Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Falconer
From a Dying Ember
Demo

Chaosaint
In the Name of
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

10/07/20
KIKO LOUREIRO
Open Source

10/07/20
MICHAEL GRANT & THE ASSASSINS
Always the Villain

10/07/20
ENUFF Z`NUFF
Brainwashed Generation

10/07/20
ENSIFERUM
Thalassic

10/07/20
SHINING BLACK
Shining Black

10/07/20
TOKYO MOTOR FIST
Lions

10/07/20
EXECUTIONERS MASK
Despair Anthems

10/07/20
INTER ARMA
Garber Days Revisited

10/07/20
LAETITIA IN HOLOCAUST
Heritage

10/07/20
ROAD SYNDICATE
Smoke

CONCERTI

13/07/20
KISS (SOSPESO)
ARENA - VERONA

17/07/20
GIACOMO VOLI + EMPATHICA
THE FACTORY - S. MARTINO BUON ALBERGO (VR)

23/07/20
INSUBRIA FESTIVAL
PARCO GHIOTTI - MARCALLO CON CASONE (MI)

24/07/20
INSUBRIA FESTIVAL
PARCO GHIOTTI - MARCALLO CON CASONE (MI)

25/07/20
INSUBRIA FESTIVAL
PARCO GHIOTTI - MARCALLO CON CASONE (MI)

26/07/20
INSUBRIA FESTIVAL
PARCO GHIOTTI - MARCALLO CON CASONE (MI)

29/07/20
DROPKICK MURPHYS
FESTIVAL DI MAJANO - MAJANO (UD)

07/08/20
KORPIKLAANI
MONTELAGO CELTIC FESTIVAL - SERRAVALLE (MC)

07/08/20
SUMMER METAL 2020
LONCA DI CODROIPO (UD)

08/08/20
SUMMER METAL 2020
LONCA DI CODROIPO (UD)

Bombnation - Night Invasion
( 1363 letture )
Tornano alla ribalta i thrashers canadesi Bombnation con un nuovo disco intitolato Night Invasion e due sono le domande che sorgono spontanee dopo aver cercato informazioni a riguardo in rete. La prima è: qualcuno ne sentiva il bisogno? La seconda, che in un certo senso risponde al quesito iniziale, è invece questa: ma è proprio vero che l’album è uscito a metà settembre e a meno di un mese di distanza la band si è già sciolta? Normale, dunque, nutrire dei dubbi sulla “bontà” del prodotto qui recensito, consapevoli che il successo -o per meglio dire, l’insuccesso- è stato tale da far decidere istantaneamente per un abbandono definitivo (si spera). Per chi desiderasse comunque saperne di più sulla band in questione e, perché no, su questa loro ultima uscita discografica, consigliamo di continuare con la lettura e se proprio necessario di provare anche l’ascolto dell’album, cosa assolutamente sconsigliata a tutti coloro che pensano male riguardo al copiare spudoratamente (certo, si dice “ispirarsi”...) uno stile musicale a tal punto da renderlo parodia di sé stesso, dato che è proprio questo il caso che andremo ad affrontare. Ma torniamo a noi, o meglio, ai cinque canadesi che rispondono (rispondevano) al nome di Bombnation. La band, formatasi nel 2007, ha esordito nel 2008 con un demo intitolato Atomik Animal Annihilation, giungendo al primo full length, H.A.Z.M.A.T., pubblicato con l’aiuto della label canadese Profusion, l’anno successivo. In seguito, un secondo album autoprodotto nel 2010 e il terzo arrivato oggi sul mercato per conto della PRC Music dopo essere stato pubblicato nel mese di luglio in modo indipendente.

Il genere proposto è, manco a dirlo, il più classico thrash metal da band esordiente che ci si possa immaginare, ma l’attitudine mostrata nel disco è in puro stile punk-hardcore. Brani che spaziano tra il minuto e i due di durata, e che non lasciano molto spazio alla possibilità di imprimere un loro effettivo ricordo nella nostra memoria, grezzi, istintivi e -volutamente o no non ci è lecito saperlo- parodici in quanto inneggianti in modo totalmente casuale a moltitudini di nomi noti in ambito thrash metal. Per fare qualche esempio, si passa da Slayed by Slayer a Kreator’s Destruction of Sodom, senza tralasciare Obituary o altri titoli particolari, inerenti in questo caso ad uno dei cliché massimi del genere, ovvero la birra, come War Beer Warrior, Blackout with Stout e così via. Va bene, non si può dire che i Nostri non sappiano tenere in mano gli strumenti dato che riff granitici, ritmi martellanti e anche una voce spesso e volentieri squillante e a tono ci fanno capire che la tecnica c’è e molto probabilmente se avessero voluto prendersi sul serio e tentare di dar vita a qualcosa di più originale sarebbe potuto uscire fuori qualcosa di buono. Ma come si può affrontare l’ascolto di Night Invasion senza un minimo di comprensione del reale livello qualitativo di questa band? Perché dobbiamo tenere a mente che stiamo parlando di un disco ben specifico e non dei “se” o dei “ma”.

Ci sarà sicuramente qualcuno in grado di apprezzare l’operato dei Bombnation, ma a conti fatti e analizzando oggettivamente il tutto, il massimo che si può richiedere al disco è di fare da mero sottofondo musicale se si desidera passare una mezz’oretta tranquilla -si fa per dire- senza preoccupazioni per la testa e con l’unico obiettivo di scapocciare da soli tra le mura di casa propria, magari con una nonna anziana che dalla stanza accanto vi chiede se siete stati impossessati dal demonio mentre cerca di riportarvi sulla retta via con l’aiuto di un rosario. Un’immagine ironica che ben riflette l’autoironia e l’elevato aspetto parodico del lavoro in questione.



VOTO RECENSORE
58
VOTO LETTORI
99 su 4 voti [ VOTA]
LAMBRUSCORE
Domenica 26 Ottobre 2014, 9.20.25
1
Li ho ascoltati e non mi sembrano male, comunque sono "originali" tanto come i ben più famosi Municipal Waste, quindi per me ci possono stare, la cosa che non sopporto sono gli urletti che per me rovinano tutto.
INFORMAZIONI
2014
PRC Music
Thrash
Tracklist
1. Fire of the Night
2. Slayed by Slayer
3. War Beer Warrior
4. Hops
5. Obituary
6. Kreator’s Destruction of Sodom
7. Blackout Without Stout
8. Night Invasion
9. Kentucky Fried Seagulls
10. Le d-beat d la 50
11. Forget It
12. Pissed Off to Listen to Pop
13. Reggie’s Calling
14. Order666
15. Iron Whale
16. Black Cable
17. Astro Turf
18. In the Night
Line Up
Mike Waters (Voce)
Jack (Chitarra)
Whale (Chitarra)
Daniel (Basso)
Crocko (Batteria)
 
RECENSIONI
55
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]