Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Falconer
From a Dying Ember
Demo

Chaosaint
In the Name of
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

13/07/20
AGONY FACE
IV Time Totems

14/07/20
INISANS/SEPULCHRAL FROST
Death Fire Darkness

15/07/20
EISENKULT
...gedenken wir der Finsternis

15/07/20
THE FUNERAL ORCHESTRA
Negative Evocation Rites

16/07/20
NOCTEM AETERNUS
Landscape of Discord

17/07/20
KANSAS
The Absence of Presence (Nuova data)

17/07/20
THYRANT
Katabasis

17/07/20
WORSHIP
Tunnels

17/07/20
SERENE DARK
Enantiodromia

17/07/20
ZOMBI
2020

CONCERTI

13/07/20
KISS (SOSPESO)
ARENA - VERONA

17/07/20
GIACOMO VOLI + EMPATHICA
THE FACTORY - S. MARTINO BUON ALBERGO (VR)

23/07/20
INSUBRIA FESTIVAL
PARCO GHIOTTI - MARCALLO CON CASONE (MI)

24/07/20
INSUBRIA FESTIVAL
PARCO GHIOTTI - MARCALLO CON CASONE (MI)

25/07/20
INSUBRIA FESTIVAL
PARCO GHIOTTI - MARCALLO CON CASONE (MI)

26/07/20
INSUBRIA FESTIVAL
PARCO GHIOTTI - MARCALLO CON CASONE (MI)

29/07/20
DROPKICK MURPHYS
FESTIVAL DI MAJANO - MAJANO (UD)

07/08/20
KORPIKLAANI
MONTELAGO CELTIC FESTIVAL - SERRAVALLE (MC)

07/08/20
SUMMER METAL 2020
LONCA DI CODROIPO (UD)

08/08/20
SUMMER METAL 2020
LONCA DI CODROIPO (UD)

Lamb Of God - VII: Sturm Und Drang
( 11448 letture )
Quando metti il piede in una buca nascosta e precipiti per metri e metri in un baratro senza fondo, vedi nero e cerchi la luce per farti accecare, cerchi l’acqua per tentare un ultimo disperato tentativo di tuffo, cerchi una folata di vento che ti porti dove non esistano lo spazio e il tempo ma questi non arrivano, sappi che c’è sempre un modo. C’è sempre una via d’uscita ed un ramo a cui appenderti. Non servono iride e cristallino per vederlo, non serve la luce. È tutto dentro di te. Scava bene nelle viscere, fatti aiutare da chi ti conosce e aggrappatici. Questo ramo si chiama passione: ciò che lega le decisioni ed i processi del nostro cervello con le emozioni del cuore. Ora rileggete tutto il discorso mettendo al posto della parola "passione" la parola "musica", il senso rimarrà intatto. Tutto questo Randy Blythe lo sa bene, dato che è lui il protagonista della recensione e di VII: Sturm Und Drang, ultimo album dei Lamb Of God. Per capire meglio di cosa stia parlando è bene sapere che il cantante venne arrestato nel 2012 con l'accusa di aver ucciso un ragazzo spingendolo dal palco durante un concerto di due anni prima. Il ragazzo è deceduto dopo due settimane dal concerto in questione. Il 5 marzo 2013 Randy Blythe è stato assolto da tali accuse. Da quei giorni passati in carcere e quella tempesta di emozioni prende vita VII: Sturm Und Drang e se l’intelletto me lo concede tenterò di spiegarvelo. 48 minuti di musica senza soluzione di continuità distribuiti lungo dieci canzoni, qui è già la prima questione. Se avete apprezzato e vi siete persi dentro Resolution, scordatevelo. Sono due cose diverse; la lunghezza è minore e minore è il numero di tracce. Tutto dunque è più compatto e monolitico come non avveniva dai (bei) tempi di Wrath.

