Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Body Count
Carnivore
Demo

Ira Green
7
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

30/03/20
DAWN OF OUROBOROS
The Art Of Morphology

03/04/20
BLAZE BAYLEY
Live in Czech

03/04/20
TESTAMENT
Titans of Creation

03/04/20
AD INFINITUM
Chapter I: Monarchy

03/04/20
MANAM
Ouroboros

03/04/20
LOVIATAR
Lightless

03/04/20
P.O.E. (PHILOSOPHY OF EVIL)
Of Humanity And Other Odd Things

03/04/20
AUGUST BURNS RED
Guardians

03/04/20
THORN IN SIDE
Tales Of The Croupier

03/04/20
PALACE
Reject The System

CONCERTI

31/03/20
KRISIUN + GRUESOME + VITRIOL (ANNULLATO)
CIRCOLO SVOLTA - ROZZANO (MI)

02/04/20
TYGERS OF PAN TANG + GUESTS TBA (ANNULLATO)
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

02/04/20
NECRODEATH (ANNULLATO)
EXCALIBUR PUB - CHIAVARI (GE)

03/04/20
TYGERS OF PAN TANG + GUESTS TBA (ANNULLATO)
SANTOMATO LIVE CLUB - PISTOIA

03/04/20
NECRODEATH (ANNULLATO)
CIRCUS CLUB - SCANDICCI (FI)

04/04/20
GUTALAX + GUESTS TBA
CIRCOLO EKIDNA - CARPI (MO)

04/04/20
FULL OF HELL + GUESTS
LEGEND CLUB - MILANO

04/04/20
ANCIENT + NECRODEATH + GUESTS
THE FACTORY - S. MARTINO BUON ALBERGO (VR)

04/04/20
TYGERS OF PAN TANG + GUESTS TBA
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

04/04/20
DEATHLESS LEGACY
GRINDHOUSE CLUB - PADOVA

Doomraiser - Reverse (Passaggio Inverso)
( 2345 letture )
L'entusiasmo e la passione sincera verso un genere musicale possono produrre delle autentiche soddisfazioni proprio come nel caso dei Doomraiser che, giunti alla tappa del quarto album, continuano ad incanalare la potenza di questi stati d'animo come linfa creativa per la realizzazione dei propri lavori. Reverse (Passaggio Inverso) è partorito con lo stesso intento di reiterare la genuina voglia di tributare il doom senza modificarne le fondamenta; allo stesso tempo si connota ormai nella band un'identità ben definita che, attraverso le diverse uscite, non viene snaturata pur essendo lievemente e progressivamente diversificata.
Se al trascorrere degli anni l'attitudine è rimasta immutata, non vale lo stesso per l'esperienza che è indubbiamente maturata soprattutto nelle scelte in seno alla fase di produzione; nelle registrazioni è evidente come sempre l'intento di esaltare la naturalezza dei suoni prodotti dagli strumenti e i riverberi senza correggere eccessivamente la sporcizia della pasta sonora al fine di preservarne l'approccio umano, ma la differenza sostanziale si ha nel mixaggio e mastering in quanto l'affidamento dell'onere a Billy Anderson (già noto per aver collaborato con Neurosis, Fantômas , Mr. Bungle, Melvins...) è stato determinante nella generazione di un muro sonoro più massiccio ma ugualmente capace di catapultare l'ascoltatore nelle atmosfere settanta/ottantiane nel quale agli albori del genere regnava sua maestà l'analogico.
L'ingresso dei due nuovi chitarristi ha contribuito in maniera significativa nel processo di scrittura dei pezzi che poggiano maggiormente sui riff pesanti e rocciosi a discapito delle parti più psichedeliche; anche l'approccio negli assoli è maggiormente marcato nonché differente poiché le linee scandite risultano più crude e selvagge. Altre modifiche sostanziali si percepiscono nell'ampliamento del registro vocale di Cynar il quale più soventemente passa da un cantato melodico che varia dal pulito al graffiato fino ad arrivare al growl.
Sia le scelte in fase di scrittura che quelle in fase di produzione proiettano Reverse in una dimensione più carnale rispetto alle precedenti uscite le quali erano allocate nella ricerca di una maggiore atmosfera nei pezzi tale da conferirgli un'aura più incorporea, inoltre il contesto musicale creato funziona bene nell'avvolgere il concept che tratta fondamentalmente tematiche legate a decisioni che condizionano negativamente l'esistenza di un individuo costituendo una sorta di cammino inverso nella ricerca dell'illuminazione.

