Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Cult of Luna
A Dawn to Fear
Demo

Wraith (USA)
Absolute Power
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

23/09/19
JUMPSCARE
Don`t Close Your Eyes

23/09/19
IVORY TOWER
Stronger

27/09/19
NETHERBIRD
Into The Vast Uncharted

27/09/19
OPETH
In Cauda Venenum

27/09/19
CREEPING DEATH
Wretched Illusions

27/09/19
KMFDM
Paradise

27/09/19
MORTEM
Ravnsvart

27/09/19
WEAPON UK
Ghosts of War

27/09/19
EXCALION
Emotions

27/09/19
GOATESS
Blood and Wine

CONCERTI

22/09/19
...AND YOU WILL KNOW US BY THE TRIAL OF DEAD (ANNULLATO!)
SANTERIA TOSCANA 31 - MILANO

22/09/19
WARBELL + GUESTS
GRIND HOUSE CLUB - PADOVA

24/09/19
DEVILDRIVER + METHEDRAS + THAEIA (ANNULLATO!)
LEGEND CLUB - MILANO

25/09/19
DEVILDRIVER + METHEDRAS + THAEIA (ANNULLATO!)
ORION - ROMA

26/09/19
RIVERS OF NIHIL + GUESTS
CIRCOLO SVOLTA - ROZZANO (MI)

26/09/19
RATOS DE PORAO + NUCLEAR (ANNULLATO!)
SPAZIO POLIVALENTE - CARAMAGNA PIEMONTE (CN)

26/09/19
NERO DI MARTE + JUGGERNAUT
PADIGLIONE 14 - COLLEGNO (TO)

27/09/19
RATOS DE PORAO + NUCLEAR (ANNULLATO!)
TRAFFIC CLUB - ROMA

27/09/19
NERO DI MARTE + JUGGERNAUT
JOE KOALA - OSIO SOPRA (BG)

27/09/19
SOUL OF STEEL + ROBERTO TIRANTI
BLACKSMITH PUB - CRISPIANO (TA)

Hate - Crusade Zero
( 1912 letture )
A due anni di distanza dalla loro ultima fatica, tornano i polacchi Hate con questo Crusade Zero. Dopo la morte di Sławomir "Mortifer" Kusterka a causa di un'aritmia cardiaca, il ruolo di bassista passa nelle mani di Adam the First Sinner. Il gruppo, in generale, assorbe bene la prematura dipartita del loro compagno e convoglia ottimamente ogni emozione ed energia nella realizzazione di un solido lavoro. Il lavoro al basso di Adam, inoltre, è senz'altro da segnalare. Allo strumento vengono lasciati dei punti di espressione stupendi, come nella meravigliosa Valley of Darkness, dove ricama melodicamente sulla base della chitarra. Tuttavia, questo lavoro viene quantomeno vanificato dalla scelta della produzione di dare allo strumento un suono fin troppo pulito e anonimo che così, purtroppo, tende a perdersi tra le pieghe della distorsione delle chitarre e le punte della batteria.

Crusade Zero, in ogni caso, è un solido lavoro, ben suonato e ben architettato. Le due opener, Vox Dei (A Call From Beyond) e Lord, Make Me An Instrument of Thy Wrath!, creano attorno all'ascoltatore un meraviglioso e inquietante sentimento d'infausto e di profetico. Specialmente il primo pezzo si fa notare per l'unione tra pesantezza e armonia classica.
Il trait-d'union dell'intero lavoro è l'ottimo mischiarsi di ritmiche possenti e taglienti con melodie oscure e dissonanti. Leviathian, piuttosto che Doomsday Celebrities e la gargantuesca titletrack, offrono parecchi spunti di riflessione per un orecchio attento. Le chitarre, infatti, tessono le proprie trame in orditi che s'intrecciano sapientemente, mischiandosi ora agli schemi ritmici della batteria di Pavulon e, ora, lasciandosi andare a una maggiore libertà espressiva, tessendo meravigliosi e oscuri arpeggi. È soprattutto Doomsday Celebrities, con quell'intro vagamente catchy e il riff principale composto da una melodia molto riconoscibile, a catturare maggiormente l'ascoltatore che, sicuramente, non potrà fare a meno di ascoltarla parecchie volte prima di lasciarsi andare alla traccia successiva. A suo contralto, troviamo le oscure Hate Is The Law e Dawn of War, episodi dove la violenza che, fino a quel momento, era rimasta abbastanza latente nel preziosismo melodico, esplode in uno stupendo affresco di caos e tenebre, trascinando l'ascoltatore nell'abisso della perdizione.
Il disco è uguale a se stesso, eppure riesce a distinguersi con personalità. Ogni traccia ricalca schemi e andamenti ormai consolidati, riuscendo però ad inserire negli stessi piccoli elementi di originalità che permettono all'ascoltatore di godere appieno di ogni singolo momento e di ogni singola contraddizione. Il disco si nutre, si fortifica e si costruisce su queste contraddizioni: un contrappunto, un interludio più melodico o rabbioso, il cantato di Adam che ora va a contrastare l'armonia ritmica.
Con Black Aura Debris, altra strumentale che s'identifica in un possente sentimento di inquietudine e di claustrofobia, si chiude un onesto disco che racchiude al suo interno della buona musica.

