Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Helloween
United Alive in Madrid
Demo

Freakings
Rise of Violence
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

17/10/19
SHRINE OF INSANABILIS
Vast Vortex Litanies

17/10/19
SHRINE OF INSANABILIS
Vast Vortex Litanies

17/10/19
MAESKYYRN
Interlude

17/10/19
BREAK ME DOWN
The Pond

18/10/19
UNAUSSPRECHLICHEN KULTEN
Teufelsbücher

18/10/19
HOLY SERPENT
Endless

18/10/19
KONKHRA
Alpha and the Omega

18/10/19
DEEZ NUTS
You Got Me Fucked Up

18/10/19
NEGATOR
Vnitas Pvritas Existentia

18/10/19
INFECTED RAIN
Endorphin

CONCERTI

17/10/19
BLACK FLAG - ANNULLATO
Teatro della Concordia - Torino

17/10/19
THUNDERMOTHER
LEGEND CLUB - MILANO

18/10/19
BLACK FLAG - ANNULLATO
ORION - ROMA

18/10/19
PINO SCOTTO
STAMMITCH TAVERN - CHIETI

18/10/19
TIDES FROM NEBULA + GUESTS
HT FACTORY - SEREGNO (MB)

18/10/19
STAGE OF REALITY + NEW DISORDER + WHITE THUNDER
TRAFFIC LIVE - ROMA

18/10/19
SHORES OF NULL + SEDNA
BIKE BAR CINETICO - CERVIA (RA)

19/10/19
BLACK FLAG - ANNULLATO
RIVOLTA - VENEZIA

19/10/19
NODE
CENTRALE ROCK PUB - ERBA (CO)

19/10/19
SKELETOON + GUESTS
DAGDA LIVE CLUB - RETORBIDO (PV)

Chainsheart - Leaving Planet Hell
( 1471 letture )
Ci sono band che credono davvero, fino in fondo, in quello che fanno. Ci sono band che, senza essere trascendenti, hanno comunque un certo mestiere. Ci sono band che però mancano di quel “quid” in grado di proiettarle davvero in alto. Ci sono band che saranno destinate al limbo per sempre. Ci sono band che sono arrivate fuori tempo massimo. Tutte queste considerazioni, qualcuna più e qualcuna meno, sono attribuibili alla proposta musicale dei ciprioti Chainsheart, arrivati al secondo full length con Leaving Planet Hell.

Riassumiamo brevemente: riffing corpulento, voce tenorile a tinte settantiane, batteria scarna e pesante, linee vocali semplici e fortemente melodiche, assoli “basic”; buon impasto energetico contrapposto a un impasto compositivo deficitario. Di band come i Chainsheart ce ne sono forse a milioni. Di quei milioni, almeno qualche migliaio fa quello che fanno i Chainsheart meglio dei Chainsheart. Al quintetto cipriota mancano, clamorosamente: personalità, perizia tecnica, originalità, coesione, inventiva, a volte addirittura intonazione e amalgama-infra-strumentale. Così non si va lontano. Leaving Planet Hell sembra un prodotto underground degli anni 80, anche per la brutta produzione, che butta malamente in primo piano chitarra ritmica e voce per sacrificare tutto il resto. Male anche le linee vocali di Sawa, sbilenche, cantate così così e caratterizzate da lyrics da scuola media. Bene, come già detto, il piglio generale della band, che crede in quello che fa fino allo sfinimento. Ma non basta. Anche perché Leaving Planet Hell, con il suo minutaggio non troppo sotto l'ora, allo sfinimento può portare, eccome. Abbiamo di fronte un disco confusionario, ingenuo, che sa tanto di replica non riuscita dei miti a cui i Chainsheart si rifanno senza troppi sotterfugi (Scorpions, Saxon, Judas, Whitesnake). La classe è troppo lontana da quella dei padri del genere: l'impressione è quella di uno studente di un'accademia di disegno che cerca di rifare la Cappella Sistina utilizzando delle matite spuntate e dei fogli di carta stropicciati. Gli appassionati delle sonorità a cavallo tra hard rock e metal, d'altra parte, potrebbero comunque trovare qualche isolato momento di appagamento in un disco che in conclusione è però drammaticamente fuori fase. Per il titolo di canzone più rappresentativa e meglio riuscita del lotto andiamo con l'opener Soul Kingdom (azzeccato il riff portante, brano che va dritto al punto e non scricchiola quasi in nessun frangente). Un intero album ai livelli della traccia di apertura sarebbe stato di ben altro profilo rispetto a quello che abbiamo fattivamente in mano. Se non altro nelle pieghe della prima parte del disco si può intravedere un certo quantitativo di potenziale inespresso.

I Chainsheart, come già detto, allo stato attuale sono una band da limbo. Con questo secondo album il Pianeta Inferno non l'hanno lasciato proprio per nulla. Il Paradiso è ancora lontano e non abbiamo motivo di credere che i cinque ciprioti lo raggiungeranno presto.



VOTO RECENSORE
58
VOTO LETTORI
0 su 0 voti [ VOTA]
INFORMAZIONI
2015
Pitch Black Records
Heavy
Tracklist
1. Soul Kingdom
2. Breeze
3. Flames That Rise
4. Mystery
5. Final Destination
6. Return to the Stage
7. Points of You
8. Never Stand Still
9. Dangerous Drop
10. Journey
11. The Spell
Line Up
Yiannis Sawa (Voce)
Kikis Apostolou (Chitarra)
Alex Chamberlain (Chitarra)
Paris Lambrou (Basso)
M.G. (Batteria)
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]