Si inizia con Still Echoes che è probabilmente il brano più brutale di tutto l’album, una mazzata nei denti assurda con la sezione ritmica sugli scudi mentre le chitarre disegnano riff perfetti e variegati, scordatevi pure il collo dopo aver ascoltato questo brano. Subito dopo troviamo Erase This, altro brano dalla forza d’urto devastante, che fonda la sua potenza nel chorus da urlare a squarciagola, sul finale troviamo due assoli di chitarra bellissimi, uno dei quali prodotto col talk-box, che da un tocco orientaleggiante al brano. Perla. La musica d’introduzione è finita, le mazzate assassine stanno per lasciare spazio allo spettacolo. Testi, musica e video. Mai questi tre fattori erano stati così legati per descrivere qualcosa di esistente nella vita di chi li ha creati: il dramma di un uomo che si trova incolpato di qualcosa che manco ricorda e si sente in colpa. Quell’uomo è lì, sul palco che canta le parole che ha scritto lui stesso con la rabbia di chi ha appena fatto qualche passo nell’inferno.

"My hands are painted red
My future's painted black
I can't recognize myself,
I've become someone else
My hands are painted red."

"Le mie mani sono dipinte di rosso
Il mio futuro è dipinto di nero.
Non so riconoscere me stesso
sono diventato qualcun altro
Le mie mani sono dipinte di rosso."


Il ritornello di 512 è qualcosa che vorresti cantare ma sai che non è il caso, quelle non sono parole date all’umanità affinché le faccia proprie, sono parole urlate, vomitate solo da chi le ha partorite e vuole farcele ascoltare così, per essere salvato da noi, i suoi rami. Il video alterna sequenze recitate da ragazzi che rinvengono il cadavere di una giovane e trovano l’assassino ad altre in cui la band suona, emblematica la scena finale in cui il gruppo produce le ultime note e poi si guarda stremato, non è finzione, è musica che puoi sentire lungo la schiena. Embers vede i Lamb Of God alle prese con la prima collaborazione dell’album. Dopo un inizio tiratissimo come solo i nostri sanno fare grazie ad un lavoro chitarristico eccelso si arriva allo stacco in cui si insinua un mellifluo riff di basso: qui la band decide di mutare il proprio stile per adattarsi a qualcosa di nuovo; ad annunciarla è l’urlo feroce di Randy Blythe sul quale si insinua la voce angelica di Chino Moreno. La musica ringrazia per questi 5 minuti di estasi. Dopo un brano denso di rabbia ferina come Footprints troviamo un’altra sorpresa. Questo è il disco del coraggio, in cui il gruppo si fa altro da sé per capire meglio se stessi e i propri limiti: Overlord ci mostra una band che sa anche rallentare e avere momenti di alta liricità con Randy Blythe che canta in modo melodico, giusto un paio di minuti, prima di esplodere nella parte più brutale del platter. Brano multiforme e di difficile digestione ma ottimo nel suo incedere. Engage the Fear Machine parla dei telegiornali e dei programmi televisivi che fomentano paura e negatività, ritornello bellissimo e lavoro chitarristico allucinante con il riff principale che viene eseguito ogni volta con effetti diversi, canzone spaccaossa. Dopo un altro pezzo dalla rabbia ancora sconosciuta agli altri comuni mortali troviamo il brano conclusivo: Torches che vede i cori e le voci secondarie a cura del cantante dei The Dillinger Escape Plan. La song parte piano per sfociare in tanti riff molto fangosi, molti cambi di tempo e alternanza tra mid-tempo e arpeggi rendono il brano particolare e maestoso: degna chiusura per quest’album.

