Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Amorphis
Queen of Time
Demo

SpellBlast
Of Gold and Guns
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

01/06/18
THORIUM
Blasphemy Awakes

01/06/18
BLACK CRUCIFIXION
Lightless Violent Chaos

01/06/18
LIPZ
Scaryman

01/06/18
GRUESOME (USA)
Twisted Prayers

01/06/18
MAGICAL HEART
Another Wonderland

01/06/18
MORTIIS
Perfectly Defect - ristampa

01/06/18
NERVOSA
Downfall Of Mankind

01/06/18
ALIEN WEAPONRY
Tū - Album Cover

01/06/18
WOLFSSCHREI
Rise Dead Ember

08/06/18
DEVIN TOWNSEND
Eras

CONCERTI

27/05/18
METAL QUEEN FESTIVAL (day 3)
SALONE POLIVALENTE - STRAMBINO (TO)

27/05/18
BARBATOS + MANZER + INSULTER
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

29/05/18
ROCK TEMPLE FESTIVAL
LEGEND CLUB - MILANO

01/06/18
SUUM + THE OSSUARY + GUESTS
DEFRAG - ROMA

01/06/18
WIEGEDOOD + CALVARIO
SPAZIO LIGERA - MILANO

02/06/18
DESTRAGE + DESPITE EXILE + SLANDER
SOLIDAR ROCK - CASSANO D/ADDA (MI)

02/06/18
SHORES OF NULL + PÁRODOS
EVILUTION CLUB - ACERRA (NA)

02/06/18
WIEGEDOOD
FREAKOUT - BOLOGNA

02/06/18
NODE + GUESTS
THE FACTORY - AZZANO (VERONA)

05/06/18
DEAD CROSS
ESTRAGON - BOLOGNA

Therion - Of Darkness...
( 2221 letture )
Essere dei metallari adolescenti in Svezia a fine anni 80 nella maggior parte dei casi voleva dire solo una cosa: death metal. Il giovane Christofer Johnsson di Upplands Väsby (sobborgo di Stoccolma) non poteva certo essere da meno, ecco quindi perché oggi vi parlerò dei primi anni e del primo disco in particolare dei Therion.
Il nucleo originario della band iniziò come gruppo thrash col nome (non molto originale a dire il vero) di Blitzkrieg nel 1987, ma ebbe però vita breve. Il crescente sviluppo della scena death svedese e l'influenza dei Celtic Frost convinsero Johnsson a mettere in piedi un nuovo progetto con i vecchi compagni Oskar Forss e Peter Hansson, con l'aggiunta del bassista Erik Gustafsson (per un breve periodo anche nei Dismember), diventando prima Megatherion e poi Therion. Il primo demo del 1989, Paroxysmal Holocaust, mostrava una band forse ancora acerba, ma interessante per il panorama death dell'epoca, con pezzi già strumentalmente articolati anche se la velocità di esecuzione era meno sostenuta. In quel periodo il cantante era Matti Karki (successivamente voce di due colossi dello swedish death, Carnage e Dismember) che però lascerà subito dopo il primo demo a causa della difficile convivenza con Johnsson, entrando nei Carbonized, nei quali, ironia della sorte, militavano due futuri membri dei Therion, Lars Rosenberg e Piotr Wawrzeniuk, oltre a vedere successivamente l'ingresso di Johnsson dopo l'abbandono di Matti Karki.
Questo split e le difficoltà nel trovare un sostituto portarono un riluttante Johnson ad occuparsi delle parti vocali nel secondo demo, Beyond the Darkest Veils of Inner Wickedness, sempre del 1989, che proseguiva la strada del precedente con una prestazione al microfono che lasciò però insoddisfatto anche lo stesso leader. Il passo decisivo verrà fatto con la pubblicazione da parte della House Of Kicks (piccola etichetta di un negozio di dischi di Stoccolma) dell'EP Time Shall Tell, di fatto un demo che mostrava un gruppo in netta a crescita, soprattutto nella voce di Johnsson e nella velocità dei pezzi. Nonostante una diatriba con la label, rea di aver ristampato il demo/EP senza il consenso della band dopo aver esaurito le mille copie pattuite, la band troverà un accordo con la Deaf Records, una sottoetichetta della Peaceville, per la pubblicazione dell'agognato esordio. Sebbene ci fosse già del materiale nuovo scritto, i Therion optarono per inserire solamente tracce provenienti dai vecchi demo, forse per dare maggior lustro a quei pezzi oppure perché consapevoli del grosso lavoro che avrebbero richiesto le canzoni che successivamente avrebbero fatto parte di Beyond Sanctorum.

