Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Long Distance Calling
How Do We Want to Live?
Demo

Mordred
Volition
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

22/09/20
OSSUARY ANEX
Obscurantism Apogee

23/09/20
MYSTHICON
Silva-Oculis-Corvi

25/09/20
SKELETOON
Nemesis

25/09/20
HATEFUL
Set Forever on Me

25/09/20
LONEWOLF
Division Hades

25/09/20
BLAZON RITE
Dulce Bellum Inexpertis E.P. (Ristampa)

25/09/20
ANNA VON HAUSSWOLFF
All Thoughts Fly

25/09/20
SAPIENCY
For Those Who Never Rest

25/09/20
SPELLBOOK
Magick & Mischief

25/09/20
WHITE DOG
White Dog

CONCERTI

23/09/20
STEVEN WILSON (ANNULLATO)
MEDIOLANUM FORUM - ASSAGO (MI)

26/09/20
STAY STEEL FEST
SKULLS CLUB - SERRAVALLE (SAN MARINO)

27/09/20
VISIONS OF ATLANTIS + YE BANISHED PRIVATEERS + AD INFINITUM
LEGEND CLUB - MILANO

29/09/20
WITHIN TEMPTATION + EVANESCENCE
MEDIOLANUM FORUM - ASSAGO (MI)

03/10/20
PAGAN FEST
LAGHI MARGONARA - GONZAGA (MN)

