Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Iron Maiden
Senjutsu
Demo

Teramaze
Sorella Minore
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

17/09/21
INSOMNIUM
Argent Moon

17/09/21
KADABRA
Ultra

17/09/21
CARCASS
Torn Arteries

17/09/21
APOSTOLICA
Haeretica Ecclesia

17/09/21
SATURNIAN MIST
Shamatanic

17/09/21
INTERCORE
Dreams for Sale

17/09/21
ROBLEDO
Wanted Man

17/09/21
THE RAVEN AGE
Exile

17/09/21
CRIMINAL
Sacrificio

17/09/21
VEGA
Anarchy and Unity

CONCERTI

24/09/21
TRIBULATION + BØLZER + MOLASSESS
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

24/09/21
LA MORTE VIENE DALLO SPAZIO
ZIGGY CLUB - TORINO

25/09/21
METALITALIA.COM FESTIVAL
LIVE CLUB - TREZZO SULL'ADDA (MI)

25/09/21
SAN LEO
ZIGGY CLUB - TORINO

28/09/21
OPETH + THE VINTAGE CARAVAN
TEATRO DEGLI ARCIMBOLDI - MILANO

29/09/21
EVANESCENCE + WITHIN TEMPTATION
MEDIOLANUM FORUM - ASSAGO (MI)

29/09/21
OPETH + THE VINTAGE CARAVAN
TEATRO ROMANO DI OSTIA ANTICA - ROMA

29/09/21
AMENRA
LINK - BOLOGNA

02/10/21
ANCIENT + GUESTS
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

12/10/21
POWERWOLF
ALCATRAZ - MILANO

Korpiklaani - Tales Along This Road
( 5918 letture )
I finlandesi Korpiklaani con Tales Along This Road sono già al loro terzo album, e tutto nel breve spazio di tre/quattro anni, considerando che il loro esordio è avvenuto nel 2003. E ciò che ancor di più sorprende è la continua evoluzione e maturità raggiunta da questi scatenati finnici, che hanno iniziato bene e stanno proseguendo sempre meglio, tanto che oramai è indiscutibile che si possano considerare tra i più apprezzati e seguiti esponenti della scena folk/viking, spesso legato a pochi ma amatissimi gruppi, i Finntroll su tutti.
Tutto ciò che è compreso nei loro lavori, dalla musica ai testi, trova origine nell'amore per la propria terra, nella natura, nella mitologia scandinava, nelle danze e nelle tradizioni popolari. Questo si nota già dalla spettacolare cover art raffigurante un antico uomo finlandese tra le nevose foreste della Scandinavia, oltre la mescolanza di testi in inglese e testi in sa'mi, loro lingua madre. E proprio di danza popolare sa tanto Happy Little Boozer: infatti, ascoltandola non si può far a meno di sentirsi un vichingo presente ad un banchetto festoso tra birra e danze, e lo stesso concetto vale per la strumentale Spring Dance. Diverso l'incedere di Vakirauta, che sembra quasi un inno di battaglia, mentre con la bellissima Midsummer Night torna l'atmosfera festosa da birra e danze che più caratterizza la musica dei Korpiklaani. Dal lento incedere, malinconica, con una piacevole presenza di flauti ed il canto rauco di Jonne è Tulikokko, così come malinconica e quasi commovente è anche Under The Sun. La song che porta il nome del gruppo è un'altra canzone in tipico stile Korpiklaani, allegra e gioiosa, folk all'ennesima potenza e con un ritornello orecchiabile che ti fa urlare insieme a loro. Più veloci e quasi vicine agli stilemi tipici del viking, ma altrettanto riconducibili al tradizionalismo folk/popolare, sono poi Rise e Kirki. Nella conclusiva Hide Your Riches, dove Jonne urla ancora una volta il suo amore per la propria terra e per le tradizioni ad essa collegate, non si può non segnalare la suggestività conferita dal violino di Hittavainen. In tutto l'album comunque la presenza di fisarmonica, flauto, jouhikko e violino è evidente e piacevole in quanto riescono a dare al tutto una fisionomia ed un sound ancor più capace di amalgamare e fondere le sonorità metal con le tendenze musical-popolari che rendono la proposta dei Korpiklaani originale e gradevole oltre ogni possibile previsione.
Per gli amanti del genere un'autentica chicca!



VOTO RECENSORE
82
VOTO LETTORI
59.35 su 68 voti [ VOTA]
Finntrollfan
Mercoledì 11 Gennaio 2012, 17.15.08
5
Il più bello, altro che 82!!! Tuli kokko (si, si scrive separata) vale da sola il prezzo del disco. Happy little boozer poi l'ascolto ogni mattina per caricarmi!
Theo
Venerdì 30 Dicembre 2011, 22.11.54
4
mitici korpiklaani, voto 80
Michele
Lunedì 19 Luglio 2010, 14.45.48
3
Il mio primo pensiero ascoltando questo disco è stato "Oh My Fucking God"o qualcosa del genere ^^ Decisamente fantastico,cacchio,per me ci poteva stare pure 90 come voto ^^
Lorenzo
Sabato 10 Aprile 2010, 13.11.23
2
L'album che è stato l'input per visitare la Finlandia una terra fantastica
Folker89
Giovedì 19 Luglio 2007, 15.00.21
1
Il folk di questi ragazzi finlandesi è fantastico,sn davver bravi e quest'album è uno dei migliori.FANTASTICI KORPIKLAANI
INFORMAZIONI
2006
Napalm Records
Folk Metal
Tracklist
1. Happy Little Boozer
2. Vakirauta
3. Midsummer Night
4. Tulikokko
5. Spring Dance
6. Under The Sun
7. Korpiklaani
8. Rise
9. Kirki
10. Hide Your Riches
11. Free Like An Eagle (bonus track)
Line Up
Jonne (Voce, Chitarra)
Cane (Chitarra)
Jarkko (Basso)
Matson (Batteria)
Hittavainen (Violino)
Juho (Fisarmonica)
 
RECENSIONI
71
73
74
73
50
75
71
79
82
85
85
ARTICOLI
03/02/2021
Intervista
KORPIKLAANI
Orgoglio finnico
08/03/2018
Live Report
KORPIKLAANI + ARKONA + HEIDEVOLK + TROLLFEST
Magazzini Generali, Milano, 05/03/2018
07/11/2016
Live Report
KORPIKLAANI + MOONSORROW + SKALMOLD
Alcatraz, Milano, 02/11/16
22/02/2013
Live Report
KORPIKLAANI + METSATOLL
Temporock, Gualtieri (RE), 16/02/2013
12/09/2011
Intervista
KORPIKLAANI
Monosillabi di Folk
10/09/2010
Intervista
KORPIKLAANI
Il sud, il folk e il tasso alcolico!
09/11/2007
Live Report
KORPIKLAANI
La data di Milano
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]