Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Premiata Forneria Marconi
Emotional Tattoos
Demo

Cortex Complex
Memoirs of an Apocalypse
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

22/11/17
HYPERION
Dangerous Days

24/11/17
ALMANAC
Kingslayer

24/11/17
LOCH VOSTOK
Strife

24/11/17
DEGIAL
Predator Reign

24/11/17
STRAY TRAIN
Blues From Hell

24/11/17
STARBLIND
Never Seen Again

24/11/17
AETHERIAN
The Untamed Wilderness

24/11/17
DEEP AS OCEAN
Lost Hopes | Broken Mirrors

24/11/17
SCORPIONS
Born To Touch Your Feelings

24/11/17
TAAKE
Kong Vinter

CONCERTI

22/11/17
MARILYN MANSON + GUEST
PALA ALPITOUR - TORINO

22/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
SANTERIA SOCIAL CLUB - MILANO

23/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
QUIRINETTA - ROMA

24/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
ALMAGIA' TRANSMISSIONS FESTIVAL - RAVENNA

24/11/17
DESPITE EXILE
VECCHIA SCUOLA PUB - PALAZZOLO (BS)

24/11/17
BLACK STAR RIDERS
CIRCOLO COLONY - BRESCIA

24/11/17
6TH COUNTED MURDER + KALIAGE
THE ONE - CASSANO D'ADDA (MI)

24/11/17
UFOMAMMUT + GUESTS
EREMO CLUB - MOLFETTA (BA)

25/11/17
THE MODERN AGE SLAVERY + DESPITE EXILE + AMBER TOWN
LA TENDA - MODENA

25/11/17
COUNCIL OF RATS + NIDO DI VESPE + MALLOY
CASEIFICIO LA ROSA - POVIGLIO (RE)

Slayer - Live Undead
( 2154 letture )
Nel 1983 una giovane band di Los Angeles aveva rilasciato un oscuro ed inquietante album di esordio, ancora molto grezzo e fortemente ispirato dalla NWOBHM, ma che già lasciava intravedere potenzialità incredibili; l’LP era intitolato Show No Mercy e la band, naturalmente, rispondeva al nome di Slayer, oggi un’icona della scena musicale pesante, ma allora un semplice quartetto di belle speranze, formatisi oltretutto in una città molto più famosa per i suoi gruppi melodici e patinati. Per sfruttare l’onda lunga del successo dell’esordio, divenuto presto il miglior risultato della Metal Blade, i quattro giovanissimi musicisti, capitanati dall’ineffabile Tom Araya, rilasciarono prima uno splendido EP, il leggendario Haunting the Chapel, che mostrava già una netta crescita rispetto a Show No Mercy; pochi mesi dopo, invece, diedero alle stampe un live album dall’ossimorico titolo Live Undead. Benché ancora acerbo, con qualche pecca e lontano dalla maestosa malvagità del futuro Decade of Aggression, tale primissimo live di Araya e soci è nondimeno molto interessante e costituisce una piccola chicca per gli appassionati di thrash e di metal in generale.

Chiaramente, per essere un live album, Live Undead non è particolarmente lungo, anzi; le tracce in esso contenute sono appena sette, che arrivano ad undici solo prendendo in esame la futura ristampa, comprensiva di Haunting the Chapel. Lo scarso numero di tracce è facilmente spiegabile con l’esiguità del repertorio degli Slayer del 1984, ma non pensate che la brevità dell’album faccia rima con scarsa potenza: da sempre, come è noto, i quattro suonano dal vivo in modo ancor più veloce e pesante rispetto ai loro album e, naturalmente, Live Undead non fa certo eccezioni, né prigionieri. Black Magic, traccia d’apertura e classico intramontabile, è suonata infatti con una aggressività spaventosa, appena mitigata dalla voce ancora un po’ acerba del giovane Araya. Un’altra pecca, per la verità, ci sarebbe, ma la sua effettiva sussistenza è tutt’oggi oggetto di discussioni e leggende: ascoltando il pubblico in sottofondo, infatti, si ha qui e là la netta sensazione che band e spettatori non siano particolarmente affiatati, per non dire che si trovino in due stanze diverse. Per qual motivo? Ufficialmente, è chiaro, il live venne registrato a New York, quindi un po’ lontano dalla zona in cui gli Slayer si erano già fatti un nome. Ufficiosamente, leggenda vuole che in realtà l’album non venne registrato propriamente dal vivo, ma che i rumori della folla siano stati aggiunti in seguito. La voce in questione circola da tempo anche a proposito di altri album della scena metal (uno fra tutti Unleashed in the East dei Judas Priest, da alcuni eloquentemente soprannominato Unleashed in the Studio) e, appunto, è solo una voce, ma il mistero permane e fa anche un po’ parte dell’alone leggendario di certi album live. Se non si vuol dar credito o attenzione a queste dicerie, è tranquillamente possibile concentrarsi esclusivamente sulla musica, di notevole fattura anche se logicamente gli Slayer non hanno ancora prodotto i loro capolavori: Die by the Sword e The Antichrist, ad esempio, per quanto piacevoli, con il loro retrogusto squisitamente heavy suonano oggi un po’ strane se accostate al tipico thrash tiratissimo del gruppo; molto meglio, invece, va con Evil Has No Boundaries, già più accostabile ai nostri indefessi amici losangelini, ma c’è poco da fare, il meglio vien sempre alla fine (ed anche all’inizio, in questo caso, vista la grandiosità di Black Magic): Aggressive Perfector, una delle migliori tracce dei primi Slayer, è una gioia ed un dolore al tempo stesso per le orecchie, con la sua velocità pazzesca e francamente incredibile per quei tempi. Concludendo, al di là della voce qui e là ancora imperfetta del frontman, i musicisti sono impeccabili: Lombardo è già una discreta macchina da guerra, mentre King ed il compianto Hanneman sciorinano riff come se piovesse, unitamente ad assoli ancora non caratterizzati dal loro celebre stile atonale. Miglioreranno, ovviamente, ma considerato tutto sono comunque da applausi.

