Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Ayreon
Electric Castle Live and Other Tales
Demo

Morningviews
You Are Not the Places You Live In
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

25/05/20
TILL DIE
Ruthless

25/05/20
SINISTER DOWNFALL
A Dark Shining Light

27/05/20
HELIKON
Myth & Legend

29/05/20
XIBALBA
Anos En Infierno

29/05/20
GRAVE DIGGER
Fields Of Blood

29/05/20
DEF LEPPARD
London to Vegas

29/05/20
SORCERER
Lamenting Of The Innocent

29/05/20
CENTINEX
Death In Pieces

29/05/20
ALESTORM
Curse Of The Crystal Coconut

29/05/20
PARALYSIS
Mob Justice

CONCERTI

29/05/20
RAIN + GUESTS (ANNULLATO)
BLACK DEVILS SPRING PARTY - S. GIOVANNI IN PERSICETO (BO)

29/05/20
NECRODEATH (ANNULLATO)
LEGEND CLUB - MILANO

30/05/20
MARK LANEGAN BAND (ANNULLATO)
TEATRO MANZONI - BOLOGNA

09/06/20
PERIPHERY (ANNULLATO)
ORION - CIAMPINO (ROMA)

10/06/20
IN.FEST
CIRCOLO MAGNOLIA - MILANO

12/06/20
SYSTEM OF A DOWN + KORN + GUESTS TBA (SOSPESO)
I-DAYS - AREA EXPO - MILANO

12/06/20
GUNS N` ROSES + GUESTS TBA (ANNULLATO)
FIRENZE ROCKS - VISARNO ARENA (FIRENZE)

13/06/20
AEROSMITH + GUESTS (SOSPESO)
I-DAYS - AREA EXPO - MILANO

16/06/20
STEEL PANTHER + THE WILD (SOSPESO)
ALCATRAZ - MILANO

16/06/20
DEATHLESS LEGACY
CRAZY BULL - GENOVA

Axxis - Kingdom of the Night
( 1384 letture )
Nel 1988, dopo aver spedito un demo-tape contenente solo il brano Tears of the Trees, i teutonici Axxis firmano un contratto con la prestigiosa EMI. Il loro platter di debutto, Kingdom of the Night, esce nel 1989 in Europa, Canada, Giappone, Australia e USA e vende immediatamente centomila copie, diventando il miglior album d’esordio targato Germania. Insomma, niente male per un combo appena affacciatosi sul mercato. Anche l'album successivo, II, uscito nel 1990, venderà molte copie, spinto dal videoclip di Touch the Rainbow, senza raggiungere il successo del precedente; ma questo è un capitolo a parte.

Tutte le canzoni presenti vengono scritte da Bernhard Weiss e Walter Pietsch, prodotte da Rolf Hanekamp in combutta con i due autori principali, per un coacervo heavy della durata di quasi 46 minuti. All'epoca la stampa specializzata accolse il gruppo alla grande, definendolo il meglio della scena germanica. In effetti, anche se il sound può apparire un pochino datato, nelle dinamiche e nella chiarezza (oggi si sono fatti salti siderali in avanti per quanto concerne la resa e la produzione) questo disco genera ancora parecchie scariche positive e mantiene viva l’icona di quello che era l’heavy di quel tempo. Pezzi come Kings Made of Steel, Just One Night e la title-track sono veri assalti sonori sfoderanti sostanza e potenza, la cadenzata, e più “americana” nel ritornello, Living in a World, mostra carnalità ed assonanze con i più famosi conterranei, gli eroici Scorpions. In generale, gli undici pezzi contenuti sono di qualità e presentano gli stilemi tipici del metal: chitarre serrate e cavalcanti, voce urticante ed acuta, solismo smagliante, arrangiamenti acuminati e sezione ritmica solida e granulosa. C’è spazio anche per la ballad magniloquente Fire and Ice, con tanto di acustica tirata fuori dal cassone, e ancora la sincopata Young Souls, con rullante a sparo, mentre Love Is Like an Ocean rende chiara la potenza e la versatilità live di questi ragazzi. E ancora il crescendo ottimo di The Moon dove la voce vola altissima e le chitarre ululano, poi l’originalità, la grandezza e la perizia tecnica sfoggiata in Tears of the Trees, canzone dalla quale si originò tutto il percorso del quartetto mangiacrauti. Una track magica ancora oggi con le sue diverse componenti perfettamente fuse assieme, per un risultato finale da lodi sperticate.

Si percepisce nitidamente tra i solchi il fuoriuscente, classico “gusto tedesco”, che diventerà un marchio di fabbrica per molte realtà provenienti da quelle lande, insomma, un motivo in più per riscoprire questo disco che può contare su alcuni assi nella manica. Chi non conosce gli Axxis potrà immergersi in queste atmosfere e scoprire una realtà vivida, scoppiata tra la fine degli anni Ottanta e l’inizio dei turgidi anni Novanta. Il metal di oggi è passato anche attraverso release di questa tipologia. Documento da recuperare.



VOTO RECENSORE
79
VOTO LETTORI
86 su 2 voti [ VOTA]
Aceshigh
Domenica 15 Dicembre 2019, 14.55.46
5
Rispolverato stamattina. Gran bel debut, suoni e melodie tipicamente di fine eighties, come si poteva ascoltare in tante produzioni di quegli anni. Ma pezzi come l’opener, Never Say Never, Tears of the Trees, come pure le più heavy Kings Made or Steel o Kingdom of the Night avevano una marcia in più. Voto 84
Io
Domenica 2 Ottobre 2016, 12.32.58
4
79 è un voto troppo basso
Andrew Lloyd
Domenica 28 Agosto 2016, 23.57.00
3
Gran bel disco. Godibilissimo.
InvictuSteele
Mercoledì 17 Febbraio 2016, 18.48.27
2
Questo è uno dei capolavori del melodic metal. L'album di debutto più venduto nella storia di un gruppo tedesco, perciò un successo meritatissimo. Questo è un gioiello da 90. Anche il secondo album è bellissimo, ma gli Axxis restano a galla ancora oggi.
lux chaos
Martedì 30 Giugno 2015, 1.33.48
1
Gran bel disco!
INFORMAZIONI
1989
EMI Records
Heavy
Tracklist
1. Living in a World
2. Kingdom of the Night
3. Never Say Never
4. Fire and Ice
5. Young Souls
6. For a Song
7. Love Is Like an Ocean
8. The Moon
9. Tears of the Trees
10. Just one Night
11. Kings Made of Steel
Line Up
Bernhard Weiss (Voce, Chitarra)
Walter Pietsch (Chitarra)
Werner Kleinhans (Basso)
Richard Michalski (Batteria)

Musicisti Ospiti:
Tobias Becker (Tastiere)
Werner Peters (Tastiere nella traccia 9)
Ava Cimiotti (Cori)
Frank Pieper (Cori)
 
RECENSIONI
80
68
68
79
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]