Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Premiata Forneria Marconi
Emotional Tattoos
Demo

Rust
Rust
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

22/11/17
HYPERION
Dangerous Days

24/11/17
SCORPIONS
Born To Touch Your Feelings

24/11/17
LOCH VOSTOK
Strife

24/11/17
STRAY TRAIN
Blues From Hell

24/11/17
WILDNESS
Wildness

24/11/17
HOUSTON
III

24/11/17
AETHERIAN
The Untamed Wilderness

24/11/17
DEEP AS OCEAN
Lost Hopes | Broken Mirrors

24/11/17
STARBLIND
Never Seen Again

24/11/17
DEGIAL
Predator Reign

CONCERTI

22/11/17
MARILYN MANSON + GUEST
PALA ALPITOUR - TORINO

22/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
SANTERIA SOCIAL CLUB - MILANO

23/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
QUIRINETTA - ROMA

24/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
ALMAGIA' TRANSMISSIONS FESTIVAL - RAVENNA

24/11/17
DESPITE EXILE
VECCHIA SCUOLA PUB - PALAZZOLO (BS)

24/11/17
BLACK STAR RIDERS
CIRCOLO COLONY - BRESCIA

24/11/17
6TH COUNTED MURDER + KALIAGE
THE ONE - CASSANO D'ADDA (MI)

25/11/17
THE MODERN AGE SLAVERY + DESPITE EXILE + AMBER TOWN
LA TENDA - MODENA

26/11/17
MESS EXCESS + AENIGMA
RIFF CLUB - PRATO

27/11/17
MASTODON
LIVE CLUB - TREZZO SULL'ADDA (MI)

Elvenking - Heathenreel
( 7193 letture )
Mettiamo subito le cose in chiaro: questo disco è un capolavoro!
Dopo tale esordio, mi ricompongo e dico che la perennemente in crisi scena power italiana sfodera un gruppo incredibile, che se fosse nato in Germania o in Finlandia (ogni riferimento è voluto) tutti si affetterebbero ad incensare. Invece gli Elvenking sono italiani e devono avere a che fare con un ambito non confacente al loro grande talento (discorso che vale anche per altre band italiane); sì, perché fa rabbia sentire un disco d’esordio di tale livello, con tonnellate di personalità e classe destinato ad essere soppiantato da mestieranti di altra nazionalità senza arte né parte.

Dopo un’introduzione folkeggiante (con tanto di chitarre acustiche, viola e flauto), parte la maestosa Pagan Purity, dove in un sol botto ci troviamo di fronte ad un suono colorato ed estremamente vario, ma allo stesso tempo immediato e trascinante: su un tessuto prog si innestano intermezzi folk sognanti e un ritornello solare e trascinante! La successiva Dweller of Rhymes non è da meno, e aggiunge alle influenze citate un flavour maideniano che flirta con strutture alla Fates Warning e accompagnamenti classicheggianti. Disorientati? Ancora è nulla, perché Regality Dance si apre con introduzione dal sapore medievale (e voce femminile) che sboccia in un ritornello death melodico alla In Flames. White Willow è un brano prog folk incantevole, dove saranno necessari diversi ascolti per godere appieno delle mille sfumature che la band riesce a donare ad una musica senza tempo. C’è appena il tempo per rilassarsi e sognare sulle ali della stupenda ballata Skywards, un piccolo capolavoro basato su chitarre acustiche e voce (sia maschile che femminile), ma che alla fine si apre ad un finale tipicamente swedish (In Flames & Dark Tranquillity). Oakenshield dopo una rutilante introduzione di basso e batteria (la sezione ritmica in questo disco fa faville!) si trasforma in un fantastico brano power/prog con assoli ficcanti e fantasiosi ed un ritornello impossibile da non ricordare. Hobs and Feathers è una speed-folk song che ricorda i Rush e che è accompagnata da un commovente violino. Ma dopo tanto ben di dio gli Elvenking non si fermano e sparano un capolavoro assoluto come Conjuring the 14th, un brano dove troverete di tutto: speed, power, gothic, folk e prog. Un pezzo incredibile con un intermezzo voce-chitarra acustica da brividi! La goduria continua con A Dreadful Strain, altro gioiello di power-prog che si caratterizza per un enfasi classicheggiante direi “epica” e che vi farà zompare per la stanza seguendone le innumerevoli contorsioni ritmiche! Il finale è per uno dei brani più belli che in anni di militanza metallica ho mai ascoltato: Seasonspeech è una composione favolosa, dove tra controcanti di voci femminili e maschili (pulite e growl) segue un ritornello che vi farà brandire la spada per far giustizia dei miscredenti. Non basta perché dopo l’immancabile serie di assoli stupendi, il brano si ferma con un break voce, chitarra acustica e flauto assolutamente divino e con un feeling notturno da brividi. La canzone si conclude con la reprise del ritornello che sfuma in un tripudio di cori e controcanti trascendentale.

