Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Falconer
From a Dying Ember
Demo

Chaosaint
In the Name of
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

09/07/20
NUCLEAR WINTER
StormScapes

10/07/20
VISION DIVINE
The Perfect Machine (ristampa)

10/07/20
DAWN OF ASHES
The Antinomian

10/07/20
ENUFF Z`NUFF
Brainwashed Generation

10/07/20
ENSIFERUM
Thalassic

10/07/20
SHINING BLACK
Shining Black

10/07/20
MARK SPIRO
2 + 2 = 5 - Best of & Rarities

10/07/20
KIKO LOUREIRO
Open Source

10/07/20
TOKYO MOTOR FIST
Lions

10/07/20
EXECUTIONERS MASK
Despair Anthems

CONCERTI

06/07/20
DEEP PURPLE + GUESTS (SOSPESO)
BOLOGNA SONIC PARK - ARENA PARCO NORD - BOLOGNA

06/07/20
FAITH NO MORE (SOSPESO)
IPPODROMO SNAI SAN SIRO - MILANO

06/07/20
MARKY RAMONE + WAHNSINN + RUNN + THE VORTICOUS (SOSPESO)
DRUSO - RANICA (BG)

08/07/20
THE DEAD DAISIES (SOSPESO)
LIVE CLUB - TREZZO SULL'ADDA (MI)

08/07/20
GUANO APES + LACUNA COIL (SOSPESO)
PARCO DELLA CERTOSA - COLLEGNO (TO)

13/07/20
KISS (SOSPESO)
ARENA - VERONA

23/07/20
INSUBRIA FESTIVAL
PARCO GHIOTTI - MARCALLO CON CASONE (MI)

24/07/20
INSUBRIA FESTIVAL
PARCO GHIOTTI - MARCALLO CON CASONE (MI)

25/07/20
INSUBRIA FESTIVAL
PARCO GHIOTTI - MARCALLO CON CASONE (MI)

26/07/20
INSUBRIA FESTIVAL
PARCO GHIOTTI - MARCALLO CON CASONE (MI)

Spazztic Blurr - Before... And After
( 1337 letture )
Si può giudicare l'idiozia? Una bella domanda considerando che ogni giorno veniamo a contatto con essa. Eppure l'idiozia umana non smette mai di stupire, non solo nella vita di tutti giorni, ma anche come nel nostro caso, in musica.

La nostra storia ha inizio negli Stati Uniti a metà anni '80. Un periodo in cui un genere come l'hardcore/punk stava lentamente fondendosi alle sonorità più violente del metal estremo. Band come D.R.I., i quali pubblicarono nel 1985 il loro "primo" lavoro Dealing With It! presso la Death Records, M.O.D., Cryptic Slaughter, S.O.D. e Corrosion of Conformity, reduci entrambi nello stesso anno dall'uscita di Speak English, Or Die! e Animosity, e Crumbsuckers stavano spuntando come funghi sotto l'ascella puzzolente di quell'ipocrita società statunitense protestando al grido di Fuck the system, they can't have me! I don't need society!. Ma il 1985 fu soprattutto l'anno della fondazione da parte di un uomo chiamato Digby "Dig" Pearson di una delle più importanti etichette discografiche della musica estrema: la Earache Records. Etichetta che ha dato origine e vita al mostro del metal moderno: il grindcore.

In questo calderone surriscaldato di giovani ribelli incazzati, c'era un altro gruppo che ha voluto dare sfogo alla loro lucida ignoranza, non tanto nell'andare contro il sistema quanto nel volerne fare una totale parodia. Spostiamoci nell'estremo nord della West Coast, in Oregon a Portland. Due ragazzi di nome Tito "Tape Head" Matos e Dave "Booger Bass", assieme a Marco "Sharko" ed Eric French decisero un giorno, mentre gustavano un bell'hamburger di manzo fra le sudicie mura di un Burger King, di formare il side-project del loro gruppo principale, reso successivamente noto al pubblico sulla copertina dell'album Shark Attack!: gli Spazztic Blurr. Gli Spazztic Blurr sono il side-project dei Wehrmacht dove militavano il chitarrista Marco "Sharko" e il cantante Tito "Tapehead". Un progetto nato principalmente dalla voglia di divertirsi e dal tentativo di rifuggire dalla monotonia quotidiana.
Nessuno ai tempi avrebbe mai scommesso che dalla follia di questi ragazzi sarebbe nato uno dei grandi classici del genere, ma come anticipato all'inizio di questa recensione: l'idiozia umana non ha limiti. Infatti dopo aver dato ampiamente prova delle loro capacità e della loro "genialità" attraverso un album come Biermächt, i nostri eroi, o almeno una parte di questi, avevano pubblicato un altro lavoro sotto il moniker Spazztic Blurr, con un titolo che non sembra lasciare troppa fantasia alle interpretazioni (e vi posso garantire che la fantasia è l'ultima cosa da giudicare in un gruppo come questo), ma che tuttavia rende perfettamente l'idea del loro stile non tanto musicale quanto di vita. Before and... After, o noto anche con il titolo di Befo Da Awbum è l'unico album del gruppo pubblicato presso la neonata Earache Records nel 1988, lo stesso anno di un certo Reek of Putrefaction e un anno dopo un certo Scum. Come sottolineato nella recensione di Biermächt, qui gioca da complice la componente ilarità, ergo non aspettatevi picchi di tecnicismo a livello compositivo o artistico perché questo non è assolutamente un album da prendere seriamente.

