Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Death Angel
Humanicide
Demo

IX – The Hermit
Present Days, Future Days
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

21/06/19
MEMORIAM
Requiem for Mankind

21/06/19
HOLLYWOOD VAMPIRES
Rise

21/06/19
THENIGHTTIMEPROJECT
Pale Season

21/06/19
THE MEADS OF ASPHODEL
Running out of Time Doing Nothing

21/06/19
DREAMSLAVE
Rest In Phantasy

21/06/19
ABYSSAL
A Beacon In The Husk

21/06/19
MAERORMID
Stasi

21/06/19
(HED)P.E.
Stampede

21/06/19
TERAMAZE
Are We Soldiers

21/06/19
ABYSSAL
A Beacon In The Husk

CONCERTI

20/06/19
UGLY KID JOE
ROCK PLANET - PINARELLA DI CERVIA (RA)

21/06/19
DESTRAGE
SANTERIA SOCIAL CLUB - MILANO

21/06/19
THE BURNING DOGMA + COCAINE KAMIKAZE
CENTRALE ROCK PUB - ERBA (CO)

21/06/19
HELLBLADE + GUESTS
CIRCUS - SCANDICCI (FI)

22/06/19
MOONLIGHT HAZE + GUESTS
LEGEND CLUB - MILANO

22/06/19
MOTOBIRRATA
GASOLINE ROAD BAR - LENTIGIONE (RE)

22/06/19
WHISKEY RITUAL + GUESTS
GRIND HOUSE CLUB - PADOVA

22/06/19
NERO DI MARTE + DENHIAL
GOST MUSIC FESTIVAL - BERGAMO

23/06/19
ANATHEMA + guests
Rock in Roma - Roma

23/06/19
JETHRO TULL
TEATRO ANTICO - TAORMINA (ME)

Arstidir Lifsins - Aldafǫđr ok munka dróttinn
( 1698 letture )
Al termine dello scorso anno, praticamente senza nessun tipo di preavviso, gli Árstíđir Lífsins annunciano la pubblicazione del terzo full-length personale intitolato Aldafǫđr ok munka dróttinn, il quale si presenta in un doppio CD confezionato in una pregevole edizione digipak, artisticamente molto piů semplice rispetto alle due uscite precedenti, ma allo stesso tempo anche molto piů economica. Le registrazioni di questo album si sono svolte presso gli studio Skógarnes e Listaháskóli in Islanda e presso lo studio Ton13 in Germania esattamente nel periodo tra maggio e novembre del 2013, quindi ad un anno di distanza dalla pubblicazione dell’ottimo Vápna lćkjar eldr. Il tutto č stato masterizzato e mixato nello studio personale (Klangschmiede Studio E) di Markus Stock, fondatore della Prophecy Productions e di alcune band storiche quali Empyrium e The Vision Bleak. L’artwork, decisamente in linea con le copertine precedenti, č opera di Christopher Duis, il quale collaborň giŕ in passato con la band nel ruolo di percussionista. Il booklet č praticamente diviso in due parti: la prima metŕ contiene tutte le liriche in lingua islandese scritte con lo stile di un manufatto antico; la seconda metŕ invece contiene i testi scritti in maniera leggibile, oltretutto con tanto di traduzione in lingua inglese. Le tematiche sono come al solito legate alla mitologia norrena e a storie relative ad essa, con molte strofe provenienti proprio dalla poesia scaldica.

Passando a qualcosa di piů tecnico notiamo il grande lavoro svolto in sede produzione: la coesione tra strumenti elettronici e non, sottolineando la pulizia del suono di questi ultimi, č uno dei tanti aspetti positivi di questa uscita. Il tutto č perfettamente udibile e ben calibrato, con batteria, chitarra e basso che creano un invalicabile muro sonoro. In sostanza siamo nuovamente di fronte al singolare sound degli Árstíđir Lífsins, piuttosto “arido” ma comunque piacevole ed avvolgente all’ascolto.

Per definire lo stile musicale che costituisce la totalitŕ delle composizioni č necessario trattare un brano per volta, a cominciare dal primo disco e dalla prima Kastar heljar brenna fjarri ofan Ǫnundarfirđinum, introdotta soavemente da archi, corni e parti parlate in un misto tra canto e narrazione. La chitarra acustica fornisce una sorta di ponte che permette a queste emozionanti parti vocali di integrarsi al meglio con la componente metal della band. Durante queste fasi iniziali la ritmica č lenta e i brevi up-tempos servono esclusivamente a donare piů impatto alle melodie. Il pezzo č una continua progressione tra parti narrate e momenti di pura musica estrema, dove gli Árstíđir Lífsins mettono in campo soluzioni ben congegnate e mai banali. La seguente Knǫrr siglandi birtisk á löngu bláu yfirborđi migliora l’introduzione precedente aggiungendo qualche elemento di carattere ambient: ciň che si crea č una stupenda scenografia creata dal possente cantato in pulito e dalle tastiere; la successiva entrata in scena dello scream spezza momentaneamente l’epicitŕ inizializzando una fase del brano piů malinconica e riflessiva. La seconda metŕ della canzone, inizialmente costituita dai soli violini, č contraddistinta da un climax ascendente tra i migliori dell’intero album, dove i maggiori protagonisti sono il riffing e il cantato, che nota dopo nota diventano sempre piů violenti e gratificanti all’ascolto. La terza Ţeir heilags dóms hirđar, al contrario delle precedenti, parte subito con il botto esibendo il classico black metal targato Árstíđir Lífsins: le trame melodiche sono particolarmente articolate e si intrecciano alla perfezione con i diversi tipi di cantato proposti dalla band. Questi quattordici minuti di musica vengono gestiti con estrema classe sotto tutti i punti di vista, a cominciare dagli inserti acustici fino ad arrivare alle parti piů veloci e tirate. Probabilmente durante un ascolto meno attento gli attimi finali potrebbero risultare un po’ anonimi, ma prestando piů attenzione notiamo come i Nostri lascino che sia la semplice musica ad esprimere il proprio potenziale, utilizzando la componente vocale con piů moderazione rispetto al solito. La quarta Úlfs veđrit er iđ CMXCIX si lega alla precedente soprattutto per quanto i riguarda i lunghi riff in stile doom, ai quali vengono aggiunte parti cantate utili a creare un’atmosfera quasi eterea. Le tastiere si mettono nuovamente in evidenza e viene posta molta attenzione alle parti narrate e alla cura della musica attorno ad esse. La traccia conclusiva del primo CD si intitola Máni, bróđir Sólar ok Mundilfara e rappresenta piů che altro un’epica introduzione ai quattro capitoli successivi.