Crusade Zero non è un capolavoro, ma è un disco dormiente: s'insinua nella mente dell'ascoltatore pezzo dopo pezzo, si lascia ascoltare con somma curiosità e poi se ne vola via, dopo quasi un'ora, lasciandoci piacevolmente soddisfatti. Non vi sono delle "hit" particolari, benché sicuramente Doomsday Celebreties rappresenti sicuramente il pezzo più "ruffiano" dell'intero lavoro (beninteso, il termine non è affatto usato in modo dispregiativo!), ma rimane tuttavia un disco che sottolinea ancora una volta, sempre che ce ne fosse bisogno, quanto personale e soggettivo sia lo stile musicale polacco.



VOTO RECENSORE
70
VOTO LETTORI
61 su 5 voti [ VOTA]
Uno
Giovedì 16 Aprile 2015, 15.28.41
8
Ho preso il cd e l'ho ascoltato più volte. Devo dire che lo trovo un buon lavoro, molto buono. Sono completamente in accordo con la recensione. Per cogliere le varie sfumature e le sfaccettature del disco servono più ascolti, non che sia di difficile assimilazione ma le strutture dei pezzi sono abbastanza complesse. La voce è GIGANTESCA e in primissimo piano (scelta insolita nel genere extreme) così come la batteria, mentre le chitarre sono leggermente più indietro nel mix, il che rende il sound meno brutale e più ragionato, più raffinato (se mi passate il termine) rispetto a Solarflesh. La produzione è eccellente. In definitiva secondo me questo è il lavoro migliore degli Hate. La somiglianza con i Behemoth sinceramente non la vedo, trovo anzi che abbiano una loro identità ben definita. Mi auguro che riescano finalmente a conquistare il posto che meritano nel panorama internazionale, anche perchè dal vivo sono una garanzia.
MPostmortem
Martedì 27 Gennaio 2015, 21.07.12
7
E vai che ce li si becca insieme ai Vader a marzo per una serata biancorossa!!
SalviSixx
Venerdì 23 Gennaio 2015, 15.07.37
6
molto simili ai Behemoth
Francisarbiter
Venerdì 23 Gennaio 2015, 11.31.32
5
Di niente! Attendo di sapere che ne pensi!
Uno
Venerdì 23 Gennaio 2015, 11.29.21
4
Grazie per la delucidazione Francis!! Il voto è comunque un numero e può essere soggettivo il criterio di assegnazione. Valgono molto di più le motivazioni e la descrizione dei pezzi. Tu sei stato molto chiaro ed esaustivo, hai descritto bene le sensazioni e le impressioni che l'album ti ha lasciato. Quando lo sentirò tutto bene ti dirò le mie!
Francisarbiter
Giovedì 22 Gennaio 2015, 16.23.51
3
Ciao Uno! Allora, come dici tu la recensione è sicuramente positiva ma è in linea con il voto finale! Mi spiego meglio: il disco è un buon disco, suonato bene e con dei bei pezzi. 70 non è una bocciatura, ma anzi sottolinea per prima cosa come rispetto al precedente "Solarflesh", del quale condivido voto e recensione, sia un passo avanti. Tuttavia, non è secondo me, pur nella sua bontà, un disco tale da meritare un voto superiore, dal momento che per arrivare a 75-80, secondo me, dovrebbero essere necessarie alcune condizioni tecniche e compositivo che, a questo "Crusade Zero", mancano. In ogni caso, ribadisco: 70 non è una bocciatura, né un voto severo ma estremamente in linea con la recensione ! Se tu avessi qualche altro dubbio, non esitare a contattarmi!
Uno
Giovedì 22 Gennaio 2015, 16.16.13
2
Li ho conosciuti vedendoli dal vivo e mi sono piaciuti subito. Ho preso Solarflesh che trovo un buon album e dal sound personale. Sicuramente comprerò anche Crusade: Zero, il pezzo del video mi piace molto! Una domanda: la recensione è più che positiva, come mai hai assegnato solo un 70?
Ad astra
Mercoledì 21 Gennaio 2015, 13.02.44
1
Li seguo praticamente da sempre e da anclasis in poi sono andato scemando in certe partiture... Sino a diventare una band che, sia con erebis che con solarglesh,aveva perso il bandolo della matassa... Questo nuovo lavoro ancora nn ho avuto il coraggio di sentirlo. Ma spero come dici fransis sia almeno un passo in avanti. Devo riuscire a togliermi dalla mente awakening the liar solo li potrò comprendere... Ci provo.
INFORMAZIONI
2015
Napalm Records
Death
Tracklist
1. Vox Dei (A Call From Beyond)
2. Lord, Make Me An Instrument of Thy Wrath!
3. Death Liberator
4. Leviathan
5. Doomsday Celebrities
6. Hate Is The Law
7. Valley of Darkness
8. Crusade Zero
9. The Omnipresence
10. Rise Omega the Consequence!
11. Dawn of War
12. Black Aura Debris
Line Up
Adam the First Sinner (Voce, Chitarra, Basso)
Destroyer (Chitarra)
Pavulon (Batteria)
 