Live Undead, in conclusione, è un buon prodotto, molto utile per conoscere gli esordi di una delle più grandi band metal della storia; come già evidenziato non è perfetto ed i brani, per forza di cose, sono pochi e certamente non tutti classici, ma la sua violenza ed attitudine sono già considerevoli. Se siete neofiti del meraviglioso mondo targato Slayer, dunque, Live Undead potrebbe fare al caso vostro; se invece siete già grandi conoscitori dei quattro alfieri del Demonio, questo breve live e la sua fantastica copertina stile George Romero può comunque essere un valido prodotto per rituffarsi nei primordi del thrash metal. In entrambi i casi, insomma, fate vostra questa piccola gemma di violenza.



VOTO RECENSORE
75
VOTO LETTORI
91.68 su 19 voti [ VOTA]
Philosopher3185
Domenica 2 Aprile 2017, 18.24.10
21
Un bel live grezzo,tutto energia e violenza sonora!
MetallaroRosso
Sabato 12 Novembre 2016, 21.50.55
20
finalmente comprato al modico prezzo di 15,90 euro con incluso l'EP haunting the chapel, c'è poco da dire di questo album dato che ci troviamo davanti ad uno dei migliori live degli Slayer, voto 100
MetallaroRosso
Sabato 3 Settembre 2016, 22.56.10
19
devo ammettere che questo disco non c'è lo ancora, ma considerandomi un grande fan degli Slayer devo assolutamente comprarlo.
hermann
Lunedì 3 Agosto 2015, 14.25.50
18
all'epoca il negozio di dischi non fece in tempo ad esporlo che io ero gia' li x acquistarlo essendo informato tramite una fanzine di Torino dell'uscita,,, una volta funzionava così Per me erano il massimo all'epoca Voto 90
D A X
Domenica 14 Giugno 2015, 22.20.39
17
Risentito giusto ieri. Rispecchia appieno gli Slayer in live soprattutto agli inizi. Discone fondamentale! Un bel 90 se lo merita tutto
Andy Thrasher
Domenica 14 Giugno 2015, 21.24.37
16
Quanti ricordi questo disco! il mio primo gruppo metal furono gli Slayer ed anche se sono passati 10 anni sono ancora il mio gruppo preferito. Confido nel nuovo album!
michelle
Domenica 14 Giugno 2015, 20.13.37
15
ps esistono neofiti degli slayer!!!!!??????
michelle
Domenica 14 Giugno 2015, 20.12.37
14
ahahahahah ma ci siamo cascati tutti all'epoca!!!!! per il valore affettivo lo voto 100!!!! e comunque a quanto ne so le ritoccatine ai live erano abbastanza frequenti, anche su album insospettabili qualche sovraincisione c'e' quasi sempre...dell'album mi piace ancora quell'atmosfera che preannuncia quello che sarebbe venuto dopo, la ruvidezza dei pezzi e le chitarre segaossa...evil has no boundaries!!!!!!!!
Baron
Domenica 14 Giugno 2015, 13.36.45
13
@Er Trucido....ahhhh...ti giuro anche io all'epoca pensai esattamente la stessa cosa!!!il tutto lo faceva presagire....e quando in seguito scopri la vera storia mi sentii come un povero scemo!!ahhh..Comunque rimane un prodotto mitico!
AL
Domenica 14 Giugno 2015, 13.33.27
12
anche io l'ho comprato pensando a un vero live. cmq bello. per me 80 anche solo per la scaletta
Er Trucido
Domenica 14 Giugno 2015, 12.53.06
11
Ricordo ancora quando lo comprai in vinile: nella mia ignoranza di giovane che si avvicinava al metal credevo si trattasse di un live del tour di South Of Heaven, dato il titolo. Internet non esisteva e si andava un po' a sensazione e mi trovai questo live quasi primordiale rispetto a quello che verrà. Mi è un po' sceso negli anni perché lo scoprire che effettivamente è un po' farlocco mi ha un po' deluso, ma rimane comunque un piacevole ascolto, concordo con il voto di Andrea.
Baron
Domenica 14 Giugno 2015, 12.20.16
10
Tutto vero ciò che dite e che si dice su questo album....Diciamo live da studio quindi...pero sentire i pezzi tipo Evil Has no boundaries..Antichrist...Black Magic ancora più sparate delle originali e' una vera goduria. Grande album e un pezzetto di storia...la cover e' fantastica
simo
Domenica 14 Giugno 2015, 12.07.31
