Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Rome in Monochrome
Away from Light
Demo

Arch Echo
Arch Echo
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

23/04/18
NO FUN AT ALL
Grit

23/04/18
SHRINE OF THE SERPENT
Entropic Disillusion

26/04/18
AETRANOK
Kingdoms Of The Black Sepulcher

27/04/18
TOTALSELFHATRED
Solitude

27/04/18
SPITEFUEL
Dreamworld Collapse

27/04/18
DRAKKAR
Cold Winters Night

27/04/18
BLOOD TSUNAMI
Grave Condition

27/04/18
FACING THE ORACLE
Haunted One

27/04/18
MIDAS FALL
Evaporate

27/04/18
FOREIGNER
Foreigner With The 21st Century Symphony Orchestra & Chorus

CONCERTI

21/04/18
ROGER WATERS
UNIPOL ARENA - BOLOGNA

21/04/18
KRASHAH + PROLIFERHATE + IN-DIGNITY
POP EX-LAVANDERIE RAMONE - TORINO

21/04/18
EXUMER
DEDOLOR - ROVELLASCA (CO)

21/04/18
ACCIAIO ITALIANO FESTIVAL
ARCI TOM - MANTOVA

21/04/18
UNDERGROUNDS UNDERSTARS (DAY 2)
GRIND HOUSE CLUB - PADOVA

21/04/18
OLIVER/DAWSON SAXON + GUESTS
CLUBHOUSE - FOGGIA

21/04/18
TRICK OR TREAT
TRAFFIC CLUB - ROMA

21/04/18
SINPHOBIA + GUESTS
COMUNITA GIOVANILE - BUSTO ARSIZIO (VA)

21/04/18
LOVE MACHINE + SCALA MERCALLI + SKELETOON
DAGDA - RETORBIDO (PV)

21/04/18
LACHESIS
LEGENDS PUB - BRIVIO (LC)

XY - Memories/Now/Dreams
( 769 letture )
I francesi XY sono attivi dal 2006 e hanno giÓ dato alle stampe due album (Another Me e Flying) oltre ad un DVD live; ora si ripresentano al pubblico con l'ultima fatica Memories/Now/Dreams, platter infarcito di effetti e modernismi vari. La band dichiara di ispirarsi ai grandi nomi della scena alternative, quali ad esempio Bring Me the Horizon, Linkin Park, 30 Seconds to Mars e addirittura Slipknot, anche se pare soprattutto evidente la devozione del quartetto nei confronti degli Avenged Sevenfold, come si pu˛ ben evincere dalla quarta traccia del disco; tutto molto bello, ma con quali risultati?

Cominciamo col dire che nelle intenzioni degli XY quello che si ricerca in questo lavoro Ŕ un approccio pi¨ duro rispetto al passato del gruppo, ma la melodia non viene assolutamente abbandonata -tutt'altro- e la cosa Ŕ palese nella maggior parte delle tracce in cui spesso ci si affida a vocalizzi in controcanto puliti che si alternano a urla pi¨ aggressive. The Sign Ŕ una breve intro dal cantato leggero che fa da preludio allo scream dell'ospite Shawter (giÓ voce dei marsigliesi Dagoba) presente nella successiva One Last Stand, mentre l'elettronica, una costante (seppur sempre accompagnata a schitarrate e rullate sparse) la fa da padrone in brani quali ad esempio Rebirth e Crush You. La voce pulita di Morabito ben si presta a certe sonoritÓ rilassate: non manca infatti il lentone accorato con tanto di pianoforte in evidenza -It's Not Too Late- buono per far sciogliere il cuore di qualche giovin rockettara: non una brutta canzone di per sÚ ma, al di lÓ dello scontatissimo titolo, se dovessi menzionare una ballad di grande atmosfera questa non troverebbe assolutamente spazio nemmeno in un'ipotetica Top 500. Gli episodi dal retrogusto sdolcinato non sono l'eccezione (vedi When You're Not With Me e soprattutto The Best is Yet to Come) e insomma quello che spesso viene fuori Ŕ la ricerca di cori accattivanti e in alcuni frangenti armoniosi, col risultato di pezzi che potrebbero essere apprezzati da chi ama gli ultimi lavori di alcune delle band precedentemente menzionate e di altre non prettamente appartenenti al mondo della musica pesante.

Memories/Now/Dreams Ŕ ruffiano come la band che lo ha composto: alla fin della fiera gli XY hanno travestito dei pezzi pop in qualcosa di "simil-metal" a furia di riff e screaming ma in realtÓ le canzoni dell'album risultano -come potrei definirle?- "inoffensive", se mi passate il termine. No, non mi fregate, cari francesini; per caritÓ gli strumenti non sono suonati da gente inetta -ai musicisti tecnica e capacitÓ esecutive non mancano affatto- e la produzione sarÓ pure moderna e ricca come i crismi del genere vogliono ma, al di lÓ delle dichiarazioni su una maggior ispirazione dall'universo metallico, questo full length potrÓ forse abbindolare qualcun altro: quello che si sente uscire dai solchi del disco Ŕ molto alternative e ben poco metal. Un'opzione in pi¨ rispetto all'ascolto di certe radio che, contrariamente a quelli che dovrebbero essere i propri intenti e il credo sventolato ai quattro venti tramite inutili jingle, continuano a propinare canzoni che di pesante hanno ben poco (e chi ha orecchie per intendere intenda).



VOTO RECENSORE
55
VOTO LETTORI
53.33 su 3 voti [ VOTA]
INFORMAZIONI
2014
Sliptrick Records
Alternative Metal
Tracklist
1. The Sign
2. One Last Stand
3. Crush You
4. Deathbat (Avenged Sevenfold tribute)
5. Burn It Down
6. It's Not Too Late
7. When You're Not With Me
8. Rebirth
9. Virtual Life
10. Welcome to My Place
11. The Best is Yet to Come
Line Up
William Morabito (Voce)
J-L Ducroiset (Chitarra)
Joey Young (Basso)
Manu Floris (Batteria)

Musicisti ospiti
Shawter (Screaming Vocals su traccia 2)
 
RECENSIONI
ARTICOLI
08/07/2014
Articolo
IMMAGINARIO SEXY
Guida ragionata ai tascabili erotici, Vol. 1 - La recensione
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]