Registrato in soli sei giorni nei mitici Sunlight Studios, Of Darkness... venne pubblicato nel febbraio del 1991 e rappresentava tutto ciò che erano e che influenzava i primi Therion, aggiungendo però sottotraccia qualche piccolo indizio su ciò sarà fatto successivamente. Per quanto sia un lavoro di chiara matrice death metal, Of Darkness... cerca di staccarsi dalla media delle band svedesi. Già l'iniziale The Return ne è un piccolo esempio, con la sua apertura cadenzata arricchita da delle tastiere, poi riprese anche nel rallentamento centrale del brano, a conferire un'atmosfera più spettrale. Certamente nel complesso della traccia hanno un peso relativo e fanno da contraltare ai ritmi serrati (che toccano anche il grindcore) presenti, ma mostrano un gruppo già proiettato in avanti. Il tagliente riff iniziale di Asphyxiate With Fear ci porta invece sin da subito su ritmi sostenuti, con il batterista Oskar Forss sugli scudi, salvo poi cambiare repentinamente nell'ultimo minuto, quando un improvviso rallentamento seguito dagli assoli lancinanti e all'oscuro arpeggio finale della chitarra chiudono inaspettatamente il brano. È evidente a questo punto che il lavoro più grosso sia stato fatto sulle parti strumentali per renderle il più varie possibili e la conferma arriva dalla lunga Morbid Reality, dove troviamo i blast beat delle strofe seguiti dalle chitarre motosega tipiche del periodo, fino ai numerosi stacchi e alla lunga coda strumentale quando oramai sembra essere finito il pezzo. Megalomania ci riporta su lidi feroci, quasi thrash in certi frangenti, con un assolo che stavolta non è solamente urla lancinanti ma dotato di gusto melodico. Anche A Suburb To Hell prosegue su quella strada risultando ancora più pesante e mostrando l'influenza del grindcore di Napalm Death e Carcass, questi ultimi soprattutto nello stacco col "doppio topo in gola" che ricorda la premiata ditta Steer/Walker. Le tastiere tornano a far brevemente capolino nel finale di Genocidal Raids, dopo un breve intro ed i muscoli mostrati in tutto il pezzo tra blast beat, riff tritaossa e un paio di stacchi di basso distorto in maniera esagerata, facendo ancora una volta intravedere qualcosa oltre la pesantezza e l'impatto. Le ultime due tracce Time Shall Tell e Dark Eternity chiudono il disco confermando il valore di Of Darkness... come lavoro prettamente death metal, l'unico nella carriera dei Therion ad essere così "puro". Piccola curiosità riguardante questi ultimi due pezzi riguardarebbe alcune dichiarazioni di Johnsson, il quale affermò che in realtà, a causa di alcuni problemi con la fase di mixaggio, nel disco sono state inserite le versioni dell'EP precedente.
Anche i testi a loro modo rappresentano un'eccezione nella lunga carriera di Christofer Johnsson, trattando droga, multinazionali, questioni sociali e genocidi, ben lontani dall'occultismo che prenderà totalmente piede da Beyond Sanctorum in poi. Unico neo la voce dello stesso Johnsson, qui troppo effettata rispetto al growl asciutto fatto sentire nell'EP Time Shall Tell.

Dopo la pubblicazione dell'album il bassista Erik Gustafsson abbandonerà la band, lasciando i Therion in tre, prima di una serie di innumerevoli cambi di line-up e soprattutto prima della epocale svolta symphonic voluta dal mastermind Christofer Johnsson. Come detto, Of Darkness... è un episodio a sè stante nella discografia degli svedesi e volendo fare un parallelo tra carriere rappresenta un po' quello che Sumerian Cry è per i Tiamat, un disco che racchiude dentro tutto quello che è stato il gruppo negli anni 80, influenze comprese. Al suo interno non è difficile trovare infatti le ritmiche del death americano, il suono swedish delle chitarre, le furiose sgroppate del grindcore britannico, oltre ad un pizzico di thrash di certi passaggi e la cerimonialità del doom in altri. Un compendio di quello che era l'estremo dell'epoca, che già dal successivo lavoro verrà incanalato in un'unica e mai negata influenza, i Celtic Frost.
Impossibile dunque comparare Of Darkness... con tutto ciò che è stato fatto in carriera dai Therion, volendo esagerare ci sarà probabilmente chi considera i primi due album gli unici degni di nota o viceversa chi considera la band dalla svolta symphonic in poi, per quanto sono differenti come approccio. Si tratta di un gruppo totalmente diverso e l'unico metro di paragone possibile sono i dischi di swedish death usciti in quel periodo e Of Darkness... va a piazzarsi dietro i capolavori immortali delle band guida, ma rimane sempre un ottimo lavoro adatto agli ascoltatori death metal. Gli altri possono prenderlo come un interessante e curioso ascolto per capire da dove è partita e quanta strada ha fatto la creatura di Christofer Johnsson.