I pilastri portanti del penultimo disco Resolution erano varietà e fredda brutalità, qui compattezza e emozione regnano sovrani. Questo album spicca nella discografia del gruppo perché aggiunge cuore alle sfuriate fredde e distaccate di chi giudica, perché aggiunge cose che non erano mai state osate dalla band. Aggiunge il cuore di chi è passato attraverso un vortice e se lo ritrova in gola. Un disco che non stanca mai e ti fa stare in ansia per tutta la durata, con Randy che con la propria voce ti accompagna nei meandri più bui della società e (per la prima volta) di se stesso; per lui è senza dubbio la miglior prestazione di sempre. Quest’album ci dimostra ancora una volta come i Lamb Of God siano una perla inscalfibile del panorama metal e come la loro freschezza sia sempre quella dei primi album. Ascoltando questo platter ti rendi quasi conto di come i membri della band siano fatti gli uni per gli altri e la canzone sia tutto, sbagliarla equivale a morire. E i Nostri sono vivissimi. VII: Sturm Und Drang è il rilancio di un uomo che vuole far spaventare gli altri, tenendo però ancora qualche fiches davanti a sé. VII: Sturm Und Drang è il tutto per tutto di una band che vuole riecheggiare nell’eternità del metal ma mantiene quel pizzico di timore che la rende umana; e gli umani sanno fare errori, grattacieli, musica e miracoli. Sì, anche miracoli.
Se sei l’Agnello di Dio puoi.



