Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Slipknot
We Are Not Your Kind
Demo

Atlas Entity
Beneath the Cosmic Silence
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

30/08/19
SONS OF APOLLO
ive With The Plovdiv Psychotic Symphony

30/08/19
WIZARD RIFLE
Wizard Rifle

30/08/19
CRIMSON MOON
Mors Vincit Omina

30/08/19
IN SEARCH OF SOLACE
Enslaved To Tragedy

30/08/19
SONS OF APOLLO
Live With The Psychotic Symphony

30/08/19
IMPERIUM DEKADENZ
When We Are Forgotten

30/08/19
ESSENCE OF DATUM
Spellcrying Machine

30/08/19
FOREDOOMED
Chaos and Beauty

30/08/19
SADOKIST
Necrodual Dimension Funeral Storms

30/08/19
NECRONAUTICAL
Apotheosis

CONCERTI

24/08/19
REZOPHONIC + GUESTS
FESTA BIKERS - COLOGNO AL SERIO (BG)

24/08/19
BREAKING SOUND METAL FEST
SALENTO FUN PARK - MESAGNE (BR)

24/08/19
POVOROCK (day 2)
AREA FESTEGGIAMENTI - POVOLETTO (UD)

24/08/19
METAL REDENTOR FEST
SPAZIO LUPARDINE - PENTIMELE (RC)

25/08/19
BEHEADED + HELION
CIRCOLO SVOLTA - MILANO

30/08/19
DRAKKAROCK (day 1)
VALHALLA PUB - BORGO TICINO (NO)

31/08/19
DRAKKAROCK (day 2)
VALHALLA PUB - BORGO TICINO (NO)

31/08/19
ANGUISH FORCE + GUESTS
ATZWANG METAL FEST - CAMPODAZZO (BZ)

01/09/19
DRAKKAROCK (day 3)
VALHALLA PUB - BORGO TICINO (NO)

03/09/19
IRREVERENCE + COCAINE KAMIKAZE
ROCK'N'ROLL CLUB - MILANO

Pigspeed - 25th Century Blood
( 1769 letture )
Come dal titolo dell'album in questione i Pigspeed si formano ben venticinque anni fa, nel 1989. Dopo una manciata di demo e l'esordio discografico del 2002, tornano oggi con il nuovo full-length, 25th Century Blood, un disco crudo, rabbioso. Il sound dei comaschi è ruvido, dove non c'è spazio a tecnicismi fini a se stessi o a passaggi elaborati, se non una mazzata costante dove thrash metal, hardcore ed elementi di nu metal si mescolano in un mix brutale, a volte anche un po' troppo confuso. La voce di Fabiano è gutturale e cattiva e in alcune parti ricorda il Max Cavalera dei bei tempi, mentre la coppia d'asce svolgono un discreto lavoro ritmico con i solo ad incorniciare la tellurica sezione ritmica; gli Slayer e i Sepultura sono le influenze principali del quintetto.

I brani seguono una struttura piuttosto simile, la title-track si apre con un breve intro per proseguire con un riff abbastanza d'atmosfera per ''aprirsi'' ad una improvvisa accelerazione; il riff in battere è molto alla Sepultura così come le linee vocali, mentre nel chorus centrale l'alternanza di cori rendono il brano efficace per giungere al solo di buona fattura, Kerry King style ma comunque ben suonato. Il disco procede con Blood Drop, dove l'alternanza di parti più cadenzate e parti veloci sono ben equilibrate, ma il sentore è quello di troppi cambi all'interno del brano senza seguire troppo un filo logico, dove la voce ringhiosa di Fabiano si scontra con cori al limite dell’hardcore. Durante la registrazione, i ragazzi dimostrano di saperci fare ma danno l'impressione di andare un po' oltre le proprie possibilità compositive; non mancano però i casi dove riescono ad imporsi con buoni passaggi come in Alone, dove un buon groove pervade l'atmosfera del brano con chitarre stoppate e buoni ricami di doppia cassa, sapendosi poi aprire molto bene nel chorus; nonostante questo l'ascolto risulta comunque un po' ostico dovuto ai soliti cambi repentini che in qualche modo caratterizzano la band. La parte solista spesso è troppo derivativa pur essendo di buon livello, come il lavoro di Angelo al basso, sempre presente dove riesce ad infondere maggior profondità unita all'incessante lavoro di Kama dietro alle pelli. Con Bleeding Blood On the Blooded Blood in qualche modo omaggiano il combo brasiliano dell'epoca di Chaos AD, ma le similitudini sono davvero impressionanti, senza aggiungere nulla di personale anche se c'è da dire che è molto efficace l'entrata di Fausto per il solo velocissimo e ben articolato, con scale rapidissime per poi inserire un tocco, seppur minimo, di melodia rientrando nel sound claustrofobico dei Pigspeed. L'album segue delle coordinate fin troppo simili, infatti al suo interno troviamo anche la cover di Biotech is Godzilla proprio del quartetto brasiliano, il che non fa altro che confermare la loro forte influenza.

Insomma, i Pigspeed dopo undici anni tornano con il qui presente 25th Century Blood, un disco un po' troppo prolisso, infarcito di innumerevoli cambi all'interno di ogni singolo brano e che possono rendere l'ascolto un po' difficoltoso. I cinque lombardi dispensano rabbia e violenza in ogni singola nota, ma la troppa confusione nell'architettare i brani non rende merito ad una band che avrebbe potuto fare di più, grazie anche alla solidità a livello di formazione e dall'esperienza maturata in tutti questi anni.



VOTO RECENSORE
64
VOTO LETTORI
80.05 su 18 voti [ VOTA]
funcc
Giovedì 5 Febbraio 2015, 19.49.56
5
Masterburner!!!grande!!anche noi siamo strafelici di essere ancora in giro blooooooood cazzoooooo\m/...vieni a trovarci su facebook!!!
Bloooooood
Giovedì 5 Febbraio 2015, 17.48.59
4
40 minuti di bloooood!!! Fantastici
marco faruzzi
Giovedì 5 Febbraio 2015, 15.30.16
3
Unici e Inimitabili!!!
PaulThrash
Mercoledì 4 Febbraio 2015, 21.38.59
2
Bella recensione! @Masterburner, me la vendi la demo?!?!?!?
Masterburner
Martedì 3 Febbraio 2015, 8.56.59
1
Pensa te, ho un loro demo degli anni 90 su cassetta, li avevo visti ai tempi. Bello sapere che sono ancora in giro
INFORMAZIONI
2014
Deathstorm Records
Thrash
Tracklist
1. 25th Century Blood
2. Blood Drop
3. Born
4. Only Blood

5. Alone
6. Bleeding Blood On The Blooded Blood

7. Biotech Is Godzilla (Sepultura Cover)

8. Pus

9. Mellow Yellow (Live)
Line Up
Fabiano (Voce)
Fausto (Chitarra)
Diego (Chitarra)
Angelo (Basso)
Kama (Batteria)
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]