Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Falconer
From a Dying Ember
Demo

Chaosaint
In the Name of
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

14/07/20
INISANS/SEPULCHRAL FROST
Death Fire Darkness

15/07/20
EISENKULT
...gedenken wir der Finsternis

15/07/20
THE FUNERAL ORCHESTRA
Negative Evocation Rites

16/07/20
NOCTEM AETERNUS
Landscape of Discord

17/07/20
WORSHIP
Tunnels

17/07/20
THYRANT
Katabasis

17/07/20
LONELY ROBOT
Feelings Are Good

17/07/20
ZOMBI
2020

17/07/20
GUARDIAN OF LIGHTNING
Cosmos Tree

17/07/20
U.D.O.
We Are One

CONCERTI

17/07/20
GIACOMO VOLI + EMPATHICA
THE FACTORY - S. MARTINO BUON ALBERGO (VR)

23/07/20
INSUBRIA FESTIVAL
PARCO GHIOTTI - MARCALLO CON CASONE (MI)

24/07/20
INSUBRIA FESTIVAL
PARCO GHIOTTI - MARCALLO CON CASONE (MI)

25/07/20
INSUBRIA FESTIVAL
PARCO GHIOTTI - MARCALLO CON CASONE (MI)

26/07/20
INSUBRIA FESTIVAL
PARCO GHIOTTI - MARCALLO CON CASONE (MI)

29/07/20
DROPKICK MURPHYS
FESTIVAL DI MAJANO - MAJANO (UD)

07/08/20
KORPIKLAANI
MONTELAGO CELTIC FESTIVAL - SERRAVALLE (MC)

07/08/20
SUMMER METAL 2020
LONCA DI CODROIPO (UD)

08/08/20
SUMMER METAL 2020
LONCA DI CODROIPO (UD)

09/08/20
SUMMER METAL 2020
LONCA DI CODROIPO (UD)

Death Before Disco - Barricades
( 2536 letture )
I Death Before Disco sono un combo belga, che esordisce su Lifeforce con questo platter, ma era già uscito in fullenght nel 2004 con l’album Partybullet. Il gruppo propone un rock/hardcore dalle venature abbastanza marcatamente melodiche in questi 10 pezzi e non da quasi mai l’impressione di volersi allontanare più di tanto da queste coordinate di riferimento, gli arrangiamenti sono molto curati ed i pezzi variano con una certa frequenza in quanto ad atmosfera e sound: si passa con disinvoltura da parti tirate che sfiorano l’heavy a sezioni complesse ed articolate, in cui sono le dinamiche e l’alternanza dei vari suoni (pianoforte, bouzouki) a prendere la scena. Le capacità tecniche dei musicisti sono sicuramente buone e vengono spesso esaltate dai cambi improvvisi di dinamica ed atmosfera (Jaguar), soprattutto per quanto riguarda basso e batteria. Il cantato di Ioan Kaes è valido e non mancherà di trovare estimatori in giro per l’Europa, adattandosi perfettamente al tenore della proposta. L'episodio migliore del platter, oltre alla sovracitata Jaguar ci è sembrata la sesta Pyramids On Mars, in cui il combo da fondo a tutto il proprio campionario di soluzioni compositive/interpretative passando per una buona parte di interludio centrale che non mancherà di colpire un pubblico rock, anche se dovesse trattarsi di un pubblico generico, con la coerenza della melodia associata ad un incedere sempre molto “catchy” ed intelligibile. Fin qui ci siamo espressi su quelle che consideriamo le note positive del lavoro, alle quali va aggiunta una produzione sicuramente molto adatta ed un buon lavoro audio complessivo in cui si fanno rientrare gli ottimi “ingressi ed uscite” ed, in generale, le transizioni tra un “piano audio” e l’altro. Per quanto riguarda ciò che ci ha colpito di meno, si tratta soprattutto di due cose: manca il pezzo che “ti fa distogliere l’attenzione da quello che stai facendo” e ti costringe ad ascoltarlo, cosa che, in un disco tendenzialmente pop-rock, non è probabilmente una mancanza da poco, e, soprattutto, si fa una certa fatica ad arrivare “in fondo al disco”. Si possono ascoltarne due o tre tracce donandogli la giusta attenzione, ma, man mano che si procede nell’ascolto, ci si può allontanare progressivamente dalla proposta della band, ed alla fine si può avere la sensazione che, per riascoltare questo lavoro, bisognerebbe lasciarsi un appunto da qualche parte, perché difficilmente verrebbe in mente “da sé”. Anche nei momenti migliori del platter, per essere più chiari, ho avuto comunque la sensazione di aver sentito, anche nel passato recente, brani maggiormente incisivi. Tra tante cose certamente discrete non mi sembra di poterne segnalare qualcuna che riesca a lasciare il segno, e, per quanto riguarda la buona capacità di alternare le atmosfere, è una qualita ormai sufficientemente comune anche tra le band emergenti. Per chi si ritenga un estimatore del genere, questo Barricades sarà comunque un buon acquisto, ma agli altri rischierebbe di poter risultare un album pop-rock come tanti. Da ascoltare, e poi, eventualmente, acquistare.


VOTO RECENSORE
58
VOTO LETTORI
25.5 su 22 voti [ VOTA]
INFORMAZIONI
2006
Lifeforce
Rock
Tracklist
1) Etireno
2) Barricades Of Rumble
3) Full Metal Jacket
4) Jaguar
5) Goodbye
6) Pyramids On Mars
7) Matchstick Girl
8) Kill The Dancer
9) Modern Times
10) Set The Minutes

Line Up
Ioan Kaes - vocals
Ace Zec - drums, percussion, backing vocals
Frederik De Moor - guitar, bouzouki
Birger Finaut - guitar
Yannick Dumarey - bass
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]