Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

At the Gates
To Drink from the Night Itself
Demo

Below a Silent Sky
A View from Afar
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

25/05/18
SKYBORNE REVERIES
Winter Lights

25/05/18
SCIENCE OF DISORDER
Private Hell

25/05/18
SPACE ELEVATOR
Space Elevator II

25/05/18
MICAWBER
Beyond The Reach Of Flame

25/05/18
FILII NIGRANTIUM INFERNALIUM
Hóstia

25/05/18
BLEEDING THROUGH
Love Will Kill All

25/05/18
DJEVELKULT
Når Avgrunnen Åpnes

25/05/18
FORGED IN BLOOD
Forged in Blood

25/05/18
LIV SIN
Inverted - EP

25/05/18
ABHOR
Occulta ReligiO

CONCERTI

24/05/18
CIRCUS MAXIMUS + ANGEL MARTYR + NEW HORIZONS (ANNULLATO!)
EVOL - ROMA

24/05/18
ALKYMENIA
CLUB HOUSE 22 - AULLA (MC)

25/05/18
CIRCUS MAXIMUS + ANGEL MARTYR + NEW HORIZONS (ANNULLATO!)
CIRCOLO COLONY - BRESCIA

25/05/18
MORTIIS + GUESTS
OFFICINE SONORE - VERCELLI

25/05/18
ALKYMENIA + ANCIENT DOME + RAWFOIL
COMUNITA' GIOVANILE - BUSTO ARSIZIO (VA)

25/05/18
METAL QUEEN FESTIVAL (day 1)
SALONE POLIVALENTE - STRAMBINO (TO)

25/05/18
CORAM LETHE + SYMBIOTIC + CELEPHAIS
EXENZIA - PRATO

25/05/18
THE CRUEL INTENTIONS + SPEED STROKE + LETHAL IDOLS
GRIND HOUSE CLUB - PADOVA

26/05/18
CIRCUS MAXIMUS + ANGEL MARTYR (ANNULLATO!)
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

26/05/18
MILADY METAL FEST
ARCI TOM - MANTOVA

Zex - Fight for Yourself
( 805 letture )
Dal Canada ecco arrivare gli Zex che propongono un punk rock melodico con rimandi al rock'n roll più viscerale ed alcuni inserti più tipici del metal; molto conosciuti negli ambienti underground di Ottawa, pubblicano questo Fight For Yourself, dove si incontrano i Ramones con Blondie e Suzi Quatro in una miscela tipica del genere: chitarre sporche (ma non troppo), la voce della cantante Gretchen Steel che sviluppa delle buone tonalità e l'insieme può risultare a tratti piacevole. Tutto il disco però dà l'impressione di essere un po' troppo elementare nell'insieme, senza spunti o rabbia consona al genere proposto.

La title track inizia con un tipico giro punk rock, la voce di Gretchen Steel imposta melodie a cavallo tra la sguaiatezza di un certo punk con armonie più cantabili, il brano non si presenta male fino al momento dell'assolo, dove Jo Capitalicide nell'intento di eseguire una scala, sbaglia clamorosamente, stonando completamente il giro; certamente non un buon inizio, ma i quattro ragazzi di Ottawa hanno più nelle proprie corde un certo pop punk con ritornelli più scanzonati come in We're Rebels, nonostante la chitarra continui con micro errori, che possono anche sembrare voluti ma onestamente sono davvero troppo forzati. Gli Zex cercano proporre un genere che normalmente dovrebbe avere nella propria attitudine un po' più di aggressività, ma si limitano ad eseguire giri di chitarra davvero elementari e un sezione ritmica ridotta all'osso per composizione mentre il cantato riesce ad intrecciare buone melodie nonostante anche qui risulta il tutto troppo pulito. I brani si susseguono con semplicità, Wanderlust ad esempio ha un buon tiro con un riffing discreto e ancora una volta quello che emerge è il cantato dove ritornelli e melodie la fanno da padrone, come anche in Screaming At The Wall oppure in On Our Own dove addirittura ci sono sentori di un rock americano molto leggero e melodico, inseguendo il percorso di Joan Jett o Pat Benatar ma senza averne minimamente lo spessore compositivo. Ripeto che il vero tallone d'achille di questa band è il chitarrista, almeno nei momenti dei solo che oltre ad essere spesso imprecisi non risultano mai adeguati, veramente tremendi, non riguarda ovviamente il genere proposto dove a volte la semplicità è la migliore arma, qui si parla proprio di un deficit tecnico da non sottovalutare.

Si tratta di una band che deve ancora fare molta strada prima di poter arrivare almeno ad un sogwriting decente, addirittura dalla loro bio si legge che hanno intrapreso un tour in Asia; un disco del quale se ne può tranquillamente fare a meno, in giro c'è del buon punk rock oppure ci si può sempre buttare sui classici. Anche la loro immagine è fin troppo ''pulita'' per la proposta sia musicale che attitudinale, insomma possono andare bene mentre si fa la coda dal panettiere.



VOTO RECENSORE
50
VOTO LETTORI
99 su 4 voti [ VOTA]
INFORMAZIONI
2015
Magic Bullet Records
Punk
Tracklist
1. Fight For Yourself
2. Wild Blood
3. We're Rebels
4. Screaming At The Wall
5. XXX
6. Wanderlust
7. World Of Trash
8. Break Free
9. On Our Own
10. Savage Cit
Line Up
Gretchen Steel (Voce)
Jo Capitalicide (Chitarra)
Gab Sex (Basso)
Tasha (Batteria)
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]