Heaven or hell
Time shall tell


Apprezzarlo oppure ignorarlo.
A ciascuno il suo.



VOTO RECENSORE
83
VOTO LETTORI
82.33 su 3 voti [ VOTA]
Bloody Karma
Mercoledì 18 Febbraio 2015, 14.40.39
11
sarà che adoro i Therion in (quasi) ogni sua trasformazione, ma anche per me il loro periodo death non è affatto da sottovalutare...magari non siamo su livelli di totale eccellenza, ma il disco spacca bene...
Antonio
Martedì 17 Febbraio 2015, 1.25.46
10
Tra i migliori album swedish death IN ASSOLUTO. Peccato che non sia conosciuto come gli altri. Oscuro, tetro, cattivissimo.
Galilee
Lunedì 16 Febbraio 2015, 16.12.10
9
Johnsson lasciò il microfono a causa di problemi alla voce.
tevildo75
Lunedì 16 Febbraio 2015, 16.10.49
8
Per me il male dei Therion è stato l'abbandono di Christofer Johnsson dal ruolo di cantante e anche questo album ne è la dimostrazione.Fino a Theli non sò davvero scegliere qualìè il miglore.
Blackout
Domenica 15 Febbraio 2015, 3.59.22
7
Ottimo disco e bella recensione, un miscuglio di roba anni '80 con un pizzico di cambiamento, più evidente poi in Beyond Sanctorum, ultimo loro disco che apprezzo. Il resto non fa per me.
CYNIC
Sabato 14 Febbraio 2015, 21.25.42
6
io dei THERION ho tre pietre miliari che corrispondono a – Lepaca Kliffoth – Theli ‎– Vovin, DA AVERE.
metallo
Sabato 14 Febbraio 2015, 15.54.37
5
Sto finendo di approfondirli come gruppo, e questo devo dire che e' un album veramente bello, per essere un debutto, certo un po grezzo, ma e' un lavoro che ha avuto la sua importanza, le componenti teatrali e strumentali e vocale si fondono abbastanza bene e vocaledirei inoltre che la recensione ha centrato in pieno il disco nei suoi vari passaggi, direi voto giusto.
Galilee
Sabato 14 Febbraio 2015, 15.42.13
4
Un disco fenomenale, primo perchè il debutto di una delle band Metal più importanti degli anni 90, secondo perchè è uno dei migliori dischi di swedish death in circolazione. Appartenente pure alla prima ondata. La differenza sta nel fatto che in questo Of Darknees a differenza di altri gruppi svedesi si possono notare già molte influenze alla Celtic Frost e un approccio più teatrale e oscuro al tutto. Grandi. Una band tutt'ora ancora in formissima, anche se il genere ora proposto è tutt'altro.
er colica
Sabato 14 Febbraio 2015, 14.45.12
3
Un disco che ha avuto una certa impirtanza in quel periodo e per quella determinata scena. Merita rispetto come meritano altri tipo tiamat.
Unia
Sabato 14 Febbraio 2015, 14.34.30
2
A ciascuno la propria strada da percorrere. Di esempi ce ne sono tanti: Tiamat, Sentenced... Alcuni si sono mantenuti su buoni livelli, altri no, come i Therion. "Of Darkness..." sta nella classifica degli album swedish death, quello che sono ora non mi interessa. Voto giusto e ottima rece.
doomale
Sabato 14 Febbraio 2015, 13.08.12
1
Buon esordio..abbastanza grezzotto..ma godibile, preferisco cmq il successivo Beyond Sanctorum...
INFORMAZIONI
1991
Deaf Records
Death
Tracklist
1. The Return
2. Asphyxiate with Fear
3. Morbid Reality
4. Megalomania
5. A Suburb to Hell
6. Genocidal Raids
7. Time Shall Tell
8. Dark Eternity
Line Up
Christofer Johnsson (Voce, Chitarra)
Peter Hansson (Chitarra)
Erik Gustafsson (Basso)
Oskar Forss (Batteria)
 
RECENSIONI
82
78
57
76
78
84
80
74
93
89
79
83
ARTICOLI
26/01/2018
Intervista
THERION
Un sound check per il teatro
27/09/2016
Intervista
THERION
Piccola storia dall'Agglutination
24/01/2016
Live Report
THERION + LUCIFERIAN LIGHT ORCHESTRA + EGO FALL + IMPERIAL AGE
Circolo Colony, Brescia (BS), 19/01/2016
21/12/2013
Live Report
THERION + ARKONA + COMA + SOUND STORM
Rock'n'Roll Arena, Romagnano Sesia (NO),17/12/2013
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]