RECENSIONI
70
67
ARTICOLI
15/02/2019
Live Report
DIO DRONE NIGHT: HATE & MERDA + NUDIST + TIBIA
Wishlist Club - Roma - 09/02/2019
12/12/2018
Live Report
KREATOR + DIMMU BORGIR + HATEBREED + BLOODBATH - THE EUROPEAN APOCALYPSE
Alcatraz, Milano - 06/12/2018
15/05/2018
Live Report
EYEHATEGOD + GUESTS
10/05/2018, OZ, Bologna
05/03/2018
Live Report
NATIONAL SUICIDE + HATEWORLD
Ziggy Club, Torino (TO), 03/03/2018
22/10/2017
Live Report
BELPHEGOR + ENTHRONED + HATE + NERVOCHAOS
Circolo Colony, Brescia, 19/10/2017
26/09/2017
Live Report
CELESTE + HATE&MERDA + NAGA + GUESTS
Trecentosessanta Gradi, Roma, 22/09/2017
26/05/2017
Intervista
HATE
Eredità e ispirazioni
08/03/2017
Live Report
WAR ZONE III: NATIONAL SUICIDE + HATEWORLD + ASHMODAI
Padiglione 14, Collegno (TO), 4/3/2017
09/02/2017
Live Report
DESTRAGE + WHATTAFUCK!? + THE BIG SOUTH MARKET + LOTUS HATERS
Bari, Demodé Club, 04/02/2017
11/05/2016
Live Report
NOVEMBRE + ALBA DI MORRIGAN + PROLIFERHATE + AWAKE THE SUN + ALNEA + PLATEAU SIGMA
El Barrio, Torino, 07/05/2016
13/11/2015
Live Report
FIL DI FERRO + HATEWORLD
Border, Torino (TO) , 06/11/2015
12/01/2015
Intervista
DOMINHATE
A tu per tu con Alex
24/02/2014
Live Report
HATEBREED + NAPALM DEATH
Orion Live Club, Ciampino (RM), 19/02/2014
07/02/2014
Intervista
HANDFUL OF HATE
La musica è un'arma letale
06/01/2014
Intervista
HATESPHERE
Introspezione sull’atto delittuoso
19/11/2013
Live Report
VOMITORY + HATEFUL + GUEST
Traffic Live, Roma, 15/11/2013
19/05/2011
Live Report
HATE ETERNAL + OBSCURA + BENEATH THE MASSACRE + DEFILED
Rock N' Roll Arena, Romagnano sesia (NO), 13/05/2011
17/09/2010
Intervista
HANDFUL OF HATE
La voce del black metal nazionale
26/04/07
Intervista
HATESPHERE
Parla Jacob
09/02/2007
Live Report
SICK OF IT ALL + WALLS OF JERICHO + HATEBREEDERS + CRUSHING CASPARS
La data a Trezzo D'Adda
09/04/2006
Intervista
HANDFUL OF HATE
Parla la band
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]