VOTO RECENSORE
86
VOTO LETTORI
77.48 su 111 voti [ VOTA]
Replica Van Pelt
Mercoledì 18 Marzo 2020, 18.28.00
51
Saranno questi giorni cupi che non mi invogliano ad ascoltare (nella giusta predisposizione) qualcosa di nuovo,ma non mi convincono,ci sento troppe influenze di generi diversi ma niente di personale,cioè scorre ma non lascia nulla.60 ma è solo una mia considerazione.
Macca
Mercoledì 18 Marzo 2020, 14.16.45
50
Riascoltato qualche giorno fa, confermo che per me è sul podio tra le loro produzioni: suonato alla grande e canzoni una più bella dell'altra. Mark Morton sempre sugli scudi, Randy Blythe si (ri)conferma su ottimi livelli e Chris Adler una macchina, ma tutta la band fa il suo dovere in modo egregio. Bellissimo, voto 85
Ezio
Giovedì 21 Febbraio 2019, 14.19.38
49
un bel album c'e poco da dire, anche se la prima parte è nettamente superiore alla seconda, per me uno dei migliori dischi che hanno fatto, anche se devo dire il vero li ho sempre trovati suppravalutati,bravi si, ma non dei fenomeni come tanta gente vuole far credere, il batterista mi piace ottimo tocco e mai banale, voto 77
Earthformer
Giovedì 12 Luglio 2018, 14.06.19
48
Rivalutato dopo un anno, un disco ottimo.
TheSkullBeneathTheSkin
Venerdì 6 Aprile 2018, 17.04.48
47
@doomale @macca : contento che anche voi lo consideriate da "podio" nella discografia dei LOG, sicuramente insieme ad Ashes Of The Wake. Poi se non piace la band od il genere allora inutile andare oltre, tuttavia la caratura da "capofila" è innegabile, non è proprio possibile disconoscerla. A mio modesto avviso l'eredità spirituale dei Pantera trova un degno erede solo nei LOG, che pur con un sound un po' diverso e personale (appunto caratura...) sono gli unici ad oggi che sembrano degni anche solo del paragone. 512 è uno dei pezzi metal più belli ed espressivi che ho sentito negli ultimi anni: The time is slipping by no peace in sight But the teeth of time still hold their bite My hands are painted red, My future's painted black...
TheSkullBeneathTheSkin
Venerdì 6 Aprile 2018, 17.04.48
46
@doomale @macca : contento che anche voi lo consideriate da "podio" nella discografia dei LOG, sicuramente insieme ad Ashes Of The Wake. Poi se non piace la band od il genere allora inutile andare oltre, tuttavia la caratura da "capofila" è innegabile, non è proprio possibile disconoscerla. A mio modesto avviso l'eredità spirituale dei Pantera trova un degno erede solo nei LOG, che pur con un sound un po' diverso e personale (appunto caratura...) sono gli unici ad oggi che sembrano degni anche solo del paragone. 512 è uno dei pezzi metal più belli ed espressivi che ho sentito negli ultimi anni: The time is slipping by no peace in sight But the teeth of time still hold their bite My hands are painted red, My future's painted black...
Doomale
Mercoledì 21 Marzo 2018, 17.22.51
45
Gran bell'album..Lo avevo colpevolmente "ignorato" all'uscita. E invece i LOG tornano a fare la voce grossa con questo ( a dire il vero il precedente Resolution anche mi era piaciuto ma niente a che vedere con questo). Le prime due ti asfaltano subito, ma anche il resto non è da meno. E quindi dopo As the Palace burns e Ashes of the wake questo va dritto in terza posizione del podio. 8 pieno
Macca
Mercoledì 1 Novembre 2017, 17.11.34
44
Fino a Footprints una bordata dietro l'altra, Overlord apprezzabile tentativo di aggiungere qualcosa di nuovo, poi forse un leggero calo in un paio di brani ma la qualità è in generale elevatissima. Insieme a Sacrament e Resolution l'album che ciclicamente prende posto nel lettore, longevità pazzesca per un genere che non ha forse molto di nuovo da dire ma li vede come interpreti unici e con un trademark inimitabile. PS. Metalcore? Siete seri? XD
