Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Kansas
The Absence of Presence
Demo

Northern Crown
In a Pallid Shadow
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

11/08/20
SEASON OF DREAMS
My Shelter

12/08/20
WITHIN DESTRUCTION
Yōkai

14/08/20
HAVUKRUUNU
Uinuos Syömein Sota

14/08/20
NUG
Alter Ego

14/08/20
CHASTAIN
For Those Who Dare – 30th Anniversary Edition

14/08/20
KAMELOT
I Am The Empire - Live From The 013

14/08/20
PRIMITIVE MAN
Immersion

14/08/20
TERRA ATLANTICA
Age Of Steam

14/08/20
ROBBY KRIEGER
The Ritual Begins at Sundown

14/08/20
INGESTED
Where Only Gods May Tread

CONCERTI

11/08/20
BAD RELIGION
FESTIVAL DI RADIO ONDA D'URTO - BRESCIA

12/08/20
BAD RELIGION (SOSPESO)
FESTIVAL DI MAJANO - MAJANO (UD)

19/08/20
PALAYE ROYALE
CIRCOLO MAGNOLIA - SEGRATE (MI)

26/08/20
GRAHAM BONNET & ALCATRAZZ + GIRLSCHOOL + ASOMVEL
FESTA BIKERS - COLOGNO AL SERIO (BG)

27/08/20
WOLFMOTHER + HARDCORE SUPERSTAR (SOSPESO)
PIAZZA DUOMO - PRATO

04/09/20
VAN DER GRAAF GENERATOR
AUDITORIUM PARCO DELLA MUSICA (SALA SINOPOLI) - ROMA

05/09/20
VAN DER GRAAF GENERATOR
2DAYS PROG - VERUNO (NO)

06/09/20
VAN DER GRAAF GENERATOR
POLITEAMA GENOVESE - GENOVA

10/09/20
THE HOLLYWOOD VAMPIRES
MEDIOLANUM FORUM - ASSAGO (MI)

11/09/20
ATHEIST + CADAVER + SVART CROWN + FROM HELL
REVOLVER CLUB - SAN DONA' DI PIAVE (VE)

Labyrinth - Sons of Thunder
( 2954 letture )
Il re usava le numerose feste, le camminate e le escursioni come ricompensa o punizione invitando quella persona e non invitando quell'altra. Siccome aveva riconosciuto di non poter sprecare troppi favori per impressionare, rimpiazzava le ricompense reali con altre immaginarie, con le gelosie che suscitava, con dei piccoli favori, con la sua benevolenza. Nessuno era più inventivo di lui al riguardo.

Così Saint-Simon, contemporaneo di Luigi XIV, descriveva il monarca assoluto per eccellenza e l'atmosfera che si respirava alla sua corte; orgoglioso fuori da ogni misura, conosciuto anche per essere un irrecuperabile tombeur de femmes, il Re Sole è il protagonista di Sons of Thunder, concept album in cui i Labyrinth, il gruppo toscano tra i primi ad avventurarsi in territori power in Italia, raccontano la fantomatica passione amorosa di Luigi XIV per Kathryn, figlia del Doge di Venezia, dopo averla vista ritratta in un dipinto regalatogli dallo stesso governatore della Repubblica Marinara.

Il primo capitolo della storia, Chapter 1 appunto, ha come sfondo Versailles nel 1679, colonna sonora della festa sono fin da subito riff trainanti -spesso vicini al prog- e fraseggi fulminanti che lasciano poi spazio a passaggi acustici e a ritornelli più aperti e melodici, che contraddistinguono anche le canzoni più sferzanti come Rage of the King, in più le numerose tirate in doppio pedale danno ulteriore dinamicità e slancio ai pezzi, ma Mat Stancioiu non è da meno nelle parti più quiete che sono arricchite da passaggi articolati.
Per quanto riguarda la ritmica sfortunatamente il basso scompare molto spesso dietro al suono corposo delle due chitarre, mentre riesce invece ad uscire dall'ombra in momenti meno sovraccarichi come nella poetica Touch the Rainbow.

Anche Andrea Depaoli non risulta mai invadente, non sono infatti presenti tappeti di tastiera troppo esuberanti come forse nel power siamo più abituati a sentire, nonostante ciò il musicista crea melodie di archi e choirs che si intrecciano al lavoro delle sei corde, rimanendo però per lo più sullo sfondo, dotate di un tocco più melodico sono da notare l'ispirata intro di pianoforte in Save Me e la romantica ballad Love, mentre a risaltare su tutto resto sono soprattutto i rapidi assoli che rispondono a quelli di Olaf Thörsen. I momenti di solismo della sei corde sono altrettanto all'insegna della velocità, gli abbondanti arpeggiati in sweep danno una svolta neoclassica -in Kathryn per fare un esempio- e le rapide scale non lasciano scoperta nessuna parte del manico: insomma, la tecnica di sicuro non manca e nemmeno l'incisività.
Roberto Tiranti invece sembra non essere la sua prestazione migliore, apparendo un po' piatto e sottotono rispetto sia al precedente album che a quelli successivi; nonostante tutto la prova si rivela comunque discreta e con il suo timbro squillante e pulito -forse tra i migliori del power italiano- riesce a rendere avvincenti brani come Save Me. Chiude il disco I Feel You cover di Ti Sento, canzone del celebre gruppo italiano Matia Bazar. Suggestive le parti in un nervoso palm muting e doppio pedale che rendono coinvolgente la traccia fino ai fraseggi di chitarra che rispondono all'intenso cantato di Tiranti.