9
Grazie over
Nick
Sabato 13 Giugno 2015, 22.14.44
8
Che sia un vero live o meno, conta poco. Grande live, voto: 80
Metal Maniac
Sabato 13 Giugno 2015, 22.03.34
7
mi permetto di puntualizzare che "live undead" non è un titolo ossimorico, perché starebbe a significare più o meno "un non morto dal vivo" oppure "un non morto vivo"... un ossimoro è per esempio "living dead" (morto vivente)...
Overkill
Sabato 13 Giugno 2015, 13.20.49
6
Intanto complimenti per aver recensito questo bel disco. Allora, riporto le info apprese dal bootleg "Live Dead", contenente tanta roba oltre alle 7 canzoni che ci interessano (vado a memoria perchè non ce l'ho più); Live Undead è un vero live, registrato in uno studio discografico con un pochi spettatori presenti; le grida del pubblico sono state pure aggiunte nel mix finale; hanno suonato 13 canzoni, le altre 6 sono state scartate; le 7 finite su disco sono state ritoccate: cambia la sequenza, Araya ha dovuto ri incidere qualche verso, manca l'assolo di Dave Lombardo prima di Show No Mercy. Ah, dando una controllata in rete, ho visto che lo si può ascoltare su youtube.
simo
Sabato 13 Giugno 2015, 13.05.18
5
The anticrist é un capolavoro in questa versione!! Comunque avevo letto da qualche parte che c'erano voci sulla presunta falsità della dicitura "live" di questo album...qualcuno ne sa di più?
FABRYZ
Sabato 13 Giugno 2015, 12.10.10
4
Epocale,la prima parte della carriera slayeriana è forse meno considerata del trittico che è venuto dopo ma x me è allo stesso livello e live undead è una bastonata nelle gengive
Carmine
Sabato 13 Giugno 2015, 11.45.30
3
Disco grandioso!!!!! Il voto del recensoro è troppo basso.
manaroth85
Sabato 13 Giugno 2015, 10.51.53
2
grande disco!!mi piace un casino non sarà ai livelli di decade of aggression ma cattura l essenza del gruppo in quei anni! black magic e show no mercy le più riuscite! anche la copertina mi è sempre piaciuta voto 85
SNEITNAM
Sabato 13 Giugno 2015, 10.30.07
1
Era l'estate del '93 quando ho comprato la cassetta di Live Undead, in un periodo in cui presi anche quella di Hell Awaits e Show No Mercy. Ovviamente le ho ancora tutte a casa e questo live è stato il terzo in ordine che ho preso. Il live per me è fighissimo e testimonia l'eccezionale qualità che la band sfoderava anche nei live. Precisi in maniera talentuosa perché già all'inizio dimostravano un talento pauroso a 360 gradi. Grandi Slayer! E per me questo è un pezzo da 90 come minimo ma alla fine fanculo gli do 100 che se lo merita tutto
INFORMAZIONI
1984
Metal Blade Records
Thrash
Tracklist
1. Black Magic
2. Die by the Sword
3. Captor of Sin
4. The Antichrist
5. Evil Has no Boundaries
6. Show No Mercy
7. Aggressive Perfector
Line Up
Tom Araya (Voce, Basso)
Kerry King (Chitarra)
Jeff Hanneman (Chitarra)
Dave Lombardo (Batteria)
 
RECENSIONI
78
78
87
60
60
77
90
96
100
98
92
75
75
82
ARTICOLI
17/07/2016
Live Report
SLAYER + AMON AMARTH + THE SHRINE
Ippodromo delle Capannelle, Roma, 12/07/2016
12/11/2015
Live Report
SLAYER + ANTHRAX + KVELERTAK
Alcatraz, Milano (MI) , 05/11/2015
18/06/2014
Live Report
SLAYER + ANTHRAX
Live Club, Trezzo sull'Adda (MI), 15/06/2014
21/06/2013
Live Report
SLAYER
Atlantico Live, Roma, 17/06/2013
08/03/2013
Articolo
SLAYER
Silent Scream - L'analisi dei testi
04/09/2011
Articolo
SLAYER
I serial killer nei testi della band
13/06/2011
Articolo
SLAYER
La biografia, seconda parte
29/05/2011
Articolo
SLAYER
La biografia, prima parte
22/05/2011
Articolo
SLAYER
Jeff Hanneman, la biografia
04/05/2011
Articolo
SLAYER
Kerry King, la biografia
29/04/2011
Articolo
SLAYER
Dave Lombardo, la biografia
07/04/2011
Live Report
SLAYER + MEGADETH + SADIST
Atlantico, Roma, 03/04/2011
29/03/2011
Articolo
SLAYER
Tom Araya, la biografia
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]