Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Obscura
A Valediction
Demo

The Maledict
Remembrance
CERCA
RICERCA RECENSIONI
PER GENERE
PER ANNO
PER FASCIA DI VOTO
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

10/12/21
CAP OUTRUN
High on Deception

10/12/21
ORPHANED LAND
30 Years of Oriental Metal

10/12/21
EFYD
Like Shadows

10/12/21
LORD OF THE LOST
The Sacrament Of Judas

10/12/21
AGARTHIC
The Inner Side

10/12/21
MALADIE
The Sick Is Dead - Long Live the Sick

10/12/21
ZELBO
In My Dreams

10/12/21
THERES A LIGHT
f̶o̶r̶ ̶w̶h̶a̶t̶ ̶m̶a̶y̶ ̶I ̶h̶o̶pe̶? for what must we hope?

10/12/21
STAHLMANN
Quarz

10/12/21
MERCURY X
Imprisoned

CONCERTI

10/12/21
NANOWAR OF STEEL
DRUSO - RANICA (BG)

11/12/21
NANOWAR OF STEEL
REVOLVER CLUB - SAN DONA' DI PIAVE (VE)

12/12/21
GOTTHARD + TBA
FABRIQUE - MILANO

12/12/21
DRAGONFLY METAL FEST 2021
DRAGONFLY - SALZANO (VE)

13/12/21
LEPROUS + GUESTS
LIVE CLUB - TREZZO SULL'ADDA (MI)

14/12/21
UNLEASH THE ARCHERS + STRIKER + NORTHTALE
LEGEND CLUB - MILANO

17/12/21
NANOWAR OF STEEL
LARGO VENUE - ROMA

09/01/22
ESKIMO CALLBOY
LEGEND CLUB - MILANO

12/01/22
TAAKE + KAMPFAR + NECROWRETCH
LEGEND CLUB - MILANO

13/01/22
TAAKE + KAMPFAR + NECROWRETCH
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

Sentinel Beast - Dephts of Death (Reissue)
( 1330 letture )
Anno di grazia 1986. Inutile davvero per ogni amante del metal in generale, ma più nello specifico del thrash metal, elencare per l’ennesima volta i capolavori pubblicati in quel magico anno (senza ovviamente nulla togliere a tutti gli anni ’80 in generale, sia chiaro) e che rappresentano le pietre miliari di un sottogenere dell’heavy metal che ancora oggi fa proseliti e crea bolge infernali sotto i palchi di tutto il mondo. É invece utile, anche solo per dovere di cronaca, spendere qualche parola su Depths Of Death dei californiani Sentinel Beast, band di Sacramento dedita a un corposo speed-thrash di matrice puramente americana.
Giusto quest’anno la Marquee Records ripropone in CD questa piccola meteora della storia thrash mondiale: otto tracce e la cover di Phantom Of The Opera degli onnipresenti Iron Maiden (con in aggiunta una versione demo della canzone Sentinel Beast apparsa sulla compilation Metal Massacre VII, a dire il vero abbastanza trascurabile) che rappresentano l’unica pubblicazione ufficiale di una band tanto genuina negli intenti quanto sfortunata nei risultati ottenuti, nonostante il quintetto proponga dietro il microfono una donna, fatto questo davvero raro in quel periodo e con pochi eguali a livello mondiale.

La giunonica Debbie Gunn sorprende per la potenza vocale sprigionata anche se debitamente controllata, quindi proponendo una voce non sguaiata ma tagliente al punto giusto, ben in evidenza nella title track in apertura che si pone subito come una belligerante ed epica dichiarazione d’intenti, ma soprattutto nella seguente Mourir, dove l’irruenza la fa da padrone non solo nelle scelte vocali ma anche nella presenza del basso del valido Michael Spencer, tanto valido che andrà a sostituire nei Flotsam & Jetsam tale Jason Newsted al momento della sua entrata nei Metallica per sostituire il defunto Cliff Burton (nel caso non conosciate nulla delle band e dei rispettivi membri appena citati, allora sappiate che forse avete sbagliato sito musicale e vita in generale). Si prosegue con l’emblematica Dogs Of War, in cui la coppia d’asce Barry Fischel/Mark Koyasako sfodera una prestazione di tutto rispetto, in cui il rincorrersi in modo schizzato delle chitarre fa tornare alla mente i migliori momenti di band quali Holy Moses ed Exciter, ma anche e soprattutto ensemble meno blasonati però decisamente più ispirati come Lääz Rockit, Cyclone Temple e Nasty Savage. Nonostante la slayeriana malignità di fondo la successiva Corpse non lascia il segno, e se appare evidente quanto Evil Is The Night e l’omonima Sentinel Beast strizzino l’occhio al gusto creativo e compositivo dei primi Flots, è pur vero che le conclusive Revenge e soprattutto The Keeper trasudano sincerità e forza da ogni nota andando a concludere un esordio di tutto rispetto.