Tutto l'album fluisce dalla prima all'ultima nota in maniera lenta ma costante come un fluido di consistenza viscosa che inesorabilmente capillarizza ogni spazio mentale dell'ascoltatore.
Le sei canzoni proposte presentano mediamente un minutaggio consistente e si assestano su livelli qualitativi elevati in quanto, nonostante i riff siano ancorati sui canoni del genere, la varietà degli arrangiamenti e delle strutture è tale da non determinare cali di intensità. Sebbene le tracce siano tutte valide due in particolare rappresentano la vetta compositiva di Reverse: la prima è Ascension: 6 to 7 la cui apertura sviluppata su un trascinante riff con venature stoner è improvvisamente interrotta da una cavalcata doom che a sua volta si siede su un lungo episodio psichedelico il quale dopo ripetute trasformazioni funge da chiusura del brano; questo pezzo è il più rappresentativo e riuscito perché contiene al proprio interno tutte le sfaccettature che compongono lo stile dei Doomraiser. In Winter invece si distingue per la sua componente paranoidea a tratti interrotta da momenti più aggressivi, rafforzati dalle diverse soluzioni vocali impiegate che ben si apprestano a scandire gli scenari sul quale la canzone viaggia.

In conclusione Reverse rappresenta in maniera innegabile l'ennesima conferma di uno stato di grazia partito dal debutto Lords of Mercy che assesta la band tra i migliori interpreti attivi tra coloro che portano avanti il verbo del doom attraverso un'ottica retrospettiva. Ad ogni modo occorre mettere in evidenza che la sferzata verso sonorità più pesanti potrebbe far storcere il naso agli ascoltatori che hanno apprezzato i Doomraiser più per la loro capacità di creare atmosfere ritualistiche attraverso le inserzioni psichedeliche, i restanti possono tranquillamente farsi investire da questa colata lavica made in Italy.



