Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Premiata Forneria Marconi
Emotional Tattoos
Demo

Cortex Complex
Memoirs of an Apocalypse
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

24/11/17
ALMANAC
Kingslayer

24/11/17
AETHERIAN
The Untamed Wilderness

24/11/17
DEEP AS OCEAN
Lost Hopes | Broken Mirrors

24/11/17
STRAY TRAIN
Blues From Hell

24/11/17
WILDNESS
Wildness

24/11/17
LOCH VOSTOK
Strife

24/11/17
TAAKE
Kong Vinter

24/11/17
HOUSTON
III

24/11/17
STARBLIND
Never Seen Again

24/11/17
SCORPIONS
Born To Touch Your Feelings

CONCERTI

24/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
ALMAGIA' TRANSMISSIONS FESTIVAL - RAVENNA

24/11/17
DESPITE EXILE
VECCHIA SCUOLA PUB - PALAZZOLO (BS)

24/11/17
BLACK STAR RIDERS ----> ANNULLATO!
CIRCOLO COLONY - BRESCIA

24/11/17
6TH COUNTED MURDER + KALIAGE
THE ONE - CASSANO D'ADDA (MI)

24/11/17
UFOMAMMUT + GUESTS
EREMO CLUB - MOLFETTA (BA)

24/11/17
INDACO + MOUNTAINS OF THE SUN
COMUNITA' GIOVANILE - BUSTO ARSIZIO (VA)

24/11/17
SHAMELESS + TUFF
DEDOLOR - ROVELLASCA (CO)

25/11/17
THE MODERN AGE SLAVERY + DESPITE EXILE + AMBER TOWN
LA TENDA - MODENA

25/11/17
COUNCIL OF RATS + NIDO DI VESPE + MALLOY
CASEIFICIO LA ROSA - POVIGLIO (RE)

25/11/17
PROSPECTIVE + UNDERTHEBED + OBSCURAE DIMENSION
CENTRO GIOVANILE CA' VAINA - IMOLA

Paradise Lost - The Plague Within
( 7273 letture )
Ogni tanto ne capitano, di ascolti che non vorresti anatomizzare, la cui dissezione razionale già sai che non farà avvicinare né te né i lettori al Daimon dell’opera, all’essenza che lo permea e lo sostanzia e che arriva invece più integralmente per vie tutt’altro che logiche.
Quello che puoi fare, di fronte al dovere di recensirli, è evitare di ostentare dotti confronti, di definire rigide coordinate temporali o stilistiche e di tentare invece di adattare la tua lingua alla fiamma sacra, il tuo contenuto alla forma dell’opera senza tuttavia appesantirla con sterili artifizi retorici, intraprendendo un processo di avvicinamento attraverso la mimesi più che esegetico.
Ora, tutti noi conosciamo i Paradise Lost, come pure la risolutezza con la quale hanno sempre seguito l’ispirazione del momento, perseguendo cambiamenti stilistici anche quando non convenivano loro in termini di popolarità. Questo solido bagaglio in nostro possesso ci aiuta immensamente, perché ci permette di dire brevemente quanto le recenti esperienze artistiche di Nick Holmes coi Bloodbath e soprattutto di Greg Mackintosh con il suo side project death/doom Vallenfyre abbiano ricondotto spontaneamente la band alle sue origini più estreme, quelle dell’esordio Lost Paradise ma anche di Gothic e Shades Of God, insomma di tutti quei lavori che precedono Draconian Times e la sua netta svolta stilistica.
