fase di esplosione rapida. Oltretutto, egli stesso negli anni tra la fine degli 80 e l’inizio dei 90 stava di suo vivendo profondi mutamenti a livello personale ed artistico. Il suo primo matrimonio aveva velocemente iniziato a declinare, e tutte le problematiche legate ad un rapporto di coppia mal funzionante erano diventate il tema portante di un album come Tunnel of Love (1988). Proprio con quest’album, poi, Springsteen per la prima volta (se si esclude l’album acustico Nebraska del 1982) prova a comporre e registrare un album praticamente in solitaria, coinvolgendo i membri della E Street Band solamente in fase di rifinitura, per piccole parti di contorno.
Se il distacco dalla band storica e amata a livello planetario in quel caso fu solo parziale (nel tour di supporto infatti venne richiamata la E Street Band al completo), nel passo successivo il divorzio diviene totale: il Boss compone, produce e registra tutto da solo, e per il tour di supporto chiama una band tutta nuova, fatta di musicisti giovani ma già affermati, tenendo come unico legame con il passato il solo “professor” Roy Bittan alle tastiere.

Il passo successivo, si diceva: in realtà i passi sono due. Nel 1992 escono infatti due album, composti e pensati da Springsteen espressamente come due facce della stessa medaglia, con caratteristiche comuni e convergenti in modo da formare un’opera magniloquente e completa. Human Touch e Lucky Town sono le due facce della medaglia: accreditati al solo Springsteen, in realtà presentano al loro interno musicisti parzialmente diversi, in modo da sottolinearne le due diverse anime. La differenza principale è dietro le pelli: se in Human Touch troviamo il grandissimo Jeff Porcaro (Toto), alle ultime incisioni prima della tragica ed improvvisa morte nello stesso anno, in Lucky Town vi è l’altrettanto valido Gary Mallabar. Per il resto, il Boss stesso si occupa personalmente di chitarre e basso, alle tastiere compaiono i vecchi sodali Roy Bittan e Ian McLagen, e ai cori la nuova compagna Patty Scialfa, con la quale Springsteen si sposerà di lì a breve.
Musicalmente, questi due nuovi prodotti non si discostano in maniera sostanziale dallo stile classico del Boss: si tratta sempre di classicissimo rock americano al suo massimo splendore, coniugato però in maniera meno opulenta e chiassosa rispetto alla E Street Band, e privilegiando i toni melodici e metropolitani in Human Touch e quelli stradaioli e diretti in Lucky Town. Proprio la differenza a livello di sonorità fece sì che questi due dischi non fossero mai capiti e apprezzati fino in fondo dai fan storici, quelli legati alla E Street Band. Infatti, entrambi gli episodi trovano una loro dimensione solamente se si evita di porli a diretto confronto con i super classici di Springsteen, i vari Born To Run, The River o Born in The U.S.A.. D’altronde, Springsteen stesso li considerava un autentico nuovo inizio per la sua carriera, ed il cambio (traumatico, a suo stesso dire) della band andava a sottolineare proprio questo aspetto. Se si ascoltano e si giudicano semplicemente come album di classic rock americano, allora è davvero difficile non farsi ammaliare dalla splendida title-track, dalla potente opener Better Days, dalla scatenata Leap of Faith, così come dalle delicate ballate semi-acustiche Book of Dreams e My Beautiful Reward. La colonna sonora perfetta per un coast to coast nelle highway americane. Esattamente come non mancavano pezzi di assoluto valore nell’album “gemello”: Man’s Job, I Wish I Were Blind e Roll of the Dice su tutti. La stessa tournée mondiale seguente, con una memorabile data in Italia a Verona, mostrò in modo evidente come l’artista fosse tutt’altro che sul viale del tramonto e come i pezzi nuovi, anche in sede live, potevano stare tranquillamente al passo con i vecchi classici, a loro volta riarrangiati dalla nuova, più ristretta, formazione. I pezzi sopra citati sono quelli maggiormente riusciti, ma il resto del disco porta altri esempi del classico stile di Springsteen, con il country di Local Hero, il rock rabbioso di Souls of the Departed e la malinconia di The Big Muddy e Living Proof.
Come detto, la critica e in parte il pubblico stesso, non apprezzarono particolarmente la svolta operata e questi album, ancora adesso, restano una sorta di incompiuta nella carriera di Springsteen; salvo venire rivalutati, nei loro pezzi più riusciti, a distanza di tempo. Dei due, Lucky Town gode attualmente di giudizi migliori rispetto a Human Touch, probabilmente perché la vena country-rock che permea il primo dalla prima all’ultima nota sembra più consona alle corde del Boss rispetto alle raffinatezze melodiche e di arrangiamento del secondo.