VOTO RECENSORE
80
VOTO LETTORI
77.37 su 8 voti [ VOTA]
Look at the sky
Mercoledì 18 Marzo 2015, 21.08.23
16
Non mi discosto di molto dal voto dato qui. La band è ottima sotto tutti i punti di vista, innegabile. Ciò non toglie che la qualità compositiva e l ispirazione sia in calando (e anche qui sono d accordo con i voti dati ai dischi precedenti). Anche io preferivo la precedente coppia di chitarristi. A dir la verità prwferiaco l accoppiata originaria. E il miglior disco è il primo Lords of Mercy. Restiamo comunque su livelli molto alti.
Slowhand79
Martedì 17 Marzo 2015, 22.30.22
15
non fate i rosiconi! è una band che ha un certo riscontro, non solo in Italia, un motivo ci sarà
Greates_Tiz
Martedì 17 Marzo 2015, 21.13.23
14
@Ad astra: 3 dischi dei Doomraiser con voti immeritati e fin troppo alti, rispettivamente: 90 - 87 - 80. Conta poco motivare i comm. tanto vincete voi.
Ad astra
Martedì 17 Marzo 2015, 20.44.08
13
@zess commenti ogni disco in modo negativo senza offrire motivazioni. Per cui se sei in disaccordo sei pregato di parlare. Cosi vale per tiz che costantemente offre perle per andare controcorrente. Stesso discorso. Spiegate magari sarebbe di aiuto a noi e a michele probabilmente.
Sambalzalzal
Martedì 17 Marzo 2015, 20.18.42
12
Ancora una bella prova con questo disco! Preferivo l'accoppiata Drugo/Willer ma non posso di certo lamentarmi
Greates_Tiz
Martedì 17 Marzo 2015, 19.56.32
11
Io & Zess la pensiamo allo stesso modo, per fortuna.
Zess
Martedì 17 Marzo 2015, 16.52.23
10
OTTANTA???? Vabbeh........
Slowhand79
Lunedì 16 Marzo 2015, 15.12.13
9
ho ascoltato alcuni pezzi su bc nei giorni scorsi, a primo impatto credo sia un gran disco, da approfondire! in Italia abbiamo una scena stoer-doom da paura, doomraiser, abysmal grief, caronte, bretus, black oath, saturnine, tutta roba da esportare con orgoglio!
brainfucker
Lunedì 16 Marzo 2015, 0.35.31
8
non l'ho ancora sentito, ma a giudicare dalla canzone del video il cambio di suono è stato bello pesante, sicuramente non ci sarà da rimanere delusi
Er Trucido
Domenica 15 Marzo 2015, 20.50.25
7
Mai detto caro Tiz, al contrario di te.
Baron the red
Domenica 15 Marzo 2015, 18.12.13
6
Confermo anche io gran bell'album....meritano davvero di più...!
Doomale
Domenica 15 Marzo 2015, 16.57.44
5
Bell'album davvero....l'ho ascoltato solo un paio di volte ma già mi piace e conferma i Doomraiser come una solida realtà rispettata in ambito doom...ovviamente frutto di dura gavetta e sudore. Ho avuto la fortuna di avere l'album regalato al roma obscura della settimana scorsa e ne sono davvero soddisfatto....Avanti così ragazzi.
MrFreddy
Domenica 15 Marzo 2015, 16.13.15
4
Bello il disco, fedele alla linea ma con la loro esperienza compositiva riescono ad imprimere quel quid che mi fa dire "sono loro". Assieme agli Abysmal Grief sono tra i miei preferiti del genere in Italia,
Greates_Tiz
Domenica 15 Marzo 2015, 15.58.48
3
@Er Trucido: Tu non sei più esperto di me.
Er Trucido
Domenica 15 Marzo 2015, 15.47.50
2
Sì certo, come no. Se lo dici te che sei l'esperto c'è da crederci.
Greates_Tiz
Domenica 15 Marzo 2015, 15.37.43
1
80: Lecchinaggio puro.
INFORMAZIONI
2015
BloodRock Records
Doom
Tracklist
1. Addiction
2. Mirror of Pain
3. Ascension: 6 to 7
4. Apophis
5. In Winter
6. Dio Inverso (Reverse)
Line Up
Cynar (voce)
Montagna (chitarra)
Serpico (chitarra)
BJ (basso)
Pinna (batteria)

Musicisti ospiti:
Labes C. Necrothytus (clavicembalo in Ascension: 6 to 7; organo in Apophis)
Valentina Rocchi (violino in Mirror of Pain)
 
RECENSIONI
80
85
90
80
ARTICOLI
05/02/2020
Intervista
DOOMRAISER
Il nero cuore d'Europa
22/05/2015
Live Report
ANGEL WITCH + DOOMRAISER + CROMO + GUEST
Traffic Club, Roma, 17/05/2015
09/03/2015
Live Report
DOOMRAISER + SHORES OF NULL + L`ALBA DI MORRIGAN
L'Angelo Azzurro, Genova - 03/03/2015
15/01/2014
Live Report
SATURNUS + DOOMRAISER + THE FORESHADOWING + SHORE OF NULL + (ECHO)
Circolo Colony, Brescia, 11/01/2014
22/08/2011
Intervista
DOOMRAISER
La storia delle Montagne della follia
02/06/2011
Live Report
DOOMRAISER + MISANTROPUS + L'IRA DEL BACCANO
Init Club, Roma, 27/05/2011
16/03/2011
Live Report
ELECTRIC WIZARD + DOOMRAISER
Init Club, Roma, 11/03/2011
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]