In The Plague Within sono prevalenti i linguaggi death e doom che descrivono con un’accensione d’inusitato vigore scenari trasudanti cupezza. Ma il disco non si esaurisce certo in questo: le chitarre sanno tanto sferzare quanto trascinarsi con andatura greve, come pure muoversi più morbidamente incarnando quell’elegante lirismo gotico che è sempre stato un tratto distintivo del gruppo di Halifax e che qui si sostanzia, tra l’altro, in malinconici passaggi affidati al decadente gemito degli archi; il growl di Holmes, ora più sicuro di sé ed espressivo, si alterna al sempre splendido cantato pulito ed ai cori essenziali e puntuali che sottolineano i momenti più emotivamente pregnanti senza enfatizzarli oltre misura.
Quello che commuove di questo album è la freschezza e la profondità dell’ispirazione, sovrana nel suo imporsi, grazie alla quale le song si susseguono ciascuna con una propria indole ben definita, con un modo tutto peculiare di farci immergere nella piaga del dolore umano, lentamente o d’un tratto, con tetra e materica pesantezza, con un impeto che toglie il respiro o sussurrando sul nostro volto acceso, affaticato la tenue brezza di un motivo saturo di melanconia, per i pochi secondi di un estatico struggimento.
Prova della somma maestria e della finissima sensibilità cui giungono i Paradise Lost in questa esplorazione musicale -a dispetto di quello che potrebbe sembrare un linguaggio meno complesso rispetto ad altre fasi della loro carriera- è che tale alternanza non si traduce mai in spaesamento per l’ascoltatore; questa forza plumbea e scabra non offende neanche per un istante con iniqua violenza il cuore umano ed i terreni melmosi che si attraversano con animo grave non arrestano mai definitivamente il passo, pur rallentandolo talvolta fino allo spasimo; ci si sente semmai sospinti dentro una sorta di maelstrom, talora accompagnati da un vago senso di vertigine, talaltra appesantiti ma non schiacciati da una cognizione della sofferenza umana che si esprime in suoni che penosamente avanzano come maree debilitanti. Ma che non rinnegano mai la speranza, celata proprio in quegli struggenti passaggi d’archi, in quei cori, in quelle chitarre che il tocco sapiente delle dita rende cedevoli.
Al centro del maelstrom vi è una tregua, simile ad un requiem: ecco, questa profonda, densa consapevolezza dell’umano patire innalza The Plague Within a vette altrimenti inarrivabili.
L'artista è forse l'uomo meno consapevole di sé. I suoi contenuti interiori passano direttamente nelle sue opere attraverso un processo che spesso è del tutto inconscio, mai razionale, mentre sulla forma egli esercita e sperimenta la forza del suo ego talvolta ipertrofico. Sono poi i fruitori a leggervi significati profondi che sono individuabili proprio perché lui li lascia latenti. Anche in quelle espressioni artistiche nelle quali l'inconscio è riconosciuto come un elemento fondante, l'artista suggerisce sottovoce, ambiguo e mimetico, il senso plurimo dei suoi segni.
I segni sonori che sostanziano The Plague Within contengono ombre ed oscurità che non solo gli conferiscono spessore, ma lo rendono un capolavoro: capolavoro perché aperto al nostro attribuirgli innumerevoli sensi, che la musica evoca pur non definendoli. Siamo oltre il death/doom delle origini, sicuramente più ingenuo, in un ritorno che ha la profondità di tutti i più mitici Nostos.



