Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Iamthemorning
The Bell
Demo

Break Me Down
The Pond
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

24/10/19
PLATEAU SIGMA
Symbols - The Sleeping Harmony of the World Below

25/10/19
CIRITH UNGOL
I’m Alive

25/10/19
VISION DIVINE
When All Heroes Are Dead

25/10/19
RINGS OF SATURN
Gidim

25/10/19
NOVERIA
Aequilibrium

25/10/19
CREST OF DARKNESS
The God Of Flesh

25/10/19
MELTDOWN (NOR)
Deadringer

25/10/19
CLOAK
The Burning Dawn

25/10/19
DAWN RAY`D
Behold Sedition Plainsong

25/10/19
VELVET VIPER
The Pale Man Is Holding A Broken Heart

CONCERTI

23/10/19
FOLKSTONE
ORION - ROMA

23/10/19
PINO SCOTTO
MOB CLUB - PALERMO

25/10/19
MACHINE HEAD
LIVE CLUB - TREZZO SULL'ADDA (MI)

25/10/19
INTER ARMA
LIGERA - MILANO

25/10/19
ARBORES AUTUMNALES FESTIVAL
GRIND HOUSE CLUB - PADOVA

25/10/19
FOLKSTONE
VIPER THEATRE - FIRENZE

25/10/19
HELLRETIC + BRVMAK
500CAFFE' - PIEDIMONTE S. GERMANO (FR)

26/10/19
DESTROYER 666 + ABIGAIL + DEAD CONGREGATION + GUESTS
MU CLUB - PARMA

26/10/19
MACHINE HEAD
HALL - PADOVA

26/10/19
INTER ARMA
FREAKOUT - BOLOGNA

Lowrider - Ode to Io
( 1491 letture )
Improvvisare e scegliere senza certezze assolute è un atto di coraggio.
Probabilmente lo stesso coraggio che finisce per farti affidare la tua sbronza pomeridiana all'Ode all'Io di un gruppetto svedese di inizio decennio; proprio come te, le tue poche convinzioni -minate dall'ebbrezza momentanea- hanno bisogno di infrangersi e collassare: quale terapia (d'urto, certo) migliore di un'ora scarsa di sabbia e deserto, riff e momenti psichedelici da perdita di coscienza controllata?

Parte la prima traccia e l'intro è maledettamente sporca e pachidermica: ti ritrovi improvvisamente a casa; senti la testa pulsare intensamente, non sai se per il troppo alcool in corpo o per quel basso così in evidenza nel mix, ma ti va bene così.
Ormai sei perso, il viaggio è iniziato, lo scettro è tuo: la celebrazione del Sé, un canto esecrabile all'Io degli sconfitti - da qui non si torna indietro, è bene saperlo.
Con lo scorrere della tracklist e l'aumentare del volume, il mondo conosciuto perde di significato fino ad assumerne uno totalmente antitetico, composto da cattedrali di assoli lavici e nubi di chitarre accerchiate da fill di basso da brividi sulla schiena.
Sei nudo dinnanzi alle progressioni di Flat Earth, all'agrodolce Sun Devil, alla bordata stoner di Anchor; ti ritrovi beato e battuto al cospetto di inni desertici come Dust Settlin', mini-suite psichedeliche come Texas (pt. I&II), trip strumentali come la mesmerizzante titletrack.
Lowrider dunque, come quelle grandi Chevrolet statunitensi con sospensioni modificate;
Lowrider quindi, come quattro imberbi sciamani delle dune sabbiose a ridosso della fine del mondo, ritratti sulla sfocata copertina di questo gioiello underground.
Quattro nordici stonati che vanno a regalare una perla dimenticata, sicuramente sconosciuta ai più e meritevole quindi di essere riscoperta: in quest'album uscito a ridosso del secondo millennio per Meteor City -etichetta statunitense madre di tante formazioni psych, stoner e doom- incontriamo infatti alcune delle migliori composizioni di tutta la scena del genere più bello del mondo.
Peter Bergstrand e soci sono fra i pochi a poter rivaleggiare con i capostipiti Kyuss, in quanto a impatto, coesione e influenza postuma sulle formazioni a loro successive.
Tutto questo, incredibilmente, in un solo disco: la band svedese si scioglierà purtroppo in seguito a Ode to Io, costituendo la propria eredità artistica solo con il suddetto lavoro e con un EP, splendido anch’esso, con i statunitensi Nebula.

Alla fine di tutto, l'unica certezza è -come sempre- l'Arte: immune allo scorrere del tempo (a differenza della sbronza, ormai in fase calante), perfetta, sincera, bella di una bellezza destabilizzante che aumenta ed aumenta ogni volta si scelga di goderne.
La vita è breve, il tempo è troppo poco per potersi permettere di passarlo ad ascoltare brutta musica: il tuffarsi prolungato e "nel giusto mood" in LP come questo è sicuramente una scelta che premierà più parti del vostro essere, garantito!


As far as I am concerned, Art is just short for “Arthur”
(KR.)



VOTO RECENSORE
92
VOTO LETTORI
86.22 su 9 voti [ VOTA]
Farmit
Martedì 19 Maggio 2015, 12.08.39
4
Ottimo consiglio per l'ascolto..adoro lo stoner ma loro non li avevo mai sentiti
brainfucker
Giovedì 14 Maggio 2015, 23.07.48
3
la band ha un bel suono (un fuzz acidissimo è sempre ben gradito) e in generale ci sa fare, ma le canzoni davvero belle per me sono giusto 3-4.. per me è da 65 massimo 70
MiltonKeef
Giovedì 14 Maggio 2015, 18.57.43
2
@TheFool: grazie a te!
The Fool
Giovedì 14 Maggio 2015, 17.19.38
1
Non li conoscevo. L'album mi è piaciuto molto. Grazie per la recensione!
INFORMAZIONI
2000
Meteor City
Stoner
Tracklist
1. Caravan
2. Flat Earth
3. Convoy V
4. Dust Settlin'
5. Sun Devil
6. Anchor
7. Texas (pt. I&II)
8. Riding Shogun
9. Saguaro
10. Ode to Io
Line Up
Ola Hellquist (Voce, Chitarra solista)
Peder Bergstrand (Voce, Basso)
Niclas Stalfors (Chitarra)
Andreas Eriksson (Batteria)
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]