03/10/20
SKELETOON
LEGEND CLUB - MILANO

08/10/20
HOUR OF PENANCE + GUEST TBA
TRAFFIC CLUB - ROMA

08/10/20
VAN DER GRAAF GENERATOR
TEATRO CELEBRAZIONI - BOLOGNA

09/10/20
VAN DER GRAAF GENERATOR
GRAN TEATRO GEOX - PADOVA

09/10/20
ESOTERIC + NAGA + (ECHO) (ANNULLATO)
TRAFFIC CLUB - ROMA

Marduk - Plague Angel
( 3155 letture )
Nessuno avrebbe scommesso sui Marduk di una decina di anni fa. Dopo il successo planetario di Panzer Division Marduk, consolidato da una fortissima line-up di assalto (dopo Opus Nocturne e la dipartita di Joakim i nostri svedesi sono rimasti invariati per quasi dieci anni) e da un'escalation discografica praticamente impeccabile, questa fortissima creatura ha iniziato a perdere colpi: tanti e in fretta. Si parlava di sperimentazioni sonore, di songwriting cerebrale e di monumentalità -per quanto poi una band come i Marduk abbia giocato solo su rallentamenti e diversificazioni di arrangiamento, visto che non hanno mai toccato un tasto di synth o di elaborazioni elettroniche. Probabilmente La Grande Danse Macabre era l’album che meno doveva uscire dopo Panzer Division Marduk, probabilmente la fine della collaborazione con la Osmose Productions è stato un colpo basso e molto probabilmente la dipartita sia di Fredrik che di B.War (pilastri ritmici del quartetto infernale) hanno fatto sì che il nostro combo cadesse proprio in ginocchio. Dopo World Funeral l’ennesima “brutta” notizia: anche il leggendario Legion lascia la band. Il nostro Morgan -“Evil” agli esordi- Håkansson decide che deve reinvestire completamente sulla sua creatura e gioca d’astuzia. Richiama il vecchio chitarrista di Dark Endless, Devo, che d’ora in poi imbraccerà il basso, e decide di piazzare dietro al microfono Arioch dei Funeral Mist (il quale, per una sorta di non contaminazione con la sua personalissima belva, si ribattezza Mortuus).
Nessuno avrebbe scommesso su questi ennesimi cambi di line-up. Eppure è incredibile come questi quasi insignificanti cambiamenti abbiano risollevato completamente i Marduk da terra. Insignificanti perché ormai Emil aveva rimpiazzato (anche egregiamente) Erik da un po’ e, nonostante anch’egli mitragliasse a mille, grazie ad una specie di silenzioso plebiscito, è passato immediatamente dalla pecora nera al degno successore che poteva avere anche qualche marcia in più (Fredrik, per quanto storico e amato, è sempre stato abbastanza “dritto” e lineare). Cambiamenti insignificanti perché le trame chitarristiche sono sempre rimaste in mano a Morgan e, forse anche grazie a questo rinnovo dei Marduk, in anni recentissimi, anche La Grande Danse Macabre e World Funeral sono stati rivalutati come precursori di questa nuova era. Inoltre, l’amore per Morgan verso la propria band, ha fatto sì che, anche grazie al successo planetario nel mondo dell’underground di Salvation dei Funeral Mist, i Marduk diventassero quasi la “nuova band” di Arioch.
Non si sa se questo cambio di messa a fuoco (soprattutto da parte dei fan) sia stato genuino all’immagine della nostra band ma quello che si sa è che con Plague Angel i nostri hanno intrapreso un “nuovo” percorso che li ha riportati praticamente subito sulle vette del black metal di qualità.
È difficile descrivere i particolari di ogni brano di Plague Angel; in sostanza è un album che suona Marduk al 100%, con attimi dove le chitarre e la batteria vanno a mille senza lasciare un attimo di pace all’ascoltatore. Hangman of Prague, dopo i synth dell’intro, ricalca rimembranze da Panzer Division Marduk e dai momenti più veloci di Nightwing, Mortuus sembra strizzare l’occhio a Legion proprio per riprendere per mano quei fan che potevano rimanere scettici prima ancora di premere il tasto play.
La scelta di rinunciare agli ormai consolidati Abyss Studio sembra aver giovato al corpo della strumentazione, ora ancora più carica di tonalità medie e di sfumature. Inoltre il carisma di Morgan e di Mortuus emerge pian piano dopo ogni brano: i riff di Throne of Rats sono simili a quelli già sentiti nei due precedenti dischi, ma è con l’accostamento ad altri brani più riflessivi, ma tremendamente malefici che, per una sorta di contraccolpo, guadagnano interesse. Seven Angels, Seven Trumpets è uno dei primi esempi in cui si può avvertire la nuova fusione dei Marduk: una band che riesce a trasmettere la brutalità e la violenza della guerra con l’occulto misticismo caro al carismatico Mortuus. D’ora in poi si attingerà a tutta un’altra serie d’iconografie: si continuerà a parlare di Guerre Mondiali (per tenere stretti i vecchi fan) ma anche di guerre sante, crociate, battaglie medievali, danze macabre, gli oscuri anni medioevali ecc… insomma, di tutto il ricco corollario della Morte.
Piccole mosse intelligenti enfatizzate da piccoli inserti sonori quali cori liturgici, urla parlate sovrapposte a messe in latino, brevi accenni di synth posti al momento giusto, registrazioni di bombe e spari; arricchimenti sonori fanno sì che i Marduk non siano più solo quella grande macchina da guerra di una volta; scelte stilistiche che hanno fatto capire a tutti che le “sperimentazioni” di La Grande Danse Macabre e World Funeral ora si sono immesse in un nuovo sentiero. Quella decadente monumentalità (perfettamente leggibile nei nuovi curatissimi artwork) è meravigliosamente espressa in Perish in Flames, brano dagli oltre sette minuti nei quali si respira freschezza di songwriting in continuazione sempre a metà strada fra un album tradizionale e il nuovo corso “religious”. Tutti quelli che pensavano che Morgan fosse un chitarrista semplice e lineare si dovevano già ricredere un paio di album fa ma ora più che mai; egli è capace di sfornare dei killer-riffs che non potrebbero per niente stonare nei vecchi album e infarcirli di quegli arpeggi ultradistorti col tremolo che spesso compongono le strutture degli album “religious”: Warschau e Everything Bleeds sono delle macchine da guerra, e nonostante questo è interessante notare le costruzioni di quest’ultimo brano.
Deathmarch e Blutrache sono due pilastri che descrivono la guerra: il primo brano totalmente strumentale, fatto di marce militari, è una fanfara macabra verso il presidio bellico. Il brano di chiusura è una specie di estremizzazione in musica delle battaglie universali: altri sette minuti di violenza sonora che descrivono apocalittici momenti fatti di battaglie celesti, infernali e umane; un Armageddon al quale fanno parte sia cannoni e carrarmati, sia spade infuocate che fiamme demoniache. E quando la marcia funebre, fatta di puntuali colpi di doppio pedale, rallenta per mimare le ossa che si sgretolano sotto i cingolati, la blasfemie di Mortuus accelerano aggrappandosi alle costanti splettrate di Morgan.
Questo è il ritorno dei Marduk.