VOTO RECENSORE
90
VOTO LETTORI
86.6 su 50 voti [ VOTA]
diego
Martedì 31 Ottobre 2017, 19.36.47
55
cioè fatemi capire questo album lo valutate 90 e draconian tiems 83? invertite i voti...
dead again
Mercoledì 28 Giugno 2017, 12.46.48
54
Na bomba sto disco piu' lo ascolto e piu' mi allippa!!!!!! GODURIA.......
Buried Alive
Domenica 18 Giugno 2017, 19.06.31
53
Quando nel 2015 te ne esci con un album gothic-doom-death è perchè proprio te ne sbatti del mercato e delle mode ma vuoi solo fare musica. Come da sempre fanno, tra l'altro. Maestri.
Make Metal Great Again
Martedì 30 Maggio 2017, 20.56.31
52
Tra questo, Tragic Idol e FDU-DUS faccio davvero fatica a scegliere. Secondo i miei gusti, preso atto che i dischi post In Requiem sono meno importanti di Draconian Time e Gothic dal punto di vista storico, preferisco il nuovo corso del gruppo di Halifax. Gli ultimi 3 sono da lacrime.
Doom
Martedì 14 Marzo 2017, 14.32.42
51
Davvero un gran rientro...tra gli ultimi e' sicuramente il migliore. Gruppo che sta attraversando una seconda giovinezza grazie anche ai vari side projects dei componenti. Appunto in un pezzo come Flesh from bone esce fuori tutta l'anima nera principalmente di Gregor Mackintosh che sfoga nei suoi grandi Vallenfyre...ma anche gli ultimi Bloodbath dove ha cantato Nick. Un grande gruppo
Pacino
Lunedì 26 Dicembre 2016, 11.02.08
50
finalmente l'ho preso, tra una storia e l'altra avevo optato per altri acquisti ultimamente, che dire, miglior disco da Draconian Times, 90 anche per me. Un chiaro ritorno alle origini, su cui hanno influito i progetti Death Metal di Holmes e Mackintosh.
InvictuSteele
Venerdì 17 Giugno 2016, 11.23.43
49
Il 2015 ha visto il ritorno di tantissime band leggendarie, molte delle quali sono le mie preferite, alcune mi hanno deluso altre mi hanno soddisfatto, ma The Plague Within è l'unico che mi ha fatto gridare al capolavoro. Sicuramente il disco più bello dell'intero anno, i Paradise Lost hanno stracciato tutti. Da In Requiem hanno ricominciato a sfornare roba stratosferica, raggiungendo la perfezione con Tragic Idol, album che può tranquillamente essere considerato tra i migliori, se non il migliore di sempre, siamo ai livelli di Icon o Draconian Times, e The Plague Within ha la stessa qualità. Un gioiello che a distanza di un anno ancora ascolto tantissimo. Spero che i PL continuino su questa strada. Confermo il voto: 90
Rob Fleming
Mercoledì 3 Febbraio 2016, 13.04.48
48
Sbalorditivo. Uno dei loro album più belli. Talmente bello che - per i miei gusti - nemmeno il growl mi urta. Uno dei migliori album del 2015
AL
Martedì 2 Febbraio 2016, 10.04.45
47
Dura lotta con il predecessore. fino a pochi giorni fa preferivo Tragic Idol ma ora devo dire che questo è un grandissimo album. Doom death da capolavoro. si percepisce veramente un senso opprimente nella musica e nella voce ma direi che sono tornati quelli degli inizi. tutti i pezzi hanno qualcosa di particolare. in alcuni passaggi mi risultano ancora un po’ ostici ma perché il genere che propongono non è proprio il mio preferito però loro lo sanno suonare perfettamente. voto: 85
Toskij
Martedì 3 Novembre 2015, 20.51.36
46
Album molto bello (da 85 in su), comprato prima di vederli in concerto, apprezzato nell'esecuzione secca, essenziale e potente dal vivo, riascoltato dopo il concerto. Conosco solo i Paradise Lost degli ultimi 5 album, e già fatico a dire quale sia il migliore tra "In Requiem", "Faith Divides Us" e questo "The Plague Within". Posso solo dire che mi sono entrati nel cuore e che pezzi come "No Hope In Sight", "Return To The Sun" e "Victim Of The Past" sono di grandissimi qualità e a mio parere ispiratissimi. Secondo me un album genuino, che non vuole fare il ruffiano.
AL
Lunedì 2 Novembre 2015, 9.57.36
45
ascoltato per ora solo una volta ma 'sti cazzi che musica!
TheGodfather
Mercoledì 14 Ottobre 2015, 10.55.02
44
Non so se lo preferisco a Tragic Idol, soprattutto perché il growl in certi punti mi sembra un po' forzato e "dimostrativo" se si capisce ciò che intendo. Però resta un grandissimo cd, ennesima dimostrazione della piena rinascita creativa di una band che in realtà, anche nei periodi più controversi, ha sempre avuto parecchio da dire. Voto 88 e top 10 annuale ipotecata...
Steelminded