Giaxomo
Venerdì 13 Ottobre 2017, 20.35.12
43
@acasualdjentleman: AMEN. Mai sopportati i LoG, tranne un paio di canzoni.
Acasualdjentleman
Venerdì 13 Ottobre 2017, 17.48.01
42
Niente di che, una miscelazione di groove\death\metalcore Che ormai ha rotto i sudetti, di una noiosezza spaventosa. Della serie che gli ac\dc in confronto sembrabo un gruppo sperimentale, gli assoli vuoti, riff groove\trash gia sentiti e risentiti. Come si fa a dare quasi 90 a sta roba ? Ci sono gruppi metalcore\groove con fantasia molto più grande di sta roba qua .
TheSkullBeneathTheSkin
Sabato 27 Maggio 2017, 13.33.40
41
Disco spietato... il groove sinistro e lancinante di 512 é come una porta che se attraversata ti chiude dentro... tutti i brani comprese le bonus ti macinano letteralmente fino a farti a pezzi. Bellissimo, sul podio della discografia dei Lamb Of God. Voto 90
AL
Venerdì 24 Febbraio 2017, 11.28.40
40
album bello e variegato. niente a che fare col precedente che ho archiviato velocemente perchè troppo piatto. Qui ci sono veramente delle belle canzoni soprattutto nella prima metà del disco, non mancano le mazzate in pure stile LOG e mi è piaciuto il fatto che abbiano introdotto qualche novità senza stravolgere il loro stile. Ho la versione con due bonus e Nightmare seeker secondo me meritava di stare nella versione standard. Sono un loro fan ma devo convenire che qui i LOG sono molto apprezzati dai recensori. per me questo disco vale 77.
Ezio
Martedì 23 Agosto 2016, 11.41.16
39
ANCHE A ME PIACIONO I LAMB OF GOD, MA SU QUESTO SITO MI SEMBRANO UN PO' TROPPO GONFIATI I VOTI A LORO FAVORE, SONO UNA BUONA BAND NIENTE DI PIU', L'UNICO ALBUM CHE PER ME RAGGIUNGE GLI 80 E' ASHES OF THE WAKE, TUTTI GLI ALTRI SONO DA 70 O POCO PIU'.
Mirco Morgese
Sabato 16 Aprile 2016, 17.37.08
38
Ok, ascoltando meglio i primi album mi sono accorto che la componente metalcore c'è, ma è utilizzata bene, senza ritornelli omosessuali. Leggo ovunque che sono parecchio influenzato dai Pantera... bhe l'influenza c'è, ma non così tanta come viene spesso detta( almeno per me ). Piuttosto, prendetemi per scemo, ma io sento un enorme influenza da parte dei Death.
Mirco Morgese
Sabato 2 Aprile 2016, 21.07.11
37
Ancora devo capire perché a questo gruppo è stato dato del metalcore...
terror 1967
Venerdì 25 Dicembre 2015, 11.46.51
36
DISUMANO. Sicuramente uno dei migliori dischi del 2015.
markko
Venerdì 25 Dicembre 2015, 10.53.26
35
molto brevemente.....STUPENDO!!! dopo tantissime delusioni di band "pluridecorate" per ora solo loro riescono a partorire (anzi a vomitare ah,ah) bellissimi lavori come quest'ultimo. voto 90
MiltonKeef
Mercoledì 7 Ottobre 2015, 18.27.12
34
Recensione davvero magnifica, i miei sentiti complimenti. L'album è una mazzata al petto, con i soliti pezzi tritaossa e le gradite (almeno al sottoscritto) varianti stilistiche!
matt2
Lunedì 14 Settembre 2015, 16.12.21
33
li conosco solo dal 2009 quindi non sono il loro più grande esegeta di sicuro. a mio modesto parere il miglior gruppo di thrash (moderno) in circolazione . in particolare il guitar riffing ha dell'incredibile. sempre a parer mio la voce è decisamente migliore negli ultimi album rispetto ai primi. per quanto riguarda VII il voto 86 è piucchegiusto. il loro meglio forse ashes .
Yeti
Lunedì 7 Settembre 2015, 18.15.30
32
Non sono un musicista, però personalmente trovo un po' anonime "anthropoid" ed "engage the fear machine", secondo me non all'altezza del resto dell'album. Stupende "footprints" e la criticata "overlord", molto potente per quanto mi riguarda. Voto 81
Jonny Dark
Lunedì 17 Agosto 2015, 18.13.23
31
@MALLEUS perchè non ti metti a suonare e partorisci tu un capolavoro del metal contemporaneo, visto che ti fa tutto schifo?
Mirko
