Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Sons Of Apollo
MMXX
Demo

Ira Green
7
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

27/01/20
MARRASMIELI
Between Land And Sky

31/01/20
NATTVERD
Styggdom

31/01/20
RAVENWORD
Transcendence

31/01/20
THE RAGGED SAINTS
Sonic Playground Revisited

31/01/20
SERIOUS BLACK
Suite 226

31/01/20
SECRET ALLIANCE
Solar Warden

31/01/20
HOUNDS
Warrior of Sun

31/01/20
GARY MOORE
Live In London

31/01/20
MOON REVERIE
Moon Reverie

31/01/20
LORDI
Killection

CONCERTI

28/01/20
IMMINENCE + GUESTS
CIRCOLO SVOLTA - ROZZANO (MI)

31/01/20
NOVERIA + METHODICA
TRAFFIC CLUB - ROMA

01/02/20
METAL PUNK FEST
CSO PEDRO - PADOVA

01/02/20
INCITE
DEDOLOR MUSIC HEADQUARTER - ROVELLASCA (CO)

01/02/20
EXTREMA
CRAZY BULL - GENOVA

01/02/20
CORAM LETHE
1001 - COLLE VAL D'ELSA (SI)

01/02/20
HIDEOUS DIVINITY + GUESTS
EKIDNA - CARPI (MO)

02/02/20
GLORYHAMMER + NEKROGOBLIKON + WIND ROSE
ALCATRAZ - MILANO

06/02/20
THE DARKNESS + DZ DEATHRAYS
ALCATRAZ - MILANO

06/02/20
EXTREMA
FREAKOUT CLUB - BOLOGNA

Ten Years After - A Space in Time
( 2559 letture )
I Ten Years After si formarono all'inizio degli anni sessanta in Inghilterra, proprio quando decine di band iniziavano a prendere forma, The Beatles e Rolling Stones compresi. L'intera band si centrava sulla figura di Alvin Lee, ottimo chitarrista con una base totalmente blues che con il tempo si sarebbe fusa con il rock esplosivo nato tra i sessanta e i settanta; infatti A Space In Time è datato 1971, ed è proprio con questo disco che i Ten Years After oltre a raggiungere un eccellente livello compositivo, conosceranno il loro periodo di maggior successo.
Certamente quell'anno vide delle uscite discografiche che fecero la storia, Led Zeppelin, Jethro Tull, Yes uscirono con alcuni dei loro capolavori assoluti ma i Ten Years After non furono da meno; qui stiamo parlando della storia del rock.

L'apertura del disco è un brano incredibile, One of These Days: l'inizio psichedelico introduce un turbine di rock/blues in crescendo davvero emozionante, la voce di Alvin Lee abbraccia l'ascoltatore con una melodia ispirata mentre la sezione ritmica comincia a costruire la solida architettura del brano; armonica e tastiere creano il background che sollecita il trasporto emozionale, occhi chiusi e un ritmo incalzante rendono il brano ricco di frenesia tipicamente seventies, mentre la Gibson di Alvin tesse la tela armonica di questo pezzo fantastico.
Non è semplice analizzare le doti di questo disco, ogni solco (il riferimento al vinile è dovuto) ha l'anima del capolavoro, infatti in esso è contenuto il brano sicuramente più conosciuto dei Ten Years After, I'd Love to Change the World, con l'estro Alvin Lee che avvolge con la melodia della sua sei corde i passaggi armonici di Leo Lyons al basso, mentre Ric Lee ai tamburi da l'idea di attendere il momento propizio per dare ritmo dopo le pause di ''riflessione'' del brano, esplodendo con rullate e controtempi all'attacco del solo. Stupendo.
Rock, blues, rock'n'roll sono nel DNA di questi quattro inglesi, infatti con Baby Won't you Let Me Rock'n Roll You è il rock'n'roll più viscerale a portare l'ascoltatore a muoversi e ballare al ritmo della chitarra e del cantato; non mancano i brani acustici, come Here They Come e Over the Hill, dove l'incedere cadenzato è sottolineato dalla voce chiara e pulita di Alvin e la sua chitarra in questi casi si preoccupa più di accompagnare che ad alimentare sfuriate rock/blues, cosa che non accade in Once There Was A Time dove l'inizio da un malinconico blues lentamente si trasforma ritmicamente in un bel rock veloce. Qui la presenza elettrica della Gibson di Alvin la fa da padrone, sfoggiando la perizia tecnica del chitarrista/cantante.
L'album scivola fluido durante tutto l'ascolto, le emozioni non si contano e la band esprime i propri sentimenti musicali all'unisono, il giro di basso di Ric nel brano Let the Sky Fall è da antologia, la calda voce di Alvin sembra quasi voler accarezzare l'ascoltatore; l'apertura centrale che immette nel lungo assolo, con una melodia che da i brividi, da ariosità ad un brano che si attesta tra i migliori dell'intero platter.
A Space In Time in chiusura riesce a regalare una divertente jam jazz che non ti aspetti, ma che fornisce informazioni, se ancora ce n'era bisogno, sulla capacità tecnica dei Ten Years After.