Mercoledì 16 Settembre 2015, 23.04.50
43
Ci ho messo diversi ascolti in questo caso per assimilarlo, ma alla fine posso dire che veramente merita. Molto cupo, molto pessimista, molto oscuro - doom a tratti. Bello. Voto mio: 80.
Goths
Venerdì 21 Agosto 2015, 12.13.13
42
...veramente di gran classe, disco bellissimo!
Kenos
Venerdì 31 Luglio 2015, 16.07.20
41
In questo album non c'è assolutamente nulla fuori posto, e allo stesso tempo ci hanno infilato un po' di tutto (il monolite doom/death, la cavalcata thrashy, il pezzo più rockettaro, i brani più maestosi e gotici), quindi per alcuni potrebbe sembrare un disco troppo calcolato e di mestiere. Io credo che loro non abbiano più nulla da dimostrare a nessuno, questo è un disco che hanno fatto in primis per se stessi: avevano voglia di fare un salto indietro nel tempo e hanno colto il momento giusto per farlo - già con Faith e Tragic Idol si erano appesantiti parecchio, ma se il primo era un ottimo richiamo ai tempi di Icon e Draconian Times il secondo mi aveva oltremodo annoiato per la monotonia di fondo... problema completamente ovviato con questo nuovo gioiellino, vario, grezzo al punto giusto, e sempre ispirato! Tra gli ascolti dell'anno, senza dubbio.
Punto Omega
Mercoledì 29 Luglio 2015, 10.05.59
40
Premetto col dire che adoro Icon, però Holmes in quel album non è ancora un cantante che sa sfruttare la sua voce come si deve, negli ultimi lavori la sa gestire divinamente. Spostandoci sull'annosa questione del voto invece dico che in casi come questo è problematico: ci troviamo dinnanzi ad un album formalmente perfetto che però non aggiunge nulla di nuovo a ciò che già è stato detto nel passato. Quindi sicuramente non merita un 95-99 ma un voto da 90-94 senza ombra di dubbio. La stessa cosa vale per Tragic Idol (almeno questa è la mia opinione).
metallo
Martedì 28 Luglio 2015, 15.02.22
39
mah! a me la seconda parte di Icon mi lascia altri effetti emotivi, la riascolto sempre volentieri anche se non cosi' immediata, cosa che non mi succede qui purtroppo, per me questo lavoro oscilla tra tra 78 e 82, non riesco ad andare oltre questo range, questione di gusti, ma provero' a riascoltarlo fra qualche mese, per mio parametro valutativo capolavoro e' un disco dal 94-95 in su, e qui a mio modesto parere siamo lontani da quelle cifre, ma ripeto che si tratta solo della mio opinione personale e di approccio mentale al gruppo, e massimo rispetto alla recensione e a chi la pensa diversamente, e comunque rimane nonostante gli anni che passano una delle migliori e meno banali band ancora in circolazione.
InvictuSteele
Martedì 28 Luglio 2015, 14.48.35
38
Nemmeno per me è un capolavoro assoluto, secondo me si perde nella seconda parte e, come ho già detto, diventa troppo statico, inoltre non mi piace il suono della batteria, ma resta un disco da almeno 85 di voto. Del resto anche Icon secondo me si perde nella fase finale, le ultime canzoni mi stancano perché si allunga la pappa, perciò sono entrambi album della madonna ma con dei difetti e ciò non ne fa capolavori assoluti o perfetti. Però il livello si eguaglia.
metallo
Martedì 28 Luglio 2015, 14.38.39
37
Gothic, Icon, Draconian , One Second sono capolavori assoluti, questo buon disco, ma l'eccezionalità del capolavoro proprio non riesco a trovarcela, opinione personale ovviamente.
InvictuSteele
Martedì 28 Luglio 2015, 14.35.57
36
Ma infatti c'è questa concezione in ambito metal che i primi e storici album siano per forza migliori rispetto a quelli più recenti. Per me non è mai stato così, spesso lo è ma non sempre, potrei fare l'esempio di tante band che pubblicano album migliori oggi rispetto al passato. Non per forza "i primi tre album sono i migliori" solo perchè considerati importanti, erano altri tempi e la musica aveva un'altra funzione ragazzi... Tornando ai Paradise Lost, io credo che Faith unites us - Death divides us, Tragic Idol e The plague within non hanno nulla da invidiare ai classici della band. Sono dello stesso livello.
entropy
Martedì 28 Luglio 2015, 13.48.41
35
@punto omega volevo scrivere la stessa cosa.. ci pensavo l'altro giorno! icon e draconian sono belissimi album e sicuramente considerando l'epoca e l'originalità hanno un importanza maggiore degli utlimi album. Però a livello di qualità pura, credo anche io che gli ultimi siano migliori, che se venisse un alieno e gli si chiedesse un paragone puro tra gli album, finirebbe col preferire i più recenti. Cmq grande band!