La traccia d'apertura Blurr Hogs presenta i membri con un intro fatto di vocalizzi e versi simili a quelli di Beaker, l'assistente pasticcione del Dr. Honeydew del gruppo di pupazzi The Muppets. Da ciò è ben deducibile la serietà contenuta nell'album. Before... And After è un lavoro di pura demenza unita all'aggressività del thrash, al furore e alla velocità di pezzi molto vicini alle sonorità grindcore, il tutto giocato su cambi di ritmo a mo' di parodia e scherzo alla Mucky Pup come nel caso di Def Metal o Mexicalli...., ripresi inoltre nelle indicazioni su libretto:

(Total Death Metal Drum Intro)
(Weak Guitar, Heavy Guitar Weak Guitar, Heavy Guitar, Weak Guitar...)

(Death Metal Growl)
(Fast part)
(Distorted Guitar, Acoustic Guitar, Distorted Guitar, Acoustic Guitar... GONG)
(Some Italian shit that Marco said that means something vulgar)


Tuttavia non sono solo i frequenti cambi di tempo a dare quella sensazione di vivacità e caos. Infatti anche i riferimenti ai personaggi dei cartoni come Braccio di Ferro e i Flinstones nelle tracce Bedrock Blurr e Call In Sick, entrambe prese dalla demo dell' '86, danno idea della loro creatività, alternando momenti di totale imbecillità come nella ripetizione dell'alfabeto a ritmo di blast beat e giri di basso in ABC's o nella semi-ballad dedicata a Marco, He-Not-A-Home, e ancora nell'omaggio al grande "Spaceman" Ace Frehely nell'assolo di chitarra di Ace.
Come si può giudicare un album simile da un punto di vista tecnico? E' chiaro che la serietà non sia certo il fine principale del gruppo, infatti non è da escludere che dopo vari ascolti alcuni pezzi risultino puerili. Tacendo il loro carattere volutamente demenziale, nelle tracce si possono ritrovare la spinta energica caratteristica dello stile dei Wehrmacht, perfettamente resa non solo dall'esposizione del loro disinteresse totale per le etichette come nel brano Images, in cui prendono in giro non solo i rappers e i rockers bensì anche la loro stessa categoria metal e hardcore, o sfoggiando il loro libero fancazzismo attraverso le parole di Let There Be Blurr:

Way beyond speed!
Spazztic Blurr!!!
There is no cure!!
For the Spazztic Blurr!!


Non c'è cura alla pazzia.

Before... and After non è un disco che ha fatto la storia, tenendo presente da un lato della cerchia molto ristretta di ascoltatori, dei metodi di produzione e soprattutto del periodo in cui è stato pubblicato, oltre che della notorietà dal progetto principale. Nonostante questi fattori, l'album si presta su buoni livelli sia da un punto di vista tecnico nel suo stile apparentemente molto semplice da un punto di vista energico in puro stile crossover anni '80. Un concentrato spazzoso che, seppur non splendente di idee e contenuti, non manca dell'adrenalina dettata dai ritmi, dalla follia e dall'immaginazione degli stessi componenti.
E questo fu il loro unico album prodotto... Almeno fino alla loro recente reunion.

Si può giudicare l'idiozia? Io l'ho fatto, ora sta a voi e ricordatevi:

If 'yre serious, you lose!



VOTO RECENSORE
79
VOTO LETTORI
82 su 1 voti [ VOTA]
paju
Lunedì 25 Maggio 2020, 1.31.38
5
ho rispolverato il vinile poco fa.. grande e divertente!!!
d.r.i.
Giovedì 9 Luglio 2015, 19.36.58
4
Non mi esprimo sono di parte (per il cd)
Unia
Sabato 4 Luglio 2015, 18.56.44
3
@LAMBRU: ne ho già discusso con il tuo collega di loffe (più esperto di lui...) @Alcibiade: grazie, spero la rece sia servita.
Alcibiade70
Domenica 28 Giugno 2015, 11.20.27
2
Bella idea rispolvero il vinile e me lo ascolto
LAMBRUSCORE
Sabato 27 Giugno 2015, 12.07.16
1
Scusa Unia, il primo dei D.R.I. non è Dealing with it ma Dirty Rotten ep.... comunque ho visto che hai messo le virgolette, ahahaha
INFORMAZIONI
1988
Earache Records
Crossover
Tracklist
1. Blurr Hogs
2. Images
3. ABC's
4. Spazztic Puke
5. Fuck Yeah
6. Bouge Jonzin
7. Call in Sick
8. Bedrock Blurr (live)
9. He-Not-A-Home
10. Unless...
11. Let There Be Blurr
12. Ace
13. Def Metal
14. Mexicalli....
Line Up
Tito "Tape Head" Matos (Voce)
Marco "Sharko" Zorich (Chitarra)
Dave "Booger Bass" Merrick (Basso)
Eric "Burger King" French (Batteria)
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]