Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Metallica
S&M²
Demo

Black Spirit Crown
Gravity
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

25/09/20
STEVE HACKETT
elling England By The Pound & Spectral Mornings: Live at Hammersmith

25/09/20
SAPIENCY
For Those Who Never Rest

25/09/20
VOUS AUTRES
Sel de Pierre

25/09/20
TRANSCENDENCE
Towards Obscurities Beyond

25/09/20
ATLAS
Parallel Love

25/09/20
KATAKLYSM
Unconquered

25/09/20
SPELLBOOK
Magick & Mischief

25/09/20
ANNA VON HAUSSWOLFF
All Thoughts Fly

25/09/20
MORTA SKULD
Suffer for Nothing

25/09/20
OBSIDIAN KINGDOM
Meat Machine

CONCERTI

26/09/20
STAY STEEL FEST
SKULLS CLUB - SERRAVALLE (SAN MARINO)

27/09/20
VISIONS OF ATLANTIS + YE BANISHED PRIVATEERS + AD INFINITUM
LEGEND CLUB - MILANO

29/09/20
WITHIN TEMPTATION + EVANESCENCE
MEDIOLANUM FORUM - ASSAGO (MI)

03/10/20
PAGAN FEST
LAGHI MARGONARA - GONZAGA (MN)

03/10/20
SKELETOON
LEGEND CLUB - MILANO

08/10/20
HOUR OF PENANCE + GUEST TBA
TRAFFIC CLUB - ROMA

08/10/20
VAN DER GRAAF GENERATOR
TEATRO CELEBRAZIONI - BOLOGNA

09/10/20
VAN DER GRAAF GENERATOR
GRAN TEATRO GEOX - PADOVA

09/10/20
ESOTERIC + NAGA + (ECHO) (ANNULLATO)
TRAFFIC CLUB - ROMA

09/10/20
HOUR OF PENANCE + GUEST TBA
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

Nightglow - Orpheus
( 1025 letture )
Partire da tribute band dei Manowar e finire in zona Avenged Sevenfold. Un bel percorso. É proprio quello che hanno fatto i Nightglow, gruppo emiliano generatosi intorno al sound della storica band statunitense (e ai contemporanei Maiden, Metallica e Megadeth) e ora fautori di un suono molto più diretto, rapido e contaminato. Dopo il discreto successo del debut album We Rise, ancora in bilico tra le influenze manowariane e quelle più contemporanee, i Nightglow hanno stabilito di dare una decisa sterzata alla propria carriera. Orpheus è un disco arcigno, tagliente; un'auto col motore zeppo di cavalli, ma che talvolta fatica a rimanere in strada, proprio a causa dell'eccessiva potenza erogata.

Le influenze contemporary metal sono evidentissime sin dal primo brano, The Infection. Si tratta di un assalto frontale senza mezzi termini, un pezzo tirato e incendiario. L'opener fa già emergere il principale pregio e il principale difetto di Orpheus: a un livello esecutivo buono e a una grande intensità media non corrisponde, purtroppo, un'altrettanto pregevole vena compositiva. Non che questo e gli altri brani di Orpheus siano mediocri o, peggio, brutti. Il problema risiede più in una certa caoticità di fondo: è come se, alla sincera volontà di confrontarsi con territori inesplorati, i Nightglow non siano riusciti a far seguire una resa finale altrettanto spontanea. I brani oscillano tra l'ingenuo e il sovrastrutturato, dando l'impressione di avere tantissimo potenziale, ma di essere lasciati troppo in balia di se stessi, come se mancasse una direzione artistica forte a fare da trait d'union. E così si giunge presto all'heavy-thrash a tinte metalcore di Psychotropic, non immune a suggestioni slipknotiane (qualcuno ha detto Psychosocial?). I chitarroni fiammeggiano in controtempo, la batteria rincorre e martella, il basso spara le sue randellate. Tutto tirato al massimo, tutto cattivissimo e affilato. Tutto già sentito, anche. Il vocione di Abba, che si alterna tra clean vocals e scream/growl, non aggiunge né toglie granché al resto. Va però segnalato per la pronuncia talvolta non perfetta (un difetto sempre più imperdonabile, mano a mano che si sale nella gerarchia dell'underground) e per i testi che vomita nel microfono: piatti, quando non noiosi. Lead Me è fra i migliori brani del disco. Al buon riffing della strofa segue un ritornello convincente, in un incastro compositivo che ai Nightglow, malauguratamente, non riesce tante volte nel corso dell'opera. Il brano va dove deve andare, si avvale di parti solistiche di pregio e non eccede nella consueta alternanza urlato/cantato. È qui che si devono muovere i Nightglow, probabilmente, in una zona più vicina ai Nevermore e ai Machine Head che ai vari Avenged Sevenfold e Slipknot. Questo perché, in un territorio simile, riescono a mettere in mostra il meglio delle proprie influenze originarie (costruendo una solida base heavy), innervando il tutto con una spruzzata di modernità non compromettente. E così Scream, con la sua arrabbiatura quasi parossistica, non può che essere un nuovo passo indietro. La band riprende il filo con Stay with Me, ballad molto vicina ai Nevermore e, nondimeno, sapientemente ruffiana. Da segnalare anche l'esperimento della conclusiva Orpheus, che si avvale della partecipazione di Sara Cucci per esplorare sonorità "sinfoniche". Un altro punto a favore del disco sta nella produzione, decisamente migliorata rispetto all'esordio della band, anche se ancora non perfetta.

Orpheus è un lavoro decisamente sopra la sufficienza, ma ancora troppo ingenuo e sovrabbondante per poter essere considerato un'opera compiuta. Il potenziale i Nightglow ce l'hanno; non mancano di credibilità e di convinzione, oltretutto. Se riusciranno a incastrare tutto a dovere per loro si prospetta un'ottima carriera, sempre più lontana dall'imitazione di altri e sempre più vicina alla realizzazione di un proprio ideale musicale. Bisogna imparare a tenerla in strada quell'auto.



VOTO RECENSORE
65
VOTO LETTORI
71 su 2 voti [ VOTA]
Luca
Sabato 31 Gennaio 2015, 17.40.23
2
fanno cagare
daniele
Venerdì 30 Gennaio 2015, 23.29.00
1
ho ascoltato il disco e sinceramente non e stato semplice arrivare alla fine anche perche non sono proprio un fan di queste sonorita e dei gruppi menzionati nella recensione. cmq come dice la recensione e un disco che raggiunge la sufficienza. sono anche d accordo con la sovrabbondanza del disco. cmq per il mio gusto personale we rise lo preferisco a orpheus. voto 65
INFORMAZIONI
2014
Bakerteam Records
Heavy
Tracklist
1. The Infection
2. Psychotropic
3. Lead Me
4. Scream
5. Fuck You
6. Liar
7. Stay with Me
8. Bloodway
9. On My Knees
10. Orpheus

Musicisti Ospiti:
Sara Cucci (Voce nella traccia 10)
Line Up
Daniele "Abba" Abate (Voce)
Andrea "Moret" Moretti (Chitarra)
Giulio "Juls" Negrini (Chitarra)
Davide "Fantu" Fantuzzi (Basso)
Marco "Riskio" Romani (Batteria)
 
RECENSIONI
72
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]