Punto Omega
Martedì 28 Luglio 2015, 11.32.08
34
In tutta sincerità: questo e il suo predecessore rappresentano il miglior periodo in assoluto del gruppo albionico. L'illustre passato era sicuramente più originale (d'altronde i Paradise Lost diedero le coordinate stilistiche ad un intero genere), però la qualità degli ultimi lavori è più elevata. Già, sono convinto che Tragic Idol e The Plague Within superino Draconian Tomes, Icon, Shades of God e Gothic, pur avendo questi ultimi un'importanza storica maggiore. Il mio giudizio per l'album recensito non può dunque che essere uno: capolavoro.
enry
Sabato 25 Luglio 2015, 18.16.38
33
Giasse, se proprio devo scegliere metto un pelo sopra questo, ma giusto un pelo...Quello che trovo sopravvalutato invece e' In Requiem, sicuramente non da 85...
Giasse
Sabato 25 Luglio 2015, 17.32.57
32
Enry, concoedo su tutto pero' secondo me questo e TI sono meglio di FDUDUU. No?
enry
Sabato 25 Luglio 2015, 17.26.34
31
Non lo so se e' migliore dei due precedenti, quello che so e' che siamo al terzo grande disco consecutivo, chi ha amato i primi tre dischi difficilmente resterà deluso...quasi da lacrime pezzi come No hope in sight, Beneath broken Earth, An eternity of lies, ma tutto il disco viaggia che e' una meraviglia. A chiudere il cerchio l' ottima prova di Holmes per un disco che e' il più crudo e Doom degli ultimi 20 anni o forse più. Applausi a scena aperta. PS bella recensione.
Giasse
Sabato 25 Luglio 2015, 16.15.47
30
Disco ottimo. Mi sta piacendo molto!
Theo
Sabato 25 Luglio 2015, 15.31.31
29
Piaciuto tantissimo anche a me... Non so se effettivamente migliore di Tragic o Faith Divides, per questo non avrei dato 90 personalmente, tuttavia il voto non è campato per aria perché la qualità è davvero alta. Bravissimi, non è una novità, ma in alcuni punti mi hanno davvero sorpreso. Concordo in pieno (punticini nel voto a parte) con la bella bella recensione.
Salvo
Mercoledì 22 Luglio 2015, 23.40.02
28
@AkiraFudo Alla faccia dei giudizi risibili, rispettivamente 79, 81 e 83
AkiraFudo
Mercoledì 22 Luglio 2015, 18.49.30
27
...il disco è a parer mio bellissimo, e come sempre per loro, cresce con gli ascolti... non so se meriti 90, ma l'anomalia non è tanto il voto a questo quanto i giudizi risibili affibbiati a CAPOLAVORI come Gothic, Icon e Draconian Times... cara redazione ci vorrebbe una correzione
Arrraya
Mercoledì 22 Luglio 2015, 15.27.31
26
Fango@ in questo caso non è detto che sia un male. La band ha dimostrato in passato di osare, e parecchio. Sono rare le band metal con una discografia cole quella dei PL.
metallo
Mercoledì 22 Luglio 2015, 15.20.22
25
Galilee concordo con quanto hai scritto, gli Entombed hanno ispirato molto e molti , hanno lasciato molte influenze con il loro death groove-stoner metal e con il loro death' n' roll travolgente, dall'hardocore svedese e generale ai Carcass, fino ad arrivare ai Cannibal Corpse.Per quanto rigurada questomalbum anche per me come gia' detto, non mimrisualta a mio modestomparere un capolavoro, e un 90 per me anche e' eccessivo, l'albume' ben fatto e c'e' classeve professionalita' , ma anche tanta esperienza e avarizia di novita' e di fare qualcosa che non si sia gia' sentito, ripreto anche se ben fatto non mi convince appieno e troppe le influenze musicali esterne onriprese dal loro vecchio repertorio, comunque meglio loro che tanta robaccia che honsentito ultimamente, se non altro fannomsempre le cose fatte bene e professionalmente ineccebibili, ma capolavoro direi proprio di no.
Salvo
Mercoledì 22 Luglio 2015, 14.51.25
24
per me hanno sfornano un capolavoro,
uatu
Mercoledì 22 Luglio 2015, 13.54.02
23
Premesso che l'album è buono e che devo assimilarlo ancora, direi che però un 90 mi pare eccessivo, se si guarda alla tabella di destra laddove a Draconian Times e Icon sono stati dati degli 80. Insomma a mio parere ci vorrebbe un po' più di oggettività e di prospettiva storica nelle valutazioni...
galilee
Mercoledì 22 Luglio 2015, 13.29.28
22