Ormai lo avrete capito, questo cd lo dovete avere! Parlare di power metal è riduttivo, questo è un disco che ogni amante del metal ben suonato e composto con intelligenza dovrebbe avere ed amare. Complimenti a tutta la band: al versatile ed ispirato singer Damnagoras, ai geniali chitarristi Aydan e Jarpen, ed alla sezione ritmica formata da Gorlan e Zender. L’unico difetto di questo cd è una produzione non boombastica, che impedisce di apprezzare appieno i raffinati arrangiamenti e le finezze in esso contenute, ma per il resto l’ordine è uno solo: da avere!!!



VOTO RECENSORE
s.v.
VOTO LETTORI
57.98 su 77 voti [ VOTA]
Luke25
Sabato 18 Novembre 2017, 11.31.56
24
80 almeno, inoltre i debutti se ben fatti io sono per premiarli e non stare di manica stretta Comunque su Wyrd mi trovo in disaccordo con qualcuno, per me resta il peggiore... tra l'altro è l'unico registrato senza il Damna. Durante un concerto l'aveva anche detto scherzando che potrebbero registrarlo nuovamente con lui alla voce, che non sarebbe una brutta idea in effetti!
Little
Domenica 24 Luglio 2016, 22.56.41
23
Seasonspeech top assoluto! È il cd che mi ha aperto i cancelli del folk, quindi ha un valore affettivo particolare per me. Però come cd in sé ritengo superiore il mitico The Winter Wake. Grandi elvenking !
Giullare
Lunedì 20 Aprile 2015, 17.42.18
22
Riascoltando quest'album... Sicuramente davvero apprezzabile, vengono subito a galla le tante idee della band che verranno poi amalgamate alla grande nei lavori successivi (Colgo l'occasione per chiedere di nuovo le mancanti recensioni del gruppo, mancano 4 album, probabilmente i loro migliori 4). La produzione è quella che è ma gli spunti sono ottimi, incomprensibile invece il "senza voto", perché parliamoci chiaro, un capolavoro non lo è di certo. Già il successivo Wyrd è due spanne sopra ed è un album a cui darei un voto attorno all' 85. Heathenreel per quanto fresco ed interessante credo che dovrebbe aggirarsi su un 75. Parlo da Fan.
Ercole
Venerdì 31 Ottobre 2014, 0.00.09
21
peccato che poi dal vivo il cantante non becca una nota..per fortuna si è rifatto con gli Hell in the club, molto piu adatto come genere al suo timbro di voce!!!
Ercole
Giovedì 30 Ottobre 2014, 23.58.39
20
ancora SV..cosa .... vuol dire??? Se è un capolavoro dategli un voto da capolavoro.. Le chitarre son registrate malissimo c'è da dire...terrificanti
klostridiumtetani
Sabato 18 Ottobre 2014, 18.53.43
19
Io non cago ne il voto recensione e tantomeno quello dei lettori. Band semplicemente coi controcazzi! Sempre grandi "Elve"
Luke25
Sabato 18 Ottobre 2014, 18.45.03
18
cioè quasi tutti i commenti sono positivi, non riesco a capire il voto dei lettori bassissimo... :/
el castigamàtt
Mercoledì 30 Luglio 2014, 15.14.34
17
cd stupendo! superiore a intere discografie del genere
VIKING2000
Giovedì 8 Maggio 2014, 20.01.17
16
Molto bello, voto almeno 80!
SV a chi?
Martedì 2 Ottobre 2012, 18.48.56
15
perchè sto SV?? e sto 51,14 dei lettori? siete tutti matti?
Theo
Giovedì 13 Settembre 2012, 18.14.44
14
Davvero un bell'album... Peccato per la produzione davvero immeritata per questo lavoro... Voto 78