Lunedì 17 Agosto 2015, 16.09.24
30
Miglior disco dai tempi di Sacrament (che resta in cima alla pari con Ashes): brutale, ispiratissimo e con alcune innovazioni inaspettate ma che suonano dannatamente LOG. Pezzi migliori: Erase This e Embers.
Alex Ve
Venerdì 14 Agosto 2015, 13.14.51
29
Disco mostruoso, nella top 5 del 2015, voto 92
freedom
Domenica 9 Agosto 2015, 15.39.02
28
Concordo con chi dice che si tratta del migliore dai tempi di AOTW, dopo diversi ascolti me ne sto convincendo anch'io, infatti per me Sacrament e Wrath ad esempio sono un po' sopravvalutati. Qui a colpirmi molto è la voce di Randy potentissima, e il drumming sempre più cazzuto di Chris, un batterista veramente allucinante. Overlord secondo me stona col resto ma pazienza, apprezzabile il tentativo di fare qualcosa di diverso. Grandissima band comunque.
BrutalTimmy
Domenica 9 Agosto 2015, 15.12.58
27
@markus ma quale domanda?non dire stronzate, il tuo era il classico intervento volto a denigrare la band in questione (oltre al genere) e deridere chi invece li apprezza. Tornatene ad ascoltare Turilli vah
jek
Sabato 8 Agosto 2015, 20.03.48
26
Alcuni pezzi sono decisamente cazzuti altri un po' meno, ma tutto sommato un ottimo disco. Trovo la voce un po' troppo "prepotente". Anche per me Overload è indigeribile a metà salto sempre la traccia.
edohard
Sabato 8 Agosto 2015, 15.03.39
25
@markus considera che questo album rappresenta un evoluzione quasi easy listening e lo dimostrano le clean vocals presenti...ciò che resta sono le stesse emozioni che si possono provare con altre band e altri stili musicali...la tua mi sembra una domanda poco logica.
Markus
Sabato 8 Agosto 2015, 11.01.06
24
Mentecatto è colui che oltre a non provare a rispondere a una domanda non capita si permette pure di offendere. Io ho scritto a livello personale:non trova cosa possa esserci di piacevole nell'ascoltare un album come questo,e parlo a livello musicale. Tanta tecnica per carità,ma alla fine cosa vi resta?A me sembra tempo perso,ma probabilmente ha ragione Manuel,non è il mio genere (sono della vecchia scuola).
BrutalTimmy
Venerdì 7 Agosto 2015, 13.06.09
23
Sottoscrivo il post qui sotto: certi indidui farebbero meglio a evitare di lasciarsi andare a commenti inequivocabilmente idioti, nell'interesse di chi legge e soprattutto di loro stessi, si risparmierebbero una figura da mentecatti
Manuel
Venerdì 7 Agosto 2015, 11.48.37
22
@Markus: mi spieghi che cavolo ci fai qui a commentare (tra l'altro con domande dalla dubbia importanza...) se non apprezzi il genere/band?
Markus
Venerdì 7 Agosto 2015, 9.41.22
21
Personalmente li trovo inascoltabili,mi spiegate come fate a completare anche solo un ascolto di un album del genere?ammesso che si possa parlare di 'ascolto'...
enry
Martedì 4 Agosto 2015, 20.50.47
20
Per me il loro migliore dai tempi di Ashes of the Wake, molto meglio degli ultimi due che a me hanno discretamente annoiato. Erase this, 512, Footprints, Still echoes e Delusion Pandemic le mie preferite...Bel disco, il migliore degli ultimi 10 anni a mio avviso.
Manuel
Martedì 4 Agosto 2015, 20.21.06
19
Fantastico, veramente fantastico! Leggo diversi commenti che disprezzano "Overlord"...per il sottoscritto è il brano TOP (insieme a Erase This) di un TOP album!
RIP_Chuck
Lunedì 3 Agosto 2015, 15.42.53
18
Signori che album, il 90 ci sta tutto
evil never dies
Giovedì 30 Luglio 2015, 18.16.01
17
gran bel disco !!! convinto e convincente
BlackAlbum90
Mercoledì 29 Luglio 2015, 17.32.48
16
Release tipica dei Lamb Of God, solida, potente, scritta e suonata alle grande. Penso che qui a farla da padrone sono le vocals di Blythe, potente come sempre, ma che si dimostra anche versatile su alcuni passaggi, risultando molto convincente e trascinante.
Gemini72