Il secondo disco si apre con Tími er kominn at kveđa fyrir ţér, senza dubbio la canzone piů elegante dell’intera opera grazie al connubio costituito da voce in pulito e base neo-folk. Questi attimi puramente eterei vengono immediatamente spazzati via da Norđsćta gćtis, herforingja Ormsins langa, la quale esprime al massimo il lato epico della musica degli Árstíđir Lífsins, in questo caso arricchita da evidenti influenze viking metal. L’ottava Bituls skokra benvargs hreggjar á sér stađ associa al classico sound della band un carattere piů cupo ed introspettivo, con melodie evidentemente piů dilatate e senza dubbio piů incisive sotto l’aspetto emotivo e sonoro; gli ultimi minuti di questo brano sono semplici attimi di pura intensitŕ musicale che evidenziano una qualitŕ al di sopra della media. La conclusiva Sem lengsk vánar lopts ljósgimu hvarfs dregr nćrri si basa su mid-tempos e assomiglia quasi ad una marcia per accompagnare l’ascoltatore alla chiusura e, di conseguenza, al termine del viaggio costituito da questo grande album.

Come detto in precedenza Aldafǫđr ok munka dróttinn č un affascinante viaggio musicale che solamente il particolare sound degli Árstíđir Lífsins č in grado di regalarci. Gli ottanta minuti che costituiscono quest’opera scorrono con estremo piacere e senza un solo attimo stanca. L’album č indubbiamente l’ennesima dimostrazione delle capacitŕ artistiche di questo trio di musicisti e ritengo che i Nostri abbiano compiuto un decisivo passo in avanti rispetto alle uscite passate. In breve si tratta di un disco da ascoltare e apprezzare, i fan del genere e della band non ne resteranno assolutamente delusi.



VOTO RECENSORE
85
VOTO LETTORI
92.42 su 7 voti [ VOTA]
Malleus
Mercoledě 27 Gennaio 2016, 11.42.43
3
Capolavoro
Graziano
Lunedě 9 Marzo 2015, 22.05.05
2
Una delle poche band veramehte interessanti degli ultimi anni. Una perfetta commistione tra black, folk ed epica. Meravigliosi.
Theo
Venerdě 13 Febbraio 2015, 18.34.37
1
Uno dei dischi piů belli del 2014, ed č incredibilmente affascinante come i due dischi messi insieme, all'ascolto, sembrino durare meno di molti dischi singoli di altre band dal minutaggio notevolmente inferiore. Due aggettivi per gli Arstidir Lifsins: affascinanti ed unici, con un monicker tanto impronunciabile quanto bella č la musica proposta. Tra l'altro sono totalmente in linea con il voto della rece, di sicuro č un disco che puň solo che crescere data la qualitŕ complessiva di arrangiamenti, suoni e vasta strumentazione impiegata. Un must-have, poco ma sicuro; per me anche piů bello dei loro primi due (bellissimi) dischi.
INFORMAZIONI
2014
Ván Records
Folk/Black
Tracklist
CD1:
1. Kastar heljar brenna fjarri ofan Onundarfirđinum
2. Knorr siglandi birtisk á löngu bláu yfirborđi
3. Ţeir heilags dóms hirđar
4. Úlfs veđrit er iđ CMXCIX
5. Máni, bróđir Sólar ok Mundilfara

CD2:
1. Tími er kominn at kveđa fyrir ţér
2. Norđsćta gćtis, herforingja Ormsins langa
3. Bituls skokra benvargs hreggjar á sér stađ
4. Sem lengsk vánar lopts ljósgimu hvarfs dregr nćrri
Line Up
Marsél (voce, cori, cantastorie)
Stefán (chitarra, basso, voce, cori)
Árni (batteria, viola, violoncello, voce, cori)

Musicisti Ospiti:
Teresa (cantastorie)
Sveinn (tastiera, corno)
Guđbjartur Hákonarsson (violino, viola)
 
RECENSIONI
80
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]