VOTO RECENSORE
80
VOTO LETTORI
87.3 su 10 voti [ VOTA]
Macca
Lunedì 5 Novembre 2018, 12.40.23
12
Un buon album anche questo, a partire dall'epoca Mortuus non hanno sbagliato un colpo (sebbene io non abbia mai amato il tanto osannato Wormwood). Diversi brani assassini, The Hangman of Prague e Warschau davvero stupendi. Penso che rispolvererò anche i precedenti, ad eccezione di Panzer Division Marduk non li conosco granchè durante la militanza di Legion. Voto 75
Aceshigh
Domenica 14 Gennaio 2018, 23.52.20
11
Una gran bella mazzata alla schiena! Da questo punto di vista con i Marduk si va quasi sul sicuro... Però -anche considerando solo i dischi con Mortuus- credo che abbiano fatto di meglio. Life's Emblem, Perish in Flames e il gran finale di Blutrache sono per me i momenti migliori. Voto 77
Nattramn
Lunedì 2 Marzo 2015, 20.21.54
10
Personalmente ritengo questo album uno dei più deboli della loro discografia insieme a World Funeral e la Grande dance macabre.All'epoca la band era in una stabilità di formazione non certo esaltante.Rimane comunque un discreto album come quelli citati.72/100
martellofilosofo
Giovedì 22 Gennaio 2015, 16.56.07
9
suoni allucinati come la distorsione cosmica della distruzione causata dalla guerra,nichilismo ultrarappresentato.
Punto Omega
Lunedì 12 Gennaio 2015, 19.40.26
8
Stroncato all'uscita? Sinceramente all'epoca mi ricordo che in molti lo celebrarono come un ritorno alla gloria di una band che all'epoca stentava. Concordo con chi afferma che ormai Mortuus è da considerare come IL cantante dei Marduk.
SNEITNAM
Domenica 11 Gennaio 2015, 19.01.28
7
Una legnata in pieno viso. E l'inizio di una nuova fase per questa storica band. Grande album
kroky78
Domenica 11 Gennaio 2015, 18.36.34
6
Bah, non ho mai apprezzato totalmente il nuovo corso dei Marduk, secondo me con Legion alla voce avevano qualcosa in più. L' unico episodio dell' era Mortuus che mi ha subito convinto è stato Rom 5:12. Comunque l' occasione è propizia per rispolverare le loro ultime cose, che non ho mai veramente approfondito. La Grande Danse Macabre si conferma come uno degli album più sottovalutati ed incompresi della storia del black svedese, intanto è l' ultimo capitolo della trilogia "sangue, guerra e morte" iniziato con Nightwing e proseguita con Panzer, quindi non va inteso come album di transizione; poi, secondo me, è un capolavoro, assai migliore di Plague Angel...
Zess
Sabato 10 Gennaio 2015, 13.49.38
5
"Mi ricordo quando uscì, venne stroncato da molti... " Vero, infatti io continuo a farlo.
hj
Sabato 10 Gennaio 2015, 11.26.47
4
un vero capolavoro
Ad Astra
Sabato 10 Gennaio 2015, 11.03.25
3
mi ricordo quando uscì, venne stroncato da molti... non ero molto fiducioso dopo world funeral... poi ho provato e con mortuus i marduk sono diventati veramente i marduk, mi spiace ma questo è il vero cantante della band ed è anche merito suo che ad oggi sono ancora vivi.... l'inizio della rinascita.
manaroth85
Sabato 10 Gennaio 2015, 10.27.18
2
grande album! un 85 se lo merita anche se personalmente è quello che più ho fatto fatica ad ascoltar, mai sbagliato un colpo..grande attesa per il nuovo!!!
Sorath
Sabato 10 Gennaio 2015, 9.34.41
1
Bell'album veramente The Hangman of Prague, Throne of Rats, Warschau e Deathmarch le mie preferite.
INFORMAZIONI
2004
Blooddawn
Black
Tracklist
1. The Hangman of Prague
2. Throne of Rats
3. Seven Angels, Seven Trumpets
4. Life’s Emblem
5. Steel Inferno
6. Perish in Flames
7. Holy Blood, Holy Grail
8. Warschau
9. Deathmarch
10. Everything Bleeds
11. Blutrache
Line Up
Mortuus (Voce)
Morgan (Chitarra)
Devo (Basso)
Emil (Batteria)
 
RECENSIONI
85
78
75
80
80
68
85
84
83
90
90
79
ARTICOLI
14/05/2018
Live Report
MARDUK + RAGNAROK + INFERNAL WAR
Traffic Club, Roma, 09/05/2018
20/05/2016
Live Report
MARDUK + IMMOLATION + ORIGIN
Circolo Colony, Brescia, 17/05/2016
12/03/2015
Live Report
MARDUK + BELPHEGOR + ALTRI
Circolo Colony, Brescia, 07/03/15
19/12/2013
Live Report
MARDUK + GRAVE
Circolo Colony, Brescia, 14/12/2013
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]