Un album imprescindibile nella discografia di ogni rocker, possibilmente in vinile, anche se non è il migliore per creatività e sicuramente con qualche inflessione melodica in più rispetto al passato, dovuta alla presenza dei ricorrenti spunti acustici. Per la band, restano da ricordare la partecipazione nel 1969 al grandissimo Festival di Woodstock e le roventi esibizioni live: in anni in cui non era certo semplice ottenere la giusta visibilità, visto l'alto livello delle band dell'epoca, i nostri hanno saputo regalare pagine di storia del rock che non sono certamente sfuggite agli intenditori. Purtroppo dopo pochi anni la band si sciolse avendo pericolosamente cavalcato il rock mainstream, ma quelli ormai non erano più i Ten Years After.



VOTO RECENSORE
81
VOTO LETTORI
92 su 6 voti [ VOTA]
Fabio Rasta
Domenica 24 Novembre 2019, 16.52.00
7
Valutazione ovviamente personale: Ssssh Oro, Watt Argento, questo Bronzo. Anche se x valore affettivo e vissuto personale, le emozioni che mi da questo sono inarrivabili. La bellissima copertina si adatta perfettamente ai miei ricordi di cui sopra, praticamente nella foto manco solo io. Oggettivamente invece, bronzo non tanto x le canzoni, quanto x il sound meno corposo rispetto a Watt.
Rob Fleming
Domenica 21 Febbraio 2016, 15.38.10
6
Basta il trittico iniziale per innalzare sopra la media questo album. L'unico brano fuori luogo, per me, è l'orchestrale Over The Hill
Forbiddenevil
Martedì 2 Settembre 2014, 1.20.10
5
Procuratelo Jek !!!
LORIN
Lunedì 1 Settembre 2014, 22.47.16
4
Grazie per la fiducia jek.
jek
Lunedì 1 Settembre 2014, 21.12.30
3
Uno dei pochi LP dei T.Y.A. che non conosco, ma se LORIN e Luca dicono che bisogna averlo dovrò provvedere.
LORIN
Sabato 30 Agosto 2014, 17.41.13
2
Impossibile non avere un disco come questo. Straordinario.
LORIN
Sabato 30 Agosto 2014, 17.36.33
1
Impossibile non avere un disco come questo. Straordinario.
INFORMAZIONI
1971
Columbia Records
Rock/blues
Tracklist
1. One Of These Days
2. Here They Come
3. I'd Love to Change the World
4. Over The Hill
5. Baby Won't you Let Me Rock'n Roll You
6. Once There Was A Time
7. Let The Sky Fall
8. Hard Monkeys
9. I've Been There Too
10. Uncle Jam
Line Up
Alvin Lee (Voce, Chitarra)
Chick Churchill (Tastiere, Batteria)
Leo Lyons (Basso)
Ric Lee (Batteria)
 
RECENSIONI
75
81
77
90
70
90
79
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]