Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Helevorn
Aamamata
Demo

BlurryCloud
Pedesis
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

19/02/19
ONIROPHAGUS
Endarkenment (Illumination Through Putrefaction)

19/02/19
EVIL CONSPIRACY
Evil Comes

20/02/19
DOOMBRINGER
Walpurgis Fires

21/02/19
LARSEN
Tiles

21/02/19
FM
The Italian Job

22/02/19
BLOOD RED SAINTS
Pulse

22/02/19
BLOOD YOUTH
Starve

22/02/19
NASHEIM
Jord Och Aska

22/02/19
RHAPSODY OF FIRE
The Eighth Mountain

22/02/19
MORTANIUS
Till Death Do Us Part

CONCERTI

17/02/19
WHILE SHE SLEEPS + LANDMVRKS + STRAY FROM THE PATH
ZONA ROVERI - BOLOGNA

17/02/19
MICHALE GRAVES
DRUSO - RANICA (BG)

17/02/19
BLACK OATH + NIGHT GAUNT
CENTRALE ROCK PUB - ERBA (CO)

21/02/19
OPERATION MINDCRIME + GUEST
DRUSO - RANICA (BG)

22/02/19
MARK BOALS + THE HOLY DIVERS
SANTOMATO LIVE CLUB - PISTOIA

22/02/19
OPERATION MINDCRIME
BORDERLINE - PISA

22/02/19
DARKEND + SHADOWTHRONE + HERUKA
FUCKSIA - ROMA

22/02/19
STAGE OF REALITY + 17 CRASH
KILLJOY - ROMA

22/02/19
OPERA IX + ASHEN FIELDS
CIRCOLO ARCI ZIGGY - TORINO

22/02/19
FORGOTTEN TOMB + GUESTS
ROCK OUT - BRESCIA

Bloodhunter - Bloodhunter
( 790 letture )
Vengono dalla Spagna i Bloodhunter, quartetto melodeath female fronted al debutto con il loro full-length omonimo, che consta di 11 traccie di metal melodico ma abbastanza aggressivo, con un songwriting lineare e alcuni episodi di qualità.

Per lo più si tratta di un approccio molto empatico, sia nelle melodie delle chitarre, sempre molto presenti, con tanto di arpeggi e armonizzazioni in stile At The Gates, e una voce abrasiva e piuttosto high-pitched che solo se ascoltata attentamente sembra effettivamente femminile (da parte di una singer con il terribilmente scontato nome di Diva Satanica). Le linee vocali ricordano lo stile orecchiabile di gruppi come gli Heaven Shall Burn, e il songwriting strizza spesso l'occhio alle sonorità metalcore, che si riconoscono anche nei groove (si veda la canzone Dying Sun). Il pace è generalmente teso ed è frequente l'uso del blast beat, che avvicina talvolta agli spagnoli allo stile degli ultimi Hypocrisy o degli acts death/black polacchi nelle parti più evocative (in questo caso citerei il singolo Saints of Sand), ma senza mai perdere la componente melodica, che decisamente edulcora ogni aspetto più estremo, rendendo più pacato lo stile dei nostri.

Questo è infatti caratterizzato da assoli melodici e strutture chitarristiche anche piuttosto studiate, sebbene queste vadano talvolta a saturare la varietà di questo disco, che presenta ancora lo stile un po' acerbo e poco definito di chi è al debutto, rendendo meno coeso il risultato finale. Convergono infatti elementi del melodeath svedese, così come anche accenti più hardcore e melodici, così come a volte si riconoscano i caratteri più estremi del background musicale dei Bloodhunter. Certo, un lavoro relativamente generico e non particolarmente memorabile, ma è possibile che ulteriori sviluppi portino a qualcosa di più concreto.



VOTO RECENSORE
59
VOTO LETTORI
99 su 1 voti [ VOTA]
INFORMAZIONI
2014
Suspiria Records
Death
Tracklist
1. The First Insurrection
2. Bloody Throne
3. Ancestors Ov All Gods
4. Dying Sun
5. Ezequiel 25, 17
6. Come to Me Sorrow
7. Embrace the Dark Light
8. Ages of Darkness
9. Saints of Sand
10. Bring Me Horror
11. Bloodhunter
Line Up
Diva Satanica (Voce)
Fenris (Chitarra)
Éadrom (Basso)
Phoghett (Batteria)
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]