Per concludere un disco molto piacevole da ascoltare, però dopo l'uscita di Return to Heaven Denied le aspettative erano tutte per un album superiore o al pari rispetto al precedente, invece non soltanto Sons of Thunder è penalizzato da una produzione non ottimale e quindi incapace di esaltare tutte le potenzialità di questa ottima band, ma anche da una certa omogeneità che rischia di non far risaltare nessuna canzone in particolare e renderla memorabile, per intenderci nessun brano riesce a farci canticchiare il ritornello come quello di Moonlight una volta terminato l'ascolto.
Nonostante ciò non è assolutamente da dimenticare l'ottimo livello tecnico dei musicisti che viene dimostrato anche in questo lavoro, forse meno epico, ma in ogni caso convincente con momenti più riusciti, ne è un valido esempio la opener. Sons of Thunder quindi non può mancare ai fan più accaniti e a chi non si vuole fermare ad un ascolto superficiale di questa grande band italiana.



VOTO RECENSORE
77
VOTO LETTORI
90.76 su 26 voti [ VOTA]
DP
Domenica 29 Settembre 2019, 14.04.48
15
x me una cacata p.....il loro punto più basso….capita a tutte le bands di toppare ma se lo fai dopo un capolavoro la delusione dei fans è maggiore
endrix
Domenica 6 Novembre 2016, 23.41.27
14
questo album ha degli arrangiamenti di alto livello (merito di neil kernon) e le song secondo me sono migliori di "return", hanno molta più classe (merito di kernon sicuramente). Il problema di questo disco come abbiamo capito tutti sta nella produzione (quasi demo direi) merito della band. Io ci credo poco alla storia che uno del calibro di kernon gli avesse fatto una cattiva produzione. Han scartato una cattiva produzione per metterne una peggiore? chissà come sono andate veramente le cose. Avrebbero dovuto far circolare anche quel mix, con cui probabilmente oggi questo disco sarebbe davvero un pezzo importante del metal.
Mic
Giovedì 24 Marzo 2016, 18.12.26
13
Però I feel You è una figata!
VALERIO
Giovedì 24 Marzo 2016, 18.07.47
12
DOPO IL PRIMO ALBUM DA PELLE D’OCA, I LABYRINTH ESCONO CON QUESTO SECONDO ALBUM DAL TITOLO ALTISONANTE: “SONS OF THUNDER”. IO MI ASPETTO ROBA SPETTACOLARE E, SULLA FIDUCIA, DOPO IL CICLOPICO “RETURN TO HEAVEN DINIED”, COMPRO IL DISCO A OCCHI CHIUSI. GIA’ ASSAPORO CANZONI STILE “MOONLIGHT SHINING”, “NEW HORIZONS” O “LADY LOST IN TIME”. E INVECE? INCREDIBILE, UNA PORCATA PAZZESCA! I TESTI DI TUTTI I BRANI RUOTANO INTORNO AI MORBOSI PENSIERI DI UN RE (SEGAIOLO) PER UNA GNOCCA VISTA IN RITRATTO (E CHE CAZZO C’ENTRA QUESTO TEMA CON I “SONS OF THUNDER?”). LA MUSICA IRRICONOSCIBILE, THORSEN SPARITO, ANCHE TIRANTI FUORI FASE, DA PAZZI. E’ PROPRIO IL CASO DI DIRE “DALLE STELLE ALLE STALLE”. SE QUALCUNO HA INTENZIONE DI ORGANIZZARE UNA CLASS ACTION PER IL RECUPERO DEL COSTO DEL CD MI FACCIA SAPERE…
marmar
Giovedì 11 Settembre 2014, 21.58.24
11
Una più che mezza delusione dopo l'esaltante ed ingombrante lavoro precedente. Caduto nel dimenticatoio.
HeroOfSand_14
Martedì 9 Settembre 2014, 20.26.25
10
@Rada: vorrei capire chi, tra quelli che scrivono in questo sito, sono fan dei Matia Bazar ahah!
Vittorio
Lunedì 8 Settembre 2014, 15.58.59
9
Disco incompiuto, sicuramente penalizzato dai suoni. Probabilmente il nervosismo e lo stress venutisi a creare nella realizzazione hanno avuto la loro parte in questo parziale insuccesso. Peccato, perché un altro ottimo lavoro come il precedente avrebbe proiettato i Labyrinth nell'Olimpo dell'epoca insieme ad Angra, Stratovarius, etc. Voto 70
Radamanthis
Domenica 7 Settembre 2014, 16.22.38
8
Mettiamola così....non sono un grande fan dei Maria bazar....ahahahahahahah! Quindi direi la seconda....
