Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Tremonti
A Dying Machine
Demo

Sault
Seeds of Power
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

29/06/18
BRUCE DICKINSON
Scream for me Sarajevo

29/06/18
BARROS
More Humanity Please...

29/06/18
TREVOR AND THE WOLVES
We Are Masnada

29/06/18
THRONEUM
The Tight Deathrope Act Over Rubicon

29/06/18
MUTILATE
Tormentium

29/06/18
EVERSIN
Armageddon Genesi

06/07/18
RUNESPELL
Order of Vengeance

06/07/18
KISSIN DYNAMITE
Ecstasy

06/07/18
ATROCITY
Okkult II

06/07/18
LUCIFER
Lucifer II

CONCERTI

25/06/18
BELPHEGOR + MELECHESH + GUESTS
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

26/06/18
PARKWAY DRIVE + THY ART IS MURDER + EMMURE
IPPODROMO CAPANNELLE - ROMA

26/06/18
PEARL JAM
STADIO OLIMPICO - ROMA

26/06/18
SHINEDOWN
SANTERIA SOCIAL CLUB - MILANO

27/06/18
SHINEDOWN
ROCK PLANET - PINARELLA DI CERVIA (RA)

28/06/18
BILLY IDOL
ARENA LIVE - PADOVA

28/06/18
ALICE IN CHAINS
SHERWOOD FESTIVAL - PADOVA

28/06/18
MEGADETH + KILLSWITCH ENGAGE
IPPODROMO CAPANNELLE - ROMA

28/06/18
CHURCH OF MISERY
SANTERIA SOCIAL CLUB - MILANO

28/06/18
EYEHATEGOD + CHURCH OF MISERY + SELVA + VISCERA ///
SANTERIA SOCIAL CLUB - MILANO

Necrowretch - Putrid Death Sorcery
( 773 letture )
La cultura death metal in Francia non è mai riuscita a spiccare come quella black che nel corso degli anni ha avuto modo di partorire numerosi nomi più o meno validi. Ci sono state diverse band a produrre metal a tinte estreme nei primi ’90, ma tra i nomi possiamo ricordarne solo una manciata fra questi, certamente Massacra, Catacomb e Krhoma Death, tanto per citarne solo alcuni, ma sono anch’esse band che hanno avuto vita breve.
Con il revival attuale che il death metal sta vivendo, tra nuove leve e chiacchierate reunion, è sacrosanto parlare di questo nuovo duo, marcio e totalmente old-school, che seguo dal primo demo, dedito alla prima corrente americana composta da Possessed, Death, Necrovore e Morbid Angel, ma che strizza l'occhio anche ai nomi black/death svedesi dell'epoca, con un vocalism acido e malato, uno screaming che fa rabbrividire sin dalla prima traccia, ma andiamo con ordine.
I Necrowretch nascono nel 2008 dalla mente di Vlad, voce e chitarra del gruppo e dopo i primi due demo partecipano all’edizione 2010 del Killtown Deathfest in Danimarca, insieme ai Nominon e a tanti altri gruppi dell’attuale scena estrema come Anatomia, Undergang, Miasmal, Burial Invocation e molti altri. Successivamente, entrano nel roster della Detest Records, label attualmente ferma, ma che si è dedicata notevolmente alle nuove leve del settore, producendo gruppi quali Stench of Decay, Cryptborn, Beyond, Swallowed e molti altri, la quale oltre a dare alle stampe il primo EP Putrefactive Infestation, pubblica nel 2011 una compilation in cui è presente tutto il materiale tratto dai primi due demo e rivolta solo ai collezionisti, infatti viene pubblicata solo in versione cassette.
Tuttavia, terminata l’esperienza con la Detest Records, è la Century Media Records ad interessarsi della band di Valence, una label assolutamente importante e che si è sempre dedicata alle sonorità estreme, la quale li prende in custodia per la pubblicazione del qui analizzato Putrid Death Sorcery, anno 2013.
La band non ha perso assolutamente la brutalità dei primi vagiti, infatti alcune tracce qui presenti, Necrollections e Repugnizer, sono riprese dai primissimi lavori, rimanendo fedeli alla prima scuola del genere e senza nascondere una vena thrash ferale e spietata, possessediana per intenderci, strizzando l’occhio in maniera lieve anche alla prima scuola svedese e ai già citati Death. Un disco veloce e grezzo, con uno screaming inquietante, malato, che non lascia alcuna via di scampo.
Il disco non è perfetto e nonostante duri relativamente poco, circa 35 minuti, sono presenti alcuni momenti stancanti, per l’eccessiva ripetitività delle canzoni fra loro, è un disco death metal ferale e violento, ma una versatilità maggiore, magari qualche rallentamento più vigoroso tra le tracce non avrebbe stonato, spiccano indubbiamente l’opener, Impious Plague in Catacomb, Spewed from Hell e The Anthropomancer, è un disco che va preso così com’è, con estrema attitudine rivolta ai deathsters più oltranzisti, violenza cieca e senza attimi di respiro, un disco adatto a chi maggiormente mastica questi suoni e non a chi predilige una certa melodia o comunque modernità.
Questa release li ha fatti certamente apprezzare ancor più dall’Europa estrema, tant’è che successivamente hanno partecipato ad altri festival prettamente underground, spicca infatti la loro recente partecipazione all’acclamato Deathcult Open Air in Germania. Performance che gli ha permesso di avere una discreta importanza tra i gruppi emergenti, il che fa ben sperare per la loro attività e ad avere magari una maggior fortuna rispetto ai colleghi d’annata citati in apertura.
Con il nuovo full length appena pubblicato vedremo se i nostri hanno preso una strada più melodica e ragionata, senza rinunciare comunque all'irruenza del death metal.



VOTO RECENSORE
78
VOTO LETTORI
0 su 0 voti [ VOTA]
INFORMAZIONI
2013
Century Media Records
Death
Tracklist
1. Ripping Souls of Sinners
2. Purifying Torment
3. Goat-Headed
4. Putrid Death Sorcery
5. Impious Plague in Catacombs
6. Spewed from Hell
7. Defiler of Sacrality
8. The Anthropomancer
9. Soiled into a Crypt
10. Necrollections
11. Repugnizer
Line Up
Vlad - Voce, Chitarra
Amphycion - Basso
Mörkk - Batteria
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]