Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Asphyx
Necroceros
Demo

Profanity (GER)
Fragments Of Solace
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

25/01/21
YOTH IRIA
As the Flame WIthers

29/01/21
WILSON
Thank You, Good Night. Live

29/01/21
NIGHTFALL
Eons Aura (EP Reissue)

29/01/21
EXIMPERITUS
Šahrartu

29/01/21
NIGHTFALL
Athenian Echoes (Reissue)

29/01/21
NIGHTFALL
Macabre Sunsets (Reissue)

29/01/21
WEREWOLVES
What a Time to be Alive

29/01/21
NIGHTFALL
Parade Into Centuries (Reissue)

29/01/21
CELLAR TWINS
Duality

29/01/21
OCEANA
The Pattern

CONCERTI

06/02/21
MAGNUM + GUEST TBA (CANCELLATA)
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

11/02/21
VENOM INC. + GUESTS
TRAFFIC CLUB - ROMA

12/02/21
VENOM INC. + GUESTS
THE FACTORY - S. MARTINO BUON ALBERGO (VR)

13/02/21
VENOM INC. + GUESTS
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

17/02/21
IMONOLITH + TBA
BARRIO'S CAFE - MILANO

18/02/21
IMONOLITH + LOGICAL TERROR
MK LIVE - CARPI (MO)

19/02/21
THE DEAD DAISIES
LIVE CLUB - TREZZO SULL'ADDA (MI)

20/02/21
ANCIENT + GUESTS
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

21/02/21
TURMION KATILOT
LEGEND CLUB - MILANO

26/02/21
ATHEIST + CADAVER + SVART CROWN + FROM HELL
REVOLVER CLUB - SAN DONA' DI PIAVE (VE)

Dead Summer Society - …So Many Years of Longing…
( 1563 letture )
…So Many Years of Longing.. è la seconda release per i Dead Summer Society, one man band del molisano Emiliano Santoro, in arte Mist, che in passato ha già militato come chitarrista nei corregionali How Like a Winter.
Il master mind sceglie di farsi affiancare da un nutrito stuolo di collaboratori, soprattutto per il comparto vocale: accanto a Trismegisto, singer dei Cult Of Vampyrism, non nuovo a questo ruolo, troviamo anche Antonio Cantarin e due artisti nordamericani, James Hawkins degli As Autumn Calls e Tim Rowland dei Woccon ai quali si affiancano due voci femminili, quelle della svedese Ann-Mari Thim (ex Arcana) e Graziana Oddo dei siciliani Rètina. Si avvale inoltre, come unico supporto strumentale, del contributo di Roberto Alfieri al basso, tenendo per sé il resto della strumentazione che utilizza con competenza, brillando in particolare alle sei corde, che sono senza dubbio il suo punto forte.
In verità è proprio il settore più nutrito ad essere forse il meno significativo: le voci maschili risultano ordinarie sia nel growl che nel cantato pulito mentre quelle femminili, sebbene declinate in modi decisamente canonici, danno comunque esiti più apprezzabili.
Detto questo, tale debolezza non giunge a danneggiare l’opera, vi si inserisce semmai con una capacità mimetica esemplare: d’altronde per trasmettere quella specifica gamma di emozioni sonore le voci funzionano, l’importante è non chieder loro più di quel che possono dare.
Il piacere dell’ascolto, che non sfiorisce nemmeno al suo ennesimo ripetersi, è senz’altro merito delle doti compositive dell’autore e dell’ispirazione potente che lo guida.
Le prime gli permettono di creare composizioni di ampia durata che si svolgono con coerenza e fluidità, che non s’inceppano mai, come meccanismi perfettamente oleati. Ma tale è il controllo che egli è capace di esercitare sulla materia sonora che riesce al contempo a dar vita anche a brani essenziali, che beneficiano di una tempistica perfettamente calibrata: un esempio principe è la splendida ballata gotica Failure, dalla struggente melodia impreziosita da una voce femminile assolutamente di pregio, benché ortodossa come d’altronde la song stessa.
L’ispirazione possente guida Mist in un terreno che gli è congeniale e che potremmo definire come una sorta di blackgaze “sui generis”, con decisi influssi doom e gothic che gli conferiscono un’intensa aura di malinconia. Di fatto l’andamento tipico del genere che vede avvicendarsi momenti più atmosferici ad altri più aspri propende in …So Many Years of Longing.. per l’aspetto più intimistico, dispiegandosi nell’accurata descrizione di paesaggi sonori rarefatti, colmi di una struggente vena nostalgica che prende talvolta inflessioni oniriche e che pur avendo un prevalente andamento carsico sa innalzarsi fino all’urlo rabbioso.
Nonostante la preponderanza dei toni malinconici il disco non è affatto monotono, la tessitura sapiente dei brani contempla l’alternanza e la giustapposizione delle nuance coloristiche secondo un gusto raffinato, delicato e preciso come il lavoro di un miniatore.
Non è necessario citare un brano piuttosto che un altro, siamo al cospetto di un’opera sapiente, incredibilmente matura che si apre al nostro ascolto con la magnificenza ed al contempo il fascino ipogeo, misterioso di un fiore di orchidea. A somiglianza della terra d’origine del suo autore, ricca di umori eppure schiva, dove il silenzio penetra fin nelle radici delle cose e delle persone generandovi una forza interiore del tutto peculiare, profonda, concentrata e cupa.



VOTO RECENSORE
80
VOTO LETTORI
0 su 0 voti [ VOTA]
INFORMAZIONI
2015
Rain Without End Records
Gothic / Doom
Tracklist
1. So Many Years
2. Coldness Gods
3. It Devours my Faith
4. Some Peace to Feel
5. Longing
6. Shatters
7. State of Waiting
8. Every Death is Certain
9. A Winter Day
10. Failure
11. Desperate Sun
12. Stalemate
Line Up
Mist (tutti gli strumenti)

Musicisti Ospiti:
Trismegisto (Voce)
James Hawkins (Voce)
Tim Rowland (Voce)
Antonio Cantarin (Voce)
Ann-Mari Thim (Voce)
Graziana Oddo (Voce)
Roberto Alfieri (Basso)
 
RECENSIONI
75
ARTICOLI
04/10/2012
Intervista
DEAD SUMMER SOCIETY
Una grigia, riflessiva e triste stagione della vita
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]