Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Metallica
S&M²
Demo

Black Spirit Crown
Gravity
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

25/09/20
STEVE HACKETT
elling England By The Pound & Spectral Mornings: Live at Hammersmith

25/09/20
SAPIENCY
For Those Who Never Rest

25/09/20
VOUS AUTRES
Sel de Pierre

25/09/20
TRANSCENDENCE
Towards Obscurities Beyond

25/09/20
ATLAS
Parallel Love

25/09/20
KATAKLYSM
Unconquered

25/09/20
SPELLBOOK
Magick & Mischief

25/09/20
ANNA VON HAUSSWOLFF
All Thoughts Fly

25/09/20
MORTA SKULD
Suffer for Nothing

25/09/20
OBSIDIAN KINGDOM
Meat Machine

CONCERTI

26/09/20
STAY STEEL FEST
SKULLS CLUB - SERRAVALLE (SAN MARINO)

27/09/20
VISIONS OF ATLANTIS + YE BANISHED PRIVATEERS + AD INFINITUM
LEGEND CLUB - MILANO

29/09/20
WITHIN TEMPTATION + EVANESCENCE
MEDIOLANUM FORUM - ASSAGO (MI)

03/10/20
PAGAN FEST
LAGHI MARGONARA - GONZAGA (MN)

03/10/20
SKELETOON
LEGEND CLUB - MILANO

08/10/20
HOUR OF PENANCE + GUEST TBA
TRAFFIC CLUB - ROMA

08/10/20
VAN DER GRAAF GENERATOR
TEATRO CELEBRAZIONI - BOLOGNA

09/10/20
VAN DER GRAAF GENERATOR
GRAN TEATRO GEOX - PADOVA

09/10/20
ESOTERIC + NAGA + (ECHO) (ANNULLATO)
TRAFFIC CLUB - ROMA

09/10/20
HOUR OF PENANCE + GUEST TBA
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

Devilment - The Great and Secret Show
( 2414 letture )
Partiamo dalla fine, e precisamente da una notizia dello scorso dicembre dalla quale apprendiamo che il co-fondatore, chitarrista e compositore dei Devilment, Daniel Finch, ha deciso di abbandonare la band. Scelta compiuta poco dopo la release del debut album, questo The Great and Secret Show che ci accingiamo a recensire.
A lui si devono le idee e la ricerca di musicisti che poi le materializzassero, naturalmente contribuendo con la loro esperienza. Sua anche la decisione di proporre il progetto all’amico Dani Filth, personaggio che non necessita di ulteriori presentazioni, il quale, entusiasta delle linee melodiche e vocali, si è fatto immediatamente coinvolgere. La cosa non ci stupisce affatto perché non vi è nulla di più vicino ai suoi gusti musicali e di più adatto al suo stile di cantato di queste liriche che, deve averlo subito intuito, gli avrebbero consentito la piena espressione delle sue doti vocali ed inoltre, dato il suo ruolo di primadonna, una libertà interpretativa pressoché totale.
Basta infatti il suo nome per mobilitare la Nuclear Blast e per far curare la registrazione da Scott Atkins dei Grindstone Studios: e così nessuno può negargli nulla.
Dal punto di vista compositivo The Great and Secret Show si caratterizza per la capacità di fare ricorso a stilemi di diversa provenienza per creare un’atmosfera orrorifica dai toni molto cinematografici e ricchi d’enfasi che, pur strizzando l’occhio alle frange più estreme del metal, le mitiga con una ricca dose di melodia. Tutto quello che può essere usato per creare la suddetta atmosfera viene disinvoltamente, direi quasi sfacciatamente, utilizzato in un modo che, ad onor del vero, si rivela comunque organico, coerente: dai passaggi death, spesso deathcore, al thrash, dagli inserti elettronici alle divagazioni industrial fino alle irrinunciabili suggestioni gotico/sinfoniche create dal violino e dalle consuete tastiere al fine di nobilitare un horror metal “sui generis” che rischia ad ogni passo di divenire pacchiano.
Perché il problema è proprio questo: non la godibilità del prodotto, peraltro perfettamente confezionato, né la sua ammirevole varietà pur nella coerenza di fondo, ma semmai il suo continuo lambire il kitsch, a tratti cadendovi senza tuttavia sprofondarvi definitivamente.
C’è da dire che la performance vocale di Dani contribuisce enormemente a questa condizione borderline insieme ad un’incontenibile pulsione ad ottenere a tutti i costi il motivo catchy: il risultato di questo mix letale tutta una serie di brani francamente laidi, come i primi due della tracklist o la ruffianissima hit Mother Kali, tanto per esemplificare.
L’istrionico singer va senza dubbio lodato per aver reso più vario il suo cantato, non limitandosi al suo tradizionale screaming ma sperimentando altre forme di cantato estremo. Egli inoltre sceglie di accompagnarsi come d’abitudine alla voce femminile, qui della tastierista Lauren Francis, e di affidare le main vocals a Bam Margera nella rock oriented Beds Are Burning, cover dei Midnight Oil.
La materia sonora a disposizione sembra sobillare le sue potenzialità interpretative e questo sarebbe un valore aggiunto del tutto positivo, se fosse ben gestito.
Purtroppo, nei non rari momenti nei quali si trova alle prese con rime parossistiche e filastrocche horror la prima cosa che viene in mente quando lo si sente cantare è: diamine, Beetlejuice che canta! Lo spiritello porcello sembra essersi impossessato di lui trasformandolo in una parodia di sé stesso! O se non vogliamo scomodare il ghoul bizzoso e bizzarro nato dall’immensa fantasia di Tim Burton, possiamo scendere di livello e pensare ad un folletto capriccioso, un piccolo demone più fastidioso che davvero pericoloso, che prova a minacciare terrore ma produce ilarità con la sua voce a tratti chioccia a tratti stridula.
Insomma, in questi frangenti non ci siamo proprio.
Né, temo, ci saremo mai, un po’ per via dello stile di Dani Filth, che fa proprio dell’istrionismo e della teatralità il proprio vanto, ma soprattutto perché, riagganciandoci all’incipit dell’articolo, il futuro del gruppo, ora che il suo mastermind si è involato per altri lidi, è ancora più incerto.
Sarà Filth a comporre le prossime liriche? Se non lui, chi e come?
Ma soprattutto, sentiamo davvero il bisogno di un’ennesima versione di horror metal, peraltro così prevedibile? Ci bastano davvero un nome noto ed i soliti ingredienti, mescolati in modo leggermente diverso e generosamente quanto furbescamente conditi di melodia, per ritenerci sazi?