Mercoledì 29 Luglio 2015, 17.04.33
15
Recensione bellissima, ed anche ammirevole perché, secondo me giustamente, evidenzia che il settimo disco dei mitici Lamb Of God è il "disco del coraggio". Questa band ha sempre avuto passione, coerenza e dedizione alla causa e, lasciando da parte il fatto che io la adori, in tutti gli album pubblicati finora, ammetto che "Overlord" mi abbia spiazzato (parecchio), ma apprezzo proprio il "coraggio" della band di esplorare nuove soluzioni stilistiche e vocali. Grandissimi Lamb Of God, vero punto di riferimento nella scena (qui concordo con "Orion" al post 12) per cui non vedo l'ora di ascoltare "VII: Sturm und Drang", sicuro che sarà una garanzia, sotto ogni aspetto. SEMPRE IN ALTO LE CORNA PER IL POTENTISSIMO AGNELLO DI DIO ED IL SUO DEVASTANTE PROFETA A NOME RANDALL "RANDY" BLYTHE
jeffwaters
Martedì 28 Luglio 2015, 10.01.18
14
Prima parte è qualcosa di veramente emozionante e pezzi come 512 o still echoes sono un'opera d'arte.Andrò controcorrente ma overlord è fantastica,il resto perde un po'...ci sono 2 bonus track ...gran ritorno e lunga vita a Randy
FABRYZ
Lunedì 27 Luglio 2015, 18.41.02
13
Meglio di desolution ma inferiore a wrath e ai primi as palace burn e ashes of the wake...la seconda parte cala un po mentre la prima è perfetta e a me piace anche la tanto criticata overlord
Or1on
Lunedì 27 Luglio 2015, 15.27.09
12
Condivido l'entusiasmo della recensione. Personalmente trovo difficile sfornare "capolavori" nel senso proprio del termine di questi tempi. I LoG fanno parte di quelle poche band che sono riuscite a creare un proprio sound, un muro sonoro che è un marchio di fabbrica. Come sempre condiscono la musica con testi ricchi di critica ed un senso compiuto...cosa che anche nel metal si va perdendo con facilità in favore del "fuck" e dell'"hail satan" facile. Dopo la piattezza della scena Metal a fine anni 90 e la morte di Dimebag pensavo che le emozioni, per me, fossero finite lì...che potevo tornare a salarmi e godermi i miei amati anni 80. Ma i LoG e poche altre band mi hanno dato nuovi stimoli, diversi e non sto qui ad inneggiare al best of...però ci sono i nuovi stimoli. La carica di adrenalina e rabbia che mi trasmette il mix di questi 5 qui è difficile da replicare. Chris Adler batterista sempre più perfetto...Randy Blithe è una pantera reincarnata nella gola di un uomo e la coppia Adler/Morton alle chitarre funziona. Per me è 85, senza mezzi termini. Il CD da 90 è vicino...ancora un paio di release del genere ed arriva, IMHO.
metalraw
Lunedì 27 Luglio 2015, 15.14.24
11
d'accordissimo con la bella recensione di Nino. Fenomenale.
MAc Pry
Venerdì 24 Luglio 2015, 16.25.06
10
VII: Sturm Und Drang è un capolavoro. La quantità non fa la qualità e questo disco lo dice apertamente. ...certo non e avrei dato in pasto metà nei giorni precedenti all'uscita ma oh, ha funzionato e quindi yeah. C'è di tutto (Collaborazioni, Canzoni diverse l'una dall'altra, scelte coraggiose come il cantato pulito e cambi di genere in uno stesso brano) e la solidità tipica dei Lamb OF God, per certi versi ricorda i primi lavori, molto variegati che però sposano la pulizia e mixing moderno delle tracce e degli arrangiamenti, se potete ascoltatelo, che siate loro fan o non. Canzone preferita per ora è "EngageThe Fear Machine" seguita da "#512" e "Wine And Piss" (traccia bunus)
ObeYM86
Venerdì 24 Luglio 2015, 15.20.52
9
Beh a differenza degli altri lettori concordo con la recensione.I Lamb Of God mi sono sempre piaciuti ma non mi hanno mai emozionato nè entusiasmato.Questo disco è diverso,è più introspettivo e lo trovo molto più compatto ed ispirato dei precedenti(che erano zeppi di inutili filler)Ho la sensazione che sarà anche più longevo degli altri,che dopo le esaltazioni iniziali mi stancavano presto(sopratutto Wrath)Non sarà il loro capolavoro ma è un album che sto apprezzando tantissimo,belle anche le due bonus tracks che sarebbero highlights in resolution.Voto 85(solo perchè non riesco a digerire Overlord,davvero ci ho provato ma niente)