La svolta compositiva e musicale fatta con questo coraggioso doppio album rimase comunque fondamentale per il proseguimento della carriera di Springsteen , che da qui troverà l’ispirazione per il bellissimo acustico The Ghost of Tom Joad (1995) e successivamente per il gran ritorno con la E Street Band negli anni 2000; anche se, per ritrovare completamente la magia del passato nei pezzi elettrici bisognerà attendere lo splendido Magic del 2008. Lì il cerchio si chiude definitivamente e il Boss ritornerà, insieme con i suoi compari storici, meritatamente sul trono della musica mondiale.



VOTO RECENSORE
80
VOTO LETTORI
72 su 3 voti [ VOTA]
Le Marquis de Fremont
Lunedì 18 Agosto 2014, 14.21.59
6
Mi ricordo benissimo il concerto di Verona, allo stadio, la domenica di Pasqua, dopo che aveva piovuto tutto il giorno. Un concerto spettacolare, con il Boss in grande forma, vero animale da palcoscenico e durato fin oltre mezzanotte, per più di tre ore. Incredibile. Poi, l'album in questione non mi ha mai preso molto, assieme al gemello Human Touch. Non il Boss che conoscevamo e purtroppo, mai più il Boss che conoscevamo. Ma sul palco, Bruce è un mostro. Au revoir.
dario
Sabato 16 Agosto 2014, 16.41.33
5
infatti 100 mi sembrava esagerato !
stranger in a strange land
Sabato 16 Agosto 2014, 0.57.05
4
Per errore ho commentato sotto il disco sbagliato! Mi riferivo a Born in the U.S.A.
stranger in a strange land
Sabato 16 Agosto 2014, 0.54.39
3
Voto 100. Per me capolavoro assoluto e miglior prova del Boss. Non una caduta di tono o di tensione e soprattutto duplice livello di lettura (che consentì di arrivare a un pubblico planetario): melodie orecchiabili e però grandi storie springsteeniane della provincia nordamericana. Il filo rosso che unisce questo disco a Nebraska, come superbamente evidenziato nella splendida recensione. Che merita, a sua volta, un 100.
dario
Venerdì 15 Agosto 2014, 23.29.46
2
Buonissimo album del boss. Concordo con il recensore, voto 80.
Galilee
Venerdì 15 Agosto 2014, 21.59.19
1
Disco parecchio banale, come il suo gemello human touch. Non una schifezza, ma sicuramente il punto più basso della sua carriera.
INFORMAZIONI
1992
Columbia
Rock
Tracklist
1. Better Days
2. Lucky Town
3. Local Hero
4. If I Should Fall Behind
5. Leap of Faith
6. The Big Muddy
7. Living Proof
8. Book of Dreams
9. Souls f the Departed
10. My Beautiful Reward
Line Up
Bruce Springsteen (Voce, Chitarre, Basso)
Roy Bittan (Tastiere)
Ian McLagen (Tastiere)
Gary Mallabar (Batteria)
Patty Scialfa (Cori)
 
RECENSIONI
79
80
68
80
93
90
89
90
88
75
75
ARTICOLI
09/07/2016
Live Report
BRUCE SPRINGSTEEN AND THE E-STREET BAND
Stadio San Siro, Milano, 03/07/2016
16/07/2013
Live Report
BRUCE SPRINGSTEEN AND THE E-STREET BAND
Ippodromo delle Capannelle, Roma, 11/07/2013
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]