Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Kansas
The Absence of Presence
Demo

Northern Crown
In a Pallid Shadow
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

11/08/20
SEASON OF DREAMS
My Shelter

12/08/20
WITHIN DESTRUCTION
Yōkai

14/08/20
WARKINGS
Revenge

14/08/20
ROBBY KRIEGER
The Ritual Begins at Sundown

14/08/20
TERRA ATLANTICA
Age Of Steam

14/08/20
PRIMITIVE MAN
Immersion

14/08/20
INGESTED
Where Only Gods May Tread

14/08/20
HALESTORM
Reimagined

14/08/20
KAMELOT
I Am The Empire - Live From The 013

14/08/20
NUG
Alter Ego

CONCERTI

09/08/20
SUMMER METAL 2020
LONCA DI CODROIPO (UD)

11/08/20
BAD RELIGION
FESTIVAL DI RADIO ONDA D'URTO - BRESCIA

12/08/20
BAD RELIGION (SOSPESO)
FESTIVAL DI MAJANO - MAJANO (UD)

19/08/20
PALAYE ROYALE
CIRCOLO MAGNOLIA - SEGRATE (MI)

26/08/20
GRAHAM BONNET & ALCATRAZZ + GIRLSCHOOL + ASOMVEL
FESTA BIKERS - COLOGNO AL SERIO (BG)

27/08/20
WOLFMOTHER + HARDCORE SUPERSTAR (SOSPESO)
PIAZZA DUOMO - PRATO

04/09/20
VAN DER GRAAF GENERATOR
AUDITORIUM PARCO DELLA MUSICA (SALA SINOPOLI) - ROMA

05/09/20
VAN DER GRAAF GENERATOR
2DAYS PROG - VERUNO (NO)

06/09/20
VAN DER GRAAF GENERATOR
POLITEAMA GENOVESE - GENOVA

10/09/20
THE HOLLYWOOD VAMPIRES
MEDIOLANUM FORUM - ASSAGO (MI)

Septycal Gorge - Scourge of The Formless breed
( 2161 letture )
Siamo praticamente arrivati alla fine dell'anno e possiamo dire in tutta tranquillità che questo 2014 è stato un anno importante per il settore brutal death metal italiano. Gli esordi di Bloodtruth, Devangelic e Xenomorphic Contamination, il ritorno degli Hour Of Penance e le conferme di Hideous Divinity e Carnality rispecchiano una scena musicale in salute e seguita anche all'estero.
Tra tutti questi nomi spicca però il ritorno dei Septycal Gorge col loro nuovo disco a cinque anni dal precedente Erase The Insignificant, un lasso di tempo lungo dovuto anche a diversi problemi, come testimoniato dalla dedica all'interno del booklet (This album is dedicated to all the struggles of the last 3 years), ma che in fin dei conti è valso la pena aspettare. D'altra parte è meglio prendersi tutto il tempo necessario per realizzare un lavoro ben fatto, piuttosto che pubblicare un disco all'anno anonimo (ogni riferimento a Max Cavalera o ai Pathology è puramente casuale).

Terzo lavoro dunque per i Septycal Gorge, che dopo l'exploit di Erase The Insignificant sono qui chiamati a confermarsi con Scourge Of The Formless Breed, raggiungendo in pieno l'obiettivo raggiunto e riuscendo a mio avviso addirittura a superare il predecessore. L'album infatti si propone come un passo in avanti, riuscendo nella difficile impresa di andare oltre i cliché del brutal in generale, mischiando parti più technical con il "groove slammoso" spacca ossa, come nella seconda traccia Urizen - The Burning Sun. La velocità del disco rimane comunque sostenuta in quasi tutta la sua durata, per quanto i frequenti break dettati dagli arpeggi delle chitarre contribuiscano a spezzare il ritmo rendendo il tutto meno monolitico da una parte, ma dall'altra aiutando l'ascoltatore a rimanere concentrato su quello che sta ascoltando. Il tipico difetto delle uscite di questo genere è infatti l'eccessiva omogeneità dei brani, che in molti casi danno la sensazione di aver ascoltato una lista di tracce che si differenziano solo per il titolo, non lasciando niente alla fine.
Qui invece sarà impossibile ad esempio non memorizzare la coda di Slaughter Conceived o il massiccio death metal di Deeds Of Eternity, il passaggio dell'album dal ritmo meno sostenuto ma non per questo meno devastante.

Le nove tracce del disco sono divise in tre tronconi separati da brevi intro e corrono come schegge impazzite dettate dalla mostruosa ritmica di Davide Billia, qui coadiuvato dal basso di Jacopo Rossi (con cui divide già gli oneri e gli onori della sezione ritmica negli Antropofagus) ospite speciale in questo album, il quale si ritaglia il suo spazio, grazie anche ad una produzione che riesce a non sommergere il suo lavoro con gli altri strumenti senza snaturarne il suono.
Le chitarre di Marco Losano e Diego Riccobene, come dicevo prima, passano con semplicità dal tritare ossa con riff granitici a passaggi tecnici in punta di fioretto, senza cadere però nello sbrodolamento fine a se stesso, tanto più che il primo assolo vero e proprio lo troviamo nella quinta traccia, Breed of the Rejected (Sons of Enoch Pt.2). La voce di Mariano Somà è il consueto putrido uragano in carne e tonsille, in grado di toccare tonalità catacombali senza però finire in secondo piano come accadeva nel precedente lavoro. Il cantante ha inoltre dato con i suoi testi quel tocco di personalità che fa emergere i Septycal Gorge dalla massa dei gruppi brutal. Scourge Of The Formless Breed è infatti un concept album basato sulla cosmogonia, la nascita dell'universo, con testi basati su miti e sugli scritti di William Blake, Leopardi, Ungaretti, La Bibbia e L'Odissea, discostandosi parecchio dal solito massacro grandguignolesco fatto di torture, mutilazioni e squartamenti che il brutal solitamente ci propone.