Caro Metallo, gli Entombed hanno ispirato un mondo di band, ma molti non l'hanno ancora capito. Comunque questo disco come il il predecessore spacca. Il fatto è che i Paradise lost fanno le cose col cuore. Però voto esagerato. Recensione invece ottimamente scritta.
TheEnd
Mercoledì 22 Luglio 2015, 12.45.37
21
Il compromesso tra il Death-Doom delle origini e il Gothic Metal della seconda era. Le migliori canzoni sono An eternity of lies e Victim of the past.Il voto oscilla tra l'88 e il 90 e quest'album si puó benissimo contendere il posto come migliore dell'anno.
Markus
Mercoledì 22 Luglio 2015, 8.44.44
20
Voto finalmente all'altezza per un album che più lo ascolti più lo ami,grandissimi.
fango
Martedì 21 Luglio 2015, 21.41.53
19
Arrraya@tatico:Che non è soggetto o sensibile a movimento o a mutamenti....non me ne volete,ma per me è un album noioso....salvo solo la stupenda An Eternity Of Lies...
Malvo
Martedì 21 Luglio 2015, 21.30.16
18
Già i singoli mi avevano incuriosito, album che lancia uno sguardo al passato ma con un sound possente e maturo. Arrangiamenti essenziali, raffinati, con semplicità riescono creare atmosfere incredibili. Voce impressionante e voto meritato.
entropy
Martedì 21 Luglio 2015, 19.40.36
17
Non mi interessa tanto stabilire quale sia il voto giusto per quest'album,(di certo però da 80 in su) ma voglio sottolineare che con questo i nostri ci regalano la quarta perla consecutiva, forti di un songwrting incredibilmente ancora fresco, considerando che non si può definire esattamente innovativo o originale. Davvero complimenti a questa immensa band.
metallo
Martedì 21 Luglio 2015, 18.55.12
16
Correggo , la canzone degli Entombed a cui hanno ammiccato e' out of hand, ma non si son limitati solo a quella, anche punishment through time e Cry Out sono debitrici verso le sonorita' degli Entombed, evidentemente questa band li "ispira" molto, un po troppo secondo me , per una band che fa della originalitaed evoluzione musicale una sua bandiera, lo sto riascoltando per la settima volta e per mio modo di vedere mi convinco sempre di piu' che potevano sforzarsi molto mma molto di piu', 78/80.
Baron The Red
Martedì 21 Luglio 2015, 18.22.13
15
A me l'albume' piaciuto ...lo sto ascoltando parecchio...Mi ha fatto piacere abbiano riabbracciato sonorità più dure...Pero nonostante tutto ad onor del vero penso che non sia un capolavoro e 90 mi sembra tanto. Ma alla fine il tutto e' soggettivo e va bene cosi...Diciamo che personalmente un 80 pieno per me ci sta...pure qualcosina in più perché sono loro. Tutto il mio rispetto per loro.Grandi Paradise lost.
metallo
Martedì 21 Luglio 2015, 18.03.50
14
Non voglio dire che sia un album di mestiere ne che sia un album cerchiobottista, lungi da me dal dirlo,ma certamente avranno voluto accontententare il maggior numero di seguaci vecchi e nuovi, si sente sia il voler ritornare al passato con sonorità stile Icon e Lost Paradis, gothic e Draconian Times e sia il riprendere discorsi musicali degli ultimi lavori, il tutto sempre concepito , prodotto ed eseguito in ottima fattura e qualità, certo non mancano le altalene e qgli ali e i bassi, ma con l'esperienza se la son cavata anche stavolta, bellissimi alcuni assoli di chitarra e ben congegnata la voce di Holmes che ha saputo giocarla bene tra gutturale e pulito, ben strutturate le ritmiche, buon songwiting, ma, c'è un ma, che a mio modesto parere rigurda proprio il sound "gotico", che non mi convince ancora del tutto, potevano strutturarlo molto meglio secondo me, e renderlo molto più accattivante e dinamico, meglio invece sul versante doom death dove ci hanno lavorato megli secondo me, per me e' un album come la copertina, un vero giano bifronte musicale, un lavoro bicefalo non facile da capire e assimilare, canzoni come no hope in sigth, beneath broken earth, victim of the past, flesh from bone e return to the sun sono molto belle , ma non mi è piaciuto invece lo strizzare trooppo l'occhio, o pardan l'orecchio ad altre bands come in terminal (amon amarth in generale e "out of end" degli entombed o come in aethernity of lies(moonspell) e qualcosa dal doom old school, avrebbero potuto sforzarsi un po di più per far girare la calamita sonora sul lato attrattivo, per me per ora 80.
ObeYM86
Martedì 21 Luglio 2015, 17.57.17
13
Grandissimo disco,non so se da 90 ma davvero bellissimo
draKe