Purtroppo di lì a poco la formazione si sciolse come neve al sole, i singoli membri presero strade diverse e solo la sempre attiva singer decise poi nel 2007 di riformare i Sentinel Beast, con esiti che però ancora stentano a lasciare un minimo segno. Unica nota negativa da segnalare di questa riedizione è il fatto che sia stata leggermente rimasterizzata, azione questa che sbilancia in eccesso la doppia cassa di batteria, le cui punte durante le cavalcate risultano a tratti fastidiose e inutilmente invadenti, e i volumi delle chitarre durante gli assoli che in alcuni frangenti sono completamente diversi, ma si tratta di un peccato veniale.
Davvero un peccato che il music business di allora abbia soffocato praticamente sul nascere una band che, sebbene derivativa e debitrice di numi tutelari ingombranti, avrebbe potuto dire la sua a voce più alta e magari evolversi musicalmente più a lungo di tante altre band a loro contemporanee e decisamente meno valide.



VOTO RECENSORE
71
VOTO LETTORI
94.33 su 3 voti [ VOTA]
Fabio
Venerdì 22 Ottobre 2021, 12.37.21
11
Voto dei lettori molto alto, ma piccolo classico e ristampa più che giusta
Doom
Domenica 18 Dicembre 2016, 17.14.38
10
Ciao Rik! Esatto...concordo con te! Stesso discorso farei anche per i Blessed Death, piu o meno sullo stesso genere e autori di un ottimo debutto ( nulla di clamoroso, ma decisamente buono e maligno!).
rik bay area thrash
Domenica 18 Dicembre 2016, 17.00.09
9
Ciao Doom ! Concordo con te nel valutare bene questo album. Niente di eclatante ma sicuramente un piacevolissimo disco di power thrash di stampo americano. A me la voce della singer piace. Purtroppo da quello che ho potuto appurare la ristampa di questo vinile è già fuori catalogo .... e comunque la lista di dischi validi che non hanno avuto modo di emergere potrebbe (quasi) non avere fine .... sigh !!
Doom
Domenica 18 Dicembre 2016, 14.39.35
8
Ero convinto di averlo già commentato questo..boh??? Comunque album per me molto valido..una piccola pietra miliare. Curioso che venga omaggiato anche nel booklet di F.O.A.D. dei Darkthrone. Ma d'altronde i due montanari c'hanno sempre visto lungo. Un 7,5 doveroso.
Hermann 60
Domenica 31 Luglio 2016, 13.02.33
7
All'epoca della sua uscita era uno dei miei preferiti del genere, poi ho perso le loro tracce.
Hermann 60
Domenica 31 Luglio 2016, 13.01.48
6
All'epoca della sua uscita era uno dei miei preferiti del genere, poi ho perso le loro tracce.
andrea fvg
Venerdì 24 Aprile 2015, 0.02.15
5
gran discone! sì ammetto anche io che la reunion fatta così lascia un po' il tempo che trova però un live mi farebbe senz'altro piacere vederlo
Andy Thrasher
Mercoledì 22 Aprile 2015, 19.11.33
4
Lambruscone ha perfettamente ragione sulla reunion inutile. E' una cover band con Debbie Gunn alla voce, esistono anche i Barry Fischel's Sentinel Beast guidati dall'ex-chitarrista. Tutte queste pantomine per una storia esigua, classica band che risorge giusto per il Keep It True.
LAMBRUSCORE
Mercoledì 22 Aprile 2015, 16.56.46
3
1 di quei gruppi che non mi piacevano - soprattutto la voce - e di cui farei a meno, ho visto anche che si sono riformati con la bella passerona -che ha ben 55 anni- e nessun altro originale, per me reunion inutile, ahahahah
er colica
Mercoledì 22 Aprile 2015, 13.31.28
2
pure io non pensavo che fosse riessuato!!!
Andy Thrasher
Mercoledì 22 Aprile 2015, 11.01.00
1
Piccola pietra miliare del genere, non sapevo fosse stato ristampato. Grazie per l'info!
INFORMAZIONI
2015
Marquee Records
Power/Thrash
Tracklist
1. Depths Of Death
2. Mourir
3. Dogs Of War
4. Corpse
5. Evil Is The Night
6. Sentinel Beast
7. Revenge
8. The Keeper
9. Phantom Of The Opera
10. Sentinel Beast (Bonus da Metal Massacre VII)
Line Up
Debbie Gunn (Voce)
Michael Spencer (Basso)
Barry Fischel (Chitarra)
Mark Koyasako (Chitarra)
Scott Awes (Batteria)
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]