VOTO RECENSORE
68
VOTO LETTORI
84 su 6 voti [ VOTA]
Mauroe20
Giovedì 13 Agosto 2020, 22.09.56
3
Un bel dischetto, pensavo di ascoltare una copia dei cradle.Le tastiere pompose sono molto presenti a fare da tappeto ad ogni singolo brano.La seconda parte non stanca anzi la reputo quasi migliore.Voto 75
deborah
Venerdì 18 Novembre 2016, 21.14.56
2
lo sto ascoltando adesso... ECCEZIONALE, sono in linea con i voti dati dagli utenti, questo vale un otto e mezzo
legion666
Venerdì 16 Gennaio 2015, 19.39.51
1
non sapevo che Daniel Finch avesse lasciato la band....li ho visti a Novembre come guest al concerto dei Lacuna Coil e mi sono piaciuti molto....avevo già sentito il cd prima e non mi sembrava niente male...
INFORMAZIONI
2014
Nuclear Blast
Horror Metal
Tracklist
1. Summer Arteries
2. Even Your Blood Group Rejects Me
3. Girl From Mystery Island
4. The Stake In My Heart
5. Living With The Fungus
6. Mother Kali
7. Staring At The Werewolf Corps
8. Sanity Hits A (Perfect) Zero
9. Laudanum Skull
10. The Great And Secret Show

Bonus Tracks:
11. Beds Are Burning (Midnight Oil cover)
12. Psycho Babble
13. Even Your Blood Group Rejects Me (Motion Picture Soundtrack)
Line Up
Dani Filth (Voce)
Daniel Finch (Chitarra)
Colin Parks (Chitarra)
Lauren Francis (Tastiera, Voce)
Nick Johnson (Basso)
Aaron Boast (Batteria)
 
RECENSIONI
ARTICOLI
26/11/2014
Live Report
LACUNA COIL + MOTIONLESS IN WHITE + DEVILMENT
New Age Club, Roncade (TV), 21/11/2014
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]