ThreePieces
Venerdì 24 Luglio 2015, 14.16.20
8
@malleus(come si traduce? ) guarda che neanche io sono un amante di quell'album. secondo me nella struttura dei pezzi e nelle atmosfere era molto eterogeneo, per me questa è una constatazione non un complimento. Il brano si rifà certamente ai gruppi che hai citato, scopiazzare mi sembra un brutto verbo. Ad ognuno le proprie opinioni, è bello per questo.
David De La Hoz
Venerdì 24 Luglio 2015, 13.52.42
7
recensione che mi fa nascere una grande curiosità per questo disco, non pensavo che i LOG potessero ritornare su vette così alte. lo ascolterò al più presto
Malleus
Venerdì 24 Luglio 2015, 13.02.36
6
@trepezzi, per qualche passaggio in pulito è variegato? Resolution penso che sia la loro uscita più piatta e sconclusionata in assoluto, una mattonella che scorre malissimo, se a questo do un 70 a quello do forse forse 65, forse.. ma anche 60. Poi no davvero, c'ho provato con Overlord ma mi fa sempre più schifo, l'idea di un pezzo melodico poteva starci, ma è sviluppato malissimo.. Oltretutto scopiazza spudoratamente Alice in chains e Newsted.
freedom
Venerdì 24 Luglio 2015, 12.56.33
5
Caspita che voto! Per me album da 75 al massimo. I brani più "sperimentali" non mi hanno convinto fino in fondo, e in generale direi che siamo sicuramente su buoni livelli ma tutto lì, non riescono più a sfornare capolavori. Tutto ciò è assolutamente normale e comprensibile, succede a tutte le band, e anzi ai LOG va riconosciuto il merito di essersi comunque assestati su standard qualitativi molto buoni per chi ama il metal. Sicuramente una delle band più importanti degli ultimi 15 anni, un punto di riferimento. Volendo fare un paragone mi vengono in mente i Testament, cioè una di quelle band in bilico, o meglio in equilibrio, tra mainstream (si fa per dire) e underground, meritevoli di rispetto e ammirazione. Ad avercene come loro.
Threepieces
Venerdì 24 Luglio 2015, 12.56.11
4
@malleus resolution é un album molto variegato e per quanto mi riguarda non é un punto di forza. Overlord é destabilizzante.
Macca
Venerdì 24 Luglio 2015, 12.29.30
3
Azz è uscito!! Devo averlo!
Malleus
Venerdì 24 Luglio 2015, 12.26.38
2
Vorrei proprio capire dove l'hai trovata la varietà in Resolution, ma vabè. L'album non è male, ma è troppo altalenante, non andrei sopra il 70. Overlord in ogni caso si candida tra le peggiori canzoni dell'anno, madonna che aborto.
Sonny
Venerdì 24 Luglio 2015, 11.37.31
1
Questo è un bellissimo album. Li ho visti live il mese scorso e me li andrò a rivedere tra qualche mese. Una delle band migliori del panorama, lunga vita ai Lamb Of God.
INFORMAZIONI
2015
Nuclear Blast
Groove
Tracklist
1. Still Echoes
2. Erase This
3. 512
4. Embers
5. Footprints
6. Overlord
7. Anthropoid
8. Engage The Fear Machine
9. Delusion Pandemic
10. Torches
Line Up
Randy Blythe (Voce)
Willie Adler (Chitarra)
Mark Morton (Chitarra)
John Campbell (Basso)
Chris Adler (Batteria)

Musicisti Ospiti:
Chino Moreno (Voce su traccia 4)
Greg Puciato (Voce su traccia 10)
 
RECENSIONI
s.v.
86
75
85
88
88
85
80
ARTICOLI
25/11/2018
Live Report
SLAYER + LAMB OF GOD + ANTHRAX + OBITUARY
Mediolanum Forum, Assago (MI), 20/11/2018
06/03/2010
Live Report
LAMB OF GOD + JOB FOR A COWBOY + AUGUST BURNS RED + BETWEEN THE BURIED AND ME
Alpheus, Roma, 24/02/2010
30/06/2009
Live Report
METALLICA + LAMB OF GOD + MASTODON
Palalottomatica, Roma, 24/06/2009
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]