HeroOfSand_14
Domenica 7 Settembre 2014, 15.35.52
7
@Rada: quindi Ti penso ti piace o ti schifa? Io ritengo questo disco come il successore "piatto" di Return. Suonato ottimamente (come sempre), Tiranti sempre una sicurezza ma canzoni che non mi dicono molto, e mi ricordano troppi spunti di RTHD, come se fossero stati senza idee e fantasia dopo il loro capolavoro. Direi che la traccia che spicca di più è l'iopener, grandiosa.
Oh none is Moe
Domenica 7 Settembre 2014, 9.26.18
6
Second me questo è un gran bel disco, con dei momenti veramente ottimi. Per me è da 81. Al di sotto di Return to heaven denied sicuramente, ma solo perché quest ultimo è il loro capolavoro assoluto, il classico disco che una band non riuscirà mai più ad eguagliare. E anche nella scena power in generale è stato un capolavoro. Veramente pochi gli stanno sopra. Grandissimi Labyrinth.
Radamanthis
Sabato 6 Settembre 2014, 21.00.34
5
Disco che ho, che ho ascoltato più e più volte senza forse mai capirlo in pieno. La produzione come è già stato fatto notare da altri utenti è veramente l'anello debole tra ciò che il disco è in realtà e quello che avrebbe dovuto / potuto essere. Certi brani sono accattivanti, l'ugola di Tiranti sempre ottima ma Return to heaven denied è ben altra roba. Il disco in questione è comunque valido e certamente lo valuto sul 70 o qualcosina in più. La cover dei Matia Bazar è uno dei momenti più gradevoli comunque, anche se mi vengono i brividi pensando all'originale!!! Voto 72
xXx
Sabato 6 Settembre 2014, 14.26.39
4
produzione cosi cosi ma veramente un grande disco. peccato xke con suoni diversi avrebbe reso molto di più. voto 79
entropy
Sabato 6 Settembre 2014, 14.18.09
3
Si probabilmente la produzione ha penalizzato non poco l'album. E anche il venire dopo return to heaven denied, perché forse tutti si aspettavano qualcosa di simile, mentre i labyritnh furono molto (troppo?) coraggiosi. Cmq un buon album, il voto ci può stare!
lux chaos
Sabato 6 Settembre 2014, 9.47.08
2
@Gokronikos: concordo con te e con Giada, la produzione è a dir poco scandaolsa, piatta, terrificante, ma l'album per me è giusto sufficiente....i Labyrinth che amo sul serio iniziano con No Limits e finiscono con RTHD....qui già siamo sul 6,5/7, musicisti eccezionali ma che non sono più riusciti a ripetersi su grandissimi livelli a livello di songwriting, il classico gruppo che dici "si, carini, niente male"
Gokronikos
Sabato 6 Settembre 2014, 8.43.32
1
Il problema di questo album è la produzione, assai scarsa. Per il resto è veramente un buon disco!
INFORMAZIONI
2000
Metal Blade Records
Power
Tracklist
1. Chapter 1
2. Kathryn
3. Sons Of Thunder
4. Elegy
5. Behind The Mask
6. Touch The Rainbow
7. Rage Of The King
8. Save Me
9. Love
10. I Feel You
Line Up
Rob Tyrant alias Roberto Tiranti (Voce)
Anders Rain alias Andrea Cantarelli (Chitarra)
Olaf Thörsen (Chitarra)
Andrew McPauls alias Andrea Depaoli (Tastiera)
Chris Breeze alias Cristiano Bertocchi (Basso)
Mat Stancioiu (Batteria)
 
RECENSIONI
78
75
76
79
77
90
80
ARTICOLI
13/06/2017
Live Report
RHAPSODY + EPICA + LABYRINTH
Alcatraz, Milano, 07/06/2017
08/06/2017
Intervista
LABYRINTH
Quando la musica è architettata per restare
01/03/2011
Live Report
SONATA ARCTICA + LABYRINTH + 4TH DIMENSION
Alcatraz, Milano, 27/02/2011
14/07/2010
Live Report
OZZY OSBOURNE + LABYRINTH
Villa Contarini, Piazzola Sul Brenta (PD), 05/07/2010
07/06/2010
Live Report
MEGADETH + SADIST + LABYRINTH
Atlantico, Roma, 04/06/2010
09/03/2004
Articolo
LABYRINTH
La biografia
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]