Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Esoteric
A Pyrrhic Existence
Demo

Prysma
Closer To Utopia
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

11/12/19
ETERNAL SILENCE
Renegades

11/12/19
THE RIVER
Vessels into White Tides

12/12/19
ALASTOR
Šumava

13/12/19
NIGHTBEARER
Tales of Sorcery and Death

13/12/19
VOLTUMNA
Ciclope

13/12/19
SATYRICON
Rebel Extravaganza (rimasterizzato)

13/12/19
STONE SOUR
Hello, You Bastards

13/12/19
COMANDO PRAETORIO
Ignee Sacertà Ctonie

13/12/19
ARKONA (PL)
Age Of Capricorn

13/12/19
GLI ATROCI
Metal Pussy

CONCERTI

08/12/19
CORELEONI
DRUSO - RANICA (BG)

08/12/19
AGENT STEEL + FINGERNAILS + MESSERSCHMITT
TRAFFIC LIVE - ROMA

11/12/19
MUNICIPAL WASTE + TOXIC HOLOCAUST + ENFORCER + SKELETAL REMAINS
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

11/12/19
LAST IN LINE
CAMPUS INDUSTRY MUSIC - PARMA

12/12/19
SKINDRED + GUESTS
LEGEND CLUB - MILANO

12/12/19
MARILLION
AUDITORIUM DELLA CONCILIAZIONE - ROMA

12/12/19
MONKEY3 + GUESTS TBA
CIRCOLO MAGNOLIA - SEGRATE (MI)

13/12/19
MARILLION
GRAN TEATRO GEOX - PADOVA

13/12/19
GWAR + VOIVOD + CHILDRAIN
ROCK PLANET - PINARELLA DI CERVIA (RA)

13/12/19
SCALA MERCALLI
BUFFALO GRILL - CIVITANOVA MARCHE (MC)

Wretch - Warriors
( 1115 letture )
I Wretch sono una band proveniente dall’Ohio le cui origini si perdono addirittura negli anni ‘80, anche se il loro LP di debutto, Reborn, vedrà la luce solo nel 2006. Gli statunitensi si ispirano a nomi quali Judas Priest, Helloween, Iron Maiden, insomma ai mostri sacri del metal e nei testi si rifanno ai cliché tipici del genere suonato: certamente l’esperienza non manca ai Nostri, ma basterà a far brillare di luce propria questo Warriors?

La copertina di un disco dovrebbe essere il suo biglietto da visita e qui mi sento di fare un primo appunto: già il soggetto non è un granché di suo, ma almeno si potevano rispettare le proporzioni; era possibile certamente fare di meglio. Comunque queste sono inezie, ovviamente il fulcro di qualsiasi album è la musica, ma anche qui i Wretch non sono esenti da pecche. Già, perché sinceramente da una band che dopo così tanti anni è solo al secondo album ci si aspetterebbero fuochi d’artificio e invece la prova del quintetto di Cleveland pur non essendo affatto catastrofica -i musicisti sembrano tecnicamente preparati- risulta abbastanza sottotono. Peccato, perché ci sono alcuni riff eseguiti con le twin guitar -affidate al duo Stephenson/Giannakos- piuttosto azzeccati (Sacrifice su tutti), ma come detto è la personalità a mancare nel songwriting e il prodotto finale ne risente. Composizioni fin troppo lineari e senza guizzi, spesso ripetitive e allungate appesantiscono ulteriormente un full length della durata di quasi un’ora. Ron Emig ha un vocalism che risulta poco duttile e vivace per il genere power metal: sembra sempre cantare con il freno a mano tirato e ciò è piuttosto palese in The Ones, pezzo dall’incipit maideniano e con il basso di Tim Frederick in evidenza; dopo un buon inizio strumentale -anche grazie all’apporto di Evan Gottschalk alla batteria- si segnala una seconda voce a dir poco fiacca e una sezione ritmica che perde un pochino il passo, mentre nella title track sia gli assoli che i cori risultano un pochino “molli” (e il sottofondo di una battaglia a metà pezzo non agevola di certo la riuscita del medesimo). Sleepless Dreams ha una dissolvenza che sfocia in un bell’assolo di chitarra acustica ed è questa la parte più coinvolgente della canzone, altrimenti fin troppo anonima, così come la ballad unplugged In Those Eyes sembra assai essenziale; va decisamente meglio con Sword and Stone, a riprova del fatto che volendo i Wretch sono in grado, pur senza strafare, di comporre pezzi che sanno essere incisivi.

La produzione non aiuta, per un disco power risulta troppo leggera (forse si è esagerato nel volersi rifare al sound di ottantiana memoria, oltre che con la lunghezza dei brani), ma è soprattutto la voce di Emig a non entusiasmare: poco charme, nessun picco, insomma abbastanza piatta e pure i cori, che dovrebbero essere epici e coinvolgenti, sembrano invece provenire da un paio di persone in una stanza vuota. In molti affermano che il genere ha ormai ben poco da dire: a parte l’effetto “già sentito” che sarebbe estendibile alla maggior parte delle uscite odierne (del resto non è così semplice essere innovativi), basterebbe che la proposta sia di qualità per ritrovarsi di fronte a un ottimo disco heavy-power, ma francamente non sembra questo il caso. Warriors non è un album orrendo nel senso letterale del termine, ma la verità è che non lascia molto di sé dopo l’ascolto. Né carne né pesce.



VOTO RECENSORE
55
VOTO LETTORI
0 su 0 voti [ VOTA]
INFORMAZIONI
2014
Pure Steel Records
Heavy/Power
Tracklist
1. Into Madness
2. Sleepless Dreams
3. The Ones
4. Warriors
5. Fallen from Grace
6. Sacrifice
7. All I See
8. Sword and Stone
9. Death of Innocence
10. Never Alone
11. Watching the World
12. In Those Eyes
13. Rain
Line Up
Ron Emig (Voce)
Michael Stephenson (Chitarra)
Nick Giannakos (Chitarra)
Tim Frederick (Basso)
Evan Gottschalk (Batteria)
 
RECENSIONI
55
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]