Martedì 21 Luglio 2015, 16.50.25
12
non è "più" o "meno" vera...una è legata prettamente alla musica l'altra più alle emozioni che essa fa scaturire: due facce della stessa medaglia!
Dany71
Martedì 21 Luglio 2015, 16.15.42
11
Appena letta la vera recensione. Complimenti.
draKe
Martedì 21 Luglio 2015, 16.15.16
10
....complessivo 8
Ad astra
Martedì 21 Luglio 2015, 16.14.04
9
"L'artista è forse l'uomo meno consapevole di sé. I suoi contenuti interiori passano direttamente nelle sue opere attraverso un processo che spesso è del tutto inconscio, mai razionale, mentre sulla forma egli esercita e sperimenta la forza del suo ego talvolta ipertrofico. Sono poi i fruitori a leggervi significati profondi che sono individuabili proprio perché lui li lascia latenti. Anche in quelle espressioni artistiche nelle quali l'inconscio è riconosciuto come un elemento fondante, l'artista suggerisce sottovoce, ambiguo e mimetico, il senso plurimo dei suoi segni.". Una delle recensioni più belle e sentite che abbia mai letto. Giusta ed imparziale... Chapeau flo.concordo in tutto.
draKe
Martedì 21 Luglio 2015, 16.11.09
8
tanti l'han sognato, pochi ci hanno creduto, eppure eccolo qui! nonostante Holmes si ostini a dire che quest'album non va a chiudere il cerchio della produzione paradiselostiana di un'intera carriera e che invece è un punto di partenza per una prossima metamorfosi, di fatto è innegabile che ogni brano qui contenuto vada a pescare dalle diverse parentesi di stile toccate nel loro passato, esordi compresi. Questo non vuol dire che abbiano partorito un album mediocre o raffazzonato, anzi, le song sono ben composte, ben prodotte (il sound è tipicamente PL e grazie al diavolo c'è spazio per la dinamica!) e ben suonate, ma il tutto a discapito dell'omogeneità che generalmente ci si aspetta di sentire all'interno di un album, e alla quale tra l'altro ci avevano ben abituato! in questo senso sembra più un "the best of" o un tributo alla carriera, ma oggettivamente la qualità di questo disco e l'ispirazione vengono preservate: c'è poco da fare, questi musicisti hanno una vena artistica unica e trasformano in oro ogni nota suonata e registrata, riuscendo ancor oggi a fare scuola e ad imprimere un ben distinto marchio di fabbrica! Credo quindi che avrà un buon successo perchè c'è pane per tutti i fan di vecchia, media e ultima data! La novità più grande è indubbiamente il ritorno in pompa magna delle growling vocals di Holmes capace di sfoderare una prestazione da lacrime e da urlo, varissima nei timbri e sempre affascinante nelle linee melodiche delle accattivanti parti in cleaning...emozionante e camaleontico!!!...ottime le lyrics anche se non capisco dov'è l'ottimismo di cui parla nell'intervista (??), ma c'è dell'altro a sorprenderci, e alla fine sono tanti i momenti in cui sale dalla schiena un brivido che si trasforma in pelle d'oca! Non c'è nulla fuori posto, di Holmes ho già detto, Mackintosh produce melodie lancinanti a profusione, Aedy eleva riffs sanguinolenti con il solito gusto inimitabile, Edmonson fa pulsare il suo basso suonato "a dita" creando un groove vivo in accoppiata con un Adrian Erlandsson in buona vena alla batteria. Ci sarebbe molto da dire sui singoli brani, ma mi limito a scrivere un rapido commento track-by-track: "no hope in sight" è la classica gothic-song dal lento incedere targata PL che ci fa sentire subito a casa e che ci tranquillizza sullo stato di salute della band, insomma, un'ottima opener; la epica e diretta "terminal" invece ci spiazza perchè spinge sull'acceleratore della doppia cassa e sulla melodia death delle chitarre al punto tale che pare di essere di fronte ad un brano degli Amon Amarth; "an eternity of lies" sembra invece rubata ai Moonspell d'annata, quelli più malinconici e dark; "punishment through time" potrebbe essere stata incisa nelle sessions di Draconian Times; "beneath broken earth" è una perla nera di pesantissimo doom-death che ci catapulta negli anni novanta quando a farla da padrone con i PL c'erano band quali My Dying Bride ed Anathema (signore/i...che lyrics, che interpretazione!!!); "Sacrifice The Flame" torna a toccare le corde più prettamente gothic con il suo incedere lento, cadenzato e disperato, forte di un apporto orchestrale piuttosto massiccio che intesse cupe atmosfere; "Victim Of The Past" è il momento più sperimentale del disco dove rabbia e disperazione lasciano spazio a tratti più eterei ed intimisti sempre coadiuvati dalle atmosferiche orchestrazioni; "flesh from bone" è la mazzata death old school che non ti saresti mai aspettato di sentire, soprattutto dopo il primo maligno minuto di introduzione...eppure è proprio quello che esce dalle casse(leggasi blast-beats!?!)