fabio
Domenica 25 Marzo 2012, 1.52.58
13
le chitarre sono registrate malissimo, e anche la conclusiva Seasonspeach appare confusa, ma sto album è davvero di rara bellezza
Marcxx
Domenica 11 Marzo 2012, 22.09.28
12
perchè senza voto?
Michele
Lunedì 26 Luglio 2010, 14.42.11
11
Disco favoloso! Peccato per la recensione (non è che è scritta male,però tutti quei + se li poteva risparmiare ) Vabbè,fa niente
Saifong
Sabato 26 Settembre 2009, 16.25.56
10
Io darei soltanto un 95 a questo fantastico riepilogo di musica power per il semplice fatto che lo ritengo inferiore solo al successivo The Winter Wake
frank
Sabato 22 Agosto 2009, 14.16.50
9
sinceramente ascoltando l'ultimo lavoro, the scythe, nn mi ritrovo con quento esposto nella rece. visto che ho solo questo magari m'è capitato l'unico passo falso del gruppo, che passo falso comunque nn è, come del resto nn è un capolavoro.
Quorth_on
Domenica 2 Novembre 2008, 21.28.58
8
Bello, ma Wyrd resta il migliore.
TheInvoker
Venerdì 1 Agosto 2008, 18.45.37
7
Boh...a mio parere il peggiore della loro discografia. Voto:45
giasse
Giovedì 15 Maggio 2008, 21.23.30
6
bell disco
er
Giovedì 15 Maggio 2008, 20.56.53
5
ert
Paolo
Giovedì 15 Maggio 2008, 20.02.50
4
Great!
Luke 25
Mercoledì 9 Gennaio 2008, 16.28.18
3
Gli ho iniziati ad ascoltare circa un anno fa partendo proprio da questo album e devo dire che è fantanstico. I successivi a mio avviso sono andati migliorando e l'ultimo, "The Scythe" forse è il più completo di tutti. Per precisare sono originari di PORDENONE, come il sottoscritto
Quasimodo
Venerdì 27 Luglio 2007, 0.20.54
2
incredibilmente originale e imprevedibile, voci e strumenti di tutti i generi si inseguono per tutta la durata del cd. Uno degli album che amo di + in assoluto. Unica pecca la registrazione un po' troppo stridula in alcuni frangenti.
shurkk
Lunedì 16 Agosto 2004, 22.39.04
1
Sono indubbiamente un gruppo promettente.Spero che riescano a migliorarsi ancora visto il talento che dimostrano. Fantastica 'seasonspeech'.
INFORMAZIONI
2001
AFM
Power
Tracklist
1. To Oak Woods Bestowed
2. Pagan Purity
3. The Dweller of Rhymes
4. The Regality Dance
5. White Willow
6. Skywards
7. Oakenshield
8. Hobs and Feathers
9. Conjuring of the 14th
10. A Dreadful Strain
11. Seasonspeech
Line Up
Damnagoras: voce
Aydan: chitarra
Jarpen: chitarra
Gorlan: basso
Zender: batteria
 
RECENSIONI
63
65
80
81
s.v.
ARTICOLI
26/02/2015
Live Report
ELVENKING + TRICK OR TREAT
Live23, Bosco Marengo (AL), 21/02/2015
06/11/2014
Live Report
ARKONA + ELVENKING + DIAVENT
Halloween Fest - Day 1
20/07/2012
Live Report
CRUCIFIED BARBARA + ELVENKING
Ferrock @ Parco Retrone, Vicenza, 12/07/2012
12/04/2011
Live Report
ELVENKING + FOLKSTONE + BURNING BLACK
People Club, 09/04/2011, Vicenza
02/12/2010
Live Report
ELVENKING + SECRET SPHERE + ALL MY FAITH LOST
Deposito Giordani, Pordenone, 27/11/2010
19/10/2010
Intervista
ELVENKING
In costante evoluzione
19/08/2009
Intervista
ELVENKING
Poeti, etichette e scambi di energia
14/11/2002
Intervista
ELVENKING
Parla Jarpen
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]