In definitiva i Septycal Gorge sono tornati con un ottimo disco che nei suoi trentadue minuti non fa prigionieri, lasciando alla fine l'ascoltatore stordito ma voglioso di schiacciare nuovamente il tasto play e di ributtarsi in questo concept brutale e personale. Un prodotto quasi interamente italiano -fatta eccezione per il bellissimo artwork legato alle tematiche ad opera di Yigit Köroglu- ed autodistribuito per quanto riguarda il nostro Paese e l'Europa (la versione USA invece è ad opera della Comatose Music e si differenzia per il colore del logo) che piacerà sicuramente ai più incalliti ascoltatori brutal, ma anche ai deathster classici che frequentano sporadicamente l'ambito più estremo del death metal.

Muscoli, tecnica e personalità.
Ecco cos'è Scourge Of The Formless Breed.



VOTO RECENSORE
85
VOTO LETTORI
94.5 su 2 voti [ VOTA]
dan
Giovedì 4 Febbraio 2016, 17.41.17
11
Ciao ragazzi! una domanda a riguardo questo ottimo album, purtroppo non l'ho originale ma scaricato in varie versioni, anche CD-rip e tutte presentano un audio assai anomalo come se le canzoni fossero codificate a bitrate 96 Kbps e si sente malissimo anche su un impianto audio professionale! nessuno si e' lamentato del fatto, avete qualche idea?? grazie.
enry
Domenica 8 Marzo 2015, 20.47.08
10
Molto bello, disco di livello internazionale che spacca i culi, anche per me si viaggia fra 80-85 e sottoscrivo la rece di Diego. Le mie preferite: Slaughter Conceived, Awakening e l'opener Living Torment ma non ci sono cali e i 39 minuti (durata intelligente) scorrono via che è un piacere. Ottimi.
Monky
Venerdì 19 Dicembre 2014, 17.45.12
9
La band orgoglio della mia zona. Grandi, grandi, grandi!
Er Trucido
Venerdì 19 Dicembre 2014, 10.13.20
8
Nessuna dimenticanza Lambru, quest'anno gli Antro non hanno fatto dischi, altrimenti li avrei sicuramente inseriti nel computo annuale Comunque qui hanno suonato sia il batterista che il bassista, attualmente Francesco sta scrivendo il nuovo materiale
LAMBRUSCORE
Venerdì 19 Dicembre 2014, 10.09.09
7
Questi sono ottimi, anche dal vivo....però vi siete dimenticati il miglior gruppo -per me - del genere in Italia, non ho dubbi, ANTROPOFAGUS....
MrFreddy
Venerdì 19 Dicembre 2014, 1.41.06
6
Disco dell'anno nel suo genere, anche un gradino sopra ai maestosi Gorgasm. Italians do it better
Vittorio
Venerdì 19 Dicembre 2014, 0.26.40
5
Ottimo, semplicemente ottimo. Annata grandiosa per il death italiano.
Vittorio
Venerdì 19 Dicembre 2014, 0.26.39
4
Ottimo, semplicemente ottimo. Annata grandiosa per il death italiano.
Ad Astra
Giovedì 18 Dicembre 2014, 23.40.35
3
si direi che quest'anno in ambito prettamente BRODAL italia vince a mani basse.... al'estero se ne sono accorti.. ma gliitaGliani?
Er Trucido
Giovedì 18 Dicembre 2014, 23.12.25
2
Sì Andre, ne abbiamo già parlato ma alla fine sono sfumature Il disco dei Devangelic mi è piaciuto, diciamo che parte con presupposti diversi pur essendo nello stesso filone, ma come detto è stato un grande anno per le uscite del settore e anche all'estero se ne sono accorti.
Ad Astra
Giovedì 18 Dicembre 2014, 23.02.18
1
ne abbiamo già parlato diego, sai il mio pensiero e son qui ancora a confermare la positività del prodotto, continuo ancora a percepire il monolite ma sciocchezze se proporzionate alla tecnica qui esibita. insieme a devangelic li trovo al primo posto in italia per il 2014 in campo brutal.
INFORMAZIONI
2014
Comatose Music
Brutal
Tracklist
Chapter I: PROTOGENESIS
1. Living Torment Of The Sleeping God
2. Urizen - The Burning Sun
3. Slaughter Conceived

Chapter II: REBELLION
4. No Spawn No Reign (Sons Of Enoch pt.1)
5. Breed Of The Rejected (Sons Of Enoch pt.2)
6. Anabasis/Paralysis

Chapter III: OBLITERATION
7. Deeds Of Eternity
8. Coil Of Nothingness
9. Awakening Of The Seven Serpents
Line Up
Mariano Somá (Voce)
Marco Losano (Chitarra)
Diego Riccobene (Chitarra)
Davide "BrutalDave" Billia (Batteria)

Musicisti Ospiti
Jacopo Rossi (Basso)
 
RECENSIONI
85
ARTICOLI
02/12/2009
Intervista
SEPTYCAL GORGE
Lasciatevi Lobotomizzare
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]