Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Testament
Titans of Creation
Demo

Conception
State Of Deception
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

10/04/20
PRETTY MAIDS
Maid In Japan

10/04/20
ITALICUS CARNIFEX
Incide Your Mind

10/04/20
DOOL
Summerland

10/04/20
ARCHGOAT
Black Mass XXX

10/04/20
FM
Synchronized

10/04/20
JOE SATRIANI
Shapeshifting

10/04/20
DEVILSBRIDGE
Endless Restless

10/04/20
ACROSS THE SWARM
Projections

10/04/20
HER CHARIOT AWAITS
Her Chariot Awaits

10/04/20
CORDYCEPS
Betrayal

CONCERTI

10/04/20
WILLIAM DUVALL
SANTERIA TOSCANA 31 - MILANO

10/04/20
IMONOLITH (ANNULLATO)
CENTRALE ROCK PUB - ERBA (CO)

11/04/20
IMONOLITH (ANNULLATO)
THE FACTORY - SAN MARTINO BUON ALBERGO (VR)

16/04/20
CULT OF FIRE + MALOKARPATAN
CAMPUS INDUSTRY MUSIC - PARMA

16/04/20
STORMTIDE + TBA
UFO CLUB - BERGAMO

17/04/20
NECRODEATH
SCUUM - PESCARA

18/04/20
DEATHLESS LEGACY
SPLINTER CLUB - PARMA

18/04/20
NECRODEATH
GARAGESOUND - BARI

18/04/20
CULTUS SANGUINE + TETHRA
CENTRALE ROCK PUB - ERBA (CO)

20/04/20
ROSS THE BOSS + GUESTS (RINVIATO)
LEGEND CLUB - MILANO

Black Star Riders - The Killer Instinct
( 1829 letture )
A soli due anni di distanza dall’esordio discografico (ammesso che si possa parlare di esordio per musicisti di tale caratura e con alle spalle una storia così gloriosa), ecco che i Black Star Riders, nuova incarnazione dei leggendari Thin Lizzy, tornano alla carica con un nuovo album, intitolato The Killer Instinct; la band, già apprezzata per la coraggiosa scelta di cambiare il proprio monicker, senza costruire la propria nuova carriera restando legata al bel nome che fu, si è poi guadagnata ulteriori complimenti per la freschezza e la validità del primo lavoro, al punto che la curiosità per questa seconda fatica era decisamente elevata. Come era facilmente intuibile, i nostri amici sono rimasti nel solco dell’hard rock sanguigno ed elegante al tempo stesso che padroneggiano ormai alla perfezione, senza deviare troppo dal sentiero; al tempo stesso, però, hanno anche composto un altro lavoro di qualità media notevolissima, che regalerà tre quarti d’ora abbondanti di buon vecchio rock agli amanti del genere ed anche ai semplici appassionati di musica.

Si parte con la title-track e da subito, come detto, appare chiaro che i musicisti possiedono ancora davvero l’istinto assassino del rock: un riff ed una melodia semplice sorreggono un brano che non regala sorprese, ma al tempo stesso risulta divertente e ben costruito. Non ci vuole tanto, in fondo, a fare musica valida! Lo stesso copione si ripete con la successiva Bullet Blues, ma stavolta le parti di chitarre costruite dal duo Gorham-Johnson sono più variegate ed incalzanti; la prestazione vocale del singer Warwick, invece, è come sempre piacevole ed incisiva e la sua voce, per chi non l’avesse mai ascoltata, somiglia moltissimo a quella del compianto Phil Lynott. Mancanza di “coraggio”? Alcuni potrebbero pensarla così, ma una band priva di coraggio avrebbe proseguita imperterrita con il nome Thin Lizzy: molto semplicemente, il gruppo ha scelto di proseguire nel solco della propria tradizione, offrendo ai fan quello che volevano, rispettando però al tempo stesso la propria storia. Alla fine, poi, quella che davvero conta è la musica e, in questo, The Killer Instinct offre diversi motivi per sorridere. Finest Hour è la traccia più ariosa dell’album in quanto a melodia e, in certi casi, potrebbe addirittura sembrare un brano pop, al punto che ci sentiamo di promuovere maggiormente la causa di Soldierstown, che beneficia di un intrigante parte di chitarra e della bellissima ballad Blindsided. In mezzo, Charlie I Gotta Go non assurgerà probabilmente a pezzo migliore dell’album, per quanto resti comunque gradevole, ma ci pensa un ottimo assolo a riequilibrare il tutto. Diciamo che, indubbiamente, i Black Star Riders non rinunciano ad un certo flavour “commerciale” in alcuni brani, ma lo fanno con classe ed eleganza, di modo che sia facilissimo perdonarli e farsi comunque catturare dalle loro melodie. Inoltre, quando poi decidono di gettarsi più a fondo nell’hard rock che tutti noi vogliamo, lo fanno egualmente alla grande, come dimostra la bella Sex, Guns & Gasoline, che del resto faceva ben presagire sin dal titolo! La conclusione dell’album conferma la validità della proposta sonora degli ex-Thin Lizzy, se mai ce ne fosse stato bisogno, con due brani notevoli quali Turn In Your Arms e You Little Liar.

Volendo cercare il pelo nell’uovo, i Black Star Riders non inventano nulla con questo secondo album e, senza ombra di dubbio, non compiono passi in avanti rispetto alla loro prima fatica, mantenendosi su un livello elevato, ma privo di acuti davvero sensazionali. Ciò nonostante, la qualità media delle canzoni è davvero buona e l’album scorre via che è un piacere, riportandoci per quarantasei minuti ai bei tempi andati, in cui Phil Lynott calcava ancora i palcoscenici. Forse i Black Star Riders non saranno i Thin Lizzy, ma ad averne di gruppi che, dopo tante vicissitudini, regalano ancora lavori così godibili.



VOTO RECENSORE
75
VOTO LETTORI
80.8 su 5 voti [ VOTA]
duke
Lunedì 8 Aprile 2019, 10.13.46
4
...disco notevole.....da lodare perché non hanno speculato... utilizzando un nome arcinoto ...come quello dei thin lizzy.....
jaw
Venerdì 2 Febbraio 2018, 18.58.04
3
A me i BSR piacciono, ovvio che non c e' partita con T.Lizzy o Moore, pero' rimangono nel solco giusto. Peccato che un album come thunderdome degli Steet legal sia passato in sordina, mica era jazz
Philosopher3185
Lunedì 13 Aprile 2015, 23.09.05
2
Non certo un disco epocale ne obbligatorio,ma comunque valido.
Vittorio
Mercoledì 8 Aprile 2015, 15.52.23
1
Album godibilissimo!
INFORMAZIONI
2015
Nuclear Blast Records
Hard Rock
Tracklist
1. Killer Instinct
2. Bullet Blues
3. Finest Hour
4. Soldierstown
5. Charlie I Gotta Go
6. Blindsided
7. Through The Motions
8. Sex, Guns & Gasoline
9. Turn In Your Arms
10. You Little Liar
Line Up
Ricky Warwick (Voce)
Scott Gorham (Chitarra)
Damon Johnson (Chitarra)
Robbie Crane (Basso)
Jimmy DeGrasso (Batteria)
 
RECENSIONI
75
76
ARTICOLI
15/05/2013
Intervista
BLACK STAR RIDERS
C'è posto per tutti nella musica!
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]