!, un po' Vallenfyre e un po' Bloodbath ad onor del vero; poi arriviamo agli opposti: "cry out" è una song easy-listening molto heavy di stampo classico al punto tale da sembrare quasi una cover di qualche gruppo degli anni ottanta in salsa Paradise, con una prima parte addirittura vicina allo stoner(?!), mentre la conclusiva "Return To The Sun" è una marcia apocalittica con una parte centrale melodica e un finale solenne. A mio giudizio quest'album nonostante non inventi nulla è di una maturità impressionante anche se più difficile da assimilare! Vive in una sorta di limbo in quanto non ha consequenzialità diretta con gli immediati predecessori (e un po' mi spiace che non abbiano continuato sulla scia degli ultimi tre stupendi lavori più diretti ed accattivanti dove Makintosh disegnava sempre melodie e Aedy solo ritmiche di gran classe...) e va a ripescare tanti elementi del passato!...sicuramente ha degli alti e bassi, ma se tutti i gruppi che decidono di rivisitare il loro passato riuscissero ad eguagliare il lavoro dei Nostri non ci si potrebbe di certo lamentare! I brani più riusciti: "No hope in sight", "punishment through time", "beneath broken earth", "victim of the past". Ora hanno infinite porte aperte e sarà bello vedere quale direzione prenderà la band in futuro! grazie di esistere, Maestri!!! Voto comples
Arrraya
Martedì 21 Luglio 2015, 16.02.40
7
Fango@ cosa intendi per statico? che definizione dai alla parola in relazione a questo album?
freedom
Martedì 21 Luglio 2015, 15.46.48
6
Voto meritato, grande album.
Dany71
Martedì 21 Luglio 2015, 15.42.11
5
Statici? Doom.
fango
Martedì 21 Luglio 2015, 15.23.01
4
Nettamente inferiore a Tragic Idol.... troppi brani lenti e statici che annoiano...voto 75
InvictuSteele
Martedì 21 Luglio 2015, 14.53.49
3
Magnifico, finalmente sono tornati alle sonorità degli esordi. Da In requiem in poi i Paradise Lost non hanno più sbagliato. Non ho mai apprezzato la fase intermedia troppo leggera e pensavo si fossero perduti, invece dimostrano di essere ancora grandi. Questo The plague withing ne è la conferma, bello bello anche se si perde un po' nella seconda parte con brani forse troppo statici, ma è poca cosa. Una bomba dello stesso livello del precedente Tragic idol, voto 87
Mic
Martedì 21 Luglio 2015, 14.28.51
2
Io sono uno di quelli che non apprezza la fase compresa tra One Second e In Requiem. La rinascita della band raggiunge l'apice con quest'ultimo disco, davvero intenso. Per me un 95
Masterburner
Martedì 21 Luglio 2015, 13.56.10
1
Se non è un capolavoro poco ci manca; sicuramente il miglior lavoro dei Nostri in questo millennio; ispiratissimo e vario nel songwriting, riesce ad osare su vari aspetti (tipo la rockeggiante Cry Out, proprio non me l'aspettavo). Mi sono preso il boxset deluxe a scatola chiusa, ma sinceramente non mi aspettavo un disco di tale livello e un'ispirazione così alta dopo tutti questi anni di carriera. Mi inchino.
INFORMAZIONI
2015
Century Media Records
Gothic / Doom
Tracklist
1. No Hope in Sight
2. Terminal
3. An Eternity Of Lies
4. Punishment Through Time
5. Beneath Broken Earth
6. Sacrifice The Flame
7. Victim Of The Past
8. Flesh From Bone
9. Cry Out
10. Return To The Sun
Line Up
Nick Holmes (Voce)
Gregor Mackintosh (Chitarra Solista e Tastiere)
Aaron Aedy (Chitarra Ritmica)
Stephen Edmondson (Basso)
Adrian Erlandsson (Batteria)
 
RECENSIONI
74
90
88
80
85
60
78
78
77
82
83
81
78
79
80
ARTICOLI
06/11/2017
Intervista
PARADISE LOST
47 anni all'anagrafe, 13 sul palco
01/11/2017
Live Report
PARADISE LOST + PALLBEARER + SINISTRO
Phenomenon, Fontaneto D'Agogna (NO), 28/10/2017
07/11/2015
Live Report
PARADISE LOST + LUCIFER
Live Club, Trezzo sull'Adda (MI), 02/11/2015
13/01/2010
Live Report
PARADISE LOST + SAMAEL
Paradisi perduti, occasioni sprecate
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]